Trapani: Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (22)

Udienza del 21 dicembre 2011 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, in territorio di Valderice la sera del 26 settembre 1988 ed in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

Durante l’udienza viene esaminato in videoconferenza da un sito riservato il teste: Giovanni Brusca (1957 – collaboratore di giustizia), di San Giuseppe Iato teste assistito dall’avv. Alfredo Fiormonti del foro di Latina, non essendo possibile ascoltare i testi Calcara Vincenzo, per impossibilità a presenziare all’odierna udienza, e Rosario Spatola .

Il collaboratore Giovanni Brusca risponde al pm Francesco Del Bene.

Il Pm Del Bene chiede al teste Giovanni Brusca notizie sulla sua appartenenza all’organizzazione mafiosa.

Soldato semplice dal 1975-76, nel territorio di San Giuseppe Jato che costituiva mandamento, dal 1989-90 è stato reggente del mandamento, fino al suo arresto nel 1996.

Ricostruisce quindi il rituale e le fasi della sua iniziazione, con puntura del dito, bruciatura del santino tra le mani, alla presenza di Totò Riina quale padrino di battesimo (mafioso), presenti quasi tutti i componenti della famiglia di San Giuseppe Iato, Bernardo Provenzano ed i Madonia di Resuttana.
Il padre non ha voluto partecipare, sebbene era al momento il reggente del mandamento in sostituzione di Antonino Salamone.

All’epoca della cerimonia Totò Riina era il Capo mandamento di Corleone. Rispetto e stima esisteva tra il padre Bernardo Brusca e Totò Riina, con reciproco scambio di favori tra i mandamenti, quali omicidi, e protezione dei latitanti.

Brusca proseguendo descrive il proprio ruolo di “portavoce” di Totò Riina, per tutta la Sicilia.
“Dove c’era Cosa Nostra andavo io” su volonta ed incarico di Totò Riina.

Quindi, chiede il pm Del Bene, i rapporti con le famiglie mafiose di Trapani sono state curate anche da lei ?
Risponde Brusca: “Si particolarmente”.

Brusca prosegue parlando della sua attività in Cosa Nostra che andava dall’omicidio, all’estorsione al traffico di droga alle stragi: “Ho dato la vita per questa organizzazione”

Tantissimi gli omicidi, “non ho mai fatto un conteggio”, partecipazione alla strage di Capaci, alla strage Chinnici, e alle diverse faide di Cosa Nostra.
Riina dava gli ordini, più lui che il padre Bernardo, anche per i delitti aveva un “rapporto privilegiato” con Riina.
Ha condiviso la strategia stragista e questo fino a quando non ha scoperto dalle parole di Salvatore Cangemi che Riina voleva attentare alla sua vita.

E’ stato latitante dal 1992 (maxi uno) al 1996 quando è stato arrestato.

Come capo mandamento succede a Baldassare Di Maggio per incarico di Totò Riina con l’accordo del padre.
Nel 1989 i rapporti con Riina erano ottimi.
Nella famiglia di San Giuseppe Iato ha avuto maggiori rapporti con il padre, poi con Baldassare di Maggio e tutti gli altri.

Brusca si è occupato non solo della struttura militare, ma anche della struttura politica ed amministrativa di Cosa Nostra.

Gli appalti erano il secondo suo interesse, dopo l’integrità di Cosa Nostra delegatagli da Salvatore Riina e poi anche autonomamente.

Nel sistema degli appalti una delle attività era regolare la cosidetta “messa a posto” delle imprese (pagamento del pizzo), era amico di Angelo Siino, delegato per suo conto a gestire una parte dei lavori della Sicilia e comunque quelli che gli capitavano, quando Angelo Siino non poteva intervenire interveniva lo stesso Brusca.

La cosidetta messa a posto riguardava solo chi si aggiudicava un lavoro, doveva pagare un pizzo variabile dal 2 al 3 per cento rispetto all’importo, per non subire danni.

Altra cosa era l’aggiudicazione pilotata degli appalti, se c’era il desiderio del capo mandamento, del capo mafia della zona o dell’impresa a loro vicina, l’aggiudicazione pilotata era sempre frutto di accordi con la politica in una sorta di accordo a tre.
Imprenditori, Cosa Nostra ed enti appaltanti

Chi era Angelo Siino ?
Ufficialmente Angelo Siino non era uomo d’onore, ma per le mie conoscenze, di Cosa nostra ne sapeva più di me“.

La designazione di Angelo Siino nel ruolo di ‘ministro dei lavori pubblici di Cosa Nostra’ fu promossa da Giovanni Brusca che ne fu il primo sponsor.

Brusca riferisce che ha deciso di collaborare con la giustizia nell’agosto del 1996 pochi giorni dopo l’arresto.
Inizialmente, a suo dire, la collaborazione fu esitante e difficoltosa, poiche non voleva accusare chi lo aveva aiutato nella latitanza, in seguito superò le iniziali esitazioni.

Brusca a domanda specifica del pm Del Bene risponde che nella veste di esecutore materiale di omicidi ha avuto a che fare più volte con armi che si sono inceppate.
Una volta è successo a Piana degli Albanesi, quando uccisero un certo Filippo, con Baldassare Di Maggio e Santo Di Matteo, in quel caso la pistola si inceppò,
Un’altra volta a Camporeale con Di Maggio e Maniscalco ed altri, si inceppò un fucile a pompa.
Ma ci sono state anche altre occasioni di cattivo funzionamento delle armi nonostante le avesse preparato personalmente.
Ritiene che anche ai killer professionisti di Cosa nostra potevano accadere di queste cose.

