Le mani di Matteo Messina Denaro sul porto di Trapani, il ruolo di Antonio D’Alì

“IL RUOLO DI ANTONIO D’ALÌ, EX PRESIDENTE DELLA PROVINCIA
Trapani e i maxi appalti per la Coppa America
Sequestrata una parte del porto: sarebbe stato costruito da imprenditori legati al boss Matteo Messina Denaro

Una parte del porto di Trapani sarebbe stato costruito da imprenditori legati al boss latitante di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. Per questo il questore ha ottenuto dal tribunale il sequestro di una parte dello scalo marittimo oltre a diverse società che – attraverso prestanome – sarebbero riconducibili al mafioso più ricercato d’Italia. E perché l’appalto da 46 milioni di euro assegnato in vista della regata del 2005 della “America’s cup” sarebbe stato pilotato proprio dalle cosche. Si tratta di un provvedimento giudiziario clamoroso, che non ha precedenti. Al centro delle indagini condotte da Giuseppe Linares ci sono Francesco e Vincenzo Morici, titolari di numerose aziende e risultati in legami strettissimi con Messina Denaro. E nelle carte processuali è ben delineato anche il ruolo di Antonio D’Alì, ex presidente della provincia di Trapani ed ex sottosegretario nel governo Berlusconi, attualmente sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa.
Fiorenza Sarzanini

da Corriere.it

“Mafia, scoperte altre società di Messina Denaro
Scatta un sequestro di beni da 30 milioni di euro
Polizia e Guardia di finanza hanno individuato un reticolo di imprese che sarebbero riconducibili all’ultimo grande latitante di mafia. Gli interessi del padrino trapanese nei lavori all’interno dei porti
di SALVO PALAZZOLO

Dal 1993 sembra imprendibile, ma continua a fare affari in Italia e all’estero. Il superlatitante trapanese Matteo Messina Denaro ha escogitato un nuovo lucroso business, quello dei lavori all’interno dei porti. Ne sono convinti gli investigatori della Divisione Anticrimine della questura di Trapani e i finanzieri del nucleo di polizia tributaria: questa mattina, hanno fatto scattare un sequestro da trenta milioni di euro, che riguarda l’impero di due insospettabili imprenditori edili siciliani, Francesco e Vincenzo Morici, padre e figlio, ufficialmente i titolari di cinque società che gestiscono appalti importanti. L’ultimo, all’interno del porto di Trapani, riguarda una ristrutturazione da 40 milioni di euro, aggiudicata a un’associazione temporanea di imprese di cui fa parte anche la “Società italiana dragaggi spa”, un vero colosso nel settore.

Il provvedimento “di sequestro anticipato ai fini di confisca” firmato dalla sezione Misure di prevenzione di Trapani sostiene adesso che i Morici farebbero parte del “cartello” di imprese legate al latitante Matteo Messina Denaro. Le indagini dicono che i Morici furono utilizzati prima dal vecchio capomafia di Trapani, Vincenzo Virga, poi dopo il suo arresto, dal reggente che lo sostituì, Francesco Pace. Con la benedizione di Messina Denaro, che era interessato al condizionamento degli appalti più importanti della provincia.

Le indagini – coordinate da Giuseppe Linares, il dirigente di polizia che per anni ha dato la caccia al superlatitante –
hanno ricostruito il reticolo societario che faceva capo ai Morici: è costituito soprattutto da imprese costituite a Roma. Il sequestro è stato disposto per la “Morici Francesco e c. sas”, la “Morici immobiliare”, la “Coling spa”, l’impresa individuale Morici Vincenzo e l’impresa individuale Morici Francesco. Il provvedimento riguarda anche nove partecipazioni societarie, 142 beni immobili e 36 rapporti bancari.
(09 aprile 2013)

da La Repubblica

09/04/2013 –
Stretta su Matteo Messina Denaro,
sequestro da 30 milioni a due imprenditori

Nel mirino Francesco e Vincenzo Morici, ritenuti legati al boss latitante di Castelvetrano. Oltre a 6 società nel provvedimento anche 142 immobili, 37 beni mobili registrati, 36 conti correnti e rapporti bancari e 9 partecipazioni societarie. Blitz in Sicilia, Roma, Milano, Gorizia e Pordenone. Il procedimento legato al processo a carico del senatore del Pdl Antonio D’Alì

