Antimafia, Confindustria Trapani c’è

In riferimento alle recenti operazioni antimafiaAbele” e “Cemento Libero“, il presidente di Confindustria Trapani Davide Durante ha manifestato apprezzamento nei confronti della CELI di Santa Ninfa che, con la sua denuncia, ha contribuito a far luce sul sistema di condizionamento mafioso che tarpa le ali allo sviluppo del nostro territorio, impedendo alle aziende di operare in un regime di sana concorrenza e di rispetto delle regole.

Confindustria Trapani – ha detto Durante – sarà a fianco e sosterrà l’impresa CELI che ha già dichiarato la propria volontà di costituirsi parte civile. L’auspicio è che le denunce siano sempre più numerose perché denunciare è l’unico modo per riscattare l’orgoglio di essere imprenditore. Spesso vittime e carnefici si confondono perché accomunati dallo svolgimento di una medesima attività, imprese che condizionano imprese. Ma noi non vogliamo cadere in questo equivoco e generare ancor di più confusione, l’attività d’impresa è un’attività nobile, perché genera sviluppo e lavoro. Chi decide di intraprendere vuol creare valore aggiunto, investendo tempo e denaro in una determinata attività. Chi decide di condizionare, di delinquere, di sovrastare, non è degno di essere catalogato in alcuna categoria produttiva: chi è mafioso è e rimane soltanto un mafioso”.

Annunci

Belice la raccolta differenziata al 20,99%

La società Belice Ambiente SpA – ATO TP2, ha reso noti i dati aggiornati a fine luglio 2008: nell’Ambito Territoriale Ottimale Tp2 il dato relativo alla Raccolta differenziata complessivo degli undici paesi è del 20,99%.

A fornire I migliori risultati sono i quattro paesi del Belice, dove la società ha avviato il progetto della Raccolta Differenziata “porta a porta”.

Al vertice c’è Salaparuta col 66,72% di raccolta differenziata sul totale, seguita da Gibellina 64,36, Poggioreale 63,55 e Santa Ninfa 54,31.
E’ un ottimo risultato quello raggiunto, soprattutto con la collaborazione dei cittadini – dice Rosario Drago, sindaco di Salaparuta – che ha avuto anche riflessi sul decoro urbano. L’avere eliminato i cassonetti stradali ha dato un’immagine diversa del paese.  Piccoli sforzi danno grandi risultati”.

Migliora anche la raccolta differenziata a Petrosino 16,69%, dove l’isola ecologica inaugurata mesi addietro ha già fatto registrare 3.000 utenti.  “Il paese ha risposto bene – dice il sindaco di Petrosino, Biagio Valenti – i cittadini hanno così capito che il rifiuto è una risorsa, avviando pratiche virtuose di differenziata.  E’ innegabile dire che il nostro obiettivo è quello di raddoppiare questo dato nel giro di pochi mesi”.
Sono risultati soddisfacenti ottenuti grazie anche al centro di raccolta aperto, ma è necessario fare di più – è il commento del vicesindaco di Salemi, Nino Scalisi – con la società presto metteremo a punto l’avvio della raccolta differenziata “porta a porta”.