Brusca conferma di avere conosciuto mafiosi trapanesi ed avere commesso omicidi a Trapani, nel suo territorio, e in provincia per ordine di Riina,

Ha intrattenuto “rapporti con Mariano Agate sino all’ultimo uomo d’onore”, Vincenzo Sinacori, Andrea Gancitano, rapporti sin dagli anni 70 con i mafiosi trapanesi, “andavamo a Mazara, a Campobello, incontravamo i Messina Denaro, padre e figlio, più frequenza avevamo a Mazara del Vallo”, “rapporti proseguiti sino al momento del mio arresto”, ultimamente contatti con Matteo Messina Denaro rappresentante di tutta la provincia.
Mariano Agate è stato sempre capo del mandamento di Mazara, Sinacori quando Agate era in carcere, e dopo le contrapposizione con mastro Ciccio, Francesco Messina, Sinacori divenne reggente del mandamento mazarese.

Mazara del Vallo era un punto di riferimento, qui Riina trascorreva la villeggiatura nel periodo estivo negli anni tra 80′ e il 92′.
Mariano Agate di fatto era il capo mandamento e protettore della latitanza di Riina.

Mafiosi trapanesi conosciuti sono stati Totò Minore, il fratello, un altro ragazzo poi scomparso con Salvatore Minore, Vincenzo Virga, Vito Mazzara, rapporti sino alla conclusione della mia latitanza.

“Virga era capo mandamento della città di Trapani e dei dintorni, e lo era sicuramente da dopo l’omicidio di Minore”.
Vito Mazzara l’ho conosciuto nel tempo,in quanto essendo uomo d’onore, sapevo era molto amico dei mazaresi, in particolare di mastro Ciccio Messina, che lo aveva proposto per utilizzarlo per l’omicidio Borsellino, in quanto era un professionista, una sorta di tiratore scelto, una persona molto affidabile con le armi“.

Questa discussione con mastro Ciccio, avvenne nel periodo in cui Borsellino era a Marsala.
“Mastro Ciccio mi disse che voleva utilizzare Vito Mazzara con un fucile di precisione”.

Conclude il pm del Bene, prosegue l’interrogatorio il pm Gaetano Paci.

A proposito di Vito Mazzara, Brusca riferisce che Vito Mazzara, su ordine di Messina Denaro, partecipò al sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo.

Quali i delitti commessi da Vito Mazzara di sua conoscenza ?
Brusca non ha ricordi specifici, sa che è stato utilizzato per vari fatti, con lui comunque non ha mai realizzato omicidi.

Lei ricorda di avere mai parlato con Riina dell’omicidio Rostagno ?
“Si ci fu, non mi ricordo con precisione, non mi ricordo lo spunto, se era una notizia giornalistica, televisiva, non mi ricordo da dove fu l’origine di questo nostro argomento, ad un certo punto si parlava di questo, dell’omicidio Rostagno ed io gli chiesi, per i rapporti che si erano instaurati nel tempo, … se lui ne sapeva parlare, lui mi ha detto si, in sintesi, si sono tolti questa rogna, questa rottura di scatole, una cosa del genere. Comunque Rostagno era un problema per quel territorio e i mazaresi o i trapanesi sapevano ciò che stavano facendo e finalmente avevano chiuso questo conto e avevano tolto di mezzo questa persona.”.

Brusca ricorda che tale colloquio avvenne a Palermo.

Il pm Gaetano Paci legge il verbale di interrogatorio risalente al 1997 e al 1999 reso da Brusca sul delitto Rostagno.

Il pm ricorda la frase di Riina detta a Brusca, “si levarono sta camurria”, come trascritta nel verbale.
Il pm sottolinea l’uso del plurale da parte di Riina e ne chiede il perchè.
Il plurale, dice Brusca in estrema sintesi, era perchè il delitto interessava più persone a Trapani.
Riina dà a Brusca la conferma in definitiva che è stata Cosa Nostra a volere l’uccisione di Rostagno.

Brusca ricorda che Rostagno lavorava in una tv di un certo Puccio, un imprenditore che ebbe a conoscere tramite Angerlo Siino.
Questo Puccio lo conobbe personalmente, essendo stati assieme a lui una settimane nell’89 per chiudere degli appalti. Una volta gli chiese anche di sponsorizzare un politico, forse Salvatore Cintola.

Il pm rilegge un verbale nel quale è scritto: “Gli posso dire che Puccio Bulgarella è amico di Angelo Siino“, e allora chiede se sta parlando della stessa persona indicata nel verbale del 1997 e del 1999: “Confermo” risponde Brusca, “sto parlando di Puccio Bulgarella.

Apprendendo del delitto Rostagno, parlandone con Riina, seppe anche del fucile scoppiato.
In quel momento non sapeva se era un fatto di Cosa Nostra, chiese a Riina e con la sua risposta gli confermò che era un delitto di mafia, ma senza entrare in particolari.
“Qualunque cosa facevano i trapanesi, Riina ne era a conoscenza”, ciò non vuol dire che era il mandante, ma Riina per i rapporti che aveva con i trapanesi veniva sempre informato di tutto e per tutto.
Movente? “Dava disturbo al territorio come giornalista”, Brusca non escude che Riina possa essere stato l’istigatore dell’omicidio, ma il “camurria” di Riina crede che si riferisca alla attività del Rostagno.

Il pm chiede di Francesco Milazzo. Il Brusca risponde che forse si, l’ha conosciuto, ma non ne è certo.
Il verbale del 1999 dice che Brusca ha conosciuto il Milazzo, tuttavia Brusca pur ricordando le circostanze riportate nel verbale conferma i dubbi sulla conoscenza.

Quali erano i rapporti tra Bulgarella e Siino. Brusca risponde: “Ottimi, superottimi”, una grande conoscenza, stima e fiducia, in quel momento storico.

