Marcel Duchamp in mostra da Parigi a Castellammare del Golfo

Dopo avere celebrato tutti insieme appassionatamente l’elezione del “quasi” concittadino Sergio Mattarella alla più alta carica dello Stato, la nostra cittadina si prepara, in previsione della prossima stagione turistica, a stupire tutti portando a segno un altro colpo da veri maestri della cultura e della comunicazione, la mostra dei ready-made, sculture e installazioni di Marcel Duchamp, certo non necessariamente originali, che nel falso qui non siamo secondi a nessuno.

Si dice che come per la mostra al Centro Pompidou di Parigi dello scorso anno anche qui ci sarà il celebre “Fontana” un orinatoio di produzione commerciale firmato e rinominato  (potrebbe mancare in una mostra a Castellammare del Golfo ?) e non mancherà “La ruota di bicicletta” (anche in questo caso una sorta di simbolo di ciò che rimane di una bicicletta dopo il suo uso nelle strade della “ridente” cittadina del Golfo).
Non ci saranno invece tele quali: “Nudo che scende una scala“, “Il passaggio dalla vergine alla sposa“, “La Sposa messa a nudo dai suoi Scapoli, anche” per non urtare la suscettibilità del clero locale, così come per i medesimi motivi non ci sarà il modellino dell’ultima opera di Duchamp, realizzata in segreto tra il 1946 e il 1966 ed intitolata “Etant donnés:1. la chute d’eau, 2. le gaz d’eclairage” (trad. “Essendo dati: 1. La cascata d’acqua, 2. L’illuminazione a gas”), un’installazione tridimensionale composta da una porta di legno dalla cui fessura si può intravedere il corpo di una donna nuda distesa su un letto di ramoscelli secchi con una lampada a gas in mano e con le gambe divaricate, che anche solo per la parte relativa a “L’illuminazione a gas”, per l’evidente analogia (cercata dall’autore ?) con la nuova illuminazione pubblica di Castellammare del Golfo, avrebbe meritato di esserci.

Già attivi e all’opera dei “pontieri” i quali tenteranno di avere per la mostra l’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica.

Orinatoio-Marcel_Duchamp

Il «ready-made» dal titolo «Fontana» rappresenta il momento di maggior provocazione dell’opera di Duchamp. Nel 1917 egli era negli Stati Uniti e in quell’anno, sul modello del Salon des Indépendants, venne creata la Society of Independent Artists. Duchamp faceva parte del direttivo di questa associazione. Alla mostra organizzata dal gruppo poteva partecipare chiunque, pagando sei dollari, ed esponendo al massimo due opere.

Duchamp mise in atto la sua provocazione in incognito. Presentò alla giuria della mostra un orinatoio firmandolo con lo pseudonimo R. Mutt. La giuria non capì e, sull’imbarazzo di come considerare la cosa, non fece esporre il pezzo.

Una fotografia dell’opera fu tuttavia pubblicata sulla rivista «The Blind Man», edita dallo stesso Duchamp, il quale, fingendo di difendere l’ignoto autore dell’opera, scrisse: «Non è importante se Mr. Mutt abbia fatto Fontana con le sue mani o no. Egli l’ha SCELTA. Egli ha preso un articolo ordinario della vita di ogni giorno, lo ha collocato in modo tale che il suo significato d’uso è scomparso sotto il nuovo titolo e il nuovo punto di vista – ha creato un nuovo modo di pensare quell’oggetto».

L’orinatoio originale utilizzato da Duchamp stranamente andò smarrito quando fu smontata la mostra nel 1917. Solo nel 1964 Duchamp autorizzò una replica di quel suo «ready-made» che fu acquistata dal collezionista milanese Arturo Schwarz. Da qualche anno esso è esposto nella Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.

da Francesco Morante

bicicletta

La Ruota di Bicicletta

etant-donnes-baquie

Etant donnés:1. la chute d’eau, 2. le gaz d’eclairage

Pepito, quel falso “Conte di Calatafimi” che lega Josephine Backer alla Sicilia

Si dice che dietro ogni uomo di successo ci sia una grande donna, e al contrario che dietro ogni donna di successo invece ci sia solo lei.
L’affermazione in entrambi i casi è forse generalmente vera, tuttavia è accaduto che dietro il successo di una prima donna ci sia stato un uomo, magari equivoco, magari truffatore, magari millantatore, ma con un fascino tale da riuscire a trasformare una promettente stellina della danza tribale o pseudo tale in una stella di prima grandezza.

