Vito Nicastri again !

Mafia: maxi confisca da 1,3 mld euro

E’ l’operazione piu’ cospicua in Italia, colpisce ‘area grigia’

(ANSA) – PALERMO, 3 APR – Ammontano ad oltre un miliardo e trecento milioni di euro i beni che la Dia sta confiscando in Sicilia nei confronti di un unico soggetto: Vito Nicastri, 57 anni di Alcamo. L’operazione, la piu’ cospicua mai effettuata in Italia, ”colpisce al cuore l’aria grigia di cosa nostra”. La mega confisca di beni sta riguardando la Sicilia occidentale, la Lombardia, il Lazio e la Calabria.”

Annunci

Quei bravi ragazzi

Quei bravi ragazzi (Goodfellas) è un film del 1990 diretto da Martin Scorsese.
Basato sul romanzo “Il delitto paga bene” di Nicholas Pileggi, il film è stato scritto a quattro mani dallo stesso Pileggi e da Scorsese.
Candidato a 6 Oscar nel 1991, si aggiudicò quello al Miglior attore non protagonista per l’interpretazione del mafioso Tommy DeVito da parte di Joe Pesci, alla seconda collaborazione con Scorsese, dopo Toro scatenato (1980) e prima di Casinò (1995).
Considerato tra i migliori film del regista italoamericano, è stato a più riprese definito come uno dei migliori gangster-movie di sempre.

Si va bene, ma la la notizia di oggi però è questa !

Tangenti sugli impianti eolici

Così ricattavano le imprese

Le indagini si estendono tra Palermo e Trapani. Tra gli arrestati l’imprenditore alcamese Vito Nicastro. L’inchiesta è partita dalla denuncia di Salvatore Moncada, altro imprenditore del settore al quale era stata chiesta una tangente di 70 mila euro. In manette un funzionario del Genio militare

di ROMINA MARCECA

L’indagine è partita da uno dei più accreditati imprenditori delle energie rinnovabili, Salvatore Moncada. E’ lui il personaggio chiave dell’inchiesta “Broken wings”, sull’affaire eolico a Trapani che ha portato a 5 arresti.

Un sistema di tangenti, hanno scoperto la Procura e gli investigatori del nucleo Spesa pubblica della Finanza, avrebbe strozzato gli imprenditori del settore. E adesso l’indagine getta nella bufera anche la Regione. A Moncada, è lui ad averlo denunciato, sono stati richiesti 70 mila euro per 7 progetti per la realizzazione di altrettanti parchi eolici da un funzionario del Genio militare, altrimenti non avrebbe ricevuto le prescrizioni burocratiche per i lavori.
Il funzionario di quell’ufficio – demanio e servitù militare – è Vincenzo Nuccio, finito agli arresti insieme con il figlio Francesco che è ingegnere. Il funzionario che avrebbe ricattato Moncada, sarebbe stato in rapporti di affari con Vito Nicastri, uno dei più grossi imprenditori del settore degli impianti eolici. Nicatsri avrebbe versato uan tangente da 150 mila euro a Nuccio sotto forma di una consulenza (mai realmente effettuata) assegnata al figliodi questi. Lo stesso figlio di Nuccio, poi, è stato assunto in una delle imprese di Nicastri. Nicastri era già stato oggetto di indagini nel 2010 quando gli erano stati sequestrati beni per un valore di 1,5 miliardi di euro. Anche in quel caso Nicastri, che è ritenuto in contatto con il boss latitante Matteo Messina Denaro, era accusato di avere ottenuto illecitamente contributi per la realizzazione di impianti eolici

Gli altri due indagati, che devono rispondere di tentata concussione, corruzione, emissione e utilizzo di fatture false, sono Claudio Sapienza, di Palermo, e Alberto Adamo, di Pietraperzia, nell’Ennese. Quest’ultimo è l’amministratore delegato, ma solo di facciata, della “Esp eolica service srl”, mentre il primo ne è il socio. Di fatto l’azienda, con sede ad Alcamo e operante da anni nel settore delle energie rinnovabili in Sicilia, era controllata da Nicastri e avrebbe beneficiato, grazie al pagamento di mazzette, di illecite agevolazioni nella realizzazione di imponenti parchi eolici.
La Finanza durante le indagini ha anche scoperto che Adamo, Sapienza e Nicastri hanno emesso fatture false per oltre 3 milioni tra il 2006 e il 2008.

da La Repubblica

Per la serie “amici e guardati”: Mannino lamenta le fughe di notizie sui rapporti “pericolosi” di Mimmo Turano

Ricordate questo articolo sulle relazioni pericolose del presidente della Provincia di Trapani, l’alcamese Mimmo Turano ?

Bene ora, un suo “amico”, (o ex amico ?), scoperto tardivamente l’articolo è corso in sua difesa … ma si tratta di difesa ?