Bulgarella era stato messo in cattiva luce per via del fatto che era amico di Giovanni Falcone poi perchè dava ospitalità nella sua tv a Rostagno presso gli uomini d’onore di Trapani, ma fu un malumore che fu sopito dentro Cosa nostra.
Bulgarella aveva interessi negli appalti pubblici, aveva altri familiari che facevano gli imprenditori, con Siino lui usufruiva di privilegi da parte di Cosa nostra, vinse così le ostilità, anzi veniva anche favorito, c’era con Bulgarella un certo Sciacca.
Certamente l’atteggiamento nei confronti di Bulgarella da parte di Cosa nostra a un certo punto è cambiato sennò non avrebbe ricevuto appoggi, e questo deve risalire all’88-89 in poi, fino a quel momento c’era ostilità.

Una volta erano con Siino e Bulgarella al ristorante Trittico di Palermo, e Bulgarella ha scaricato nell’occasione sulla moglie [la presenza di Rostagno in tv] e che lui non aveva colpa.
Per Brusca questo avviene nel 1989 inizi 90, e lui (il Puccio Burgarella) era stato già inserito in Cosa Nostra.
Certamente Bulgarella sapeva con chi aveva a che fare, chi era Siino e chi ero lui, “quello che risolveva i problemi” negli appalti in diverse occasioni.

A titolo di esempio Brusca racconta un episodio relativo ad un appalto: “C’era un appalto nel trapanese e l’imprenditore Spina, Pietro Spina di San Giuseppe Jato, e aveva espresso interesse per questo appalto, io l’ho addomesticato, ero l’unico che ci riusciva a parlare per la messa a posto, sia per farlo ritirare, lo usavamo per fare le offerte di appoggio, dopo una serie di danneggiamenti ha capito e si è avvicinato a me, mettendosi a disposizione a questo tipo di sistema. Era una lavoro idraulico, lavori per un fiume, per partecipare ci volevano categorie speciali, e Spina le aveva, i lavori interessavano anche a Bulgarella, ma Spina non voleva ritirarsi, mi vennero a parlare Siino e Bulgarella, ci ho messo tempo a persuadere e convincere Spina e alla fine ho risolto il problema a favore di Bulgarella.”. Alla fine il lavoro è stato aggiudicato a Puccio Burgarella.

Burgarella quindi sapeva che lei era un mafioso ?
“Era chiaro che io ero un mafioso e Bulgarella lo sapeva”, “non c’era bisogno di specificarlo chiaro, sapeva benissimo chi ero e chi non ero”.

Con mastro Ciccio, Vincenzo Sinacori e forse anche con Matteo Messina Denaro ebbero a parlare di spartizione di lavori nel trapanese, anche di Puccio Burgarella.

Nel 91 con Bulgarella passarono una settimana assieme a Roma, altre volte sono stati a casa di Siino a Palermo, si sono visti a Trapani città, e un’altra volta mentre andava con Siino a Mazara, Bulgarella li sorpassò in autostrada e allora venne pure fermato dalla Polizia Strdalae.
Superato il posto di blocco si fermarono più avanti per salutarlo. Bulgarella era in compagnia di un’altra persona, forse una donna che con Burgarella aveva un rapporto confidenziale, era anche a Roma e crede fosse la sua segretaria dalle origini francesi.
Non esclude fosse presente anche quando mangiarono al Trittico di Palermo.

La segretaria era l’amante ?
“Ho avuto questa impressione ma non ne sono sicuro”, Siino gli disse che non aveva buoni rapporti con la moglie, l’episodio in autostrada risale al 1990-1991 e fu dopo, se non ricorda male, quell’incontro a Roma.

Erano a Roma per gli appalti della Sirap, Brusca era partito con Siino. Quella presenza a Roma era programmata, alloggiavano in un albergo di via Veneto

Angelo Siino gli parlò del rapporto tra Puccio Bulgarella e la moglie di questi, gli disse che i rapporti non erano buoni e che il comportamento della signora Bulgarella era del tutto contrario a Cosa Nostra.
La signora Bulgarella non aveva un atteggiamento accomodante nei confronti di Cosa Nostra e Siino sospettava che vi fosse un rapporto tra i due, tra Rostagno e la signora Bulgarella.
I rapporti tra Puccio e la moglie gli raccontava Siino erano conflittuali, rapporti di complicità c’erano tra la signora Bulgarella e Rostagno.
Questa discussione fu fatta a Roma mentre aspettavano che arrivassero Bulgarella e sua moglie”.

Il soggiorno a Roma rispetto al delitto Rostagno crede che sia stato a distanza di anni, Brusca ritiene di avere salvato la vita a Puccio Bulgarella perchè i malumori nei suoi confronti erano forti da parte dei mafiosi trapanesi, lui non era ben visto.

Riprende il pm Del Bene.

Del Bene chiede se Brusca conosce la comunità Saman.
Ne ha sentito parlare in relazione a questo omicidio e durante la latitanza quando era ospitato a Valderice da Mario Pollina o Pollari.
Passavo dalla strada vicino a Saman quando nel periodo di latitanza ero da quelle parti, per 10 – 15 giorni all’inizio del 1996

E’ il turno dell’Avvocato Vito Galluffo, difensore di Vito Mazzara.

Riina sapeva del delitto ?
“Non c’era cosa che si muovesse se lui non lo sapesse, Cosa Nostra per me c’entra, è una deduzione per quello che mi dice Riina che mi dice si sono tolti questa camurria”.

