Gaspare Pinco castellammarese dimenticato

Nel post precedente avevo anticipato che sarei ritornato sulla figura di Gaspare Pinco. La statura del personaggio è stata tale che molto materiale è finito negli archivi di polizia e più volte risulta citato in studi e ricerche sia sull’antifascismo che, negli anni successivi alla liberazione, in relazione a vicende legate alle lotte bracciantili.

Di particolare interesse l’appassionato ritratto che ne fa l’avvocato Nino Marino nel suo “FAME DI TERRA E SETE DI LIBERTA’” (Trapani 2009), ritratto che occupa buona parte del quinto capitolo del volume e che di seguito vi ripropongo integralmente:

Da Tunisi a Ventotene

Era del 1910, di Castellammare del Golfo. Morì a Trapani, vittima di un incidente stradale nel 1978.
Conoscevo un po’ alla larga e comunque non molto direttamente Gaspare Pinco. Sapevo che era un comunista, e lo ritenevo un personaggio minore.
Frequentando anche da giovane le sedi del movimento, s’era tra la fine degli anni cinquanta ed i primi dei sessanta, lo vedevo mi pare all’I.N.C.A., l’Ente di
assistenza della CGIL.
Quando entrai nei Partito, di lui non c’era traccia.
Qualche cosa, di straforo, diceva suo figlio, Carlo Marx appunto. Ma presi quel nome come un omaggio al mito.
Nulla di più. Romanticismo un po’ naif, mi pareva.
Ed invece, non lo sapevo, Gaspare Pinco era un desaparecido. Una vita eroica.
Fu raccogliendo carte per scrivere questo racconto, che ritrovai il manoscritto di Filippo Cilluffo che ho citato.
E lessi che:

nella provincia di Trapani la geografia della lotta ha i suoi centri più vivi a Castelvetrano, a Mazara, a Salemi e
sul Belice; i suoi protagonisti sono da un lato i vari Gaspare Pinco o Ignazio Adamo…

