Ha origini trapanesi il massimo esperto italiano di parolacce

Si chiama Vito Tartamella, ed è nato a Milano, ma di Trapani erano i genitori. Tartamella è uno psicolinguista, caporedattore della rivista scientifica Focus.
Nel 2006 ha pubblicato un libro dal titolo “Parolacce” – Perché le diciamo, che cosa significano, quali effetti hanno – Dai Babilonesi a Benigni 4.000 anni di imprecazioni, oscenità, insulti – In 43 lingue.

Il libro di Tartamella si sviluppa in dieci densissimi capitoli che affrontano il tema “parolacce” dal punto di vista linguistico, culturale, religioso e psicologico.
In ciascun capitolo l’autore affianca la trattazione scientifica ad esempi che rendono concreta l’idea di cosa si stia parlando.
Nella conclusione, Vito Tartamella individua dieci falsi miti sulle parolacce:

1. Le parolacce non sono un “vero” linguaggio.
2. Il turpiloqui non è essenziale per il linguaggio.
3. Il turpiloquio è brutto ma può essere eliminato.
4. Il turpiloquio è un problema moderno.
5. Bisogna proteggere i bambini dal turpiloquio.
6. Il turpiloquio è un problema degli adolescenti.
7. Il turpiloquio è un’abitudine delle classi basse e maleducate.
8. Si dicono più parolacce oggi che in passato.
9. Il turpiloquio è diffuso perché la gente non sa controllarsi.
10. Il turpiloquio è dovuto a scarso lessico e abilità linguistica.

Quella che segue è una eccellente intervista di Stefano Lorenzetto a Vito Tartamella per “Il Giornale

Il giornalista scientifico che scrive solo parolacce

Laureato alla Cattolica, è il massimo studioso italiano di turpiloquio. Redige la statistica delle imprecazioni più diffuse: “c…” al primo posto

Avvertenza per l’uso: le persone particolarmente sensibili sono invitate ad astenersi dal proseguire nella lettura. Qui, infatti, si narra di Vito Tartamella, 47 anni, compunto giornalista scientifico, caporedattore centrale del mensile Focus, che passa per essere il massimo esperto italiano di turpiloquio.

A porgli sul capo la corona (di spine) è stato il bavarese Reinhold Aman, residente in California, ex docente in scuole e atenei statunitensi, sicuramente l’autorità mondiale riconosciuta in tema di parolacce, avendo fra l’altro fondato Maledicta, rivista accademica dedicata allo studio del linguaggio offensivo, «uno scienziato squisito, mite, simpatico, che mi ha molto aiutato nelle mie ricerche», sparge incenso Tartamella.

I due si sono incontrati come relatori all’Università di Chambéry, in Francia, dove si tiene un convegno biennale per aggiornare la classifica planetaria delle scurrilità.
A tal proposito, premio subito i lettori licenziosi che sono arrivati al secondo capoverso informandoli che «Oh, merda!» , declinata in tutte le lingue, è in assoluto l’espressione rintracciata con più frequenza nelle scatole nere dopo i disastri aerei, mentre «cazzo» resiste al vertice delle preferenze italiche: «Già Italo Calvino aveva osservato che è una parolaccia di espressività straordinaria, senza pari in altri idiomi».

Tartamella ha compilato la statistica raffrontando migliaia di dati, «non posso per il momento rivelare quali, dico solo che non si tratta di citazioni tratte dai giornali o da Internet», e mostra come prova una spanna di tabulati che costituiranno la base del suo prossimo lavoro, dopo il bestseller Parolacce, studio di 380 pagine uscito nel 2006 che spiega perché le diciamo, che cosa significano, quali effetti hanno.

In un Paese dove il capo dello Stato teme che la violenza verbale porti all’eversione, la presidente della Camera ricorre alla polizia per difendersi dalle contumelie via Web e il direttore del Tg La7 chiude il suo account Twitter nauseato dagli improperi, i due tomi dovrebbero essere adottati come libri di testo nelle scuole.

Solo un laureato in filosofia uscito nel 1992 con 110 e lode dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, fondata da padre Agostino Gemelli, poteva affrontare con padronanza una materia includente persino le bestemmie. Il titolo della tesi che preparò con lo psicolinguista Ferdinando Dogana, Psicosociologia del cognome, nasceva da uno shock infantile.

«Sono figlio di un maresciallo maggiore della Guardia di finanza e di una maestra elementare originari di Trapani e, benché sia nato a Milano, i miei coetanei hanno sempre giocato sul mio cognome per offendermi in quanto terrone. Mi chiamavano Tarantella, Tartanella, Gargamella e io provavo un fastidio addirittura fisico per questo. Oggi non ci farei più caso. Ho persino ricevuto per posta una pubblicità indirizzata al signor Vino Tavernella».

A spronarlo verso il giornalismo fu il padre Giovanni, che nel 1986 incappò in un annuncio strabiliante – specie se riletto in tempi di crisi dell’editoria – apparso sul Cittadino, bisettimanale cattolico di Monza e Brianza: «Cercansi collaboratori». «Mi presentai al caporedattore. “Che sai fare?”. Studio filosofia. “Uhm. Che altro?”. Suono il pianoforte. “Ottimo. Ti occuperai di musica”. Alla terza stroncatura la mia carriera di recensore era già finita: me l’ero presa con un disco di Scialpi».

Ma Tartamella – oggi sposato con la collega Paola Erba di Rai News e padre di un bimbo di 5 anni – non si diede per vinto. Si buttò sulla cronaca, bianca e nera. Fu reclutato da Brianza Oggi, nuovo quotidiano dell’editore Giuseppe Ciarrapico, che però chiuse dopo un anno. Passò come abusivo al Giorno, infine fu assunto. Quattro anni al Corriere di Como, altri due al service Vespina di Giorgio Dell’Arti, poi l’approdo a Focus.

Come reagì il direttore Sandro Boeri quando gli spiegò che voleva occuparsi di parolacce?
«Mi disse: “Fantastico!”».