Giudicate voi a partire da questo ottimo articolo di Rino Giacalone su “La Sicilia” di ieri:

L’on. Mannino lamenta le fughe di notizie sui rapporti «pericolosi» dell’on. Turano

Interrogazione double face

“Sono bastate poche righe per suscitare un certo imbarazzo.
Protagonisti sono due ex fedelissimi alleati dell’Udc siciliana, il presidente Mimmo Turano e l’ex ministro Calogero Mannino.
La sostanza della notizia è questa: c’è una interrogazione ai ministri Maroni e Alfano, Interno e Giustizia, presentata dall’on. Mannino a proposito del rapporto della Dia sulle frequentazioni «pericolose» del presidente Turano, rapporto che fa parte del procedimento che ha portato al maxi sequestro delle aziende dell’alcamese Vito Nicastri, il «re» dell’eolico, e che è finito pubblicato a settembre scorso su «L’Unità».

Bisogna fare un passo indietro, e ricordare che Mannino da uomo dell’Udc aveva una sorta di «sovrintendenza» delle vicende politiche trapanesi. Fu lui a spingere e ottenere la candidatura di Turano per il centrodestra. Le recenti vicende politiche nazionali hanno portato Mannino fuori dall’Udc, con Totò Cuffaro e Saverio Romano si sono fatti molto vicini al presidente Berlusconi, anche se Mannino, sembrava che del premier non fosse proprio innamorato.
Mimmo Turano però ha deciso di non seguire Mannino, rompendo uno storico idillio politico.

Qui entra in scena l’interrogazione parlamentare.

Qualcuno l’ha letta come un «messaggio» indiretto per Turano, e non a suo favore, un modo per Mannino per fare accendere i riflettori del Governo sul presidente Turano che non l’ha seguito fuori dall’Udc. E questo perchè la pubblicazione dell’articolo è di settembre, l’interrogazione di poche settimane addietro, più vicina in termini temporali ai divorzi dentro l’Udc che non alle cronache giornalistiche.

Letta bene l’interrogazione se la prende però solo con le fughe di notizie che hanno messo alla «berlina» Turano, addirittura l’on. Mannino arriva a sospettare che la pubblicazione del rapporto serva a «intimidire» Turano in vista di alcune scelte politiche che si appresta a fare.
Il presidente Turano ufficialmente non sembra volersene occupare, «non so di ispezioni, se ci sono ben vengano», ma chi ha fatto parlare Turano in questo modo l’ha come tratto in inganno; l’on. Mannino mica chiede «ispezioni» alla Provincia, le chiede nell’ambito giudiziario: «…l’articolo in questione afferma che il presidente Turano non è stato iscritto nel registro degli indagati, quali iniziative di carattere ispettivo i ministri competenti abbiano intenzione di intraprendere, con particolare riferimento alla fuga di notizie relative all’attività di indagine».

Insomma Mannino non guarda all’ambito politico, qualcun’altro, lo farebbe da dietro le quinte.

Sul rapporto della Dia Turano invece per tempo ha risposto: «Ho dato le mie spiegazioni in aula, ho rassegnato la mia estraneità, e la stessa opposizione si è detta soddisfatta».

Per la cronaca: il rapporto continua a far parte dei faldoni giudiziari, nessuno l’ha rimosso.”

Rino Giacalone

da La Sicilia del 30/12/2010

Alcamo il “Signore del vento” e gli affari intorno all’eolico, solo coincidenze

Di fronte alla sparata di ieri contro l’eolico di Giulio Tremonti due cose mi sono balzate subito davanti agli occhi.

Per primo un post di “Phastidio.net” noto anti-tremontiano, nel quale si confutano in maniera leggera ma precisa le argomentazioni del ministro, poi ritornato all’articolo del corriere.it, quella considerazione finale: “Quello dell’eolico è un business ideato da organizzazioni corrotte che vogliono speculare e di cui noi non abbiamo certo la quota di maggioranza».

Che è come dire, i responsabili politici della speculazione sull’eolico, cercateli nell’altro campo.

Certo il “Signore del vento“, il massimo speculatore sull’eolico a detta degli inquirenti è l’alcamese Vito Nicastri, e Alcamo la sua città d’origine è anche la città che ha espresso, seppure per un periodo piuttosto breve, un deputato nonchè vicesegretario nazionale dei Verdi al tempo di Pecoraro Scanio.

Fossimo avvezzi alle logiche che vengono invocate, ora sui giornali del premier, ora sulle pagine de “Il Fatto Quotidiano”, avremmo fatto già due più due e dato come risposta quattro, ma queste logiche non ci sono proprie e continueremo a pensare che son solo coincidenze.