Da questo punto in poi, si innesca un contraddittorio tra difensore, parti civili e pm sulla introduzione di un verbale di interrogatorio il quale riguarda il racconto fatto ai pm nel 96 e 97 e ripetuto nel 99 sul delitto Rostagno. La Corte con l’accordo delle parti decide di acquisire tutti i verbali di interrogatorio.
Nel prosieguo del confronto tra le parti, non c’è l’accordo a fare transitare tutti i verbali ma solo quello del 1999, la Corte restituisce il fascicolo e l’udienza prosegue. La Corte decide di leggere il verbale, al termine il pm Del Bene evidenzia che non c’è contraddizione tra le dichiarazioni odierne e quelle fatte in istruttoria. Anche il presidente della Corte Pellino conferma l’inesistenza di contraddizioni.

L’avv. Galluffo torna quindi ad interrogare Brusca su commenti fatti a proposito della competenza e/o incompetenza nell’esecuzione dell’omicidio.
“Che io sappia no”.
L’avvocato legge un brano di un verbale precedente a chiarimento Brusca afferma che conoscendo gli operatori trapanesi il fatto che fosse scoppiato il fucile gli fece sorgere dubbi ma erano deduzioni personali.

Brusca fa quindi l’elenco degli omicidi commessi nella provincia di Trapani.
A Marsala contro Zicchitella ad Alcamo contro i Greco, a Mazara contro i L’Ala.

Puccio Bulgarella, era affidabile ?
“Quello che avevo da dire su Puccio Bulgarella l’ho detto”, “sino ad un dato punto era ritenuto uno sbirro, poi dopo il mio intervento cambiano opinione” e questo dopo il 1988.
“Per quelle che sono le mie conoscenze le cose eclatanti che avvenivano in provincia di Trapani Riina le sapeva” addirittura posso pensare che per alcune ne era l’istigatore, ma non sempre le posso provare”.

Ma decisioni autonome ce ne possono essere state ?
“Le garantisco che dall’avvento di Riina tutto passava da lui, certe volte interveniva pure sulla spartizione di soldi in provincia di Trapani”.

Traffico di armi e di droga ?
“La droga si, le armi solo quelle che servivano per la commissione di omicidi.”.

E’ il turno dell’avv. Salvatore Galluffo il quale chiede se ha mai dubitato delle risposte di Riina sul delitto Rostagno anche su altri delitti, in generale. “Non ho mai dubitato, almeno fino al momento della collaborazione”.
Sul delitto Rostagno ha avuto dubbi ?
“No l’ho presa per buona”.

L’avv. Salvatore Galluffo ricorda che Brusca interrogato il 20 febbraio 1997 disse: “però non posso dire al 100 per cento che sia Cosa nostra senò altra fonte”. Quale può essere l’altra fonte? “Quando i pm si sono avvicendati nel tempo e mi chiedevano se io ero a conoscenza delle motivazioni, per cui era stato Rostagno, c’erano state altre indagini, arresti, io mi riferivo a quegli accadimenti, e per questo dicevo di non sapere nulla, rispetto a quello che era emerso da altre indagini.”. “Non lo so perchè Rostagno è stato ucciso non ho partecipato alla deliberazione”.

Capitavano scambi di favori (partecipazione ad omicidi) tra un mandamento e l’altro ?
“Si”.

A proposito dell’uso e del possesso delle armi, Brusca dice che ogni mandamento aveva il suo arsenale.
Ricorda di avere utilizzato armi anche adoperate per altri delitti da altri soggetti. Ricorda quando prestò un suo fucile alla mafia di Alcamo durante una faida e di come una sera andato a prendere quel fucile finì con l’usarlo in un conflitto a fuoco con una pattuglia della polizia.

Domande dell’avv. Vezzadini, difensore di Vincenzo Virga.

Sul dialogo tra Riina e Brusca a proposito del delitto Rostagno
Parlò con Riina del delitto Rostagno, che il fatto era appena successo, su richiesta dello stesso Brusca, incidentalmente, erano a Palermo a casa di Salvatore Biondino, a quattrocchi.
Brusca ribadisce che era portavoce di Riina e non era solo manovalanza, conferma che per suo ordine ha partecipato a guerre di mafia e per le faide spesso armi di un mandamento venivano usate in altro mandamento.

Domande dell’avv. Ingrassia, altro difensore di Virga.

L’avvocato Ingrassia chiede a proposito di Totò Minore.
Brusca ricorda che l’ultima volta l’ha visto vicino Salemi.

E Virga quando l’ha conosciuto ?
In contrada Dammusi quando si incontrava con Riina.

Quali i delitti commessi a Trapani ?
Denaro, Ala, una lunga serie ad Alcamo, dalla fine degli anni 70 fino agli anni 90.

In quali occasioni ha incontrato Virga ?
In due occasioni, quando ad Alcamo fu ucciso Paolo Milazzo in un conflitto a fuoco con la Polizia, e quando fu decisa la soppressione di quattro alcamesi nel territorio di Partinico.

Quanti omicidi ha commesso a Trapani
Saranno stati 10, 12, 13 gli omicidi commessi a Trapani, ma direttamente non ha ricevuto appoggi da Virga.

Il difensore chiede notizie sui vantaggi ricevuti da Puccio Bulgarella
Brusca risponde che Puccio Burgarella: “Ha cominciato a fare parte di questo sistema alla fine del 1988“.
Prima non c’erano contatti? A detta di Brusca no, anzi addirittura i mafiosi trapanesi manifestavano intenzioni omicide per la sua non disponibilità a fornire buste di appoggio o a non ritirarsi dalle gare di appalto.
Nel 1982 Bulgarella (non so se lui o un altro) aveva una frequentazione con il dott. Falcone.
Metaforicamente“, dice Brusca, “ho salvato la vita a Puccio Bulgarella“.
E perchè lo ha fatto, chiede il difensore.
Brusca dice che è intervenuto perchè ha interpretato che non c’era sintonia tra Bulgarella e la mafia locale: “Intervengo in favore di Bulgarella perchè Siino mi chiese di intervenire perchè non aveva interlocutori chiari,non sapeva a chi rivolgersi, Siino mi disse che lui ne rispondeva al 100 per cento e allora sono intervenuto in favore del Puccio Burgarella

Pone ora le domande il pm Del Bene

Brusca partecipò all’omicidio L’Ala avvenuto nella piazza di Tre Fontane, il L’Ala era un soggetto vicino a Cosa Nostra ma a disposizione dei Rimi di Alcamo.