TRAPANI. Sei società degli imprenditori trapanesi Francesco e Vincenzo Morici (padre e figlio), ritenuti legati al boss latitante Matteo Messina Denaro, sono state sottoposte a sequestro anticipato su disposizione della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani e su proposta del questore Carmine Esposito, a conclusione di accertamenti compiuti dalla Divisione anticrimine della Questura e dal Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza.
Il valore dei beni sequestrati ammonta complessivamente ad oltre trenta milioni di euro. Oltre alle 6 società figurano anche 142 immobili, 37 beni mobili registrati, 36 conti correnti e rapporti bancari e 9 partecipazioni societarie. I provvedimenti sono stati eseguiti a Trapani, Roma, Milano, Gorizia e Pordenone.
La proposta del questore (accolta dal Tribunale) si basa sulle carte processuali del procedimento per concorso esterno in associazione mafiosa a carico del senatore del Pdl Antonio D’Alì, in corso di svolgimento dinanzi al gup di Palermo.
In occasione della “Louis Vuitton Cup – Act 8 -9″, il gruppo imprenditoriale dei Morici si sarebbe accordato con Cosa Nostra per aggiudicarsi la gara relativa ai lavori di strutturazione del porto di Trapani (importo a base d’asta: 46 milioni di euro). Dalle intercettazioni e dalle dichiarazioni rese dai vari indagati, sarebbe emersa l’esistenza di intese con il boss mafioso Francesco Pace (capomafia di Trapani), il senatore D’Alì ed imprese partecipanti, per favorire i Morici nell’aggiudicazione e per utilizzare materiali non conformi, tali da alterare la stabilità dell’opera nel tempo.”

da GDS.IT

Balestrate e il porto, da quella inaugurazione di dieci anni fa agli arresti di oggi

Ma cosa inauguravano nel 2002 se nel 2012 il porto è ancora deserto, non collaudato ed al centro di un’inchiesta per l’uso di cemento depotenziato, con relativi arresti ?

2002

]

2012

Castellammare, affidiamoci a Magritte

Proviamoci con Magritte

Proviamoci con Magritte

In fondo, anche in questo caso è stato il “noir” ad ispirare l’opera.
Fu infatti un celebre racconto “noir” di Anne Radcliffe, scrittrice attratta dal soprannaturale, amante di rovine e fantasmi, ad ispirare il titolo del dipinto.
E non sono forse le rovine esse stesse della medesima natura dell’incompiuto, di quell’eterno incompiuto che è il porto di Castellammare ?
Ed ancora non è forse anche qui il pensiero corrente rappresentato dal castello, fondato (la roccia) sulll’infondabile (il cielo) quale metafora delle scelte compiute, in nome della cultura corrente, in questo mare dalla grande onda in movimento, cangiante, fluida, e metafora di un continuo divenire non risolto ?
E poi tutto l’insieme, bloccato in una sorta di istantanea di una realtà tanto immobile quanto irreale, ditemi, se non è il ritratto di Castellammare e dei suoi abitanti.
Si. Si può fare !

Le chateau des Pyrénées (Il castello dei Pirenei)
René Magritte – Olio su tela del 1961 (200,3 x 145 cm) -Israel Museum di Gerusalemme

Committente dell’opera fu il celebre avvocato internazionale newyorchese Harry Torczyner, colto amatore d’arte, che fu per dieci anni un amico sincero e costante per l’artista, al quale richiese, appunto, nell’ottobre 1957 un suo dipinto per nascondere nel proprio ufficio un angolo. Scartata l’idea del ritratto della moglie, Torczyner scelse uno dei tre schizzi inviatigli dal pittore, quello con un castello di pietra su una pietra nella notte, aggiungendo che le proprie preferenze sarebbero andate al vederlo aleggiare al di sopra di un mare tempestoso, cupo come il Mare del Nord della propria gioventù, ma in un cielo chiaro come il cielo de ‘L’impero delle luci’, perché dal cupo oceano sorgesse la roccia come speranza coronata dal castello.

Porto di Castellammare: l’amministrazione è fiduciosa

Ora si che possiamo stare tranquilli !