Beh, mi dissi, se un fine e colto intellettuale come Filippo Cilluffo fra i tanti cita solo Pinco, ed assieme ad Ignazio Adamo che, vedremo, fu una figura molto
importante, Pinco qualche cosa di serio sicuramente fece.
E andai dal figlio. Che mi narrò la storia e mi confessò, maledetto lui!, che aveva perso gran parte dell’archivio del padre.
Il quale, ve la dico subito, era stato clandestino a Tunisi, confinato a Ventotene, espatriato a Marsiglia, staffetta in Spagna, la tortura nelle galere tunisine gli rovinò per sempre un’anca.
Fu riconosciuto come “perseguitato politico” e ne ebbe la pensione.
e la racconto con le parole di Carlo Marx.
Gaspare Pinco veniva da una famiglia socialista e fu educato sin da ragazzino alla libertà ed a ribellarsi al sopruso. Ad indignarsi. Che è verbo nobile.
Oltre il padre, ad educarlo a questi valori fu un certo Peppino Stabile, uno dei primi comunisti castellammaresi.
Gaspare Pinco si iscrisse al Partito Comunista e ne costruì e sostenne la rete organizzativa durante la clandestinità.
Per fare le riunioni giravano in lungo per arrivare a qualche casolare di campagna. Una volta dovette seguire un compagno perché il luogo del convegno gli era sconosciuto. Arrivati ed entrati che furono, trovò un tizio con il fez in testa. Si sentì tradito e perduto in quella trappola. Se avesse avuto una pistola gli avrebbe sparato.
Ma il compagno che aveva organizzato la riunione lo tranquillizzò subito: “è un trucco per eludere la polizia, il compagno viene da fuori e in qualche modo per non fare insospettire s’è travestito da fascista…
Naturalmente la Polizia prima o poi lo individuò come comunista e, quando la stretta si fece più forte e capì che sarebbe stato arrestato, Pinco espatriò in
Tunisia, dove operava un centro dell’emigrazione politica clandestina.
Vi trovò, fra gli altri, Pietro Bongiovanni che nell’immediato dopoguerra, sarà il primo Segretario della ricostituita Federazione Comunista trapanese.
Lì c’era un gruppo importante dell’organizzazione del Partito Comunista all’estero: il Centro clandestino vi inviò a dirigerlo di volta in volta Velio Spano, Ambrogio Donini e Giorgio Amendola. Dirigenti stabili ne furono Loris Gallico e Maurizio Valenzi, quello che nel 1975 sarà il primo Sindaco comunista di Napoli.
Oltre a dirigere gli emigrati comunisti italiani ed alla fondazione de “Il Giornale” (ma guarda un po’!) e de “L’Italiano”, pubblicati sotto la copertura della “Lega italiana dei diritti dell’uomo”, lavorarono anche alla costruzione del Partito Comunista tunisino.
Non era cosa da poco, se un Tribunale tunisino/francese condannò a morte, per fortuna in contumacia, Velio Spano.
L’importanza del Centro estero tunisino fu nota anche ai fascisti: nel 1937 la sua sede, che agiva come il “Circolo Popolare Garibaldi” subì un assalto squadristico da parte di “cadetti e marinai fascisti” (c’era anche un’emigrazione legale) che uccisero il comunista Giuseppe Miceli.
A Tunisi Gaspare Pinco cominciò a fare “il rivoluzionario di professione”.
La cosa funzionò finché in Francia, della quale la Tunisia era colonia, ci fu un clima respirabile. Poi le cose si complicarono, e comunque sempre semiclandestini erano. Ad un certo punto fuggì dalla Tunisia. E si recò a Marsiglia.
Lì il Partito lo fece lavorare in un centro, semiclandestino anch’esso, che organizzava il valico in Spagna dei Volontari che arrivavano da tutto il mondo
per andare a combattere per la libertà e contro il fascismo.
I più arrivavano da tutto il mondo a Parigi, al Centro organizzato da Teresa Noce, la compagna di Luigi Longo, il Comandante Gallo, che invece era già in Spagna,
ricevevano un primo inquadramento logistico ed organizzativo e venivano mandati a Marsiglia.
Qui Pinco, assieme ad altri, li organizzava, li forniva del necessario, e li accompagnava in Spagna attraverso le clandestinità delle frontiere.
E come mai non ci restò in Spagna, Gaspare, a sparare ed a rischiare la pelle? Mi chiederete. Beh, una risposta ce l’avrei: per andare in Spagna ci voleva
coraggio, certo. Per organizzare in clandestinità quelli che ci andavano, oltre che il coraggio, occorrevano capacità e soprattutto affidabilità.
Fu Togliatti stesso, l’Alfredo inviato nel 1937 in Spagna dall’Internazionale Comunista come consigliere del Partito spagnolo, a sollecitare il rafforzamento
dell’invio dei Volontari per le Brigate Garibaldi.
Bene, per quel che ho capito, Gaspare Pinco fu un personaggio verso il quale i capi ebbero estrema fiducia.
Il centro comunista a Marsiglia subì poi l’intervento repressivo della Polizia francese. La “grande democrazia occidentale”, assieme all’Inghilterra, s’era dichiarata neutrale dinanzi alle prove generali del nazifascismo.
Speravano che, dopo la Spagna, toccasse all’URSS.
Gaspare Pinco fu condannato ed espulso.
Di tornare in Italia non se ne parlava. Sarebbe stato arrestato e spedito in galera.
Da Marsiglia s’imbarcò per Tunisi, dove era stato ricostituito il Centro estero, ma non vi poteva sbarcare, perché era stato schedato durante il primo soggiorno.
La nave arrivò ed attraccò, ma Pinco non scendeva: “mio padre stette accucciato sotto una scialuppa da dove poteva vedere la coppia di gendarmi che faceva la guardia: su e giù, giù e su per il molo. Ne contò accuratamente e più volte i passi e capì quando poteva scendere senza essere visto. Così fece e sbarcò per la seconda clandestinità a Tunisi. Sembra un film.
Ed in qualche film, infatti, quelle vite dovrebbero essere raccontate.
Poi fu nuovamente arrestato. Nelle prigioni tunisine fu selvaggiamente picchiato, condannato per la seconda volta ma ora spedito direttamente in Italia, dove
l’aspettava la Polizia fascista: processo, carcere e poi confino.
A Ventotene.
Assieme a Sandro Pertini, Umberto Terracini, Camilla Ravera, Mauro Scoccimarro, Luigi Longo, Altiero Spinelli….(Terracini e Ravera per vero erano tenuti in disparte…), insomma quelli che erano i capi dell’antifascismo, e poi diventeranno i capi della Resistenza e della Repubblica.
Presso l’Archivio Centrale dello Stato storici o giornalisti potrebbero reperire un voluminoso fascicolo intestato a “Pinco Gaspare”, alias “Pucci” nome delle sue battaglie clandestine. Io non ho il tempo, né l’attitudine.