Un direttore veneto le avrebbe risposto: «Ma va’ in mona!».
«Era nata come idea per un servizio da affidare a qualche redattore. Alla fine è diventato un libro e un blog, http://www.focus.it/parolacce, che ci ha spalancato prospettive internazionali. La scrittrice americana Dianne Hales mi ha dedicato un capitolo nel suo volume La bella lingua».

Come mi regolo con lettori del Giornale, giustamente assai suscettibili? Metto i puntini di sospensione o no?
«Non saprei».

Ma non fa il caporedattore centrale?
«L’importante è che dal contesto si capisca ciò che dico».

Se scrivo c…o, non si capisce se sta parlando dell’organo davanti o di quello dietro.
«Io eviterei i puntini di sospensione. La censura rende più evidente la parolaccia, insegnava Claude Lévi-Strauss».

Però il lubrico Giacomo Casanova si limitava a nominare il c…o come «l’agente principale dell’umanità».
«Anche François Rabelais e Teofilo Folengo hanno dimostrato una maestria assoluta nell’uso delle parolacce. E tra il poeta settecentesco Giorgio Baffo, veneziano, e I soliti idioti non c’è confronto».

Lei sostiene che il c…o sia diventato nell’odierna civiltà, o inciviltà, una sorta di jolly linguistico.
«È così, ma aveva larga diffusione già nel Seicento, come attesta La rettorica delle puttane di Ferrante Pallavicino, canonico che fu fatto decapitare da Papa Urbano VIII per i suoi libelli irriverenti. Oggi, a seconda delle circostanze, può esprimere sorpresa, cazzo!, offesa, cazzone, elogio, cazzuto, rabbia, incazzato, approssimazione, a cazzo, dissapore, scazzo. Il corrispettivo femminile non gode certo di minore audience. Il professor Alessandro Roccati, egittologo alla Sapienza di Roma, ha raccolto un’antologia di insulti scritti nelle cappelle della necropoli menfita durante l’Antico Regno, in papiri della fine del secondo millennio e nei “testi delle piramidi”. Fra questi, ricorrono spesso vulva, figa fottuta, putrida allargata, detto di Iside, e femmina senza vulva, detto di Nefti. E stiamo parlando della dea della maternità e della dea dell’oltretomba».

In Parolacce ha messo come esergo una frase di Sigmund Freud: «Colui che per la prima volta ha lanciato all’avversario una parola ingiuriosa invece che una freccia è stato il fondatore della civiltà». Ne è convinto?
«Certo, perché ha spostato sul piano simbolico l’aggressione fisica. Benché anche una parolaccia possa essere assai distruttiva. Del resto si tratta di tabù, di parole vietate in quanto evocano emozioni e contenuti potenzialmente pericolosi per un gruppo sociale. Per questo la nostra civiltà ha stabilito che abbiano dei limiti d’uso di diversa gradazione. Ho condotto un sondaggio online su un campione di 2.600 soggetti ed è risultato che l’espressione va’ a cagare ha un impatto assai meno dirompente rispetto a figlio di puttana. Le più offensive sono le bestemmie».

Comprensibile.
«Però in Norvegia o in Svezia la blasfemia non esiste. Al contrario dell’Italia, che ne è la patria mondiale. Questo perché per secoli il concetto di divinità da noi ha coinciso con l’autorità dello Stato Pontificio. Si bestemmiava Dio per ribellione contro il Papa Re che ne incarnava visibilmente il Figlio sulla terra. Non a caso imprecare, nell’etimologia latina, significa pregare contro. Le parolacce sono sempre rapportate a concetti delicatissimi: vita, morte, sesso, malattie, religione, rapporti sociali».

Ma a che servono?
«A esprimere una reazione negativa, a verbalizzare un’emozione forte, spesso al di là delle nostre intenzioni. Mio padre perse per qualche mese la parola a causa di un ictus. Ciononostante quando s’arrabbiava gli usciva spontanea di bocca qualche volgarità. Un fatto ben noto ai neurologi: le parole sono controllate dall’emisfero sinistro, le parolacce da quello destro, che presiede all’emotività. Il danno cerebrale non aveva intaccato il secondo».

Davvero scegliamo le parolacce in base al loro suono?
«Si chiama fonosimbolismo, è una teoria linguistica. Il modo di articolare i fonemi imita la realtà. Prenda mucca: le prime due lettere ricordano il verso dell’animale, muu. Parolacce come cazzo, puttana, baldracca sono composte da consonanti occlusive. L’aria che giunge dalla trachea dapprima è ostacolata da queste lettere che ne aumentano la pressione intraorale, dopodiché viene violentemente espulsa, provocando una sorta di piccola esplosione. Sono le consonanti della forza e della durezza. Disgusto, rifiuto, disprezzo e condanna sono espressi invece con l’espulsione del fiato delle lettere fricative tipo la “f”: fanculo, fanfarone, fetente. Sono i fonemi del rifiuto, come uffa».

Ma perché le parolacce esercitano su di lei questo fascino?
«Potrei spiegarlo con un episodio dell’infanzia. Alle elementari una compagna di classe mi diede sulla testa l’atlante della De Agostini. Avvertii un dolore così forte, con una scossa dal gusto salato in bocca, che le urlai: puttana! Non avevo mai avevo pronunciato quella parola prima d’allora. Per me fu uno shock, ci stetti male tutto il giorno. In realtà, del turpiloquio m’interessa l’aspetto culturale, che coinvolge a 360 gradi storia della letteratura, linguistica, glottologia, psicologia, sociologia, neurologia, giurisprudenza, statistica».

Quanto avrà pesato il Vaffanculo-Day nell’ascesa di Beppe Grillo?
«Lo sdoganamento della parolaccia in politica risale alla notte dei tempi. Benito Mussolini non disdegnava la bestemmia. Suo genero Galeazzo Ciano nel 1939 definì Achille Starace, segretario del partito fascista, “un coglione che fa girare i coglioni” per la sua pedanteria. Bettino Craxi rivolse lo stesso epiteto a Renato Altissimo nel 1986. Nel 1984 il ministro degli Esteri tedesco, Joschka Fischer, disse al capo del Bundestag: “Con rispetto parlando, signor presidente, lei è un buco di culo”.

