Porto di Castellammare del Golfo: dopo quasi sei anni i rinvii a giudizio

Il che non può che far pensare che alla fine molto probabilmente i castellammaresi non solo non avranno il porto ma nemmeno giustizia.
Apprendiamo infatti da una cronaca di Rino Giacalone (sta qui ) che i Pm Anna Trinchillo e Andrea Tarondo della Procura di Trapani, in questo inizio di 2016, hanno finalmente chiesto il rinvio a giudizio per: Mario Giardina, direttore del cantiere del porto, Leonardo Tallo, direttore dei lavori, Rosario Agnello, legale rappresentante della società consortile Nettuno (della quale faceva parte anche la coop Cea) e Domenico Parisi, rappresentante dell’ATI Coveco, Comesi e Cogem, aggiudicataria dell’appalto.
Ciò di cui dovranno rispondere gli imputati alla fine di tutto questo tempo sembra che sarà solo “frode nelle pubbliche forniture”, non si ha notizia invece di altri capi d’imputazione ne di aggravanti specifiche.
Un po’ poco per indagini che hanno avuto tempi biblici.

No, così non va Veronica !

Ma per favore il Sindaco Coppola non approfitti per cantare ancora una volta all’ex Sindaco Bresciani: “E stata tua la colpa !

Perchè la cosa veramente importante, in fondo, è non farsi cadere le braccia

e continuare ad illudersi che qualcuno un giorno andrà: “In prigione, in prigione !

Per ulterioriori informazioni sul porto di Castellammare del Golfo e sulle vicende relative alla sua costruzione un po’ di link, cliccate
qui
qui
qui
qui, qui,
qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, ed anche qui

Sospesi tra il dire ed il fare abbiamo fatto il nove di novembre 2014

Nel frattempo che “gli anni passano, i bimbi crescono, le mamme imbiancano *” noi ci godiamo lo spettacolo solenne e magnifico dell’immobilità !

banalita 013 banalita 041 banalita 042 banalita 043 banalita 051 banalita 052

 

* La citazione è tratta dalla celebre canzone “Tutte le mamme” presentata al Festival di Sanremo del 1954, qui nell’esecuzione di Giorgio Consolini.

Per ulteriori informazioni sul porto di Castellammare del Golfo invece e sulle vicende relative alla sua costruzione, cliccate
qui, qui,
qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, ed anche qui

Riprendono i lavori del porto: toccarsi please !

L’assessore regionale alle Infrastrutture, Nico Torrisi, ha annunciato oggi che non ci sono più ostacoli burocratici per la ripresa dei cantieri per entrambi i lotti di lavori dell’area portuale.

Il primo lotto sospeso per il sequestro dei lavori per l’utilizzo di cemento depotenziato sarà eseguito dalla medesima ditta che aveva eseguito le precedenti opere la CO.VE.CO. quella coinvolta nella recente indagine sul MO.SE.
Resta da realizzare ancora un trenta per cento circa del totale dei lavori preventivati per un ammontare di sette milioni di euro circa.

L’ulteriore prosieguo dei lavori, il cosiddetto secondo lotto, era stato aggiudicato in un primo tempo ad un’ATI (Associazione temporanea di Imprese) costituita da COMES TIGULLIO di Chiavari (Ge), CA.TI.FRA srl di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), SEICON srl di Castellammare del Golfo (TP) e CO.GE.TA. srl di Trapani, quest’ultima oggetto di sequestro perchè nella disponibilità di Vito Tarantolo e tramite lui (è la convinzione degli inquirenti) in quelle di Matteo Messina Denaro.

Pertanto dopo la rinuncia dell’ATI aggiudicataria i lavori sono stati aggiudicati alla ditta che seguiva in graduatoria. In questo caso i lavori sono pari a circa quindici milioni e mezzo di euro.