Io racconti faccio. Tra un’Udienza ed un’altra…
A causa delle sue condizioni di salute conseguenti alle torture tunisine, a Ventotene fu ricoverato più d’una volta presso infermerie di fortuna. Ottenne di recarsi per un breve periodo di cura a Trapani, dove la moglie faceva la sarta.
Durante il soggiorno trapanese lo colsero lo sbarco degli americani, il 25 Luglio e la caduta –almeno qui- del regime fascista.
Si mise in contatto con quel che c’era del Partito, assieme a Pietro Bongiovanni che abbiamo già visto con lui a Tunisi, e ne divenne uno dei dirigenti.
Scelse, fu scelto per il fronte più caldo e decisivo della battaglia democratica in Sicilia e nella Provincia di Trapani. Fu mandato a dirigere la Federbraccianti. Per capire: numero uno il Segretario della Federazione del Partito, numero due il Segretario Provinciale della CGIL.
Numero due bis il Segretario Provinciale della Federbraccianti, il potente sindacato dei contadini tout court, poveri o meno poveri che fossero, senza o con un piccolo fazzoletto di terra.
Le occupazioni delle terre quindi.
Ancora a diversi e diversi anni di distanza -racconta Carlo Marx Pinco- mio padre era morto da tempo, mi capitava sia a Vita che a Salemi dove andavo per ragioni del mio lavoro, di presentarmi come Pinco appunto, e subito mi si chiedeva se fossi figlio di quel Pinco che ricordavano per averli accompagnati e difesi nell’occupazione di un feudo e nella divisione di un prodotto”.
Fu eletto nel 1952 Consigliere Comunale a Trapani nella lista unitaria di sinistra della “Rinascita”. Aveva da poco fondato nella Trapani più sconosciuta al P.C.I., quella attorno alla Via Fardella, una Sezione intitolata a Santi Milisenna, un comunista ennese, uno dei primi capilega contadini a cadere, nel ’44, sotto le lupare congiunte, quelle vere e quelle metaforiche, di mafiosi ed agrari.
Pinco in quelle elezioni non era nella testa di lista, capeggiata da Simone Gatto e Leonida Mineo, che lascerà il Consiglio nel 1957. E perciò l’elezione dovette
guadagnarsela grazie alla popolarità: va ricordato che Pinco era da appena nove anni a Trapani, che veniva da Castellammare e dalla clandestinità.
Tra gli altri, nella “Rinascita” fu eletto Nicola Badalucco.
Badalucco allora dirigeva la Federazione socialista.
Poi, nel 1958, andò a Roma dove fu redattore dell’“Avanti!”. Approderà quindi al cinema, prima come sceneggiatore di Luchino Visconti e di altri importanti
registi, poi regista egli stesso. Fu tra gli sceneggiatori di Florestano Vancini nel “Bronte: cronaca di un massacro”, il primo ed immediato massacro di contadini nell’Italia appena consegnata ai Savoia. Quest’estate, incontrandolo, e parlandogli di questo mio racconto, sbottò che “Bronte” non solo era stato dimenticato, ma
che non se ne riesce a trovare nemmeno la copia.
La lista della Rinascita in quelle elezioni conquistò la maggioranza relativa con undici seggi. Fu l’ultimo sussulto di una certa Trapani di sinistra e laica. La
formazione cittadina della “Barca a vela” di Paolo D’Antoni, -più in là ne parlerò- che univa pezzi di borghesia laica delle professioni e del commercio, ebbe
sette seggi. Ma la soluzione era già dietro l’angolo: la Democrazia Cristiana nelle stesse elezioni, nonostante i nove seggi del M.S.I., balzò dai precedenti tre a sette consiglieri.
Poi venne il 1956, e Pinco entrò in rotta di collisione con la Federazione.
L’occasione fu l’Ungheria. Mio padre, me mi chiamò Carlo Marx, non Baffone: per quanto strano possa sembrare, Stalin, mi diceva, non l’aveva mai potuto sopportare. Ribelle com’era alla prevaricazione ed al sopruso, quel metro quadrato di medaglie sopra quel petto, gli pareva il massimo, quanto ad arroganza. Ma sull’Ungheria, nella Federazione di Trapani andò oltre la linea.
L’Avvocato Vincenzo Orlando che frequentò da giovanissimo a lungo le stanze della Federazione, con ruoli anche di primo piano, la ricorda così la cosa:
Pinco era un combattente, aveva già una storia. Era uno, come Gaspare Panicola di Campobello di Mazara come Nino Oddo di Erice, dell’ala dell’intransigenza quasi settaria, guardava a Mauro Scoccimarro, detestava Giorgio Amendola…Non parliamo dei mugugni quando cominciò a venir su Enrico Berlinguer…Nel Comitato Federale assumeva le posizioni più dure. Per l’Ungheria non solo solidarizzò con i sovietici, ma quasi aspettava che i carri armati da Budapest facessero qualche migliaio di chilometri più a sudovest…
La cosa probabilmente fu più profonda. Non si trattò solo dell’Ungheria, ma, a guardare anche le altre, contemporanee storie, si trattò anche dei feudi.
Forse non è un caso che Filippo Cilluffo faccia il nome di Pinco assieme a quello di Ignazio Adamo, il capo delle lotte contadine e la caduta più illustre del
cambiamento di linea che vi narrerò più avanti.
Gaspare Pinco venne rimosso dalla Segreteria della Federbraccianti.
Si mise a lavorare al Mercato Ortofrutticolo. Allora non c’era l’antimafia urbana, gli occhi non erano puntati su aste ed astatori, sul meccanismo estorsivo delle
mediazioni tra il contadino -sempre a quel mondo, guarda caso, Pinco rimase legato!- ed il mercatante.
Pinco però capì la cosa. Se ne uscì. Tornò a lavorare per un breve periodo prima presso l’I.N.C.A, quindi all’Alleanza Contadini.
Poi -la testa gli era rimasta là, dove c’era il marcio della sopraffazione mafiosa- poi si dedicò al Mercato Ortofrutticolo democratico, la S.C.O.T. (una struttura di intermediazione a forma cooperativistica) fondato, presieduto ed amministrato da Ignazio Adamo, al cui nome, dopo la morte, fu titolato.
Ma questa –come si dice- è un’altra parte della storia del movimento democratico della provincia di Trapani.
Sconosciuta.
Cosa rimane? Quel poco che sono riuscito a raccogliere, quel meno che sono stato capace di raccontarvi.
Ma rimane un monumento, la gloriosa e mitica “Guzzi 500”, di proprietà della CGIL trapanese, a bordo della quale fra trazzere, imboscate, lupare e manette i
compagni si scatenavano –cioè: “si toglievano le catene”- a tutto gas per raggiungere, organizzare e dirigere i contadini in lotta. Furono tanti, oltre che Gaspare Pinco, a smanettare quella “Guzzi”.
Carlo Marx l’ha comprata, e gli sta costando un occhio della testa, mi dice, di recuperarla e di rimetterla in funzione.”

