Questo è il post in cui Diarioelettorale si cosparge il capo di cenere

Scrive Sebastiano:

Leggere l’articolo sulle previsioni del voto pubblicato qualche giorno fa, fa un pò sorridere oggi. Ritengo che le previsioni siano state fatte sull’ipotesi che i castellammaresi volessero mantenere lo status quo votando sempre i soliti noti. E invece il paese ha stupito tutti, in quanto la voglia di cambiamento è stata più forte dell’attaccamento ai politici di professione. Bisognerebbe sottolineare che uno sparuto gruppo di ragazzini hanno convinto tantissime persone, alla luce del sole, senza ricorrere a sotterfugi di sorta. Inoltre Maria Tesè, con la sua competenza e chiarezza di esposizione, ha riscosso ancora più successo delle proprie liste. Tutto il contrario della sua previsione. Come mai secondo lei il risultato è stato così diverso dalle sue aspettative? Cordialità

Il post cui fa riferimento Sebastiano è ovviamente questo nel quale a venti giorni dal voto si sostenevano alcune cose e in prossimità del voto si sono aggiunti altri elementi, frutto di ulteriori (in parte errate) intuizioni.

In quel post si diceva prima che poteva vincere, ed in seguito che avrebbe vinto Nicola Coppola. E fin qui a parte l’esatto valore percentuale della affermazione di Nicola Coppola mi pare che ci siamo.
Li si diceva che a piazzarsi secondo sarebbe stato Piero Russo, prima dandolo a poca distanza dal vincitore ed infine a circa sei punti dal vincitore. In questo caso si è azzeccato il trend che lo vedeva sempre più in difficoltà ma non l’entità della sconfitta.
Sempre in quel post si diceva che Maria Tesè sarebbe stata terza e invece ad urne aperte Maria Tesè si è piazzata al secondo posto. Si diceva che avrebbe avuto meno voti delle liste ed invece Maria Tesè ha avuto più voti delle sue liste.
In questo caso l’ipotesi di un quasi totale rientro del consistente voto “mobile”, manifestatosi alle recenti politiche, di fronte alla pressione esercitata sull’elettorato dai numerosissimi candidati per il consiglio, si è rivelata fallace. Il post ha certamente poi sottovalutato i risultati dell’ottima campagna di comunicazione messa su dallo staff di Maria Tesè

Li si diceva che il fenomeno Grillo era in estinzione e mi pare che le urne hanno confermato la previsione in misura anche maggiore di quanto preventivato.

cenere

Annunci