Alla conferenza era presente l’onorevole MImmo Turano.

toccarsi

 

“Uno di questi ha una cava a Castellammare e dice di essere già a posto”

Non è che si stia parlando di stretta attualità (ma visto che si parla anche di CO.VE.CO forse si), ma era il primo febbraio del 2008 quando Alessandra Ziniti in un articolo su “La Repubblica“, relativo agli interessi dei Lo Piccolo citava un appunto rinvenuto dagli investigatori e relativo ai lavori del porto di Castellammare: “Lavoro porticciolo di Castellammare è di 24 milioni. Le imp sono Stf – Co.Ve.Co – Co.ge.m. Uno di questi ha una cava a Castellammare e dice di essere già a posto“.
I lo piccolo Salvatore e Sandro, padre e figlio erano finiti in manette nel novembre del 2007 sorpresi dalla polizia in una villetta a Giardinello, tra Cinisi e Terrasini, nel palermitano. Salvatore Lo Piccolo, latitante dal 1983, era ritenuto all’epoca al vertice di Cosa Nostra palermitana e non solo. Con loro tra gli altri fu catturato quel Gaspare Pulizzi che di li a poco sceglierà di collaborare con gli investigatori e di cui avete potuto leggere dichiarazioni relative ai lavori del porto di Castellammare qui.

Le mani di Lo Piccolo sugli hotel
Prusst, appalti comunali, finanziamenti regionali. La holding imprenditoriale che faceva capo a Salvatore Lo Piccolo lavorava in tempo reale e con meccanismi collaudati. E al boss non era certo sfuggito il business dei tanti alberghi progettati o in via di realizzazione in città e nell’ intera provincia. Nel suo archivio, al quale da quasi due mesi lavora alacremente il pool di magistrati (Domenico Gozzo, Gaetano Paci e Annamaria Picozzi), coordinato dal procuratore aggiunto Alfredo Morvillo, se ne trova più di una traccia. A uno dei suoi uomini soprannominato “Trottola”, Lo Piccolo, ad esempio, aveva affidato il compito di seguire l’ iter di realizzazione di un albergo il cui progetto è incluso in uno degli ultimi Prusst approvati. «Il signor Alagna per albergo vicino la statua della libertà», è l’ appunto annotato in un “pizzino” nel quale c’ è un riferimento anche ad un lavoro fuori provincia, l’ acquedotto di Gela. E basta controllare i progetti di nuovi alberghi approvati in città per trovare puntuale riscontro in un hotel a quattro stelle che la società “Nuovi Orizzonti II” deve realizzare in un’ area compresa tra Piazza Vittorio Veneto e via Croce Rossa, appunto “vicino la statua della libertà”, come scritto nel “pizzino”. Con il titolare di un vecchio albergo dell’ hinterland, invece, gli uomini del boss avevano qualcosa a che dire per via di una nuova iniziativa sfuggita al loro controllo. Ecco l’ appunto: «Ma in che rapporti ci siete con il proprietario dell’ hotel Porto Raisi? Perché sta facendo un fabbricato a Malaspina e fa discorsi da sbirro». Così, i picciotti del racket definiscono chi pensa di respingere le loro richieste. Ed ecco infatti subito dopo esplicitato il “problema” da risolvere. «Un certo Marchese sta facendo un fabbricato a Malaspina e quando i ragazzi gli hanno detto che si doveva mettere a posto voleva chiamare i carabinieri». A Sandro Lo Piccolo, invece, viene posto un altro problema su un altro albergo, questa volta a San Vito Lo Capo, di pertinenza di un costruttore palermitano. «Per figlioccio Sandro», è l’ intestazione dell’ appunto poi cancellato con delle croci come se fosse già stato “evaso”: «Chiedere al costruttore Amato di Corso Calatafimi il perché non gli ha voluto più affittare l’ albergo che ci ha a San Vito Lo Capo a quella persona di Resuttano. (ok) a due appartamenti soltanto». Dagli alberghi agli appalti pubblici. I Lo Piccolo erano estremamente aggiornati su tutti i bandi emessi dalle pubbliche amministrazioni, sulle cifre degli appalti e ovviamente sulle ditte aggiudicatarie. Sul progetto di riqualificazione del parco della Favorita, ad esempio, avevano già messo gli occhi come si evince da questo appunto: «Mi. cos. srl + G.C. Costruzioni Società Generali costruzioni S.a.s devono fare nel Parco della Favorita 2,4 milioni di euro per illuminazione, acquedotto, fognatura più la sistemazione dell’ immobile della protezione civile». E sotto, un appunto su ditte e forniture: «Interessa NN. Belm. Mezz. 1 escavatore + 2 camion, attendo risposta». Nel calepino degli esattori ci sono molti altri appalti: «Lavoro porticciolo di Castellammare è di 24 milioni. Le imp sono Stf – Co.Ve.Co – Co.ge.m. Uno di questi ha una cava a Castellammare e dice di essere già a posto».
ALESSANDRA ZINITI”