Annunci

Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (15)

Udienza del 13 luglio 2011 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, in territorio di Valderice la sera del 26 settembre 1988 ed in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

Durante l’udienza vengono esaminati i testi: Nino Marino e Aldo Ricci.

In apertura di udienza vengono acquisiti i verbali di dichiarazioni rese durante l’istruttoria dall’editore di Rtc, Giuseppe Bulgarella, perché deceduto.

Primo teste è l’avv. Nino Marino il quale negli anni 80 svolgeva attività forense ed era dirigente del Pci, all’epoca del delitto era segretario provinciale del PCI, dirigente regionale ed era nella commissione antimafia presieduta dall’on. Violante all’interno della direzione nazionale del partito.

Mauro Rostagno, lo conobbe intorno alla mettà dell’86’, dice Marino, era un giornalista puntuale, accreditato e ascoltato, la frequenza con lui fu molto intensa e col tempo si stabilì un rapporto di interlocuzione che andò al di là del semplice dato politico. Dopo la morte di Mauro Rostagno tutti sono diventati suoi amici.

Quel 1988 fu un anno particolarmente intenso, terribile, perchè scandito da una serie di arresti di assessori e consiglieri comunali per tangenti, la scoperta della loggia Scontrino, ci colpì che questa cosa nascesse a Trapani, quasi in coincidenza, e si pensava anche da parte di Rostagno, in sostituzione di Castiglion Fibocchi (P2), erano gli anni in cui scende in Sicilia la struttura segreta Scorpio di Gladio, a Trapani c’erano 5 centri, è l’anno in cui si celebra il processo per l’omicidio di Vito Lipari.
Un anno in cui molto fattori si addensavano e che davano il segno di un cambiamento nei rapporti tra affari e malaffari, mafia e politica, e per questo il contatto con Rostagno era quasi quotidiano.

Rostagno stava facendo e stava preparando inchieste giornalistiche su questi temi. Fu pubblico il suo interesse nel seguire il processo per l’omicidio di Vito Lipari. Rostagno concordò e approfondì un nostro giudizio che l’omicidio Lipari (1980) segnava una rottura.
Vito Lipari era uomo dei cugini Salvo era il numero uno dell’espressione politica dell’influenza politica dei Salvpo, non si uccideva Vito Lipari se non per dare un colpo ai Salvo, poco tempo prima (1975) c’era stato il sequestro Corleo.

Rostagno iscrisse il delitto Lipari in questo quadro e ragionò che se questo fu deciso con il coinvolgimento di Santaparola, se questo era avvenuto ed avvenne a Trapani quello che si profilava come un nuovo potere all’interno della mafia a Trapani doveva essere molto forte.
Allora si pensava che capo mafia a Trapani era Minore, ed invece a quell’epoca capo mafia era già l’attuale imputato Vincenzo Virga, un passaggio che doveva restare segreto. Rostagno per questo ricevette minacce seguendo questa linea di intepretazione.

Rostagno esordisce sulla Iside 2 della quale subito si intuisce la pericolosità e la rilevanza, per i nomi che c’erano dentro Iside 2, nomi di mafiosi riconosciuti, credo anche ufficialmente tra i quali Mariano Asaro, Natale Lala, Agate, ed altri cle aleggiavano, tra i quali il commercialista Mandalari.
Rostagno esordisce su questa vicenda con un editoriale incredibile, per chi non lo conosceva, un editoriale di apparente sottovalutazione, nel quale si dicevano cose come: “si tratta di una manovra di Sergio Mattarella per colpire”, ecc., “io capii subito che era un depistaggio”, non poteva corrispondere al pensiero di Rostagno le banalità che disse in televisione, gli chiesi cosa c’era dietro, mi rispose debbo depistare, debbo fare finta che è una cosa stupida, voglio indagare ancora, non voglio essere scoperto per potere ricevere così notizie.
Qualche giorno dopo venne convocato dai carabinieri, i quali gli chiesero notizie dell’editoriale. Rostagno me ne parlò. Ricordo che mi diede questa immagine della biglia che viene sballottata nel flipper per via di quell’editoriale.
Io gli procurai un formale incontro con il giudice istruttore Nunzio Trovato, debbo dire leggendo quel verbale che Rostagno ricevette massima comprensione dal giudice.

Lui racconta al dott. Trovato che andò a fare una visita alla sede del circolo Scontrino per rendersi conto della Loggia, e lì in qualche modo, non so fino a che punto fu prudente, racconta al giudice che egli ebbe notizia della venuta qui in provincia di Trapani a Mazara la prima e Campobello la seconda di Licio Gelli ospite di Mariano Agate. Opinione di Rostagno era che Gelli venne per decidere qualche cosa, tornò per verificare.
I magistrati gli chiesero come lui lo aveva saputo, Rostagno rispose di non ricordarselo.
La convocazione dei carabinieri era sembrata anomala a Rostagno e una forma di intervento sul suo lavoro.

Io ricordo una preoccupazione visibile da parte di Mauro Rostagno, quando fu ucciso e trovato morto sulla piazza di Paceco un ragazzino, e fu arrestato un tale pacecoto. Il fatto destò allora impressione e Rostagno ne fece un pezzo di costume e una serie di servizi additando questo Barbera come autore dell’omicidio, se non chè questi fu scarcerato perché riconosciuto estraneo.
E Rostagno cominciò a ricevere una serie di lettere anonime e che lui attribuiva a questo presunto autore del delitto, per questa vicenda lo vidi colpito e preoccupato.

Poi lo vidi umiliato, da lontano, lui era già a Trento, per la vicenda Calabresi.

Con Cardella vi sono rapporti di conoscenza giovanile, continuati poi anche in età adulta. Difensore in processo che lo ha riguardato (truffa Saman) poi da allora non l’ho più visto.
La preminenza di Cardella su Rostagno era evidente, assieme li ho visti poche volte.
Cardella faceva delle feste di compleanno nella sua casa, io non andai mai, mi chiese perché non andavo, non sapevo cosa potesse significare questa comunità, il sospetto mio era quello che lui potesse essere in rapporti con servizi segreti anche stranieri.

All’inizio a Lenzi era una comunità di arancioni, era una cosa strana, c’erano sensazioni in giro per quegli anni che la Sicilia stesse diventando terra di ”attenzioni” internazionali.

Con Rostagno non parlai mai di Cardella, alcune vicende le appresi dopo da Carla Rostagno.

L’esame dell’avv. Marino prosegue a proposito del faldone di documenti, appena dallo stesso riconsegnati, all’avvocato di parte civile di Chicca Roveri.
Chicca me la diede il giorno di Natale del 1988, io la visionai, la conservai con cura, appunti manoscritti di Rostagno, ritagli di giornali, quotidiani, settimanali, sottolineature che rigurdavano i famosi cavalieri di Catania, i Salvo, qualche cosa credo che rigurdi l’on. Giunnella, in genere sulle vicende della mafia, oltre a questo c’era la fotocopia di una lettera che mi colpì, fotocopia di una lettera inviata presuntivamente da Rirì Gerbino, giramondo di Calatafimi, e negli anni ottanta ritornato anche lui in Sicilia, questa lettera ha una cosa strana che tiene timbro di entrata del 26 settembre 1988 (giorno dell’omicidio) ed era già aperta.
Il materiale sembra fosse stato raccolto dallo stesso Rostagno. La Roveri era commossa ma anche preoccupata in quel Natale del 1988. Chicca per il suo impegno nella ricerca della verità, era un possibile obiettivo di intimidazioni ed era preoccupata per la figlia.

Relativamente all’indagine sul delitto Calabresi Rostagno ne attribuiva l’origine ad una manovra dell’arma dei carabinieri nei confronti di Lotta Continua: “non ci hanno sciolti quando eravamo organizzati e ci vogliono sciogliere ora a distanza di 10 anni”
Non so se conosceva particolari specifici, non me ne disse.
Che la riteneva una manovra di destabilizzazione per operare una ricostruzione diversa della storia d’Italia degli anni 70′ questo lo percepii.

Le trasmissioni di Rostagno su Rtc erano seguite e molto popolari nella società trapanese.

Anche con Giuseppe Burgarella una antica frequentazione giovanile da parte di Nino Marino.
Burgarella era l’editore di Rtc, ma non sottovaluta la funzione che ebbe Caterina Ingrasciotta la moglie, era lei l’editrice di Rtc materialmente.
Puccio esercitava un peso e con la moglie aveva una buona interlocuzione, con Rostagno Bulgarella non aveva un ruolo censorio.
Secondo Marino, Bulgarella commise un errore di sottovalutazione, aveva ottimi rapporti con Claudio Martelli e con Ludovico Corrao e tramite Caterina Ingrasciotta pure con Giovanni Falcone, Bulgarella non aveva precisa contezza della mafia e della mafiosità.

Nel 90′ in Consiglio comunale vengono eletti al consiglio comunale di Trapani soggetti particolari tra i quali, Franco Orlando, arrestato, in Consiglio provinciale il consuocero di Messina Denaro, nelle liste del Psi a Castelvetrano viene eletto e nominato assessore uno dei generi di Messina Denaro.

Cambia la morfologia dei gruppi politici e dei gruppi criminali.

Continue erano le denuncie di Rostagno usando la cultura e l’arma del giornalismo sulle cose che non andavano nella città e sul perchè su queste cose c’era l’interesse della mafia, per esempio, l’invasione della monnezza della città.
Lui ebbe rapporti con altri due uomini politici di limpida cristallinità e di schieramenti diversi, con Michele Rallo e con un socialista Vincenzo Genna, più volte sindaco di Marsala, che fu il tramite che mise in contatto Rostagno con Paolo Borsellino.
Rostagno delle cose di mafia trapanese ne parlava con una certa cognizione essendo stato in precedenza in Sicilia, e a Palermo, da dirigente di Lotta Continua.

Secondo l’avv. Marino era forte l’interesse di Rostagno per Marsala, accenna allo scandalo che restò non chiarito del cosidetto Ente Teatro del Mediterraneo, Marino accenna ad un incontro tra Rostagno e Borsellino, fu sicuramente poco prima dell’estate del 1988 promosso da Vincenzo Genna, non conosco però i contenuti dell’incontro.
La provincia di Trapani era esposta e sospettata di essere luogo di sbarchi con una forte presenza navale in grado di camuffare determinati movimenti di armi e droga. In particolare Marino mostrò a Rostagno un articolo di Federico Rampini pubblicato su Rinascita, nel quale si ricostruiva l’intreccio tra servizi e traffici di armi e droga ed il coinvolgimento della mafia.
Rostagno all’epoca associava punti di contatto poi risultati provati tra Iside 2, Mazara del Vallo, traffico d’armi, porto.

Alla Provincia Regionale di Trapani Rostagno, aveva buoni rapporti con due presidenti democristiani: Gioacchino Aldo Ruggeri e Mario Barbara.
Relativamente alla provincia in quanto ente, Rostagno si occupò di una indagine di mafia su Mariano Agate che coinvolse un consigliere provinciale del Pri di Mazara, Girolamo Pipitone (poi prosciolto) il quale si dimise per intervento del presidente Ruggeri.

Cardella e il senatore Pizzo non si potevano vedere. Cardella era nel cerchio ristretto degli amici di Bettino Craxi.

Fin qui le risposte di Marino ai Pm e alle parti civili.

Tocca ora alla difesa.

L’avvocato Vezzadini chiede delle minacce che Rostagno avrebbe ricevuto da tale Barbera di Paceco intorno alla primavera 88′.
Probabilmente mi accennò anche a qualche telefonata di minaccia
La domanda successiva riguarda il faldone di documenti consegnati oggi alla Corte e che lui aveva avuto consegnati da Chicca Roveri per sapere se fosse stata consegnata copia anche ai carabinieri.

L’avvocato Ingrassia la prende molto alla lontana a partire dalla posizione di Rostagno intorno alle droghe, di Telescirocco e di Peppe Bologna, di missili a Comiso per continuare con la fonte delle visite di Licio Gelli a Trapani.
La pista di Gladio e dei servizi segreti deviati interessa il difensore di Virga, le domande poste portano a parlare di una presenza di Gladio a Santa Ninfa e di un possibile referente della struttura nell’allora comandante della stazione dei carabinieri Guazzelli, ucciso anni dopo ad Agrigento.
A Trapani in Via Virgilio, Pantelleria, Santa Ninfa ed altri due erano sedi di Scorpio struttura segreta interna alla struttura segreta Gladio.

Rispondendo all’avvocato Salvatore Galluffo, Nino Marino riferisce di avere appreso da Francesco Cardella che lo stesso Cardella viaggiando in aereo da Milano verso Trapani, la sera delll’omicidio Rostagno, l’onorevole Pellegrino, che viaggiava con lui, gli avrebbe detto che a suo parere quel delitto era cosa di servizi segreti.

E’ il turno del teste Aldo Ricci.

Aldo Ricci fiorentino pubblicista e scrittore liberal era amico di Francesco Cardella e Mauro Rostagno che aveva conosciuto già dal 1966 a Sociologia a Trento e che diresse Rtc per un mese dopo l’omicidio di Mauro Rostagno
Non ebbe conoscenza diretta di un litigio tra i due, ma lo apprese dopo l’omicidio e gli vennero fatte delle ipotesi assai diverse.

Ricci ha poi confermato nella sostanza se non nella forma il verbale del 1993.
Tra vuoti di memoria e difficoltà a mettere a posto le date infine Ricci ha dichiarato che: “Se continuano a rompermi i coglioni io dirò chi ha ammazzato Calabresi” (ucciso il 17 maggio 1972 a Milano), sarebbe una frase dettagli da Mauro Rostagno a Milano nel 1978, affermazione detta dieci anni prima della comunicazione giudiziaria, in un momento in cui Rostagno era, deriso per la gestione del locale Macondo, mi disse che se lo continuavano a deridere (dall’ambiente degli ex gruppuscoli dell’estrema sinistra) avrebbe raccontato quello che sapeva sul delitto Calabresi.
L’ostracismo in quel periodo nei confronti di Rostagno a Milano era palpabile.
Ricci ha riferito che Rostagno (vestito di arancione) venne a Firenze, forse nel 1977, in una intervista registrata su nastro e di cui dovrebbero esistere i nastri nel suo archivio e di cui alcuni stralci vennero pubblicati ne “I giovani non sono piante”, gli disse che non intendeva fare più politica, che aveva rotto ogni rapporto con gli ex compagni di Lotta Continua in particolare aveva rapporti tesi con Giorgio Pietrostefani.
In seguitò accettò l’offerta di Francesco Cardella rappresentante in Italia del movimento arancione e poi si recò a Puna.

Il giornalista Sergio Di Cori lo conobbe leggendo un pezzo di D’Avanzo su La Repubblica e ci trova nel pezzo l’agente Pampillonia che lo avrebbe portato dal Procuratore della Repubblica per fare dichiarazioni che sarebbero state secretate, una storia stranissima, a cui La Repubblica dopo pochi giorni si sottrasse.

Io lo avvicinai, per sapere i retroscena di cui lui avrebbe potuto essere a conoscenza, ma non si cavò un ragno dal buco.
Dopo di che il Di Cori si attaccò a lui e raccontò di essere un collaboratore dell’FBI, ma già al secondo incontro capii che era un mitomane pur se intelligente e spiritoso.
In seguito il Di Cori si mise con l’ex moglie di Aldo Ricci portandola sul lastrico.
La credibilità di Di Cori per Aldo Ricci è pari a zero.

Tra le persone vicine politicamente a Mauro Rostagno vi era sicuramente Marco Boato, non vi era Curcio con il quale vi era amicizia.

Rostagno non era un bacchettone come altri personaggi di Lotta Continua, come per esempio Marco Boato.
Rostagno aveva un modo di comportarsi e di vestirsi che non andava bene a quelli di Lotta Continua, mi pare che metteva un ombretto sugli occhi, portava braccialetti, andava vestito in modo vistoso.
Quelli di Lotta Continua non potevano essere dalla sua parte, perché i comportamenti erano diversi, Rostagno gli disse: “Per punizione Pietrostefani mi ha mandato in Sicilia, dove sono stato benissimo“.

Rostagno seguì la filosofia del santone indiano.

A proposito di Francesco Cardella, (un tipo geniale) con cui ci si vedeva in Via Plinio a Milano, nei quali aveva a disposizione due piani, una delle sue idee era di “vendere Dio attraverso pillole arancioni da distribuire in edicola in dispense settimanali“, in favore della Foundation del santone indiano, una sorta di multinazionale religiosa con sedi in diversi paesi.
Il responsabile e massima autorità morale e spirituale della Foundation in Italia era Cardella che veniva riconosciuto come tale anche da Rostagno.
Duro e sprezzante però il giudizio di Ricci su Francesco Cardella, definito gangster e pornografo in quanto aveva le rotative ad Opera, a Milano, in cui si stampava pornografia e aveva una spregiudicatezza assoluta.
Rostagno versava alla comunità il modesto stipendio che percepiva Rtc, a fronte di un Cardella che era un miliardiario con aereo, auto di lusso barche e traffici forse poco leciti, senza contare il Cammisa come guardia del corpo, un assaggiatore di droga della mafia.

Su Puccio Bulgarella, “una persona molto simpatica, con lui parlai del delitto Rostagno, io arrivai uno o due giorni dopo il funerale, non volli venire prima perché avrei incontrato Martelli, Boato, quelli di Lotta Continua, arrivai apposta due giorni dopo il funerale”, “Cardella mi portò a Rtc”, “dopo avere conosciuto Caterina Ingrasciotta che era la moglie e Bulgarella, andammo tutti in barca” e durante questa giornata Bulgarella mi disse che io mi dovevo togliere dalla testa che questo era un delitto mafioso, per delle caratteristiche balistiche, e la stranezza di una testimone che esce dalla macchina senza riportare una macchia, e che se fosse stata la mafia lui sarebbe venuto a saperlo, Bulgarella ripeteva questa cosa in modo categorico, ossessivo, per un mese mi disse questo.

Questo fino a quando all’arrivo di Martelli, loro (Burgarella, Cardella, la Roveri, Ricci viene escluso) si riuniscono a Lenzi, dopo un’ora viene fuori Bulgarella e mi dice che Martelli gli ha promesso un miliardo di pubblicità, abbiamo parlato del delitto, “non è stata la mafia con la ‘m’ maiuscola”, ma “una mafia, una mafietta, con la ‘m’ minuscola, qualche balordo“, io a quel punto me ne andai tre quattro giorni prima della scadenza del contratto.

La prossima udienza è fissata al 28 settembre, prima udienza dopo la sospensione estiva, in programma l’audizione dei testi: Rostagno Carla, l’Avvocato Lucio Ambrosino e Wilma De Federicis.

La precedente udienza del 13/07/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale

Vodpod videos no longer available.

Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (14)

Udienza del 29 giugno 2011 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, in territorio di Valderice la sera del 26 settembre 1988 ed in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

Durante l’udienza vengono esaminati i testi: Umberto Santino, Simona Pettorini e Angelo Palumbo.

In apertura di udienza il pm Del Bene ha prodotto un certificato di morte della teste Faconti Alessandra, che risulta deceduta il 4 ottobre del 2007.
Alessandra Faconti era un ex ospite di Saman. Palermitana, in alcune occasioni Mauro Rostagno le chiese collaborazione per ricerche sul territorio. Per cui transitano nel processo i verbali di dichiarazioni rese dalla Faconti all’autorità giudiziaria nel corso delle indagini.

Transitano anche i verbali sulla testimonianza di Antonello Marini che fu agente di scorta del giudice Falcone, a proposito di un incontro che Rostagno avrebbe avuto col magistrato a Palermo e che confermano la visita di Rostagno, accompagnato dalla Faconti, al giudice Giovanni Falcone.
Le parti concordano anche di acquisire i verbali delle testimonianze di Umberto Santino, presidente del centro di documentazione Peppino Impastato.

Poichè Umberto Santino è presente in aula le parti decidono di sentirlo ad integrazione delle testimonianze rese.

Umberto Santino riferisce dei contatti avuti con la Faconti incaricata da Mauro Rostagno,  al centro di documentazione Giuseppe Impastato. Mauro Rostagno era da lui conosciuto già dagli anni 70′ quando Rostagno dirigeva Lotta Continua a Palermo, e con lui era tornato a incontrarsi il 3 maggio dell’88’.
In quella occasione Rostagno gli fece una lunga intervista (circa cento domande) per uno speciale televisivo per RTC sul traffico internazionale di droga, ma che non sa se fu mai trasmessa.

Quando morì Rostagno si recò alla Saman e chiese se quella intervista fosse mai andata in onda, ma non seppe nulla, lo colpì la circostanza che in comunità nessuno sapeva della attività giornalistica di Rostagno e ne dedusse che lo stesso, in quel contesto, dovesse essere molto isolato.

In quell’incontro parlarono anche dell’editore di RTC di cui sapeva la famiglia essere coinvolta, per notizie di stampa, in fatti giudiziari, ma Rostagno gli rispose che era molto libero e non subiva pressioni.

Dell’attività giornalistica, svolta in una città dormiente ed assopita, lo colpì la volontà di Rostagno di fare controinfomazione, nel senso che egli non cercava le consuete fonti, ma come Impastato andava a cercare notizie tra gli stessi soggetti che potevano avere interessi rispetto alle cose delle quali si interessava. In proposito gli disse che tale approccio si poteva prestare a strumentalizzazioni, nel senso che a lui potevano riferire solo una parte delle cose o solo le cose che faceva comodo fare sapere.

Certamente il suo interesse era riservato alla folta presenza di sportelli bancari a Trapani, così come ai traffici di droga e di armi, a mafia e massoneria.

Nel corso della testimonianza Santino ha riferito dell’eccezionalità del personaggio Rostagno, grande uomo di cultura, capace di parlare con la gente e che in quel periodo non esisteva un giornalismo analogo a quello da lui condotto.

Nella comunità Saman non si sapeva nulla di Peppino Impastato. Il giorno dei funerali a cui intervennero tra gli altri Marco Boato e Claudio Martelli il Santino, avevo chiesto di potere parlare avendo conosciuto Rostagno ma non gli consentito.

Tempo dopo scrisse su un mensile dal titolo “Grande W”, a proposito della presenza di Claudio Martelli, che in quel funerale era stato compiuto un tentativo di “appropriazione indebita di cadavere”.

Santino produce quindi due comunicati stampa del centro Impastato risalenti al 1995 relativi ai rapporti tra mafia e massoneria a Trapani, prodotti a seguito della nomina ad assessore regionale dell’onorevole Francesco Canino e nei quali si richiama un articolo del Giornale di Sicilia del 1993 nel quale Canino diceva che non sapeva della presenze delle logge massoniche segrete a Trapani dietro le quinte del Centro Scontrino, di esserci andato una volta e in quella occasione di avere appreso della massoneria.

In quell’articolo, racconta Santino alla corte, Canino riferì della sua iniziazione, fatta con il rito del dito punto, questa dice Santino alla corte mi sembrò più una affiliazione mafiosa che massonica.

Tempo dopo l’omicidio, a seguito di una richiesta di Francesco Cardella se volessimo fare come Centro Impastato, qualcosa di simile a quello che avevamo fatto per Peppino Impastato risposi a Francesco Cardella che non ero un investigatore. La matrice mafiosa dell’omicidio di Mauro Rostagno, inoltre, era chiara sin dall’inizio e a quella data non mi sembrò evidente che si fosse messa in moto una macchina del depistaggio.

Santino ricorda che lui da Rostagno doveva essere intervistato altre due volte, dopo quella sul traffico internazionale di droga, doveva essere fatta una intervista sulla mafia omicida e un’altra sulla mafia finanziaria.

E’ il turno dell’ispettrice della Squadra Mobile Simona Pettorini che su delega del suo dirigente dottor Linares, su richiesta della procura, ha effettuato indagini, nel 2008, relative all’omicidio Rostagno, in particolare su: deposito di reperti, attività di intercettazione, escussione di testi e relativamente alle sorelle Fonte per sapere se avessero ricordo delle persone viste quel 26 settembre 1988.

Le sorelle Fonte in aula in precedenza avevano detto che interrogate alla Squadra Mobile nel 2008 o 2007 qualcuno fece loro vedere una foto.
La circostanza della esibizione della foto è negata dall’ispettore Pettorini che riferisce invece che le testi negarono di avere ricordo e quindi non fu aperto alcun verbale nè furono mostrate foto.

L’udienza si sospende alcuni minuti dopo un intervento dell’avv. Galluffo che contesta la presenza appena fuori della porta dell’aula dell’altro teste che deve essere sentito e che quindi avrebbe avuto maniera di ascoltare il contenuto della testimonianza in corso.

Il presidente Pellino chiama l’ufficiale giudiziario che riferisce di essere stato fuori dall’aula proprio per accertare che l’altro teste stesse a distanza dall’aula, assicura la corte che il teste non ha avuto modo di ascoltare la testimonianza, da fuori è impossibile ascoltare anche per il vociare che c’è nell’atrio.

La testimonianza dell’ispettrice Simona Pettorini resta concentrata su sollecitazione delle domande delle difese Galluffo e Ingrassia sulle modalità di riconoscimento fotografico. L’ispettrice continua a sostenere che avendo negato di essere in grado di riconoscere e di fornire una descrizione fisica le sorelle Fonte, risultava impossibile sottoporre alle testi degli album e che quindi non furono mostrati album ne foto singole.

E’ il turno della testimonianza dell’ispettore capo della Squadra Mobile Angelo Palumbo che nel 2008 con l’ispettrice Pettorini interrogò informalmente le sorelle Fonte allo scopo di capire se era possibile approfondire le loro pregresse testimonianze.
La delega della procura era di verificare se in relazione alle loro precedenti dichiarazioni erano in grado di dare ulteriori particolari interessanti per l’individuazione dei soggetti da loro visti nel settembre del 1988.

Le sorelle Fonte però non furono in grado di dare ulteriori elementi utili ma si limitarono a confermare i loro precedenti verbali.
Siccome l’incontro sotto l’aspetto investigativo fu inutile non fu scritto alcun verbale.
Anche l’ispettore Palumbo ha confermato che non furono mostrati album di fotografie.

Quando l’udienza sta per finire, l’avv. Carmelo Miceli (parti civili Elisabetta Roveri e Maddalena Rostagno) riferisce che in mattinata ha ricevuto dall’avv Nino Marino (già segretario della federazione del PCI di Trapani all’epoca dell’omicidio Rostagno) un voluminoso plico di atti relativi all’attività di Mauro Rostagno, l’avv.to Marino ha pregato l’avv. Miceli di consegnare quei documenti a Chicca Roveri che a suo tempo glieli aveva forniti, trattandosi di documenti personalmente redatti da Rostagno e considerata la possibile rilevanza dei documenti ne chiede l’acquisizione.

La prossima udienza è fissata al 13 luglio, ultima udienza prima della sospensione estiva, in programma l’audizione dei testi: Aldo Ricci, Rocco Messina, l’avv. Nino Marino e Piacenza Ignazio.

La precedente udienza del 15/06/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale

Vodpod videos no longer available.