Porto. Il sindaco Marzio Bresciani: “La Regione non ci faccia perdere i fondi. Rimaniamo fiduciosi

«Già ieri abbiamo preso contatto con i dirigenti regionali per chiedere spiegazioni in merito alla notizia, appresa dalla stampa, che l’Unione Europea ha congelato 220 milioni di euro di Fondi Por, tra i quali rientrano anche i lavori per il porto di Castellammare». Lo afferma il sindaco Marzio Bresciani, che prosegue: «A fine ottobre, alla Regione, quando c’è stato l’audit dei revisori della Commissione Europea, abbiamo avuto sentore che si presentassero ulteriori problemi. Da quel momento abbiamo seguito sempre da vicino l’evolversi della situazione. Chiediamo con forza che la Regioni attui tutte le procedure perché i fondi non vengano definitivamente bloccati e ci consenta di non perdere i fondi destinati ad un’opera di fondamentale importanza per l’economia cittadina, che ha già subìto troppe vicissitudini e lungaggini burocratiche. Rimaniamo fiduciosi anche perché, con rassicurazioni verbali, ci dicono che il porto di Castellammare sarà completato».

IL PORTAVOCE DEL SINDACO
(Annalisa Ferrante)

Castellammare news dal porto delle nebbie

Ieri un incontro con gli operai ed i rappresentanti sindacali, venerdì 3 giugno, un tavolo tecnico convocato nel pomeriggio al Comune: il sindaco Marzio Bresciani chiede un’immediata ripresa dei lavori di messa in sicurezza del porto di Castellammare.

Il Coveco, consorzio veneto che si è aggiudicato i lavori, ha comunicato al sindaco che la ripresa dei lavori sarebbe avvenuta il 23 maggio, ma il cantiere rimane fermo. Stamattina il sindaco Marzio Bresciani, con il vicesindaco ed assessore ai Lavori Pubblici, Carlo Navarra, ha incontrato al porto i 40 operai che lavoravano nel cantiere, il segretario generale della Fillea-Cigl Franco Tarantino ed il segretario provinciale Enzo Palmeri. «Già da tempo ci era stata annunciata la ripresa dei lavori da parte della consorziata società cooperativa At.la.n.te, “proseguendo le lavorazioni ad oggi eseguibili, stante il perdurare del sequestro parziale del cantiere”. Ma così non è stato. Ho continuato a monitorare e seguire la vicenda con ripetuti incontri -spiega il sindaco Marzio Bresciani- ma le notizie che arrivano dalla Regione non sono affatto rassicuranti. Sembra che ci sia la volontà, da parte della Regione, di revocare il contratto alla ditta appaltante, fatto che non farebbe altro che comprometterebbe la ripresa dei lavori. Ricordo, infatti, che i lavori sono stati appaltati all’unica ditta che ha partecipato al bando di gara. Chiediamo a gran voce, e continueremo a farlo con tutti i mezzi e modi a nostra disposizione, che i lavori riprendano immediatamente, al fine di non compromettere irrimediabilmente l’economia di Castellammare ma anche delle zone limitrofe». «Denunciamo una situazione anomala ed inaccettabile – dice il rappresentante trapanese della Fillea-Cigl, Enzo Palmeri, presente stamattina all’incontro- in provincia di Trapani sono già venuti a mancare tremila posti di lavoro nel settore delle costruzioni. E’ impensabile, come nel caso di Castellammare, dove 80 persone, compreso l’indotto, potrebbero lavorare nel cantiere per il porto, che invece si voglia tenere bloccata l’economia.

Per il cantiere c’è il finanziamento, c’è la possibilità di riprendere i lavori, ma tutto rimane fermo. Per ora, fatto già gravissimo, ci troviamo davanti a quaranta operai disoccupati, ma non vorremmo assolutamente che la revoca del contratto alla ditta appaltante da parte della Regione, cosa di cui abbiamo avuto sentore, faccia del porto di Castellammare l’ennesima incompiuta trapanese».

Depuratore di Castellammare del Golfo, facciamo il punto

Il primo dato da cui partire è che nell’anno di grazia 2011 nella civilissima Europa, nella civile Italia e nella un po’ meno civile Sicilia, tutti e tre i nuclei urbani che insistono nel teritorio del Comune di Castellammare del Golfo, risultano privi di sistemi funzionanti per la depurazione delle acque reflue.