Umberto Bossi nel 1997 bollò l’ex ideologo leghista Gianfranco Miglio come “una scoreggia nello spazio”. Da lì in poi è stata una sparata continua. Le parolacce interpretano gli umori della piazza, si fanno capire da tutti. Il filosofo Arthur Schopenhauer nel saggio L’arte di insultare scrive che l’insulto è una calunnia abbreviata. Sono però un’arma a doppio taglio: accorciano le distanze a detrimento dell’autorevolezza. Per tornare a Grillo, la volgarità è un vettore che ti porta in orbita. Ma quando sei già arrivato nell’empireo, tanto da crederti il primo partito, non puoi più permettertela: ti danneggia».

Lei ha scovato espressioni forti persino nella Bibbia.
«Nel Libro di Malachia, fra le minacce rivolte ai sacerdoti infedeli, c’è anche quella di smerdarli: “Se non mi ascolterete, dice il Signore, io spezzerò il vostro braccio e spanderò sulla vostra faccia escrementi”».

Sparlano pure i medici.
«Un chirurgo e un anestesista hanno registrato di nascosto le imprecazioni dei colleghi in sala operatoria all’ospedale Berkshire di Reading, nel Regno Unito, assegnando punteggi diversi a bestemmie, riferimenti escrementizi e oscenità. I risultati, riguardanti 100 interventi, sono apparsi sul British medical journal. Su 80 ore e mezzo di attività chirurgica, in media si è totalizzato un punto, cioè una parolaccia, ogni 51,4 minuti. In una giornata di lavoro tipica, otto ore, gli ortopedici hanno totalizzato 16,5 punti, pari a una parolaccia ogni 29 minuti; i chirurghi generali 10,6; i ginecologi 10; gli urologi 3,1; gli otorinolaringoiatri 1».

Perché gli ortopedici sono sboccati?
«Un intervento dell’ortopedico dura in media 51,7 minuti, contro i 34,4 dell’otorinolaringoiatra, richiede grande fatica e l’uso di martelli, seghe e trapani, quindi il turpiloquio tende a uniformarsi a quello degli operai».

Non starà dilagando un’epidemia della sindrome di Tourette, che comporta l’incoercibile pulsione a pronunciare volgarità?
«Quella è frutto di un deficit neurologico. Tuttavia un qualcosa di contagioso il turpiloquio ce l’ha. Corriamo il rischio di un’inflazione della parola e della parolaccia, l’usura dei concetti e delle relazioni».

In Parolacce rivolge un ringraziamento finale alle «molte persone a cui ho rotto le balle». Perché ha scritto balle anziché coglioni?
«Mi rivolgevo anche a mia madre Margherita, che pur odiando le parolacce ha avuto il coraggio di leggere il libro in anteprima. Balle era più bonario da usare con gli amici che mi hanno aiutato. Insomma, spero proprio d’avergli rotto le balle, non i coglioni».”

E’ morto Francesco Cardella il “guru” di Saman

Francesco Cardella, 71 anni, di origine trapanese, noto al grande pubblico per i suoi legami con Mauro Rostagno e la comunità Saman di Lenzi in provimcia di Trapani, si è spento a Managua in Nicaragua dove risiedeva, stroncato da un infarto.
Ne ha dato notizia da Trapani, la sua famiglia d’origine.
Cardella, ex giornalista, era a Managua dopo che su di lui si erano addensati sospetti – poi rivelatisi non fondati – in relazione all’uccisione di Mauro Rostagno, avvenuta a Valderice il 26 settembre 1988.

Per approfondire la conoscenza di Francesco Cardella e del suo mondo, si riportano qui due interviste, la prima più recente è uno stralcio di una intervista di Maurizio Macaluso dell’aprile 2011 e pubblicata integralmente su il Corriere Trapanese:

“Francesco Cardella parla, per la prima volta, dall’apertura del processo ai presunti assassini del sociologo Mauro Rostagno ”Non ho mai trafficato ne’ con le armi ne’ con la droga. Non sono stato amico con nessun mafioso. Non ho mai rubato ne’ fatto danno, volontariamente, a qualcuno. Ho settantuno anni, faccio l’ambasciatore di questo paese che mi ospita, ho la madre – novantatrè anni, una fortuna! – due sorelle, una moglie, quattro figli, sette nipoti ed alcuni pronipoti. Ho anche alcuni amici che mi vogliono bene e che non mi hanno mai abbandonato”.

Non ho mai provato stima per Francesco Cardella. Se si svolge la mia professione e ci si è occupati delle vicissitudini di Saman non si può non avere riserve. Personaggio enigmatico ed ambiguo, amico dei potenti, nel passato rispettato e riverito, oggi osteggiato e da molti odiato. Se si vuole capire in quale contesto è maturata la morte di Mauro Rostagno, non si può però non ascoltare l’ex guru di Saman. Il suo nome è risuonato spesso nell’aula giudiziaria in cui si celebra il processo ai presunti assassini. Alcuni investigatori hanno avanzato dubbi e sospetti sulla condotta di Francesco Cardella insinuando il sospetto di un suo possibile coinvolgimento nel delitto. Lo abbiamo rintracciato a Managua, in Nicaragua, in cui da alcuni anni svolge l’attività diplomatica.

Signor Cardella, buongiorno, sta seguendo il processo per la morte di Mauro Rostagno? ”Lo sto seguendo attraverso i giornali e qualche conversazione con amici trapanesi. Per quel che riesco a capire – ma la distanza e la frammentarietà delle informazioni certo non aiuta – mi pare che ancora una volta ci sia, sulla vicenda, una certa confusione e qualche ipocrisia. Naturalmente il processo è ancora agli inizi e c’è da sperare che cominci a prendere forma l’accusa formulata contro i due imputati. Dico questo perché fino ad oggi, a mio parere, ci si è limitati a ripercorrere le varie dicerie e suggestioni che già negli anni Novanta allontanarono gli inquirenti dalla pista mafiosa. Un processo serve ad indicare i colpevoli e, di conseguenza, gli innocenti. E questo deve fare senza lasciare ombra a dubbi e senza incertezze. Rostagno è stato assassinato ventidue anni fa. E’ un tempo lungo, molto lungo, per coloro che lo hanno amato in vita. E’ un tempo insopportabile per chi, come me, è stato sfiorato – e pubblicamente – dal sospetto”.