Lei si chiamava Josephine Baker da St. Louis, lui Pepito (Giuseppe) Abatino “conte di Calatafimi”, titolo inventato, appunto, anche se realmente nato a Calatafimi.

Pepito-BakerGiuseppe Abatino, infatti nacque qui a due passi da noi, a Calatafimi, cittadina nota per l’epica battaglia tra borboni e garibaldini del 15 maggio 1860 che ha segnato la storia dell’unità d’Italia, il 10 novembre 1898 alle tre e dieci del mattino in un’abitazione del corso Vittorio Emanuele.

Il padre Tommaso, figlio di Raffaele era nato nel 1860 a Catanzaro, e la madre, Maria Immacolata Mulè Li Bassi, di Giuseppe e Cristina Li Bassi, era nata a Palermo il 7 aprile 1861. Il padre, quando Giuseppe viene alla luce a Calatafimi, è capitano del 14° Fanteria di stanza a Trapani. Tommaso e Maria Immacolata Mulè Li Bassi, si erano sposati a Palermo il 30 gennaio 1890.

Giuseppe Abatino risiedette a Calatafimi solo alcuni anni, poi il padre venne trasferito a Palermo ed è da qui che Giuseppe emigrerà a Parigi qualche anno dopo la fine della prima guerra mondiale.

Dei primi anni del suo soggiorno parigino si sa poco. E’ qui che comunque comincia a farsi appellare Conte di Calatafimi ed è grazie a tale titolo ed alle sue trovate da grande truffatore che riesce ad introdursi nei salotti parigini del tempo.

labakereabatino3Nel 1925 conosce lei, Josèphine Baker, da poco arrivata a Parigi e fino ad allora soubrette poco conosciuta negli ambienti del charleston. Giuseppe “Pepito” Abatino la scopre, appena ventenne al “Casino de Paris”, dove la cantante e ballerina si Saint Louis, nel Missuri, anche lei emigrata a Parigi, lancia la canzone “J’ai deux amours” che poi, nel corso degli anni, sarebbe rimasta per sempre legata alla sua immagine.

Josephine Baker-Freda Josephine Carson era nata a St. Louis nel Missouri, il 3 giugno 1906,da Eddie Carson e Carrie McDonald, lavandaia.
Josephine lascia presto la scuola e trascorre l’infanzia lavorando come cameriera e baby-sitter per guadagnarsi da vivere.
A tredici anni lavorando come cameriera in un bar incontra il suo primo marito Willie Wells.
Il matrimonio non durerà molto e nel 1921 si sposa per una seconda volta con Willie Baker.
Intanto diviene ballerina ed entra a far parte del corpo di ballo di Philadelphia.
Nel 1923 riesce ad unirsi al coro delle Stepper Dixie, che rappresenta la commedia musicale ” Shuffle Along ” e si trasferisce a New York. Ben presto riusce ad apparire a Broadway nello spettacolo “Dandies Chocolate”. Allo stesso modo compare al Plantation Club ed al Cotton Club di Harlem.
Arriva a Parigi il 25 settembre ed il 2 ottobre 1925 esordisce con “La Revue Nègre” al teatro Music Hall degli Champs-Elysées.

Qui Giuseppe Abatino la incontra se ne innamora e ne diventa il manager e compagno di vita.
Pepito è amico di impresari e direttori di teatro e fra i tanti anche di monsier Derval, direttore delle “Folies-Bergère”, qui Joséphine nel 1926 esordisce con la rivista “La folie du jour”.
Pepito inventa per lei uno dei più arditi show di tutti i tempi, facendole indossare soltanto un gonnellino con sedici banane pendenti, un costume inventato per lei dal costumista austriaco Paul Seltenhammer che diventerà un’icona degli anni 20′ e 30′ e della vita parigina in particolare.
La sua bellezza e la bravura mandano Parigi in delirio tanto che il teatro registra costantemente il tutto esaurito.
Nei suoi spettacoli e nelle sue canzoni si uniscono il gusto piccante e ricercato del varietà francese al folklore un po’ stereotipato della musica africana.