Tale colpevole dimenticanza,inerzia, incapacità, non è certo imputabile esclusivamente alla attuale amministrazione comunale (sebbene questa amministrazione abbia girato la boa di metà mandato senza avere portato a casa niente di concreto), ma a generazioni di amministratori che per decenni si sono esercitati nella nobile arte della disamministrazione.

Una nota ora ci informa che, come già proclamato nel 2005 (quasi sei anni fa !) dall’ex sindaco Giuseppe Ancona, si pensa di realizzare il depuratore in galleria, nel blocco montuoso sottostante il Belvedere e con accesso dall’area portuale.

Si dice che vi sia un impegno della regione per un finanziamento aggiuntivo di 7 milioni di euro, da aggiungere ai precedenti 5 milioni e mezzo disponibili e fin qui non utilizzati.

Il relativo progetto preliminare, (si avete letto bene siamo ancora al preliminare), dovrà essere presentato alla Regione entro il 25 aprile, anniversario della liberazione, che quest’anno coincide con la festività di Pasquetta susseguente alla Pasqua di Resurrezione.

Questa concentrazione di eventi e circostanze significative vorrà dire qualcosa ?

Lo scopriremo solo vivendo, avrebbe detto Lucio Battisti, per ora sappiamo che gli attuali amministratori sostengono di avere tratto “ispirazione” da una analoga realizzazione sul Lago di Garda.

Depuratore in galleria

Depuratore in galleria

Correva l’anno 1996 e il Corriere della Sera titolava: “Per salvare il Garda un depuratore costruito in galleria”, nel 2010 su BresciaOggi.it possiamo leggere “In funzione il depuratore dell’alto lago – AMBIENTE. Un importante contributo per la difesa delle acque del lago. L’impianto è stato realizzato in una galleria dismessa della statale Gardesana – Provvederà alla depurazione di Limone e Tremosine. La lunga gestazione di un’opera durata dieci anni e costata quasi 7 milioni”.

Insomma la sintesi mazziniana (visto che siamo in tema di celebrazioni dell’Unità d’Italia) di “pensiero ed azione“, oggi si realizza in circa 14 anni !

Vediamo allora i dettagli dell’impianto sul Garda.

Il depuratore dell’alto lago a servizio dei Comuni di Limone e Tremosine è stato costruito in una delle gallerie dismesse della vecchia statale Gardesana.

Galleria esistenti quindi e non realizzata ex-novo.

L’impianto serve un’area che (come nel nostro caso) d’estate aumenta in modo considerevole il numero dei residenti, tuttavia l’impianto qui è dimensionato per un massimo estivo di 18.750 abitanti equivalenti e invernale di soli 2.850 a.e.

L’impianto è modulare, ha caratteristiche di particolare flessibilità, è capace cioè di adattarsi alla forte fluttuazione della popolazione ed ha sostituito il piccolo depuratore di Limone che convogliava sul fondo del lago gli scarichi, in eccesso rispetto alla sua potenzialità.

La costruzione del depuratore ha richiesto un investimento di 6.875.000 finanziati dalla Regione Lombardia, dall’Autorità d’ambito della Provincia di Brescia, da Garda Uno spa e dalla stessa ditta Saceccav depurazioni Sacede spa di Desio che, oltre a realizzare e gestire l’impianto, si occupa anche della manutenzione trentennale dell’impianto.

I lavori erano iniziati nell’ottobre del 2007 con la sistemazione degli accessi alla galleria e l’impianto è andato a regime nell’ottobre 2010.

Tre anni quindi sono stati necessari nel profondo Nord per la realizzazione vera e propria del depuratore, a cui andrebbero sommati, nel nostro caso, i tempi per la realizzazione della galleria che ha una larghezza di 11 metri ed una altezza al colmo di 8,5 metri.

Tutto questo, in termini di burocrazia, costi,  tempi,  di tipo nordico ed anche in presenza di imprevisti, infatti nel corso della costruzione si è rimediato ai guai causati da una frana della montagna che, scaricando a valle massi e terriccio, ha provocato danni all’impianto in fase di ultimazione ed alla strada di accesso con un aggravio di circa 750.000 euro.

In conclusione ritengo che se anche il pessimismo della ragione mi dice che non se ne farà nulla, tuttavia mai come in questo caso credo bisogna opporre l’ottimismo della volontà per sperare che anche la nostra cittadina un giorno abbia il suo impianto di trattamento delle acue reflue.

