Vittorio Sgarbi e il manierismo dell’antimafia

In attesa della conferenza stampa di oggi a Palermo, in cui con l’assessore regionale ai Beni Culturali Antonello Antinoro, presenterà alla stampa l’esposizione a Salemi, dal 31 dicembre 2008 al 18 gennaio 2009, de “L’adorazione dei pastori“, celebre dipinto di Pieter Paul Rubens, il sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi con una intervista rilasciata a “IL Giornale” rinnova la polemica sui “professionisti dell’antimafia” sollevatasi a seguito della sua decisione di concedere la cittadinanza onoraria alla signora Agnese Leto Borsellino, vedova del giudice Paolo Borsellino.

I soliti professionisti dell’antimafia

Vittorio Sgarbi è come sempre un fiume in piena. Ma stavolta è anche terribilmente serio. «Questa è una intimidazione gravissima, contro una signora che spontaneamente e nobilmente ha manifestato il suo affetto di fronte a una città che rinasce». Una piccola città, Salemi, che ieri era per tutti la patria dei cugini Salvo, il feudo di Matteo Messina Denaro. E oggi è diventata il laboratorio creativo del sindaco «alieno», dove le case storiche si vendono a un euro, ma chi compra deve ristrutturarle. «Lo sa che la settimana scorsa è venuto a trovarci un inviato di Le Monde? Ha scritto un reportage bellissimo su Salemi».

E ora anche l’«endorsement» della vedova Borsellino.

Perché i fratelli del magistrato ce l’hanno con lei?

«Perché sono dei professionisti dell’antimafia, come quelli denunciati da Sciascia tanti anni fa. La Sicilia oggi sta cambiando: in giro non si sente più quella retorica, quel vittimismo che per troppo tempo ha bloccato lo sviluppo di questa terra magnifica e ricchissima. Evidentemente a qualcuno questo non fa comodo».

Forse la mafia non esiste più?

«Cito il procuratore Piero Grasso, cito l’ultimo libro di Ayala: la mafia c’è ancora, ma oggi lo Stato è più forte. Quindici anni fa la mafia in Sicilia era il potere, oggi no. Mi chiedo se i fratelli di Paolo Borsellino siano contenti o in fondo abbiano un po’ di nostalgia».
Se la mafia ha perso il potere, il merito è proprio dello Stato.

Si è pentito dei suoi attacchi ai magistrati?

«Negli ultimi anni le Procure hanno ottenuto ottimi risultati, spesso sospendendo le garanzie: giustissimo. Ma sono state condotte anche azioni contro innocenti, come Musotto e Calogero Mannino, e io sono fiero delle mie battaglie garantiste. Un magistrato che mette in carcere un innocente compie un crimine peggiore di un sequestro di persona. E questo tema in Italia è ancora molto attuale».

Come lo è la memoria di Borsellino.

«Per questo sono orgoglioso della cittadinanza onoraria a sua moglie. Da assessore a Milano, una delle mie ultime decisioni era stata quella di costruire due obelischi in memoria di Falcone e Borsellino. Spero che Rita Borsellino ora non ordini di bloccare tutto».

*** – Il manierismo del titolo fa riferimento, per essere in tema con la figura di Vittorio Sgarbi critico d’arte, alla corrente artistica detta “manierista”, una corrente, soprattutto pittorica, del XVI secolo che si ispira alla maniera, cioè lo stile, dei grandi artisti che operarono a Roma negli anni precedenti.
Il gusto manierista, sempre più raffinato, autoreferenziale e decorativo, si consumerà alla fine in imprese di estremo virtuosismo per una fruizione sempre più privata ed estremamente elitaria.

Annunci

Salemi – questa cittadinanza non s’ha da dare

Cittadinanza onoraria di Salemi alla vedova Borsellino

Agnese Piraino Leto, vedova del giudice Paolo Borsellino, ricevera’ la cittadinanza onoraria di Salemi. Lo ha annunciato Vittorio Sgarbi, sindaco del piccolo centro in provincia di Trapani, dove la signora Borsellino e’ stata in visita.