Il suo nome, in realtà, è stato chiamato in causa diverse volte nel corso delle prime udienze del processo. Si è parlato dell’allontanamento di Mauro Rostagno dal Gabbiano, la palazzina in cui risiedevano i dirigenti di Saman. Perché lei diede quell’ordine? Avete davvero litigato a causa dell’intervista rilasciata da Mauro al mensile King? Francamente, si fa fatica a credere che si possa chiudere un’amicizia come la vostra per una banale intervista. La stessa Elisabetta Roveri ha avanzato dei dubbi. ”L’intervista a King fu spiacevole – come lo era stata una precedente rilasciata al Corriere della Sera – ma non chiuse nessuna amicizia. Del resto lo spostamento dal Gabbiano alle Nuove interruppe forse qualcosa? Mi fa specie che la stessa Elisabetta Roveri – che gestì tutta la vicenda – avanzi, come lei mi dice, dei dubbi. Fu Chicca ad indicare a Mauro la sua nuova abitazione. E fu sempre Chicca a dargli un bacio sulla fronte secondo le mie indicazioni. O quello era, secondo lo stile mafioso, il bacio della morte? Signor Maurizio Macaluso la richiamo fortemente al senso della realtà. Alla realtà che si viveva dentro la comunità Saman nel 1988 dove si assistevano tossicodipendenti e dove il simbolismo, che non era quello mafioso, ma quello spirituale e dunque piramidale, aveva le sue regole. Ma quali altri oscuri problemi immaginate ci fossero tra me e Mauro? Ma avete un qualche elemento reale, uno solo, che vi autorizzi ad insistere sulla famosa pista interna? Ho letto, da qualche parte, che il procuratore che rappresenta la pubblica accusa è noto per una sua teoria che sminuisce la ricerca del movente e teorizza la possibilità di ”moventi concorrenti”. In altre parole: un mafioso è incazzato con Mauro perché questi lo tormenta con i suoi servizi televisivi e decide di assassinarlo. Cardella è arrabbiato con Mauro per l’intervista rilasciata a King e…. E lì che vogliamo arrivare? O forse siamo già lì – seduti in questo spazio di una nuova giustizia – e cerchiamo un aggancio, un lapsus, una parolina?”. Mi creda, non ho tesi precostituite. Solo che di mafia al processo fino ad ora non si è parlato.

”Le credo e comprendo che lei, giustamente, si chiede: in questo processo non si parla di mafia ed invece viene spesso citato il mio nome. Come mai? Non è questa una anomalia grande come una casa che dovrebbe fare riflettere? Ma quando mai si è sentito dire che si fa un processo a due mafiosi accusati di avere ammazzato ventidue anni fa un giornalista divenuto celebre per un suo linguaggio innovatore contro la mafia e la corruzione nella provincia siciliana e non si dice una parola sull’attività del giornalista assassinato? E’ lei che deve riflettere su questa cosa mai vista. E’ lei, se veramente non ha pregiudizi, che deve chiedersi il perché di una grande anomalia e cominciare a darsi risposte”. Non c’erano soltanto le denunce televisive. Un testimone, Sergio Di Cori, sostiene che Mauro Rostagno avrebbe scoperto e filmato un traffico d’armi. La videocassetta sarebbe misteriosamente scomparsa dopo l’omicidio. Lei ha mai visto il filmato? ”Sergio Di Cori mente Sul perché menta ho avuto, nel tempo, interpretazioni differenti. All’inizio, pensai che fosse il solito imbecille attratto dalle luci della ribalta che si ficcava nel pasticcio Rostagno per avere il suo quarto d’ora di celebrità. Nel tempo ho cambiato opinione. C’è qualcosa di oscuro in tutta questa vicenda, qualcosa che comincia pochi minuti dopo la morte di Rostagno. Ho letto, per esempio, che la Roveri non fu interrogata durante le tre ore che trascorse nella stazione dei carabinieri di Napola. Non lo sapevo, Chicca non me ne parlò. Ricordo bene quella notte ed il lungo giro in macchina con la famosa Bentley che facemmo quando uscimmo dalla stazione dei carabinieri. Una pattuglia ci fermò e ci identificò”.

A proposito della Bentley. Diversi testi hanno riferito che lei era l’unico ad utilizzarla e che in sua assenza l’auto restava parcheggiata dentro la comunità. La sera del 26 settembre, quando Mauro Rostagno fu ucciso, lei era a Milano. Quando giunse a Trapani si precipitò alla caserma di Napola a bordo della Bentley. Come ha fatto se l’autovettura di Mauro Rostagno ostruiva l’uscita di Saman? “La Bentley veniva usata tutti i giorni per portare l’immondizia dalla comunità al munnizzaro di Napola. Quanto a quella sera, non saprei dire. Perché non lo chiede alla Roveri?”.

Signor Cardella, ha mai fatto parte dei servizi segreti? ”Io ho fatto molti mestieri nella mia vita ed un giorno, se vuole, ne parleremo. Ma non ho mai lavorato per i servizi segreti”.

La seconda intervista risale al 2003 è ad opera di Claudio Sabelli Fioretti e fu pubblicata sul magazine Sette del Corriere della Sera:

Francesco Cardella molti lo ricordano editore porno, oppure guru arancione, oppure amico di Craxi, oppure sospettato di aver fatto uccidere il suo migliore amico, Mauro Rostagno, oppure organizzatore di falsi corsi di formazione, oppure latitante in Nicaragua dove viveva su un albero e faceva il pittore e il biscazziere. Io ho un ricordo molto vecchio di lui. Nel 1974 venne a trovarmi insieme a sua moglie Raffaella Savinelli, figlia del re delle pipe. Dissi loro di entrare. «Fai entrare anche tuo figlio», dissi. «Non è mio figlio», disse Cardella. «È Bobo». «Fai entrare anche Bobo», insistetti. Si materializzò davanti a me un piccolo scimpanzé, Bobo, vestito di tutto punto, pantaloni e camicia. Andammo a mangiare a Brera, io, Raffaella, Francesco e Bobo. Francesco voleva affidarmi la direzione di Abc, mitico giornale della sinistra radicale, quello delle battaglie del divorzio e dell’aborto. «Quanto guadagni? Ti do il doppio». Roba da telefilm americano. Un milione al mese. Dissi: «Non vorrei cenare con Bobo». Raffaella prese Bobo e se ne andò. Andai ad Abc che portai velocemente alla chiusura. Sono passati trent’anni. Quando ho letto che Francesco era tornato e faceva il pittore (la sua mostra è alla galleria d’Ars di Milano) mi sono precipitato in Sicilia. Raffaella? «Morta tragicamente». Bobo? «Suicida in un fiume africano». Tu? «Eccomi qua». Francesco, hai ammazzato Rostagno? «Piano». Va bene, comincia da quando eri bambino. Ecco l’intervista a Francesco Cardella, interrotta ogni tanto da qualche domanda o simildomanda. Perché Cardella è logorroico.

«Trapani. Padre direttore delle Poste, madre pianista che aveva rinunciato alla carriera per sposarlo. Mio padre era un atleta che aveva il record italiano di salto in lungo. Dovette smettere per andare in guerra. La guerra fu un periodo bellissimo, contornato da donne che si occupavano di me perché gli uomini erano tutti al fronte. La notte cerano le pallottole traccianti, per noi era come vedere i fuochi d’artificio, cerano gli aerei che andavano a bombardare, c’era l’allarme e noi ci ficcavamo sotto i letti. Ci divertivamo tanto. Il mio primo giornale fu Telestar, un giornale di destra, mezzo mafioso. Prima l’università a Roma. Passavo la notte in giro, dolce vita, via Veneto, guadagnai i miei primi soldi quando bruciò l’albergo e la gente si buttava dalle finestre. Ero con un paparazzo, Alexis, fotografammo e vendemmo al Messaggero. Sopravvivevo facendo collaborazioni per Crimen, cronaca nera che parlava solo di delitti, mi davano dei ritagli dei quotidiani locali e io dovevo fingere di essere un inviato, ogni articolo diecimila lire che allora erano soldi. Alla fine andai a lavorare a Playmen, mensile di donne nude inventato da Saro Balsamo. Pagava bene. Ma le riunioni del venerdì sera erano drammatiche per un giovane come me».

Francesco, respira.
«Ero sempre l’ultimo a parlare, il più sfigato perché nessuno produceva idee e tutti mi guardavano speranzosi. Un giorno dissi: “Facciamo un fumetto su Supersex, un extraterrestre superdotato”».

Quello che quando raggiungeva l’orgasmo diceva: «Ifis cen cen?».
«Bravo, ti trovo preparato. Con Supersex guadagnai un sacco di soldi. Poi varie vicissitudini. Tipo il giornale porno per intellettuali. A Genova. Si chiamava Executive. Andai da Pasolini. Lui mi presentò la vecchia madre, mi tenne a colazione. E io gli spiegai l’idea di unire donne nude e articoli colti. Lui mi disse: “Bellissimo ma ho un casino di cose da fare”. Fu molto carino, molto pietoso. Invece di mandarmi a quel paese mi mandò da Enzo Siciliano. Che accettò con entusiasmo. Facemmo il primo numero, bellissimo, con scritti di Siciliano, Moravia, Pasolini. Moravia si incazzò a morte. Siciliano, traditore, voltagabbana, disse che non ne sapeva niente. Fine dell’esperimento erotico-intellettuale».

E poi?
«Jet, per l’editore Peruzzo, un giornale di cultura, che pubblicava Bulgakov e Màrquez e testi della sinistra extraparlamentare. Diventai amico di Rostagno, Sofri, Viale. Rostagno in seguito mi disse: “Meno male che non abbiamo vinto. Te lo immagini uno Stato con Sofri presidente del Consiglio?”. Rostagno aveva ragione. Te l’immagini ministro degli Interni Giorgio Pietrostefani, uomo oscuro e profondamente illiberale? E poi Rodeo Far West, una sorta di spettacolo Bernard Cornfeld dietro il quale c’era l’inventore dei fondi comuni d’investimento, un miliardario che aveva fatto società col suo barbiere e il suo violinista personale. Finì in un mare di debiti. Incontrai Antonio Cafieri, tipografo comunista. Facemmo Ora, il quotidiano che non si legge ma si divora. Dopo due mesi, debiti come piovesse. Bisognava rimediare. Con i giornaletti porno, Os, Ov, facemmo un sacco di soldi. A questo punto arrivò sul mercato Abc: 600 milioni. Noi andammo dal nostro distributore, Parrini, e gli chiedemmo 250 milioni. Con i quali demmo la caparra. Due settimane dopo gli dicemmo: “Ti possiamo portare anche Cronaca vera. Ci servono altri 400 milioni”. Parrini ci diede i 400 milioni. Pagammo i 350 che rimanevano e ci rimasero anche i soldi per cominciare a gestire Abc».

Una truffa.
«Certo. Ma i porno vendevano. Lui abbozzò e fu contento».

Come sei entrato nel giro dei socialisti?
«Mi portò Colucci, un deputato socialista. Io dissi a Bettino: “Ho Abc. Trovami un direttore importante”. E lui mi trovò Ruggero Orlando. Mettemmo un televisorino in tutte le edicole, “Buon giorno, vi parla Ruggero Orlando”. Andò bene ma aveva una moglie rompipalle che stava sempre in redazione e un giorno tirò un posacenere in testa al redattore capo. Ruggero Orlando si dimise. Io volevo che Abc entrasse nel mercato di Panorama e dell’Espresso. E chiamai te».

Tralascia. Conflitto di interessi.
«Tu eri troppo moralista. lo prendevo i soldi dalla Montedison e tu attaccavi Cefis. Il giornale perdeva 50 milioni alla settimana».