Screen shot 2013-03-21 at 5.05.04 PMIl 10 Dicembre 1926 apre il suo nightclub “Chez Josephine” nella Rue Fontaine di Parigi.

Nel 1927 pubblica la sua prima autobiografia “Les Memoires de Josephine Baker”, è la star più pagata d’Europa e rivaleggia con Gloria Swanson e Mary Pickford per essere la donna più fotografata del mondo.
La sua influenza sul costume e sulla moda è tale che le donne parigine cominciano ad usare delle creme per scurire la loro pelle.
La diva ha una voce con tonalità perfette per il jazz ed un corpo sensuale che ha mostra senza esitazione ed indossando stravaganti mise.
Tutto ciò risulta essere la formula esplosiva di Josephine, detta anche la “Perla Nera” e la “Dea Creola”.

A un certo punto della storia tra Josephine e Pepito, alcuni dicono 1927 altri 1931, i due si sposano in un matrimonio che però sembra sia stato solo una invenzione pubblicitaria.

Nel 1930 si dedica professionalmente al canto, con grande successo. Partecipa a diversi film come La Sirena dei Tropici (1927), Zou-Zou (1934) e La Principessa Tam-Tam (1935).
In quegli anni diviene la musa di gente del calibro di Langston Hughes, Ernest Hemingway, F. Scott Fitzgerald, e Pablo Picasso.
Josephine è stravagante tanto sul palco che nella vita, ama gli animali ed ha: un leopardo, uno scimpanzé, un serpente, un maiale, una capra, un pappagallo, diversi pesci, tre gatti e sette cani.
Josephine fu la prima star Afro-Americana di un film di successo con la sua interpretazione di “Zou-zou”,  la cui sceneggiatura fu firmata da Pepito il quale firmerà anche le scene de “La Principessa Tam Tam”.

Nel 1936 Pepito muore di cancro a Parigi.

Nel 1937 Josephine acquisisce la cittadinanza francese e si sposa una terza volta con Jean Lion dal quale divorzierà nel 1941. Durante la seconda guerra mondiale non solo scrive e canta per le truppe alleate ma partecipa anche a rischiosissime missioni di spionaggio in favore della resistenza francese e degli alleati per la quale verrà insignita negli anni seguenti di numerose medaglie tra cui la Croce di Guerra e la Legion d’Onore da parte del Generale De Gaulle e del grado di capitano

Nel 1947 si risposa con Joe Bouillon, insieme acquistano il castello di Milandes in Dordogna, dove accolgono prima e poi adottano dodici bambini provenienti da diversi paesi del mondo, che lei chiamava “la mia tribù arcobaleno”. Per il mantenimento del castello e della sua “tribù arcobaleno” Josephine negli anni successivi spese tutta la sua fortuna.

Famoso fu il suo impegno civile a favore dei diritti dei neri, sebbene ormai residente in modo permanente in Francia, sostenne l’American Civil Rights Movement
Nel 1963 partecipa ed è tra gli oratori della Marcia di Washington per i diritti civili al fianco di Martin Luther King.

L’8 aprile 1975 all’età di sessantotto anni organizza uno “speciale” al teatro Bobino di Parigi per celebrare i suoi cinquanta anni di lavoro. Tra il folto pubblico personaggi come la principessa Grace di Monaco e Sophia Loren.

Pochi giorni dopo l’esistenza terrena di questa donna dalla vita intensa e leggendaria si conclude. Josephine entra in coma e muore il 12 aprile 1975 per un’emorragia cerebrale.

Un corteo funebre di circa ventimila persone sfila per le strade di Parigi.
Josephine Baker è la prima ed unica donna americana a cui la Francia ha tributato gli onori militari, durante il suo funerale furono esplosi ventuno colpi di cannone in suo onore.
Josephine Baker è sepolta nel Principato di Monaco.

Princess Tam Tam

Parte 1a

Parte 2a

Parte 3a

Crisi, ora tocca alla Francia

Spread, ora trema la Francia

Parigi – Sale la tensione sul debito della Francia, con una contrazione del Pil nel secondo trimestre e uno spread che supera la soglia record dei 190 punti, segno che il Paese non gioca più nella prima divisione della zona euro. Tanto che un numero sempre maggiore di osservatori comincia a chiedersi se Parigi meriti davvero la tripla A, la massima votazione delle agenzie di rating, normalmente attibuita ai primi della classe.
Giorno dopo giorno, il timore che la Francia sia la prossima nella lista dopo Grecia, Italia, Spagna, Portogallo, si fa più concreto. Nonostante l’Insee, l’istituto nazionale di statistica, abbia annunciato oggi una crescita del +0,4% (invece del 0,3% previsto) nel terzo trimestre 2011, ha dovuto rivedere al ribasso di 0,1 punti il secondo trimestre. Un dato inquietante, visto che è la prima volta, dal 2009, che il Pil della Francia diminuisce. Mentre lo spread, vale a dire il differenziale tra i Btp decennali francesi e il Bund tedesco, ha superato oggi i 190 punti (1,90%), una situazione inimmaginabile appena qualche mese fa, la scorsa primavera, quando era al di sotto dei 40 punti.

La situazione economica della Francia è «difficilmente compatibile» con la tripla A, sottolinea oggi uno studio presentato a Bruxelles dalla banca tedesca Berenberg e dal think tank europeo `The Lisbon Council´, che pubblica un barometro intitolato Euro Plus Monitor. Secondo il rapporto – che analizza crescita, competitivita e sostenibilità del debito – la salute generale della Francia si piazza al 13/esimo posto, tra la Spagna (12/esima) e l’Italia (14/esima), che sono attualmente nel mirino dei mercati e delle agenzie di rating. «Per la Francia bisognerebbe tirare il campanello d’allarme», avverte ancora lo studio, aggiungendo: «Tra i sei Paesi che godono della tripla A nella zona euro, la Francia ha ottenuto il peggior voto». E ancora: «I risultati sono troppo mediocri per un Paese che vuole rimanere in testa». Non è d’accordo il ministro francese agli affari europei, Jean Leonetti, che sempre da Bruxelles ha detto che la Francia «non è la Germania» ma «resta credibile».

«Per il mercato è fatta. La Francia merita al massimo una doppia A», sottolinea invece Frederik Ducrozet, economista di Credit Agricole. Da parte loro, le agenzie di rating mantengono la tripla A ma a metà ottobre Moody’s si è riservata tre mesi di tempo per rivalutare la situazione. E l’errore dell’agenzia di rating Standard & Poor’s, che giovedì scorso ha abbassato «per errore» il rating della Francia, non ha certo contribuito a rassicurare i mercati.

Per gli analisti, Parigi soffre prima di tutto dei timori di contagio della crisi dei Paesi più indebitati. «Per finanziare le perdite su Spagna e Italia, alcuni investitori di lungo termine riducono la loro esposizione sulla Francia», osserva Axel Botte, specialista del mercato obbligazionario da Natixis AM. «Forse c’è incertezza sulla volontà e la capacità del governo francese di imporre le misure annunciate», spiega Jean-Louis Mourier, economista ad Aurel BGC. Soprattutto, il Paese entra in un periodo pre-elettorale, difficile da gestire dal punto di vista delle finanze. «Se perdo la tripla A sono morto», ha detto qualche tempo fa il presidente francese Nicolas Sarkozy, confidandosi con alcuni fedelissimi, in vista delle presidenziali del 2012.

da IL SECOLO XIX

Crisi, la Francia punta sulla Bce. Merkel: «Cambiamo i trattati»

Roma – La pressione si fa sempre più intensa perché sia la Banca centrale europea, alla fine, a risolvere la crisi del debito mettendosi a stampare moneta.
A muoversi oggi è Parigi, il cui spread è ormai a livelli di guardia. Dal cancelliere tedesco Angela Merkel arriva un’apertura a rivedere i trattati e cedere poteri di bilancio all’Unione europea: una riforma che renderebbe l’Europa federale come gli Stati Uniti dove la Fed, appunto, da tre anni acquista titoli di Stato con moneta fresca. «Confidiamo che la Bce prenderà le misure necessarie per assicurare la stabilità finanziaria in Europa», ha detto oggi il ministro del Bilancio Valerie Pecresse. Sono in molti a chiedere che la Bce, alla fine, tiri fuori il `bazooka´ del `quantitative easing´, facendosi prestatore di ultima istanza, come la Fed.

La scorsa settimana lo aveva auspicato l’allora premier italiano Silvio Berlusconi, oggi è tornato a chiederlo Enda Kenny, primo ministro irlandese. Un’offensiva che continua a scontrarsi con la granitica opposizione della Bce e, in particolare, della potente Bundesbank tedesca: togliere dai guai Atene, Roma e forse domani anche Parigi creerebbe un incentivo a indebitarsi ancor di più. La responsabilità primaria a risolvere la crisi – ha ribadito il presidente della Bce Mario Draghi – è dei governi.

Ma qualcosa comincia a muoversi nel senso di una soluzione europea alla crisi che vada oltre il fondo salva-Stati (`Efsf´), un’arma spuntata, e l’idea degli eurobond, oggi nuovamente bocciati da Berlino e sempre meno allettanti visto che anche la Francia rischia ormai il suo rating `AAA´. Oggi la Merkel ha fatto un’apertura senza precedenti a una riforma dei trattati europei, dicendo che per difendere l’euro i tedeschi sono pronti «a cedere parte della loro sovranita»`. Per Berlino il sentiero e´ strettissimo (deve fare i conti con un’opinione pubblica sempre più ostile all’Europa e con la Bundesbank). Ma il tentativo è chiaro: spingere verso una sorveglianza europea rafforzata sui bilanci nazionali per evitare il ripetersi del dissesto del debito attuale. Arrivando persino a un bilancio federale Ue che includa prerogative finora nazionali. Una novità che toglierebbe molti argomenti a chi si oppone a un definitivo salvataggio europeo dei Paesi iper-indebitati.

Che la soluzione, poi, possa arrivare dalla Bce è tutta da vedere: occorrerebbe una riforma dei trattati. Ma è proprio su una riforma dei trattati che insiste la Merkel: i trattati «non permettono alla Banca Centrale Europa di poter risolvere i problemi dell’eurozona», ha detto oggi il cancelliere.

Di certo l’intensificarsi della crisi, che dopo l’Italia sembra voler contagiare la Francia e molti Paesi a `tripla A´, sta facendo sorgere un dibattito anche in Germania. Giusto ieri Peter Bofinger, uno degli economisti consiglieri della Merkel, ha ammesso che alla fine potrebbe toccare alla Bce fare da «argine finale» alla peggior crisi dal dopoguerra.

da IL SECOLO XIX

51 opere di Giovanni Bosco in esposizione a Parigi nella Galleria di Berst Christian

La mostra in programma dal 18 marzo al 23 aprile 2011 ha per titolo “Giovanni Bosco dottore di tutto” e vedrà l’esposizione di 51 opere dell’artista castellammarese scomparso nel 2009 nei locali della Galleria di Berst Christian al 10 di Rue Chapon a Parigi.
Un catalogo di 120 pagine in francese,inglese ed italiano con testi di Eva Di Stefano e Jean-Louis Lanoux accompagnerà la mostra.
Il 5 aprile alle 19,00 avrà luogo la visione del film realizzato da Salvatore Bongiorno e dedicato a Giovanni Bosco, cui seguirà dibattito, con l’autore, Boris Piot e Jean-Louis Lanaux.

Questa la presentazione (in francese) della mostra:

Né en 1948, le sicilien Giovanni Bosco – d’abord berger puis ouvrier dans une carrière de marbre – sombra dans la psychose à la suite de l’assassinat de deux de ses frères. L’institution psychiatrique et la prison à laquelle il fut condamné un an à la suite, semble-t-il, d’un vol de bétail, ne lui ôtèrent ni son sourire désarmant, ni la propension à transformer son existence démunie en un acte de poésie pure. A Castellamare del Golfo, ses journées furent alors rythmées par les chansons populaires napolitaines et les peintures d’une inventivité rare qu’il exécutait sur les murs de sa ville ou sur des matériaux de fortune. Corps démembrés ou «surmembrés», serpenteaux et homoncules, cœurs céphaliques, mots et signes scandés dans l’intervalle du dessin, tel est l’alphabet pictural de Giovanni Bosco. Lorsque son génie est enfin reconnu, il est emporté par un cancer en 2009. Depuis, des historiens de l’art et autres spécialistes de l’art brut lui ont consacré des journées d’études et des analyses. Un film retraçant les derniers mois de sa vie a été produit par des étudiants qui furent parmi ses derniers véritables amis, tandis qu’un projet de restauration et de conservation de ses fresques est à l’étude. Alors qu’à la Collection de l’art brut, à Lausanne, une exposition est en préparation, nous sommes heureux de pouvoir proposer un ensemble représentatif des joyaux de celui qui se disait dottore di tutto et qui, lesté de tous les malheurs, avait trouvé dans l’art un remède absolu.“.

Il catalogo è sfogliabile qui.

Di Giovanni Bosco abbiamo scritto in precedenza  qui, qui, qui, qui qui qui e qui.

Castellammare del Golfo, è morto Giovanni Bosco, l’artista povero

Su Giovanni Bosco un bel ricordo di Enzo Di Pasquale su “La Sicilia” di oggi:

È morto l’artista povero

Castellammare . È spirato, dopo una lunga malattia Giovanni Bosco, l’uomo dei «venti centesimi», la persona più estrosa di Castellammare.

Aveva 61 anni. La sua vita è stata segnata da miseria, pazzia, elettroshock, dolore. Il tutto confluiva nella sua personalissima arte bizzarra. Colpi di pennello ovunque: sui muri scrostati, nei prospetti di vecchie case, sulle strade, su cartone, talvolta su tela. Viveva in una casa angusta, un bugigattolo adornato dai suoi strani schizzi.

Giovanni Bosco ha sempre vissuto a Castellammare elemosinando venti centesimi. A un certo punto della sua vita dolorosa, viene notato dal pittore Giovan Battista Di Liberti. Riconoscendo il talento naturale e il linguaggio eversivo della sofferenza, il ritrattista lo invita nel suo studio-bottega. Gli consegna tavolozza, tele e pennelli, vernici, pennarelli. Così Giovanni inizia a creare il proprio repertorio originalissimo. I muri sbrecciati delle vecchie case del paese diventeranno le pagine della sua storia.

Il tutto viene sintetizzato in un bellissimo documentario realizzato dai ragazzi della «Zep», Carlo Di Pasquale, Salvatore Bongiorno, Claudio Colomba, Giovanni Navarra, Peppe Cacciatore, Vito Ingoglia, fanno di Bosco un «artista incompreso», lo chiameranno «Il dottore di tutto».
A partire da queste immagini si interesseranno di Giovanni Bosco a livello europeo. Se ne occupano il collettivo «Animala Vagula» di Parigi, «L’art Brut» di Losanna, la storica dell’arte Teresa Maranzano, curatrice del museo di Ginevra, Eva Di Stefano della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo.

Le sue opere sono state recentemente acquistate da Lucienne Peiry, che le ha acquistate per il museo di Losanna dedicato all’«Art Brut». «Giovanni ha saputo creare – scrive Eva Di Stefano dell’osservatorio Outsaider Art dell’Università di Palermo – un proprio sistema figurativo di sagome colorate a partire da un personaggio che compare in grandezze diverse sui muri e nelle opere su carta o cartone, e che probabilmente rappresenta un suo alter ego, «un cristiano» dice lui, un tizio cioè.

Accanto alla sua porta di casa questa figura corazzata ha probabilmente anche una funzione apotropaica, è uno scacciademoni. Ma, il «pupo», che ha un corpo stilizzato in uno schema geometrico iscrivibile in un quadrato e appare come una singolare combinazione di figura azteca e di guerriero extraterrestre, in realtà è soprattutto una sorta di mappa anatomica, dove spesso su ogni singolo elemento che lo compone è indicato anche il nome: testa, fronte, naso, bocca».

Giovanni Bosco era nato a Castellamare il 3 marzo 1948 da una madre diciottenne, ma già vedova del primo marito da cui aveva avuto una figlia, va a scuola fino alla seconda elementare e poi lavora col padre, di cui resta orfano ancora ragazzo. Non gli spettano che povertà ed emarginazione, un temperamento vivace che si fa sempre più scontroso e solitario, alcune occupazioni saltuarie anche come barista, un futuro da disadattato.

Nel carcere di Trapani, dove trascorre due anni, è sfiancato dalle angherie dei compagni e quando nel 1976, durante il soggiorno obbligato a S. Benedetto del Tronto, apprende che due giovanissimi fratelli, ladruncoli da poco, sono stati ammazzati da qualcuno a cui avevano arrecato disturbo, ha una crisi psicotica e viene ricoverato in manicomio.

Lo scorso gennaio gli era stato dedicato un convegno internazionale dal titolo «Il pastore che dipingendo ha conquistato il mondo dell’arte» organizzato da Zep, osservatorio Outsider Art, con la fondazione Orestiadi di Gibellina.

Rimangono di lui varie opere sui muri, l’ultima il grande ovale rosso e nero alla villa comunale dipinto in ottobre in occasione del suicidio del fratello: un fiammeggiante sigillo yin e yang per un incomprensibile commiato.

«La morte di Giovanni Bosco – ha detto il sindaco di Salemi, Vittorio Sgarbi – è l’interruzione di un esperienza nella quale vita ed arte si sovrappongono. Finendo la sua vita, è l’arte a patire una mutilazione, l’interruzione di una continuità che non era artificio ma necessità vitale».

di Enzo Di Pasquale

Chi semina miseria raccoglie la collera

I francesi l’hanno rifatto. All’insegna dello slogan, “Chi semina miseria raccoglie la collera”, i dipendenti hanno sequestrato il direttore di un’azienda chimica. Una decina di giorni fa si era avuto il sequestro dell’amministratore delegato della Sony

Crisi, i manager nel mirino dei lavoratori disperati

In Francia i dipendenti sequestrano il direttore di un’azienda chimica. Solo una decina di giorni fa il rapimento dell’amministratore delegato Sony

«Chi semina miseria raccoglie la collera»: dice tutto, questo slogan della manifestazione francese del 19 marzo, sullo stato d’animo di tanti cittadini di fronte alla crisi. A raccogliere, sono manager e governanti. Quel cartello in particolare veniva sbandierato a Clairoix, per protesta contro la tedesca Continental che chiude una fabbrica di pneumatici senza preavviso: millecento i francesi licenziati. La gente di Clairoix è anche oggi in strada, mentre una delegazione è stata ricevuta all’Eliseo a Parigi dove il presidente, Nicolas Sarkozy, cerca di arginare la rabbia; ma i sindacati si sono detti «delusi». Il malcontento contro i presunti ’leader’ e la loro mancanza di risposte adeguate alla crisi si respira negli Stati Uniti e in tutta Europa, anche nessun paese scende in piazza tanto quanto la Francia, dove il 19 marzo erano in milioni a protestare in tutta la nazione. Rabbia contro i dirigenti delle imprese che si foderano le tasche mentre varano piani sociali, e contro i capi di governo che non sembrano avere strategie né chiare né omogenee per uscire dalla crisi.

La rabbia è scoppiata anche in Scozia, dove la scorsa notte la casa di Edimburgo di Sir Fred Goodwin, il discusso ex amministratore delegato del Royal Bank of Scotland, è stata attaccata da alcuni vandali che hanno sfondato i vetri delle finestre e distrutto un’automobile. L’attacco è stato rivendicato da un gruppo sinora sconosciuto, «Bank Bosses are criminals» che in una mail minaccia: «l’attacco Godwin è solo l’inizio». L’ex numero uno dell’istituto finanziario crollato è al centro di aspre polemiche, dopo aver lasciato l’incarico con in tasca una pensione d’oro da quasi 17 milioni di sterline. Fu lui a pilotare le operazioni di acquisizione di quote dell’olandese Abn Amro nel 2007 che contribuirono a far crollare la banca scozzese. In Francia però i manager sono particolarmente nel mirino.

Dieci giorni dopo il rapimento dell’amministratore delegato della Sony, Serge Foucher, oggi i dipendenti dell’azienda chimica 3M hanno sequestrato il loro direttore industriale Luc Rousselet in un nuovo clamoroso caso di ’boss napping’, sequestro del manager, che riecheggia in questo momento in Francia anche nell’ultimo film di Benoir Delepine «Louise-Michel» in cui delle operaie ingaggiano un killer. Luc Rousselet, è stato chiuso a chiave nel suo ufficio ieri con l’intenzione di lasciarlo lì dentro fino a quando non metterà nero su bianco nuovi termini di congedo per 110 lavoratori allontanati dall’azienda per via della crisi. «Ci sono lavoratori che ce l’hanno con me e sapevo di essere a rischio» ha detto oggi Rousselet sfogandosi con i giornalsiti da dietro la porta del suo ufficio bloccata da un armadio. Con modalità simili il manager di Sony nei giorni scorsi era stato deportato per tutta una notte nelle Lande da parte di salariati insoddisfatti. Nel caso di Rousselet, a quanto raccontano i lavoratori, il ’boss’ avrebbe avuto tutta la notte per modificare i termini di liquidazione, senza però nessun esito. «Abbiamo avuto con lui discussioni per 17 ore fino alle tre del mattino ma senza arrivare a nessun risultato. Oggetto della negoziazione le indennità di licenziamento, un congedo di 24 mesi e garanzie per i dipendenti che restano in azienda. La 3M, colosso francese della chimica e casa farmaceutica, impiega 235 dipendenti.

La tattica dei «sequestri di alti dirigenti» era già stata sperimentata in Francia un anno fa nella fabbrica della Michelin di Toul in Meurthe-et-Moselle. Già nel 2007, in campagna elettorale per le presidenziali, l’attuale capo dello Stato Sarkozy martellava la necessità di limitare i cosiddetti paracaduti d’oro, gli scivoli milionari ai manager licenziati (e ritenuti a torto o ragione incapaci). Se nel 2007 pareva ancora un tema dagli accenti demagogici, adesso la crisi lo rende di bruciante attualità.”

da lastampa.it

Update (1)

Luc Rousselet, dirigente della filiale dell’americana 3M,
ha potuto lasciare l’ufficio dopo negoziati tra azienda e sindacalisti

Francia, liberato il manager tenuto in ostaggio dagli operai

PITHIVIERS (Francia) – E’ stato liberato in nottata il direttore della filiale francese dell’azienda farmaceutica americana 3M, sequestrato martedì pomeriggio da operai in sciopero nella fabbrica situata a Pithiviers, nella Francia centrale.

Il manager, Luc Rousselet, ha lasciato a mezzanotte e mezzo circa l’ufficio nel quale era stato confinato dagli operai, che contestano un piano di ristrutturazione che prevede il taglio di 110 posti di lavoro su un totale di 235.

La liberazione di Rousselet è avvenuta dopo diverse ore di negoziati fra delegati sindacali e rappresentanti dell’azienda, con un mediatore designato dalle autorità locali. I sindacalisti hanno riferito che è stato firmato un protocollo di accordo con la direzione di 3M-France e che i negoziati proseguiranno in giornata.

L’episodio di Pithiviers non è isolato nell’Europa e negli Stati Uniti scossi dalla crisi economica. Ieri a Edimburgo è stata assaltata la villa di sir Fred Goodwin, ex amministratore delegato della Royal Bank of Scotland da lui ridotta al fallimento. La responsabilità dell’azione è stata rivendicata da un gruppo che ha scelto come nome “Bank bosses are criminals” (“I dirigenti di banca sono criminali”) e ha promesso che “l’attacco a Goodwin sarà solo l’inizio”. Meno di due settimane fa in Francia, a sud di Bordeaux, era stato tenuto in ostaggio per una notte l’amministratore delegato della filiale Sony. E negli States il presidente Barack Obama sta cercando di tenere a freno la rabbia dei cittadini nei confronti dei manager della Aig che non hanno rinunciato ai loro cospicui bonus nonostante la compagnia assicuratrice sia stata salvata dal fallimento con i soldi dello Stato.

(26 marzo 2009)

da repubblica.it

Tinto Brass dopo Parigi, Salemi

Si farà a Salemi una retrospettiva sul cinema di Tinto Brass. Il titolo è ancora da decidere, così come i film che faranno parte della rassegna.
Il Sindaco Vittorio Sgarbi ideatore dell’iniziativa avrebbe già ricevuto il consenso da parte del regista, che sarà naturalmente ospite a Salemi, nei giorni della rassegna.

Già nel gennaio 2002, la Cinémathèque Française di Parigi aveva dedicato a Tinto Brass un omaggio-retrospettiva dal titolo “Eloge de la chair” (Elogio della carne), con la proiezione nella prestigiosa sala dei Grands Boulevards parigini di 10 film del “più erotomane dei cineasti ma anche del più cineasta degli erotomani“.