Porto di Castellammare del Golfo, notizie brutte … ma veramente brutte

Su La Sicilia di ieri 8 gennaio 2011 a pagina 31, Rino Giacalone fa il punto sulle indagini relative all’uso di cemento depotenziato nella realizzazione dei lavori di ampliamento e messa in sicurezza del porto di Castellammare del Golfo.
“Oggi dice – il giornalista – c’è di nuovo che il cemento depotenziato non sarebbe stato usato solo per la costruzione dei massi frangiflutti, ma anche nella realizzazione delle banchine.”:

Castellammare. L’indagine sul cemento depotenziato usato per i lavori di trasformazione dell’approdo «Il porto non è in sicurezza»

Sabato 08 Gennaio 2011

Castellammare. Si allarga l’inchiesta sul probabile uso di cemento depotenziato per il nuovo porto di Castellammare del Golfo. E si affaccia sempre più prepotentemente l’ombra della mafia su questi stessi lavori. L’indagine, condotta dalla Finanza e coordinata dalla Procura di Trapani, è datata e portò al sequestro di parte del cantiere. Oggi c’è di nuovo che il cemento depotenziato non sarebbe stato usato solo per la costruzione dei massi frangiflutti, ma anche nella realizzazione delle banchine. Questo sarebbe il risultato dei carotaggi fatti eseguire dalla magistratura, apposta per valutare se si tratta davvero di «cemento depotenziato». E le conferme in questo senso sarebbero arrivate, e non solo per i massi: sembra, che siano stati trovati cubi di cemento composti «a regola d’arte» e che sarebbero serviti all’epoca dei collaudi, per dimostrare che tutto era a posto. E invece non sarebbe proprio così.
L’ipotesi di accusa per gli indagati, titolari delle società appaltatrici, tecnici, è quello di frode nelle pubbliche forniture. L’appalto ammonta a 40 milioni di euro.

A coordinare l’indagine è il pm Anna Trinchillo, ma di porto di Castellammare del Golfo si parla anche nell’indagine antimafia «Cosa Nostra resort», oggi a dibattimento (pm Andrea Tarondo) e nella quale maggiore imputato è l’imprenditore valdericino Tommaso Coppola. Questi durante il dibattimento ha detto che prima del suo arresto, nel novembre 2005, l’imprenditore Ciccio Pace, arrestato con lui, e condannato per essere il «padrino» della mafia trapanese, gli offrì la possibilità di fare forniture per i lavori al porto di Castellammare che all’epoca non erano stati ancora nè banditi nè aggiudicati, ma la «mafia» già era capace ad interessarsene.

Mesi dopo l’appalto fu aggiudicato ad una associazione di imprese costituita dal «Consorzio Veneto Cooperativo» (Co.Ve. Co), di Marghera, dalla Cogem di Alcamo e dalla «Co.Me. Si.» di Palermo. Ancora Coppola durante il processo ebbe a dire di essere stato avvicinato da un tecnico della Comesi, che all’epoca si occupava di lavori pubblici nel centro storico di Trapani, e questi gli disse che già sapeva che lui, Coppola, avrebbe fatto le forniture per i lavori a Castellammare.
Degli stessi lavori ha parlato anche un pentito, l’ex braccio destro dei mafiosi Lo Piccolo di Palermo, Gaspare Pulizzi; ha svelato che la cosca di Alcamo per conto di Matteo Messina Denaro si mosse per far si che le forniture di cemento sarebbero dovute arrivare dall’impresa D’Arrigo di Partinico. All’epoca i mafiosi avrebbero anche parlato del condizionamento dei lavori di recupero della Chiesa dei Gesuiti di Alcamo, condotti dall’impresa Millennium di Monreale.
C’è anche il capitolo «politico». Dal carcere Coppola avrebbe cercato la «politica» per farsi confermare le forniture «promesse» dal capo mafia Ciccio Pace.
R. G.

da “La Sicilia

Per ulteriori informazioni sul porto di Castellammare del Golfo e sulle vicende relative ai lavori di costruzione, cliccate qui, qui, qui, qui, qui, qui, ed anche qui

Porto di Castellammare del Golfo, un altro passo avanti

Aggiudicato all’ATI (associazione temporanea di imprese) costituita da COMES TIGULLIO di Chiavari (Ge), CA.TI.FRA srl di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), SEICON srl di Castellammare del Golfo (TP) e CO.GE.TA. srl di Trapani, l’appalto integrato per la progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di prolungamento della diga foranea dalla prog. 490,00 m. alla prog. 800,00 m. – realizzazione del molo sottoflutto soffolto – Stralcio di completamento – del Comune di Castellammare del Golfo, a seguito di gara effettuata dall’UREGA di Trapani ed i cui lavori iniziati il 2 dicembre 2010 si sono conclusi il 21 dicembre 2010.