Fa le domande il Presidente Pellino

Brusca dice di avere conosciuto Bulgarella dopo l’omicidio Rostagno e che il ristorante il Trittico di Palermo era un punto di riferimento per i suoi incontri.

Per Brusca i rapporti tra Riina e Agate risalivano agli anni 60. Riina a Mazara aveva delle proprietà immobiliari. Il padre Bernardo partecipava ad una società di Agate, la Stella d’Oriente” che faceva import ed export.

Agli omicidi nel trapanese il Brusca partecipava solo se glielo diceva Riina, nemmeno il padre poteva dargli questi ordini. Anche i Madonia di Resuttana e Leoluca Bagarella venivano ad uccidere a Trapani.

Totò Minore fu eliminato a Palermo partecipando ad un incontro con Giuseppe Giacomo Gambino. Dapprima dovevano ucciderlo a Salemi, ma poi fu ucciso a Palermo con la partecipazione di Raffaele Ganci. Minore fu ucciso perchè vicino ai Rimi di Alcamo e quindi vicino a Stefano Bontade avversario di Riina. Ritiene che Minore fu ucciso nell’82-83.

Brusca riferisce a proposito dei contrasti tra Mastro Ciccio Messina e Vincenzo Virga per la spartizione dei soldi.

Nel trapanese ci furono molte “messe a posto” in riferimento agli appalti.

Vito Mazzara lo conobbe per nome negli anni 80′, di persona negli anni 90′.

E’ mai successo che si verificassero degli omicidi ddi matrice mafiosa nel trapanese, senza che si conoscesse l’identita e/o il movente, i mandanti e gli esecutori da parte dei vertici dell’organizzazione ?

Brusca risponde che la guerra di mafia ad Alcamo comincia così, ma l’esempio più calzante a suo parere è quello dell’omicidio di Carmelino Colletta ad Agrigento. Il Brusca si era recato per ordine di Riina da questo Colletta qualche giorno prima per normali discussioni, poi lesse sul giornale dell’omicidio e allora andò da Riina a chiedere spiegazioni, Riina non essendone a conoscenza lo mandò a Canicattì da Di Caro per capire chi era stato.
Riina era particolarmente attento su queste cose.

E’ il momento delle parti civili.
L’avv. Carmelo Miceli in relazione ai contrasti tra mastro Ciccio Messina e Vincenzo Virga quanto affidamento facesse Riina su Vincenzo Virga.
Brusca risponde che l’affidamento di Riina su Vincenzo Virga era totale.

L’avv. Galluffo chiede della presenza di soggetti esterni alla mafia trapanese alla faida di Alcamo e in particolare all’attentato di contrada Kaggera.
Brusca risponde confermando la circostanza che c’erano altri soggetti e ne fa i nomi: Madonia, Sebastiano un catanese, Gioè Antonino, Di Matteo, qualcuno di Castellammare, c’era Ferro, Antonino Alcamo, ecc.
I soggetti che si opponevano ad Alcamo erano ad inizio 82-83 tutti di cosa nostra, in seguito erano i cosidetti “stiddari”.
Brusca risponde quindi a proposito dell’omicidio di Carmelo Colletta, maturato all’interno di appartenenti a Cosa Nostra ma senza autorizzazione e in seguito al quale furono tutti i protagonoisti eliminati.

L’avvocato Vezzadini chiede degli omicidi L’Ala e su quando e come seppe dell’intenzione di Riina di eliminarlo.
Brusca risponde che seppe delle intenzioni di Riina in seguito alle dichiarazioni di Cangemi, intorno al 1995-96

Il Presidente Pellino chiede degli omicidi Giammona e Saporito, un uomo ed una donna, a cui il Brusca ha partecipato. Nella circostanza le due vittime erano in auto, il Brusca fece da autista e eseguito l’omicidio furono anche impegnati in un conflitto a fuoco con le forze dell’ordine.
Sull’auto vi era anche una bambina che rimase per fortuna illesa.

Una ultima domanda da parte dell’avvocato Miceli a proposito del precedente delitto in cui fu uccisa anche una donna assieme alla vittima designata.
Brusca dice che nell’occasione la donna non fu riconosciuta come tale, aveva i capelli corti.
Ma la regola quale rispetto alla presenza di una donna sulla scena del delitto ?
Brusca risponde: “Non si doveva toccare, però capita”.

La prossima udienza si terrà l’undici gennaio 2012 e verranno sentiti i pentiti Vincenzo Calcara in videocollegamento e Rosario Spatola. Per gennaio 2012 si terrà udienza inoltre il 25. La succesiva udienza è prevista per il 1° febbraio.

L’udienza si chiude qui.

La precedente udienza del 07/12/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale

Trapani: Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (21)

Udienza del 7 dicembre 2011 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, in territorio di Valderice la sera del 26 settembre 1988 ed in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

Durante l’udienza viene esaminato il teste: Vincenzo Sinacori (1955), di Mazara del Vallo testimone assistito (collaboratore di giustizia).

Il collaboratore Vincenzo Sinacori risponde al pm Ingroia.