COVECO questa sigla non mi è nuova !

da Il Gazzettino.it

Inchiesta Mose, clamorosi arresti: in manette Chisso e Orsoni. Richiesta per Giancarlo Galan

Corruzione e riciclaggio: 35 arrestati, un centinaio di denunciati. Coinvolti anche il generale della Gdf Spaziante e il finanziere Meneguzzo

VENEZIA – Corruzione, concussione, riciclaggio. Mazzette a politici, commercialisti, protagonisti della finanza che conta, generali a tre stelle delle Fiamme Gialle.

Tutto all’ombra degli appalti per il Mose, il sistema di dighe mobili progettato per difendere Venezia dall’acqua alta e realizzato dal Consorzio Venezia Nuova quale concessionario unico.

Ci siamo. Ecco la nuova Tangentopoli veneta.
In queste ore i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria delle Fiamme gialle di Venezia stanno eseguendo le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip lagunare Alberto Scaramuzza su richiesta dei pm Paola Tonini, Stefano Ancilotto e Stefano Buccini. Su tutto il territorio regionale ma anche a Roma e a Milano, centinaia di militari impiegati fin dalle prime ore di questo 4 giugno destinato a passare alla cronaca come il giorno della resa dei conti.

Trentacinque arresti, un centinaio di indagati e altrettante perquisizioni.

In manette, personaggi di spicco fra cui l’attuale assessore regionale alle Infrastrutture di Forza Italia, Renato Chisso, di Favaro, il sindaco di Venezia del Pd Giorgio Orsoni, il consigliere regionale Pd, Giampietro Marchese di Jesolo, il presidente del Coveco, una delle cooperative consorziate in Cvn, Franco Morbiolo di Cona, il generale in pensione Emilio Spaziante, casertano, fino al 4 settembre 2013 comandante in seconda della Guardia di Finanza e il vicentino Roberto Meneguzzo, fondatore e amministratore della Palladio Finanziaria spa, la holding diventata punto di riferimento della finanza dell’intero Nordest e non solo, che ha recitato la parte del leone in partite finanziarie del calibro di Fonsai e Generali.
Richiesta di arresto anche per l’ex governatore del Veneto ed ex ministro all’Agricoltura e ai Beni culturali, ora senatore di Forza Italia, il padovano Giancarlo Galan, ma per poter procedere occorre il beneplacito dell’apposita Commissione di Palazzo Madama.“.

e con Castellammare del Golfo ed il suo porto (incompiuto) il COVECO c’entra e come se c’entra !

Porto di Castellammare: cosa ne pensa la “ggente” !

A proposito della ripresa dei lavori per la costruzione del porto di Castellammare, si rileva in questa sede che nel corso di queste festività natalizie, si è potuto verificare che tra la “ggente” locale esistono almeno tre correnti di pensiero.

La prima corrente di pensiero o degli “ottimisti”, ritiene fiduciosamente doversi attendere i necessari tempi burocratici per la ripresa dei lavori e con ancor maggior fiducia attendere la conclusione dei lavori, che viene data per inevitabile, il collaudo e la messa in funzione, con tutti i benefici conseguenti per i castellammaresi e per l’hinterland ricco di vogliosi “piedi asciutti” vogliosi di cimentarsi con l’arte nautica.

Opinione condivisibile che alimenta la speranza di un futuro migliore.