La cerimonia e’ prevista nel marzo del 2009 durante la tradizionale festa religiosa delle “Cene di San Giuseppe”.
“Come siciliana -ha detto Agnese Borsellino- sono felicissima della scelta di Sgarbi di fare il sindaco in una cittadina siciliana. Vedo nel suo lavoro un’azione missionaria.
Sono convinta che, grazie anche lui, comincera’ una nuova stagione”. Per Sgarbi, che ha accompagnato l’ospite per le vie del centro storico e nelle visite al Museo civico, ad alcune Chiese e al presepe vivente, “nell’ordine degli arrivi significativi di questi mesi, e cioe’ personalita’ del mondo della cultura, dell’arte e delle Istituzioni, quello di Agnese Borsellino segnala un punto di attenzione rispetto al termine importante della legalita’, e cioe’ collegare la vita e l’esperienza di Paolo Borsellino ad un dato di fatto, e cioe’ che alla fine le cose mutano, cambiano. Sciascia diceva che la Sicilia e’ irredimibile.
E’ un timore – ha aggiunto Sgarbi – che ho avuto anch’io ma spero che questo non sia sempre cosi’. Dal ’92 ad oggi molte cose sono cambiate. E anche molte azioni giudiziarie, talvolta perentorie e anche violente, hanno pero’ fortemente segnato il corpo mafioso e credo lo abbiano limitato fortemente”.

da Il Tempo.it

Cittadinanza alla vedova di Borsellino – Lite tra Sgarbi e i fratelli del giudice

Rita e Salvatore Borsellino invitano la cognata a dire no al sindaco di Salemi. – «Sgarbi condannato per aver definito “assassini” dei magistrati». La replica del primo cittadino: «Li querelo»

PALERMO – È polemica tra Rita e Salvatore Borsellino e Vittorio Sgarbi. I fratelli del magistrato ucciso dalla mafia il 19 luglio del 1992 prendono le distanze dalla cognata Agnese Piraino Leto, vedova del giudice, invitandola a non accettare la cittadinanza onoraria offertale dal sindaco di Salemi. La cerimonia di consegna della cittadinanza è prevista nel marzo del 2009. «Come siciliana – ha detto qualche giorno fa Agnese Borsellino – sono felicissima della scelta di Sgarbi di fare il sindaco in una cittadina siciliana. Vedo nel suo lavoro un’azione missionaria». «Apprendiamo dalla stampa con stupore e disappunto – hanno invece scritto Rita e Salvatore Borsellino in una nota – che nostra cognata avrebbe accettato l’offerta della cittadinanza onoraria della città di Salemi da parte del sindaco Vittorio Sgarbi, personaggio dai comportamenti non certamente limpidi né eticamente corretti, condannato anche per aver definito “assassini” dei magistrati, e a cui quindi non si addice certamente il termine di “missionario”. Chiediamo per questo a nostra cognata, proprio per il cognome che porta, di declinare l’offerta ricevuta».

QUERELA – Parole che non sono piaciute a Vittorio Sgarbi, il quale, dicendosi «indignatissimo», ha annunciato che querelerà Rita e Salvatore Borsellino «per le gravissime frasi diffamatorie». La loro reazione, ha spiegato il sindaco di Salemi, «dimostra che Sciascia aveva ragione: sono dei professionisti dell’antimafia che, per esistere, fanno vivere la mafia anche dove non c’è». Sgarbi, in particolare, smentisce di aver definito “assassini” i magistrati: «L’ho solo detto a Fabio De Pasquale, che ha lasciato morire in carcere Gabriele Cagliari».

Per quanto riguarda la cittadinanza ad Agnese Borsellino, il sindaco Sgarbi ribadisce che «la vedova del magistrato è venuta a Salemi per sua espressa volontà» e che «ha avuto parole di apprezzamento sincere nei miei confronti, addirittura cogliendo in me una somiglianza con Paolo Borsellino; credo – ha aggiunto Sgarbi – che più di chiunque altro abbia conosciuto bene il marito». Il sindaco del paese in provincia di Trapani puntualizza inoltre che «tutto quanto affermato dalla signora Agnese e diffuso dall’ufficio stampa è registrato. Rita e Salvatore Borsellino, offendono non solo me, ma anche la cognata, perché la ritengono incapace di intendere e di volere. Si vergognino».

LA GIUNTA SI COSTITUISCE PARTE CIVILE – Sostegno al sindaco è arrivato dalla giunta comunale di Salemi, che ha deciso di costituirsi parte civile nell’eventuale processo nei confronti di Rita e Salvatore Borsellino. Intanto, l’Associazione nazionale familiari vittime di mafia, presieduta da Sonia Alfano, ha invitato «Agnese Borsellino a non prendere decisioni avventate e a riflettere sulla proposta di Sgarbi».

da Corriere.it