Il Pm Ingroia chiede al teste Vincenzo Sinacori alcune notizie sulla sua figura.

Sinacori dichiara di essere pentito, e di essersi autoaccusato di tutti i reati mafiosi.
Nell’81 entrò dentro Cosa nostra, prima soldato e nel 91 è stato reggente della famiglia di Mazara.
Fu arrestato nel 1996 e divenne quasi subito collaboratore di giustizia.
Nella seconda metà degli anni 80′ Agate Mariano era il capo della cosca di Mazara, poichè era detenuto lo sostituiva Francesco Messina detto mastro Ciccio.
Capo del mandamento era lo stesso Agate Mariano.
Il mandamento era quello di Mazara, Marsala e Salemi.
La cupola provinciale era guidata da Francesco Messina Denaro.
A Trapani a comandare il mandamento furono Totò Minore, Cola Gucciardi e da ultimo dopo la metà degli anni 80 Vincenzo Virga.
Nell’88 era Virga il capo del mandamento di Trapani.

Conosceva Mauro Rostagno?
“So che era un giornalista”.
“Mentre ero a Castelvetrano con Mastro Ciccio, Messina Denaro Francesco disse in quell’occasione che aveva dato l’incarico ai trapanesi di farsi Rostagno”.
Il “farsi” significava “uccidere” ed i trapanesi significava Vincenzo Virga.

“Non ho mai saputo chi materialmente uccise Rostagno”.
“Io posso fare solo supposizioni su chi poteva essere il braccio armato di Vincenzo Virga”
“Uno di fiducia era Vito Mazzara, quello di maggiore fiducia, poi c’era Pietro Bonanno ed altre persone”.
Il pm legge quindi un verbale nel quale Sinacori a suo tempo fece anche altri nomi come Vito Mazzara, Nino Todaro, Vincenzo Mastrantonio, Salvatore Bica.
Sinacori risponde che comunque si trattava ieri come oggi di supposizioni che questi potevano essere il braccio armato.
“Se a Trapani succedevano omicidi, se non andavamo noi, erano quelli di Trapani a sparare”.

Chi è Vito Mazzara chiede il pm.
“L’ho conosciuto, mi ha aiutato tantissimo durante la latitanza, uomo d’onore e rappresentante di Valderice”
“So che è stato nella squadra nazionale di tiro al piattello o a volo”
“Penso che la sua abilità nelle armi è stata usata da Cosa Nostra”
“Se non ricordo male ha commesso l’omicidio Montalto, l’ho saputo da Virga che era stato Vito a sparare a Montalto, non so se era stato in compagnia di altri”.

“Vincenzo Mastrantonio era impiegato all’Enel e camminava con Virga”
“So che l’hanno trovato morto, ma non so il perchè”

Perchè fu ucciso Rostagno?
“Perchè era uno che tutti i giorni macinava a Rtc sempre contro Cosa nostra, sempre mafia, mafia, mafia, il motivo era questo,
E’ una sua deduzione o che altro ?
“Non c’era bisogno di commentare il delitto si sapeva che il motivo era questo, tutti ci lemanetavamo di Rostagno, tutta la provincia di Trapani si lamentava di Rostagno, era una insofferenza infinita quella nutrita, lui non parlava di mafia, sparlava di mafia, parlava male tutti i giorni della mafia”

Conosceva chi era il proprietario di RTC
Il proprietario di Rtc era Bulgarella, non lo conoscevo, ma sapevo che c’era un Bulgarella che aveva rapporti con Siino e Giovanni Brusca ma non so se era la stessa persona, l’ho sentito dire da Brusca di questo Bulgarella”.

Il pm Ingroia cede il mircrofono per le domande al pm Paci.

Chi era Mastro Ciccio
“Mastro Ciccio era il sottocapo della famiglia di Mazara, l’uomo di fiducia di Riina a Mazara ed aveva rapporti con Virga”.

Ha conosciuto Francesco Milazzo ?
Sinacori afferma di avere conosciuto il boss di Paceco Francesco Milazzo e di averlo visto a Mazara incontrarsi con Mastro Ciccio, Francesco Messina.

Tra il momento in cui sente parlare dell’ordine del delitto ed il momento della esecuzione quando tempo trascorse ?
“Non ricordo ma credo che sia passato un mese, un mese e mezzo”.

Ci furono commenti dopo il delitto?
“Non ricordo”
Viene letto un verbale di sue dichiarazioni rese durante l’istruttoria, in data 7 marzo 1997: “Poi non ho saputo nulla, c’è stato solo quel fatto del fucile che è scoppiato, ma può scoppiare per qualsiasi motivo”.
“Ricordo del particolare del fucile scoppiato, ma non ricordo se l’ho letto sul giornale o me lo disse qualcuno”.
Nel verbale c’è scritto che lui lo apprese dal giornale, ma nello stesso verbale lui dice di avere chiesto a Mastro Ciccio “se lui mi diceva chi era stato, mi disse che se lo erano fatti i trapanesi”.
Sinacori conferma le dichiarazioni.

Il pm Paci chiede ancora se in altre occasioni erano scoppiate armi.
“Non lo ricordo” risponde Sinacori che però in istruttoria ha parlato di un revolver che scoppiò, credo per il delitto di Natale L’Ala (tentato omicidio), era una partita di revolver che erano fasulli.
Il pm fa anche una contestazione a proposito di dichiarazio rese sempre da Sinacori in istruttoria a proposito di un traffico di armi passato per Trapani.
“Io ho saputo che hanno scaricato una volta marsalesi e alcamesi una partita di armi dove c’erano anche questi revolver che non funzionarono.
Sinacori conferma ancora e risponde dicendo di non sapere collocare nel tempo quando avvennero questi traffici di armi, ma “penso – dice – che siamo negli anni 80″.