Tu giravi in Rolls.
«Chiuso Abc, per un anno incassai tantissimo. 50 milioni alla settimana. Poi un giorno me ne andai. Era un brutto periodo. Mia moglie mi aveva lasciato e se ne era andata con Bobo in Africa. In Italia c’erano ammazzamenti e terrorismo. Vedevo Rostagno, frequentavo Macondo, avevo comprato un palazzo nel centro di Milano, stavo con una ragazza comunista di Soccorso Rosso. Spendevo soldi, vivevo bene. Però mi chiedevo: che faccio della mia vita? Me ne andai in India dal Bagwan Rajneesh. Poi venne Rostagno. Per tre anni, dal ’78 all’81, sono stato arancione in India. Scaricavo barbabietole, lavavo i piatti, tagliavo il pane. Tagliare il pane era una cosa sufi, importante, ogni fetta doveva essere di 6 mm. Veniva la gente a vedere come tagliavo bene il pane. Poi un giorno il Maestro se ne andò in America. Io e Mauro tornammo in Italia, e ci dicemmo: “Apriamo un ombrello per tutti gli arancioni che non sanno dove andare. Ne arrivarono centinaia. Vivevamo in una mia grande villa in Sicilia, piscina, orti, alberi, si viveva insieme, si mangiava insieme, si dormiva insieme e poi si facevano tecniche di liberazione del corpo. La meditazione dinamica, immagino che tu la conosca».

Insomma.
«Si fa all’alba: iperventilazione del corpo, espressione della rabbia accumulata, salto lanciando le braccia in alto, e, ricadendo, grosso respiro per abbassare il diaframma. Quando il diaframma è basso è calma dell’anima, lo sai, no?».

Insomma.
«Cominciaî a fare il guru. Predicavo. Poi nacque l’idea di occuparsi dei tossicodipendenti».

Il tuo rapporto con i soldi?
«Da bambino, quattro anni, scoprii che qualcuno vendeva pezzo a pezzo un aereo caduto durante la guerra a un omino che passava con un carretto. Andai anch’io a smontare l’aereo ma gli altri mi cacciarono. Allora mi incazzai. Andai dal tipo del carretto e gli vendetti tutto l’aereo per mille lire».

Morale?
«Morale, io non sono mai stato né ricco né povero. Ma quando ho voluto avere soldi li ho avuti. Rajneesh diceva: “Essere ricchi è meglio che essere poveri”».

Mica male.
«Poi continuava: “Ma non sbattetevi troppo per la ricchezza. Può rubarvi la vita”. Ricordo Bettino che mi prendeva in giro. “Ma come? Io sto cambiando il Paese e tu ti occupi di trenta sfigati?”. Ma io sapevo che dovevo fare la Comunità. E la Comunità, quando hanno ammazzato Rostagno, ha cominciato a produrre un sacco di soldi. Fu un’isteria collettiva. Rostagno diventò un’icona. Io, di riflesso, venni illuminato dalla sua luce. Le donazioni private e le contribuzioni pubbliche cominciarono a piovere. Ci concedevano interi palazzi. Prima non mi filava nessuno. Dopo mi dettero l’Ambrogino d’oro».

Vi contestarono la bella vita, i due yacht, il Povero vecchio e l’Hallo Beta?
«Ci andavo con i tossicodipendenti. Perché non ci andavano loro, brutti figli di puttana, che se vedevano un tossico da lontano vomitavano? Tutto questo finì quando mi arrestarono per i corsi di formazione».

Inventati.
«Ma stiamo parlando di tossici, vi rendete conto? Nelle comunità c’era gente che curava gli orti. Allora ci inventavamo un progetto che diceva: “Il pomodoro stupendo, corso di formazione per imparare a coltivare i pomodori”. Dopo sette anni mi contestarono che la documentazione non era corretta. Una vergogna. Ho dovuto patteggiare per uscire di galera. Poi è partita l’indagine sul peculato. E poi mi hanno appioppato l’omicidio di Mauro, il mio più caro amico».

Tu hai ammazzato Rostagno?
«Io non sono uno che ammazza gli amici».

Chi ha ammazzato Rostagno?
«L’ho detto subito: la mafia. Rostagno cercava la morte eroica, aveva avuto gli avvertimenti. Anche altri ex di Lotta Continua cercavano la morte eroica. Come Sofri».

Sofri cercava la morte eroica?
«L’ho incontrato a Sarajevo. Faceva interposizione dove sparavano i cecchini. Gli dissi: “Stai cercando di farti ammazzare”».

Che cosa diceva Bettino del processo Calabresi, dell’accusa a quelli di Lotta Continua?
«Diceva: “Sono amici di Martelli”. Diceva anche: “Calabresi era un socialista”».

Perché sei scappato?
«Che dovevo fare? Volevano arrestarmi di nuovo. Guardami: sono in Italia. Libero. Hanno archiviato. Sono innocente. Perché dovevo fare della galera ingiusta? Quando il mio avvocato, Grazia Volo, mi invitò a presentarmi, io dissi che l’avrei fatto. E lei mi disse: “Grazie, grazie”. Erano anni strani in Italia, anni di collaborazione tra avvocati e Procure. A quel punto capii che era meglio andarmene. Avevo 10 mila dollari, e me ne andai in Nicaragua».

È poco credibile che non avessi una lira.
«Non pensavo che sarei dovuto andar via. Avevo intestato tutto alla Comunità».

Vivevi alla grande.
«Facevo una buona vita. Ma quando è finita non ne ho sofferto. Niente aereo privato? Pazienza».

A proposito di aereo.
«Il fantastico aereo con il quale spupazzavo Craxi aiutandolo a eludere le difficoltà dell’esilio».

Più esattamente: latitanza.
«È vero che Craxi ha viaggiato su questo aereo. Ma prima dell’esilio, quando era deputato».

Sei andato a trovarlo ad Hammamet durante la latitanza?
«Mia madre ha 85 anni. Ci davamo appuntamento a casa di Craxi, in Tunisia».
Eravamo rimasti in Nicaragua. «Mi sono messo a dipingere. Andavo a pescare, facevo il bagno, elaboravo il mio lutto».

Ti sei costruito una casa su un albero.
«Avevo un terreno con un bellissimo albero. Ho chiamato due o tre amici e abbiamo fatto la casa sopra l’albero, come quelle dei bambini. Ma la mia ha tre piani, l’acqua, la luce, il telefono, la parabola satellitare».

A Managua attaccano l’energia elettrica a un albero?
«Certo. Tutto regolare».

Lavoravi?
«Ho lavorato in una agenzia di pubblicità con Gabriele Pillitteri, fratello dell’ex sindaco di Milano. Poi abbiamo portato in Nicaragua degli aliscafi russi. Flop tutti e due. Alla fine ho comprato un po’ di terra che ho rivenduto. È andata meglio. E sono diventato biscazziere. Ho il 50 per cento di un piccolo casinò».

Sei tornato a fare soldi.
«La mia parte oscilla da 5 mila a 20 mila dollari al mese».

Giravi con un giaguaro al guinzaglio.
«Balle».

Hai comprato la cittadinanza in Belize.
«Mi è costata 20 mila dollari».

Hai comprato un passaporto falso.
«Sono stato assolto da questa accusa».

Perché sei tornato?
«Per mia madre e per riconquistare l’onore perduto».

Oggi politicamente che cosa sei?
«Vedo un Paese impegolato in una deriva autoritaria, dove, con le migliori intenzioni, Berlusconi realizza la sua visione del mondo».

Deriva autoritaria? Intendi dire regime?
«Ci sono i presupposti. E più insistono, più si crea il regime».

Insistono, chi?
«La sinistra. I giudici».

Se potessi votare?
«Io sono un uomo di sinistra, ma oggi mi sento più garantito da Berlusconi che da Rutelli».

Tu avevi la sensazione che il Psi di Bettino esagerasse?
«L’arroganza del potere c’era nei socialisti. Ma Bettino non era come i suoi colonnelli. I camerieri filippini in guanti bianchi, in ville lussuose con quadri antichi alle pareti pagate dal partito erano una scena più ridicola e farlocchia che arrogante».

Che mi dici del famigerato «tesoro» di Bettino?
«Dico che Raggio ha restituito un po’ di soldi, ma non tutti. Un dato: per tenere in piedi il partito erano necessari 80 miliardi all’anno.

Craxi era circondato da adulatori.
«ll più grande era Giuliano Amato. Voltagabbana istituzionale. Non sapeva da dove venivano i soldi? Come diceva Bettino: “Mente per la gola”. Di lui mi è rimasta impressa un’immagine. Seduti sui gradini dell’università di Palermo aspettiamo Bettino. Si sente un rumore di macchina, lui fa un balzo, si mette a correre, apre la portiera, si inchina: “Ah, caro Bettino!”. Ma anche Martelli non scherzava. Lo ha mollato facendo il patto con i magistrati. Ai funerali di Bettino l’ho incontrato: “Ah, caro Francesco”. “Ma quale caro Francesco, quando mi hanno arrestato hai detto che non mi conoscevi”. Attorno a Bettino c’era una corte di nani e ballerine. Caduto Craxi si sono squagliati».

Anche tu facevi parte dei nani e delle ballerine.
«No. Bettino mi ha sempre protetto da queste cose. Lui i nani e le ballerine li disprezzava».

Chi ricordi?
«Alda D’Eusanio. Era una pasionaria. Era anche muccioliniana».

Muccioli era un concorrente per te?
«Teorizzava l’opposto di quello che facevamo noi. Certo che all’inizio aveva fatto troppo il santone. Un giorno io e Rostagno gli dicemmo: “Tu avevi le stimmate, che facevi, ti tagliavi?”. E lui disse: “Che dovevo fare?”».

Ipotesi: se sulla torre ci fossero Berlusconi e Craxi, chi butteresti?
«Facile, salvo Bettino. Dopo Mussolini, è stato l’uomo politico italiano più importante del XX secolo secondo me. Ma Berlusconi non è antipatico».

Lo conosci?
«Qualche cena insieme a Bettino. Una volta, nel solito ristorante sui Navigli, Berlusconi mi guardò e disse: “Ma lei lo sa caro Cardella che sembra proprio un profugo polacco che beve il caffellatte?”. Silenzio. Tutti imbarazzati. E io gli risposi: “Silvio ti sbagli. Io non sembro, io sono un profugo”».”

Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (15)

Udienza del 13 luglio 2011 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, in territorio di Valderice la sera del 26 settembre 1988 ed in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

Durante l’udienza vengono esaminati i testi: Nino Marino e Aldo Ricci.

In apertura di udienza vengono acquisiti i verbali di dichiarazioni rese durante l’istruttoria dall’editore di Rtc, Giuseppe Bulgarella, perché deceduto.

Primo teste è l’avv. Nino Marino il quale negli anni 80 svolgeva attività forense ed era dirigente del Pci, all’epoca del delitto era segretario provinciale del PCI, dirigente regionale ed era nella commissione antimafia presieduta dall’on. Violante all’interno della direzione nazionale del partito.

Mauro Rostagno, lo conobbe intorno alla mettà dell’86’, dice Marino, era un giornalista puntuale, accreditato e ascoltato, la frequenza con lui fu molto intensa e col tempo si stabilì un rapporto di interlocuzione che andò al di là del semplice dato politico. Dopo la morte di Mauro Rostagno tutti sono diventati suoi amici.

Quel 1988 fu un anno particolarmente intenso, terribile, perchè scandito da una serie di arresti di assessori e consiglieri comunali per tangenti, la scoperta della loggia Scontrino, ci colpì che questa cosa nascesse a Trapani, quasi in coincidenza, e si pensava anche da parte di Rostagno, in sostituzione di Castiglion Fibocchi (P2), erano gli anni in cui scende in Sicilia la struttura segreta Scorpio di Gladio, a Trapani c’erano 5 centri, è l’anno in cui si celebra il processo per l’omicidio di Vito Lipari.
Un anno in cui molto fattori si addensavano e che davano il segno di un cambiamento nei rapporti tra affari e malaffari, mafia e politica, e per questo il contatto con Rostagno era quasi quotidiano.