La seconda corrente di pensiero che chiameremo degli “scettici” racchiude ahinoi, tutto il millenario pessimismo siculo, quale risulta dal succedersi delle dominazioni sull’Isola, per in definitiva concludere che: i lavori non riprenderanno nel 2014 e nemmeno negli anni successivi, ove mai si verificasse la remotissima ipotesi di una riprese dei lavori questi sarebbero prima o poi interrotti per questa, quella e/o quell’altra ragione, vuoi tu da, Finanza, Carabinieri, DIA, Unione Europea. Per non dire della inevitabile compromissione di quanto già realizzato per l’azione combinata di maltempo e scarsa qualità dei lavori.

Opinione questa pur essa condivisibile che ci richiama ad un “sano” e consapevole realismo.

La terza corrente di pensiero che chiameremo degli “scientifici catastrofisti”, appare minoritaria, ma portatrice di un ragionamento che tende a negare l’utilità stessa dell’opera alla luce dei cambiamenti climatici in atto.

Come è noto nei poli si concentra il 10% dell’acqua presente su tutta la superficie terrestre. I cambiamenti climatici con l’innalzamento delle temperature ne provocano lo scioglimento e la loro espansione nei mari con il conseguente innalzamento del livello degli stessi.
Ogni anno, avvertono gli esperti, i ghiacciai si ritirano di 17,8 centimetri, espressione di un aumento delle temperature, rispetto agli inizi del XX secolo, di 0,5° Celsius.
Alla fine del processo di scioglimento dei ghiacciai il livello dei mari – se nulla dovesse cambiare – si alzerà di circa 66 metri.
La geografia, allora cambierà radicalmente, portando per esempio in Europa alla scomparsa di diversi paesi, come Belgio, Olanda e Danimarca.
In Italia la Pianura padana sarebbe totalmente sommersa (non solo, dunque, Venezia), così come tutte le zone costiere.
La Puglia sarebbe divisa a metà, facendo della zona salentina un’isola.
Per ciò che riguarda Castellammare del Golfo il mare si alzerebbe, per dare un termine facilmente identificabile, metro più metro meno a livello del campo di gioco dell’attuale campo sportivo comunale.

Ghiacciai

In tale prospettiva ed in considerazione che l’innalzamento di circa un metro e mezzo, tale da rendere inutili le opere, potrebbe richiedere tra i tre e i cinque secoli e che non è detto che in tale lasso di tempo le opere saranno ultimate e disponibili per l’utilizzo (in questo gli “scientifici catastrofisti” la pensano allo stesso modo degli “scettici”) gli “scientifici catastrofisti” concludono facendo appello alla nostra sensibilità in materia di risparmio e di finanza pubblica, chiedendosi se non sia uno spreco di denaro dei contribuenti la realizzazione di un’opera, tutto sommato, destinata ad essere sommersa e in definitiva inutile.

Anche questa per quanto paradossale tuttavia è una opinione ben argomentata e degna di considerazione.

E voi a quale corrente di pensiero vi sentite più vicini ?

Ri-dissequestrato il porto di Castellammare ri-ri-ri-ri-ri-ri-prendono i lavori

La ripresa dei lavori per la messa in sicurezza del porto di Castellammare è una notizia che ci riempie di gioia. Le indagini della Procura della Repubblica di Trapani ovviamente proseguono ma il dissequestro del cantiere consente di mettere in sicurezza le opere già realizzate. Vogliamo un porto sicuro e, nel ringraziare la Magistratura per il dissequestro, avvenuto in tempi celeri, ed il Prefetto di Trapani, Dottor Stefano Trotta, per l’interessamento, ribadiamo la nostra collaborazione e fiducia agli inquirenti per il prosieguo delle indagini”, questo quanto dichiarato dal sindaco Marzio Bresciani, appresa la notizia del dissequestro del cantiere.disse dopo il primo parziale dissequestro del luglio 2010 il sindaco dell’epoca Ingegnere Marzio Bresciani.

Ma passò un giorno e passò un altro e il prode Anselmo* continuò a non tornare per non essersi accorto che nell’elmo c’era in fondo un forellin.

Oggi 29 novembre 2013 apprendiamo da uno “status” della pagina facebook del sindaco “Nicola Coppola per Castellammare” che le aree sono stati ri-dissequestrate e che ri-ri-ri-ri-ri-ri-prendono i lavori:

UNA ATTESA POSITIVA NOTIZIA CHE PUO’ CAMBIARE IL FUTURO DI CASTELLAMMARE

Il sindaco Nicolò Coppola ha il piacere di comunicare alla cittadinanza tutta che la Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Trapani, con una nota del 28 Novembre 2013, ha disposto il dissequestro e la restituzione all’avente diritto degli accropodi e delle aree in sequestro, relative al cantiere per la messa in sicurezza del porto di Castellammare del Golfo, attualmente fino ad oggi in stato di sequestro, delegando la tenenza della Guardia di Finanza di Alcamo, alle procedure di esecuzione, con facoltà di sub-delega, per permettere al Responsabile del Genio Civile di Trapani del C.T. ing Angelo Infantino, le più idonee modalità di ripresa dei lavori portuali nella loro più ampia interezza.
Una notizia di grande positività che, come dichiarato dal Sindaco, può dare vigore, energia e ripresa alle attività infrastrutturali del territorio. A puro titolo di cronaca la vicenda in oggetto, annosa e per molto tempo in stato di stallo, inizia con un verbale di sequestro del 7 Maggio 2010.
Le lunghe attività, necessarie, dovute e delicate da parte della Procura della Repubblica di Trapani, hanno di fatto bloccato i lavori paralizzando un settore produttivo della nostra città.
Finalmente i lavori del porto ripartono, con la gioia del Sindaco , di tutta l’ amministrazione comunale, di tutta la Città di Castellammare, delle imprese e dei lavoratori interessati“.

Anche noi ne siamo contenti, per quanto visti i tempi e la storia recente della realizzazione di opere pubbliche di questo tipo in questo territorio, (vedi lavori del porto di Balestrate nonchè di questo di Castellammare), per esultare attenderemo pazientemente il collaudo delle opere.
Anche perchè vorremmo essere sicuri che l’elmo del prode Anselmo fosse stato nel frattempo riparato.

* Nota su “La partenza del crociato”, ovvero “Il prode Anselmo” di Giovanni Visconti Venosta (1856)

Passa un giorno, passa l’altro
Mai non torna il prode Anselmo,
Perché egli era molto scaltro
Andò in guerra e mise l’elmo…”

Mise l’elmo sulla testa
Per non farsi troppo mal
E partì la lancia in resta
A cavallo d’un caval.

La sua bella che abbracciollo
Gli diè un bacio e disse: Va!
E poneagli ad armacollo
La fiaschetta del mistrà.

Poi, donatogli un anello
Sacro pegno di sua fé,
Gli metteva nel fardello
Fin le pezze per i piè.

Fu alle nove di mattina
Che l’Anselmo uscia bel, bel,
Per andare in Palestina
A conquidere l’Avel.

Né per vie ferrate andava
Come in oggi col vapor,
A quei tempi si ferrava
Non la via ma il viaggiator.

La cravatta in fer battuto
E in ottone avea il gilè,
Ei viaggiava, è ver, seduto
Ma il cavallo andava a piè.

Da quel dì non fe’ che andare,
Andar sempre, andare andar…
Quando a piè d’un casolare
Vide un lago, ed era il mar!

Sospettollo… e impensierito
Saviamente si fermò.
Poi chinossi, e con un dito
A buon conto l’assaggiò.

Come fu sul bastimento,
Ben gli venne il mal di mar,
Ma l’Anselmo in un momento
Mise fuori il desinar.

La città di Costantino
Nello scorgerlo tremò
Brandir volle il bicchierino
Ma il Corano lo vietò.

Pipe, sciabole, tappeti,
Mezze lune, jatagan,
Odalische, minareti,
Già imballati avea il Sultan.

Quando presso ai Salamini
Sete ria incominciò,
E l’Anselmo coi più fini
Prese l’elmo, e a bere andò.

Ma nell’elmo, il crederete?
C’era in fondo un forellin
E in tre dì morì di sete
Senza accorgersi il tapin.

Passa un giorno, passa l’altro,
Mai non torna il guerrier
Perch’egli era molto scaltro
Andò in guerra col cimier.

Col cimiero sulla testa.
Ma sul fondo non guardò
E così gli avvenne questa
Che mai più non ritornò.”

Avessero dato retta a Herman Sörgel il porto di Castellammare non sarebbe stato più un problema

E’ un fatto che, sul finire di questo piovoso novembre del 2013, di ripresa dei lavori di costruzione del porto di Castellammare del Golfo non c’è ancora traccia.
Anzi in un articolo comparso su Malitalia dal titolo “Trapani appalto ad azienda chiacchierata” si avanzano dei dubbi sulla Ca.Ti.Fra srl di Barcellona Pozzo di Gotto (il cui nome è l’acronimo di Calabrese Tindaro e Francesco, imprenditori originari appunto di Barcellona Pozzo di Gotto), azienda di cui si parla più volte nei carteggi dell’operazione antimafia “Gotha 3” realizzata dai carabinieri del Ros di Messina nel luglio dello scorso anno, (pur non essendo la medesima impresa o i suoi titolari tra gli indagati) e facente parte dell’ATI (associazione temporanea di imprese) costituita da COMES TIGULLIO di Chiavari (Ge), CA.TI.FRA srl di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), SEICON srl di Castellammare del Golfo (TP) e CO.GE.TA. srl di Trapani, aggiudicataria dei lavori riguardanti lo stralcio di completamento del porto di Castellammare del Golfo che l’articolo dà, erroneamente, come realizzati.
In precedenza un’altra impresa facente parte dell’ATI, la CO.GE.TA. era stata oggetto di sequestro perchè nella disponibilità di Vito Tarantolo e tramite lui, è convinzione degli inquirenti, in quelle di Matteo Messina Denaro.
Anche la prosecuzione dei lavori del primo stralcio, già oggetto di sequestro e parzialmente dissequestrati, è avvolta nella nebbia.

Ma si diceva di Herman Sörgel. In tanti immagino vi chiederete chi era costui e cosa possa avere a che fare, un architetto tedesco del secolo scorso (perchè tale era), con Castellammare del Golfo ed il suo porto.

Diciamo subito che il tizio era un geniaccio, e come tutti i geniacci un po’ utopista e folle.

Herman Sörgel nacque a Ratisbona il 2 aprile 1885 e fu architetto e filosofo. Sörgel proveniva da una famiglia di tecnici. Il padre fu un pioniere nel campo della costruzione delle centrali idroelettriche in Baviera. Lui in quanto architetto fu parte del movimento espressionista (Bauhaus) e come filosofo si occupò di teoria spaziale e di questioni geopolitiche.

Con tali premesse, nel 1928 Sörgel presentò il progetto di Atlantropa, progetto che prevedeva di isolare il mar Mediterraneo chiudendo gli stretti di Gibilterra, Suez e Dardanelli.
L’evaporazione delle acque così circoscritte, ne avrebbe abbassato il livello al ritmo di circa 1,6 metri annui, processo che il progetto prevedeva fosse velocizzato con l’ausilio di apposite pompe idrauliche.
Altre dighe sarebbero dovute sorgere tra Tunisia, Sicilia e Italia, aree che sarebbero rimaste quasi unite grazie all’abbassamento delle acque. Queste dighe avrebbero diviso il Mediterraneo occidentale da quello orientale; il primo sarebbe stato abbassato di circa 100 metri, il secondo di altri 100 per un totale di 200 metri.

Uno degli effetti che si voleva ottenere era quello di rendere possibile collegare via terra Berlino a Cape Town per il tramite della Sicilia che sarebbe stata collegata alla Tunisia con un ponte e di rendere disponibili nuove terre per una superfice di circa 576.000 km2.

L’insieme delle trasformazioni conseguenti all’attuazione del progetto di Sörgel avrebbe reso Castellammare del Golfo, nel giro di pochi decenni una città di terra, ed il relitto del porto una testimonianza di un passato, non proprio glorioso.

Atlantropa

Qui la voce di Wikipedia relativa ad Atlantropa che dà conto delle “buone intenzioni” del suo ideatore.

E qui un video che illustra il come ed il perchè del progetto.