L’ATI aggiudicatario ha praticato un ribasso del 38,7600 %, cinque le ditte ammesse alla gara tre le escluse.

Altre informazioni su questa tranche dei lavori qui

Strane associazioni di idee

Chissà perchè ma vedendo “Love Love“, il lavoro dell’artista francese Julien Berthier, una scultura flottante, che rappresentà la metà di una imbarcazione che stà per affondare, mi è venuto in mente il porto di Castellammare del Golfo.

La scultura è in realtà una vera e propria barca funzionante con un piccolo fuoribordo montato dietro la chiglia, tuttavia è innegabile che trasmetta inquietudine ed insicurezza, proprio come la visione del nostro porto in costruzione.

Vodpod videos no longer available.

 

Porto di Castellammare update … update !

Anyway.

Sindaco e presidente del consiglio all’assessorato regionale, per sollecitare la ripresa dei lavori al porto

Un tavolo tecnico per discutere dei lavori al porto di Castellammare il cui cantiere è stato sequestrato il 26 maggio (con l’ipotesi di reato di utilizzo di cemento impoverito) e dissequestrato parzialmente il 6 luglio scorso. L’assessorato regionale alle Infrastrutture, dopo richiesta del sindaco Marzio Bresciani, si è impegnato a convocare, in tempi strettissimi, un incontro al quale parteciperanno tutti i soggetti interessati ai lavori al porto di Castellammare: dalla ditta appaltante (Coveco) alla esecutrice (Nettuno), responsabile unico del procedimento e tecnici interessati, nonché lo stesso sindaco Marzio Bresciani. «Con il presidente del consiglio abbiamo verificato – dice il sindaco Marzio Bresciani- che già due giorni dopo il dissequestro parziale del cantiere, l’assessorato regionale aveva convocato tutti gli interessati per sollecitare la ripresa dei lavori». La scorsa settimana il sindaco Marzio Bresciani ed il presidente del consiglio comunale, Giuseppe Cruciata, si sono recati a Palermo ed hanno incontrato il dirigente dell’assessorato, l’architetto Carmen Lo Cascio, e l’ingegnere Calogero Triolo (Rup). «Abbiamo verificato – continua il sindaco Marzio Bresciani – che la preoccupazione da noi espressa per la mancata ripresa dei lavori, è stata condivisa dagli stessi dirigenti regionali. Siamo fiduciosi e, grazie anche alla disponibilità dei dirigenti dell’assessorato che ci hanno dato precise delucidazioni ed informazioni in merito, crediamo che la ripresa dei lavori possa avvenire in tempi brevissimi». Ai dirigenti dell’assessorato è stato anche consegnato il documento approvato all’unanimità dal consiglio comunale, con cui i consiglieri hanno richiesto l’intervento del Prefetto ed espresso “preoccupazione per il mancato riavvio dei lavori e per la situazione economica venutasi a creare nei rapporti commerciali tra la ditta esecutrice dei lavori e le ditte fornitrici della stessa”. Il sindaco Marzio Bresciani ed il presidente del consiglio Giuseppe Cruciata, infatti, avevano incontrato le ditte fornitrici della società consortile Nettuno S.C.A.R.L., esecutrice dei lavori, che aveva comunicato di essere disposta a pagare solo una parte del debito, per il blocco di due stati di avanzamento. «Entro la fine del mese – afferma il presidente del consiglio Giuseppe Cruciata- verrà costituita dal consiglio comunale, una commissione speciale che avrà il compito di monitorare l’esecuzione dei lavori, come previsto dall’ordine del giorno approvato il 22 settembre.”

IL PORTAVOCE DEL SINDACO – Annalisa Ferrante