Elezioni Lazio: anche a Viterbo è caos per la lista Pdl

Provinciali Viterbo, caos nel Pdl: si ritirano candidati

VITERBO (27 febbraio) – Colpo di scena nel centrodestra viterbese: mentre i rappresentati del partito erano in fila per depositare le liste in tribunale, il loro candidato alla presidenza della provincia Marcello Meroi ha sottoscritto l’apparentamento con l’Udc. E lo avrebbe fatto all’insaputa dei suoi.

Subito dopo è stato il caos, tanto che alcuni candidati del Pdl hanno annunciato il ritiro delle loro candidature. Due lo hanno già formalizzato: Paolo Equitani e Piero Camilli, entrambi consiglieri provinciali uscenti. Ieri pomeriggio, a larghissima maggioranza, la direzione del Pdl aveva deciso di non accettare l’accordo raggiunto a livello regionale con l’Udc. I centristi si erano messi subito al lavoro per presentare una loro lista con candidato presidente il segretario provinciale Gianmaria Santucci.

Poco prima di mezzogiorno di oggi, però, Meroi ha ricevuto una telefonata da Roma che gli imponeva di firmare l’apparentamento con l’Udc. Una prerogativa quest’ultima che spetta solo al candidato presidente. Così ha chiamato Santucci, che era anche lui in fila in tribunale per depositare la sua lista, e gli ha firmato l’accettazione dell’apparentamento. Alcuni esponenti del Pdl, oltre ai 7 – 8 che hanno deciso di ritirarsi, sostengono che il centrodestra potrebbe essere escluso dalle elezioni, perchè ha depositato le liste senza indicare l’apparentamento con l’Udc, mentre in quella dei centristi l’apparentamento è indicato. Sono già al lavoro gli avvocati.

Il Messagero.it