Il pm Paci torna sul delitto Rostagno. Lo avete commentato?
“Nessuno si lamentò tutti si complimentarono”
Tutti chi erano chiede il pm?
“Non mi ricordo i nomi intendevo dire tutti perchè era risaputo che Rostagno per quello che diceva doveva fare questa fine”.
“Nessuno è venuto a dire come mai, e come non mai, e poi io sapevo che Messina Denaro Francesco davanti a me aveva dato incarico a mastro Ciccio”

E poi su Vito Mazzara a proposito dell’uso di armi.
“Era il numero uno” e aggiunge “per il fatto che faceva parte della nazionale di tiro al volo o tiro al piattello”.

Vito Mazzara anche per commettere gli omicidi era il numero uno?
“Penso di si, per lui è facilissimo colpire l’obiettivo e basta”.

Domande sul delitto Mastrantonio.

Escluso un legame di questo omicidio con il delitto Rostagno
Sinacori ricorda la stretta vicinanza di Mastrantonio con Virga, per lui sicuramente questo Mastrantonio sarebbe impazzito perchè rivelava ciò che non doveva rivelare, nel senso che Virga parlava con lui e lui raccontava queste cose per dire a Mariano Asaro, che non era uomo d’onore, e poi questi le riferiva a Francesco Pace, imprenditore di Paceco. Il Pace che conosceva a mastro Ciccio, riferiva a quest’ultimo, questi discorsi.
Ma: “Mastrantonio è stato dentro Cosa nostra pochissimo, da Natale Santo Stefano, non era un personaggio conosciuto”

A proposito del delitto Rostagno Sinacori rammenta di ricordare di avere appreso dal giornale che il luogo del delitto non era illuminato.
Sinacori a proposito dell’assenza della luce fece il collegamento tra la circostanza ed un possibile coinvolgimento di Mastrantonio, soprannominato Enzo Enel perchè lavorava all’Enel, fece questo collegamento ma come sua supposizione, non glielo riferì nessuno.

Termina il pm Paci, prosegue il pm Francesco Del Bene

Del Bene chiede dei rapporti tra lui e mastro Ciccio.
“Eravamo paesani, appartenevamo tutti e due alla stessa famiglia, ci vedevamo quasi tutti i giorni, era un rapporto tutto mafioso, di Cosa Nostra, le informazioni che ci passavamo come regola dovevano essere vere”.

Il pm chiede dell’incontro con mastro Ciccio dopo il delitto Rostagno.
“Mastro Ciccio mi disse che erano stati i trapanesi”. “Non so cosa intendeva mastro Ciccio per trapanesi, ma per me i trapanesi erano Vincenzo Virga che era il capo mandamento”.

Il pm chiede, l’omicidio in considerazione della qualità del soggetto, chi potesse ordinarlo.
“In quel periodo senza autorizzazione di Riina non si uccideva nessuno, poi si passava per il capo provincia o la provincia, ma sempre col consenso di Riina, capo provincia era Messina Denaro Francesco, il delitto poteva essere demandato ad altri o lo poteva eseguire lui con l’assenso della provincia, la regola di Cosa nostra era che l’omicidio doveva essere autorizzato, a Trapani competente per i delitti era Vincenzo Virga che doveva anche lui autorizzare il delitto se commesso nel suo territorio, nel 1988 Virga era capo del mandamento di Trapani”.

“Qualche trasmissione di Rostagno all’ora di pranzo l’ho vista,lui sparlava di Cosa nostra,io ricordo in generale non di attacchi a soggetti specifici”.

Vincenzo Virga, ricorda Sinacori, faceva il gielliere, aveva imprese edili ma aveva anche interessi nella gestione di rifiuti ospedalieri, le imnprese non erano intestate a lui ma ad altri.

Il pm Del Bene chiede del boss di Campobello Natale L’Ala.
Credo risponde Sinacori era uno messo fuori dalla famiglia di Campobello negli anni 50 o 60, fu ucciso perchè dava fastidio ai campobellesi, assolutamente nel 1988 non contava nulla, non ricordo quando fu ucciso.

Tornando a Rostagno Sinacori dice che in quel periodo (1988) Rostagno ogni giorno parlava male della mafia, dei processi contro i mafiosi, del processo per il delitto del sindaco di Castelvetrano, Lipari. Rostagno andava a questo processo dove era imputato Mariano Agate.
Rostagno, dice Sinacori, parlava del processo Lipari e di tutte le cose che riguardavano Cosa nostra, ma secondo lui con il processo Lipari il delitto Rostagno non c’entra niente.

Sui rapporti tra Bulgarella e Siino Angelo.
“Bulgarella che dico io era un costruttore era uno che lavorava aveva tanti lavori anche a Palermo, non so da cosa nascevano i rapporti tra Bulgarella, Siino e Brusca, ma penso che questi rapporti nascevano dagli appalti”.

Ancora Sinacori espone alla Corte le sue dichiarazioni come supposizioni, e di non avere avuto conoscenze dirette, ma alla luce di altre indagini e processi, come quelle sugli appalti pilotati, o ancora su Virga, queste supposizioni si presentano sempre come verità.

Il pm chiede se altri giornalisti davano fastidio.
“Sicuramente qualche altro c’era, na non ricordo dice Sinacori”.

Intervengono le parti civili.

L’Avvocato Carmelo Miceli chiede se ci sono state ragioni specifiche sul delitto Rostagno.
Sinacori risponde di no.
Il legale legge un verbale del 1997, nel quale Sinacori spiega che Rostagno fu ucciso a Trapani perchè a Trapani all’epoca le forze dell’ordine non avevano contezza dell’organizzazione mafiosa, l’esecuzione del delitto avvenne a Trapani proprio perchè non si conosceva l’essenza mafiosa locale. Sinacori torna a dire di non sapere dell’esistenza di motivi specifici, ma che Rostagno fu ucciso per i suoi interventi televisivi.