Vittorio Sgarbi, sindaco di Salemi, ricorda quando la Prestigiacomo oppose il gran rifiuto

Nel rincorrersi di dichiarazioni di soddisfazione che son seguite al sequestro record di beni all’imprenditore alcamese Vito Nicastri, interviene oggi in risposta ad una dichiarazione di soddisfazione dell’onorevole Giuseppe Lumia, il sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi, da anni in prima linea nell’opera di denuncia sui danni prodotti al paesaggio siciliano dalla installazione degli impianti eolici, e nell’occasione rivela il comportamento quanto meno reticente sul problema, da parte del ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo:

Non posso che condividere la soddisfazione dell’onorevole Giuseppe Lumia, ma denuncio l’omertà che ha consentito il martirio e la distruzione del paesaggio siciliano, in particolare nel trapanese, fino a che con martellante ostinazione io denunciassi ogni giorno l’orrore e la certa presenza della mafia negli investimenti nell’energia eolica con la solida complicità dell’Unione Europea che ha lasciato agonizzare l‘agricoltura senza capire la peculiarità del paesaggio e della produzione agricola della Sicilia.
Alle mie prime denunce ero considerato un «originale» e nessun politico ha manifestato solidarietà e partecipazione.

Quando su questa materia organizzammo un convegno a Palermo con la partecipazione dell’ex Presidente della Repubblica francese Valery Giscard D’Estaing, il Presidente della Regione Lombardo si convinse dell’iniziativa e si preoccupò di offrire la sede della Regione, mentre il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo mi pregò di non essere coinvolta e non volle addirittura partecipare al convegno.

Oggi lo stesso tragico scenario di violenza e criminalità si ripropone con il fotovoltaico. E’ arrivato il momento che il problema sia affrontato non dalla magistratura ma dalle autorità governative, in particolare dal ministro Bondi pronunciandosi contro la non interrotta diffusione dell’eolico e del fotovoltaico nei luoghi più belli e nelle zone protette d’Italia.

Mi appello inoltre al Presidente della Regione, che si dimostrò sensibile, perché stabilisca definitivamente il veto all’eolico in tutta la Sicilia bloccando gli affari miliardari di multinazionali attraverso gli «sviluppatori» che anno visto la Sicilia come facile terra di conquista“.

Alcamo sequestro record di beni per Vito Nicastri

Si dice si tratti di un sequestro da record quello operato dalla Direzione investigativa antimafia di Trapani nei confronti di Vito Nicastri, 54 anni, imprenditore alcamese delle energie alternative quali l’eolico e il fotovoltaico.

Nicastri, che ha realizzato alcuni parchi eolici in Sicilia, viene indicato dagli inquirenti come vicino al boss latitante trapanese Matteo Messina Denaro, ritenuto il nuovo capo di Cosa Nostra.

La misura patrimoniale su beni per 1,5 miliardi di euro è stata disposta dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani su proposta del direttore della Dia.

Pale eoliche nella Valle del Belice

In precedenza di Vito Nicastri e di eolico ci eravamo occupati qui, e qui.

Vittorio Sgarbi aveva detto un nome

Diceva ieri Rino Giacalone in un articolo sulla recente “Operazione Eolo” su La Sicilia :

“… Per Saladino gli affari nel settore tecnologico e ambientale sono una scoperta per così dire recente, con un altro salemitano Nino Scimemi, anche lui finito in disavventure giudiziarie per truffe ai fondi pubblici, fa parte di un consorzio che ha sede a Calatafimi, ma le sue principali società sono quelle del settore delle costruzioni.

E mostra, secondo le intercettazioni che hanno carpito le discussioni, di conoscere molto a fondo il sistema imprenditoriale «marchiato» da Cosa Nostra, soprattutto le società occulte, come quella del «cemento» tra gli Agate e Cuttone, Mariano e Nino, due pezzi da 90 della mafia mazarese.

Tra i contatti rimasti non scoperti, quello con un non specificato «cavaliere», un personaggio al quale Saladino riferisce della tangentopoli per il parco eolico.

Cosa svela l’indagine giudiziaria.

Che con l’approvazione del progetto in tasca la Sud Wind di Franzinelli e Aquara, alla fine, è uscita dall’affare.

Franzinelli non ha mai realizzato il parco e ha girato il tutto ad un’altra impresa la Eolica del Vallo dell’alcamese Vito Nicastri che ha pagato, per il progetto, 700mila euro.

Un «passaggio» secondo l’inchiesta sostenuto da Martino, Saladino sembra che non l’abbia condiviso forse capendo che a quel punto l’ex «socio» del «patto» aveva alla fine intascato più di lui e altri «accordi» era pronto a sottoscrivere.

«Vituzzu» e «Minziune», a quel punto, si dividono, per reincontrasi però indagati nello stesso procedimento, e in due celle in carcere a poca distanza l’uno dall’altro.

L’«Eolica del Vallo» invece entra con Nicastri negli uffici comunali di Mazara, in un «do ut des» ufficiale in cambio del progetto per l’eolico è pronta a finanziare guarda caso il Mazara calcio (di cui Martino è presidente) e i pubblici spettacoli dell’estate, per cifre nell’ordine dei centinaia di migliaia di euro …”.

E quale era il nome che faceva Vittorio Sgarbi nel finale di questa Intervista a Antenna Sicilia ?