Di solito si comincia così

Atto ispettivo alla provincia di Trapani

(ANSA) – TRAPANI, 4 APR – La Prefettura compira’ un atto ispettivo alla Provincia regionale di Trapani per verificare l’eventuale ingerenza della mafia in seno alla giunta, guidata fino ad agosto scorso dal deputato regionale dell’Udc, Mimmo Turano, e al consiglio, presieduto da Peppe Poma, fino allo scorso novembre esponente dell’Udc. Gli ispettori passeranno al setaccio, gli atti dei politica implicati, a vario titolo, in inchieste di mafia.

Annunci

Aeroporto di Trapani: Giulia Adamo non le manda a dire

Più in basso di così credo proprio che non si possa scendere. La terribile situazione in cui versa l’aeroporto “Vincenzo Florio” ci lascia sconcertati e ci obbliga a chiedere le immediate dimissioni del duo Ombra – Poma, unici veri responsabili di questa vera e propria debacle”.

Chi l’ha detto ?

Nino Papania, Massimo Ferrara, Baldo Gucciardi, Camillo Oddo ?

Nessuno di questi, ma Giulia Adamo deputato regionale marsalese rieletta per il Pdl all’Assemblea Regionale Siciliana e già presidente della Provincia di Trapani, che prosegue:

Sono cose assolutamente assurde. Salvatore Ombra e Peppe Poma ricercano in altri colpe che appartengono solo a loro. Chi ha chiuso l’accordo con Airbee ? chi in atto gestisce l’aeroporto ? chi ha preso iniziative che penalizzano i passeggeri da e per Birgi ? Sicuramente non è stata la sottoscritta ma chi in atto gestisce le sorti del “Vincenzo Florio”. Quando guidavo la Provincia era mia cura tenere sotto stretto controllo l’aeroporto e tutti i suoi problemi. Adesso invece che pena … tutto è cambiato in peggio. I passeggeri si lamentano, la compagnia che gestisce il traffico aereo fa acqua da tutte le parti, i disagi sono notevoli anche per il personale della struttura. La nostra Provincia merita ben altro. Salvatore Ombra e Peppe Poma abbiano il coraggio di dimettersi e lasciare gestire ad altri una struttura del cui degrado sono gli unici protagonisti in negativo”.

Applause and a Standing ovation please !

Consiglio provinciale di Trapani:partiti o fazioni ?

Il prossimo atto del Consiglio Provinciale di Trapani andrà in scena mercoledì 23 luglio alle 15.
Si procederà alla surroga di Massimo Felice Fernandez della lista “Fratelli d’Italia”, con il primo dei non eletti Michelangelo Sanguedolce e subito dopo il giuramento del neo presidente della Provincia Mimmo Turano, l’aula sarà chiamata ad eleggere il presidente ed il vicepresidente del consiglio provinciale.
Sarà la prima verifica di una maggioranza che, allo stato attuale delle cose, appare divisa quasi su tutto.

Infatti se la maggioranza di centro-destra può contare sulla carta su 24 consiglieri dei 35 totali (10 Pdl, 7 Udc e 6 Mpa), tuttavia è da tenere in considerazione che ben 5 dei dieci consiglieri della Pdl fanno esplicito riferimento a Giulia Adamo (Duilio Pecorella, Giuseppe Peraino, Giovanna Benigno, Maurizio Sinatra ed Antonella Pollina) costituendo quindi la “fazione più corposa nell’ambito dello stesso gruppo consiliare nel cui nome, tuttavia,  trattano con il presidente Turano e con gli altri gruppi di maggioranza il senatore D’Alì e l’On. Cristaldi, forti del mandato ricevuto dalle segreterie regionali di Forza Italia e An le quali come è noto, e con i tempi che corrono, valgono assai meno del due di briscola.

E’ pur vero che sei rappresentanti su dieci del Pdl hanno indicatoufficialmentePeppe Poma come loro candidato al vertice dell’assemblea. Si tratta dei consiglieri Andrea Burzotta, Davide Palermo, Antonella Pollina, Paolo Ruggieri, Pietro Russo e Peppe Poma stesso

Tuttavia il candidato Peppe Poma del Pdl, indicato come candidato Presidente del consiglio, rischia un’ingloriosa trombatura, a meno che le prossime ventiquattrore non portino ad un qualche accordo che permetta di superare l’impasse ed evitare che la prima “uscita” della schiacciante maggioranza si trasformi in una “penosa esibizione” di impotenza.