Sempre l’avvocato Miceli introduce altri possibili scenari come la gestione dell’appalto per il porto di Mazara ed entra nel processo il nome di Pino Lipari, noto geometra palermitano legato alle famiglie di Palermo per la gestione di appalti.
Il legale Miceli legge ancora il verbale del 1997 nel quale Sinacori parla di rifiuti tossici ospedalieri.

Mafia e massoneria. “Come regola non dovrebbero esserci rapporti”. A lui non risulta che Vincenzo Virga può avere avuto rapporti con massoni” rapporti vietati in Cosa Nostra, pena la morte.

Rispondendo ancora all’avv. Miceli, Sinacori esclude ogni rappoorto tra Cosa Nostra e la comunità Saman.

Altri avvocati di parte civile non hanno domande.

La parola all’avvocato Vito Galluffo, difensore di Vito Mazzara, la domanda è sulle regole dentro Cosa Nostra.
La risposta di Sinacori è che: “La regola era una sola, Riina Salvatore”….Nel senso che si faceva quello che Riina diceva…

L’avv. Galluffo chiede se Rostagno dava fastidio ad Agate.
“Rostagno dava fastidio anche ad Agate ma dava fastidio a tutti.

Ma Agate c’entra col delitto? “No”.

L’avv. Galluffo chiede se durante un delitto un teste vede i killer, quale è la regola ?
“A secondo di chi spara” risponde Sinacori.

L’avvocato Galluffo chiede se può accadere che i testimoni di un delitto di mafia rimangono vivi ?
La risposta è che si può succedere che rimangano vivi

Galluffo chiede se Sinacori sappia se Mastrantonio era anche un killer.
Sinacori rispone che non gli risulta.

Sempre l’avvocato Galluffo chiede se per uccidere il “povero Rostagno” a Trapani i boss potevano usare anche killer di altra zona ?
La risposta è affermativa.

L’avvocato Vezzadini, difensore di Vincenzo Virga, chiede da quanto tempo gli esponenti di Cosa Nostra si lamentavano di Rostagno.
“Non so a quanto tempo prima del delitto risalgono le lamentele, se ne parlava da sempre, non so dire nè se erano anni nè se erano mesi” risponde il Sinacori.
L’avvocato Vezzadini chiede ancora sul coinvolgimento di Riina nel delitto Rostagno.
Risponde il Sinacori: “Il coinvolgimento di Riina è una mia supposizione perchè non si faceva niente senza il consenso di Riina, non so se nel caso Francesco Messina Denaro ha chiesto a Riina, Vincenzo Virga essendo campo mandamento a Trapani, avrebbe avuto l’incarico di organizzare l’omicidio, poi chi l’ha commesso non lo so io”

L’ordine di uccidere Rostagno arrivò da Messina Denaro Francesco, ribadisce Sinacori rispondendo all’avv. Giuseppe Ingrassia difensore di Virga.

L’avvocato Ingrassia chiede se abbia conoscenze dirette sul coinvolgimento di Virga nel delitto.
Sinacori risponde di no e di non non sapere altro.

Il pm Paci finite le domande della difesa riprende la parola e chiede dei rapporti tra la commissione provinciale e Vincenzo Virga.
Sinacori risponde che nel 1996 era latitante a Trapani ed i rapporti erano buoni. Era a Trapani con l’avallo di Vincenzo Virga, ci saranno stati anche dei contrasti ma non ricorda i particolari.

Le domande della Corte.

Sinacori viene invitato a descrivere l’organizzazioine di Cosa Nostra negli anni 80.
Sinacori risponde che c’era un rappresentante provinciale ed i vari mandamenti. Castelvetrano faceva mandamento e provincia.
E sulll’incontro nel corso del quale fu comunicato il delitto ribadisce: “Una mattina con Mastro Ciccio siamo andati a Castelvetrano a parlare con Messina Denaro Francesco, tra una parola e l’altra (parlavamo di discorsi di Cosa nostra) Messina Denaro disse a mastro Ciccio che aveva dato l’incarico a Virga di farsi Rostagno”.
A proposito degli omicidi a cui ha partecipato, il Sinacori non ricorda il suo primo omicidio, ma il primo omicidio a cui ha partecipato è stato l’omicidio di Vito Lipari.
Ogni famiglia di Cosa nostra poteva contare su gruppi di fuoco e accadeva che tra mandamenti ci fossero scambi di favore. C’erano omicidi che paesani dell’uomo da uccidere non avrebbero potuto fare ed allora arrivavano altre persone.
Per l’omicidio dell’agente di custodia Giuseppe Montalto, Sinacori dice, fu Virga a dirgli che a sparare all’agente era stato Vito Mazzara.

La Corte termina le domande

Rispondendo ad una domanda dell’avv. Crescimanno, Sinacori ricorda di avere partecipato all’inizio degli anni 80 all’omicidio del sindaco di Castelvetrano Vito Lipari, con funzioni di autista e con lui c’erano Giovanni Leone e Andrea Gancitano.

La prossima udienza si terrà il 21 dicembre e verranno sentiti i pentiti Vincenzo Calcara e Rosario Spatola. Per gennaio 2012 le udienze si terranno l’11 gennaio e il 25 gennaio, succesiva 1 febbraio.

L’udienza si chiude qui.

Prossima udienza il 21 dicembre, saranno sentiti i collaboratori di giustizia, Vincenzo Calcara e Rosario Spatola.

La precedente udienza del 23/11/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale