Castellammare del Golfo, Consiglio Comunale il 4, 8 e 10 novembre

Il Consiglio Comunale di Castellammare del Golfo è convocato nei giorni 04, 08 e 10 novembre dell’anno 2011, alle ore
19,00, presso i locali del Palazzo Municipale, Aula Consiliare, in seduta pubblica ordinaria, per la
trattazione dei seguenti punti:

1. Scelta e nomina scrutatori;
2. Insediamento e giuramento del nuovo Consigliere Sig. Pilara Giovanni;
3. Esame, ai sensi della L.R. 24/06/1986, n. 31 e della L.R. 21/09/1990, n. 36, delle condizioni di eleggibilità e di candidatura, secondo l’art. 58 del D.lgs 18/08/2000 n. 267, per la convalida degli eletti, nonché delle condizioni da cui scaturisce la sospensione di diritto dalla carica secondo l’art. 59 del D.lgs 18/08/2000 n. 267;
4. Esame situazione di incompatibilità ai sensi della L.R. 24/06/1986, n. 31, ed eventuale inizio della procedura disciplinata dall’art. 14 della L.R. 24/06/1986, n. 31;
5. Lettura ed approvazione verbali sedute precedenti;
6. Comunicazioni del Presidente;
7. Interpellanza del cons. Blunda Daniela (gruppo UDC), prot. n. 0034433 del 29/09/2011 avente per oggetto: ”interpellanza inerente la delibera di Giunta Municipale del Comune di Castellammare del Golfo n. 144 del 24/05/2011 – richiesta sospensione temporanea e/o revoca della delibera de qua”;
8. Interpellanza del cons. Di Gregorio Lorena (gruppo UDC), prot. n. 0037773 del 20/10/2011 avente per oggetto: “interpellanza sullo stato di attuazione del progetto inerente il cimitero comunale”;
9. Interpellanza del cons. Bonventre Vito (gruppo UDC), prot. n. 0037775 del 20/10/2011 avente per oggetto: “ N. 169 del 29-06-2011. Affidamento in concessione alla società d’ambito Terra dei Fenici spa in liquidazione delle funzioni amm/ve e fiscali inerenti l’attività di accertamento e riscossione coattiva della tarsu e tia”;
10. Aree scoperte tarsu: modifica dell’art. 10 del regolamento tarsu;
11. Approvazione Piano di Lottizzazione denominato “CELSO” in Z.T.O. “D.1.1 del P.R.G. – c/da Celso F. 22 part. 12-13- 113- 114- 115- 116- 117- 118- 119- 207- 208. Ditta Pilara Giovanni amm.re Società Tecno Team s.r.l. e Fugardi Marcella;
12. Riconoscimento del debito fuori bilancio di €. 1.199,10 a favore del sig. Giuseppe Ambrosini, a seguito sentenza n. 4622/10, emessa dal Tribunale di PA, più spese e competenze successive.
13. Riconoscimento debito fuori bilancio di €. 22.652,10 a favore dell’Avv. Giuseppe Gerbino, a seguito atto di precetto derivante dall’ordinanza del procedimento R.G. 455/10 (D.I. n. 128/10), emesso dal Tribunale di TP sez. di Alcamo.
14. Riconoscimento del debito fuori bilancio di €.553,58 a favore dell’Avv. Giuseppe Gerbino, a seguito atto di precetto, per spese successive a ordinanza del procedimento R.G. 647/07, emessa dal Tribunale di TP sez. di Alcamo. Mero atto ricognitorio.
15. Riconoscimento legittimità debito fuori bilancio di €.1.086,75 a favore dell’Avv. Giuseppe Gerbino, a seguito Ordinanza emessa dal G.E. in data 30/09/10 a seguito procedura esecutiva mobiliare n. 903/09.
16. Riconoscimento legittimità debito fuori bilancio art. 194, c. 1, lett. e) del D. Lgs. 267/00 di € 32.534,23 per compensi dovuti in relazione all’incarico conferito per la redazione del piano regolatore, del regolamento edilizio e delle prescrizioni esecutive”.
17. Riconoscimento di legittimità di debito fuori bilancio, derivante da sentenza, per l’esecuzione dei lavori di manutenzione della pavimentazione stradale di Via Napoli: art.194, c. 1, lett. a) e d) del D. Lgs. 267/00.
18. Verifica stato di attuazione dei programmi e salvaguardia equilibri di bilancio: art. 193 del d. lgs. 267/00.
19. Modifica al piano triennale delle Opere Pubbliche triennio 2011 – 2013.
20. Piano Miglioramento dei servizi di Polizia Municipale triennio 2012-2014.
21. Ordine del Giorno sulla salvaguardia dell’Ospedale di Alcamo “San Vito e Santo Spirito”.

La mancanza del numero legale comporta la sospensione di un’ora della seduta in corso;
qualora alla ripresa dei lavori non si raggiunga o venga meno il numero legale, la seduta verrà rinviata al giorno successivo in seconda convocazione senza ulteriore avviso.

Annunci

Sondaggi elettorali di fine novembre 2010 Euromedia ed EMG

Grazie ad Affari Italiani il riassuntivo di Euromedia Reserch l’istituto di fiducia del premier Silvio Berlusconi, guidato da Alessandra Ghisleri.
Il sondaggio dà il Popolo della Libertà al 29,1%, Lega Nord al 12,6%.
L’Udc di Casini al 6,2% batte Futuro e Libertà di Fini che scende al 5,4%.
Male ancora una volta il Partito Democratico, voisto al 24,5%. Bene l’Idv di Di Pietro al 6,6% e che vale più di Sinistra Ecologia Libertà di Vendola dato al 4,3%.
Area del non voto tra il 34 e il 38%.
La fiducia nel presidente del Consiglio è al 54,6%.
La rilevazione è stata effettuata il 26 novembre.

Sondaggio Euromedia Reserch

Riassuntivo Euromedia Reserch

Quella che segue è invece la rilevazione EMG per La7 effettuata tra il 23 ed il 25 novembre.

QUESTIONARIO

QUESITO n.1

Domanda : SUPPONGA DI ESSERE IN QUESTO MOMENTO NELLA CABINA ELETTORALE PER NUOVE ELEZIONI POLITICHE NAZIONALI. A PRESCINDERE DALL’EFFETTIVA ARTICOLAZIONE DELLE COALIZIONI, PER QUALE DI QUESTI PARTITI PENSA DI POTER VOTARE PER LA CAMERA DEI DEPUTATI.

Risposta: Federazione della Sinistra (1.1%); Il movimento Cinque Stelle (2.4%); I radicali (0.6%);I verdi (0.5%); Sinistra, Ecologia e Libertà (7.3%); Il Partito Socialista (0.8%); L’Italia dei Valori (5.6%); Il Partito Democratico (24.8%); L’Alleanza per l’Italia (1.0%); L’UDC (6.5%); L’Mpa (0.7%); La Lega Nord (11.9%); Il Popolo della Libertà (28.5%); La Destra (1.2%); Futuro e Liberta’ (6.0%); Altro (1.1%); Scheda bianca (2.3%); E’ indeciso/non sa (15.4%); Stima dell’affluenza (75.6%)

WikiLeaks, istruzioni per l’uso

Mentre cresce la tensione per la pubblicazione dei documenti riservati che potrebbero determinare una tempesta diplomatica globale, (l’ora X scatta alle 22.30 italiane), forse è utile fornire alcune informazioni minime:

Wikileaks (da leak, “perdita”, “fuga [di notizie]” in inglese) è un’organizzazione internazionale che riceve in modo anonimo, grazie a una “drop box” protetta da un potente sistema di criptaggio, documenti coperti da segreto e poi li mette in rete sul proprio sito web. Wikileaks riceve, in genere, documenti di carattere governativo o aziendale da fonti coperte dall’anonimato. L’organizzazione si occupa di verificare l’autenticità del materiale e poi lo pubblica tramite i propri server dislocati in Belgio e Svezia (due Paesi con leggi che proteggono tale attività), preservando l’anonimato degli informatori e di tutti coloro che sono implicati nella “fuga di notizie”.
Nonostante il prefisso “Wiki-“, il progetto non ha alcun legame con Wikimedia Foundation, l’organizzazione senza scopo di lucro che possiede i server di Wikipedia.
Wikileaks vuole essere “una versione irrintracciabile di Wikipedia che consenta la pubblicazione e l’analisi di massa di documentazione riservata”. Lo scopo ultimo è quello della trasparenza da parte dei governi quale garanzia di giustizia, di etica, di una più forte democrazia.
Il sito è curato da giornalisti, attivisti, dissidenti del governo cinese, scienziati. Comunque i cittadini di ogni parte del mondo possono e sono invitati ad inviare materiale “che porti alla luce comportamenti non etici di governi e aziende”.
Gran parte dello staff del sito, come gli stessi fondatori del progetto, rimangono anonimi.

da “Wikipedia

Questo il sito dell’organizzazione WikiLeaks (in inglese).

Il sito in italiano non è al momento raggiungibile.

Su ciò che potrà emergere dai documenti di cui è stata annunciata la pubblicazione, il nostro ministro degli esteri Frattini già mette le mani avanti:

Ci sarebbe materiale imbarazzante anche per l’Italia e oggi il ministro Franco Frattini suggerisce alla magistratura di “valutare seriamente” l’ipotesi di mettere sotto inchiesta chi dovesse pubblicarle«, poichè si tratta di notizie “frutto di reato”.”

“”Il capo di Wikileaks – dice il ministro degli Esteri in al Corriere della Sera – è sotto processo in almeno dieci Paesi ed è ricercato. E com’è noto le autorità americane hanno arrestato e messo sotto processo il responsabile di queste fughe”. Parla invece di una nuova forma di terrorismo il presidente dei deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto. “Nelle prossime ore – osserva in una nota – vedremo l’effettiva entità dell’operazione Wikileaks e quindi saremo in grado di dare una valutazione ponderata”. Frattini precisa che non commenterà “mai” notizie “frutto di un reato”, ma chiede “la consapevolezza di un interesse nazionale: anche perché è noto che il materiale copre fatti dal 2006 al 2009…”. Per il capo della diplomazia italiana i magistrati non dovrebbero invece indagare sul contenuto delle rivelazioni, anche se riguardasse dei reati: “Si tratterebbe di rivelazioni identiche a quelle che arrivano da una busta anonima inviata alla Procura dell Repubblica. Che fa un procuratore, indaga sulla base di un anonimo?”.”

da Il Giornale.

«I documenti che stiamo per pubblicare riguardano essenzialmente tutta le maggiori questioni in ogni Paese del mondo». Parola di Julian Assange, fondatore di Wikileaks, intervenuto in video alla terza conferenza annuale di giornalisti investigativi arabi ad Amman, in Giordania. Ha spiegato di non essere andato di persona perché «la Giordania non è il paese più sicuro quando si ha la Cia alle calcagna». «Nell’ultimo mese ho speso tutte le mie energie per preparare la pubblicazione della storia diplomatica degli Usa – ha aggiunto l’hacker australiano – e abbiamo visto come gli Stati Uniti hanno cercato di disarmare i possibili effetti che questi file avranno».

da “Corriere.It