Rostagno stava facendo e stava preparando inchieste giornalistiche su questi temi. Fu pubblico il suo interesse nel seguire il processo per l’omicidio di Vito Lipari. Rostagno concordò e approfondì un nostro giudizio che l’omicidio Lipari (1980) segnava una rottura.
Vito Lipari era uomo dei cugini Salvo era il numero uno dell’espressione politica dell’influenza politica dei Salvpo, non si uccideva Vito Lipari se non per dare un colpo ai Salvo, poco tempo prima (1975) c’era stato il sequestro Corleo.

Rostagno iscrisse il delitto Lipari in questo quadro e ragionò che se questo fu deciso con il coinvolgimento di Santaparola, se questo era avvenuto ed avvenne a Trapani quello che si profilava come un nuovo potere all’interno della mafia a Trapani doveva essere molto forte.
Allora si pensava che capo mafia a Trapani era Minore, ed invece a quell’epoca capo mafia era già l’attuale imputato Vincenzo Virga, un passaggio che doveva restare segreto. Rostagno per questo ricevette minacce seguendo questa linea di intepretazione.

Rostagno esordisce sulla Iside 2 della quale subito si intuisce la pericolosità e la rilevanza, per i nomi che c’erano dentro Iside 2, nomi di mafiosi riconosciuti, credo anche ufficialmente tra i quali Mariano Asaro, Natale Lala, Agate, ed altri cle aleggiavano, tra i quali il commercialista Mandalari.
Rostagno esordisce su questa vicenda con un editoriale incredibile, per chi non lo conosceva, un editoriale di apparente sottovalutazione, nel quale si dicevano cose come: “si tratta di una manovra di Sergio Mattarella per colpire”, ecc., “io capii subito che era un depistaggio”, non poteva corrispondere al pensiero di Rostagno le banalità che disse in televisione, gli chiesi cosa c’era dietro, mi rispose debbo depistare, debbo fare finta che è una cosa stupida, voglio indagare ancora, non voglio essere scoperto per potere ricevere così notizie.
Qualche giorno dopo venne convocato dai carabinieri, i quali gli chiesero notizie dell’editoriale. Rostagno me ne parlò. Ricordo che mi diede questa immagine della biglia che viene sballottata nel flipper per via di quell’editoriale.
Io gli procurai un formale incontro con il giudice istruttore Nunzio Trovato, debbo dire leggendo quel verbale che Rostagno ricevette massima comprensione dal giudice.

Lui racconta al dott. Trovato che andò a fare una visita alla sede del circolo Scontrino per rendersi conto della Loggia, e lì in qualche modo, non so fino a che punto fu prudente, racconta al giudice che egli ebbe notizia della venuta qui in provincia di Trapani a Mazara la prima e Campobello la seconda di Licio Gelli ospite di Mariano Agate. Opinione di Rostagno era che Gelli venne per decidere qualche cosa, tornò per verificare.
I magistrati gli chiesero come lui lo aveva saputo, Rostagno rispose di non ricordarselo.
La convocazione dei carabinieri era sembrata anomala a Rostagno e una forma di intervento sul suo lavoro.

Io ricordo una preoccupazione visibile da parte di Mauro Rostagno, quando fu ucciso e trovato morto sulla piazza di Paceco un ragazzino, e fu arrestato un tale pacecoto. Il fatto destò allora impressione e Rostagno ne fece un pezzo di costume e una serie di servizi additando questo Barbera come autore dell’omicidio, se non chè questi fu scarcerato perché riconosciuto estraneo.
E Rostagno cominciò a ricevere una serie di lettere anonime e che lui attribuiva a questo presunto autore del delitto, per questa vicenda lo vidi colpito e preoccupato.

Poi lo vidi umiliato, da lontano, lui era già a Trento, per la vicenda Calabresi.

Con Cardella vi sono rapporti di conoscenza giovanile, continuati poi anche in età adulta. Difensore in processo che lo ha riguardato (truffa Saman) poi da allora non l’ho più visto.
La preminenza di Cardella su Rostagno era evidente, assieme li ho visti poche volte.
Cardella faceva delle feste di compleanno nella sua casa, io non andai mai, mi chiese perché non andavo, non sapevo cosa potesse significare questa comunità, il sospetto mio era quello che lui potesse essere in rapporti con servizi segreti anche stranieri.

All’inizio a Lenzi era una comunità di arancioni, era una cosa strana, c’erano sensazioni in giro per quegli anni che la Sicilia stesse diventando terra di ”attenzioni” internazionali.

Con Rostagno non parlai mai di Cardella, alcune vicende le appresi dopo da Carla Rostagno.

L’esame dell’avv. Marino prosegue a proposito del faldone di documenti, appena dallo stesso riconsegnati, all’avvocato di parte civile di Chicca Roveri.
Chicca me la diede il giorno di Natale del 1988, io la visionai, la conservai con cura, appunti manoscritti di Rostagno, ritagli di giornali, quotidiani, settimanali, sottolineature che rigurdavano i famosi cavalieri di Catania, i Salvo, qualche cosa credo che rigurdi l’on. Giunnella, in genere sulle vicende della mafia, oltre a questo c’era la fotocopia di una lettera che mi colpì, fotocopia di una lettera inviata presuntivamente da Rirì Gerbino, giramondo di Calatafimi, e negli anni ottanta ritornato anche lui in Sicilia, questa lettera ha una cosa strana che tiene timbro di entrata del 26 settembre 1988 (giorno dell’omicidio) ed era già aperta.
Il materiale sembra fosse stato raccolto dallo stesso Rostagno. La Roveri era commossa ma anche preoccupata in quel Natale del 1988. Chicca per il suo impegno nella ricerca della verità, era un possibile obiettivo di intimidazioni ed era preoccupata per la figlia.

Relativamente all’indagine sul delitto Calabresi Rostagno ne attribuiva l’origine ad una manovra dell’arma dei carabinieri nei confronti di Lotta Continua: “non ci hanno sciolti quando eravamo organizzati e ci vogliono sciogliere ora a distanza di 10 anni”
Non so se conosceva particolari specifici, non me ne disse.
Che la riteneva una manovra di destabilizzazione per operare una ricostruzione diversa della storia d’Italia degli anni 70′ questo lo percepii.

Le trasmissioni di Rostagno su Rtc erano seguite e molto popolari nella società trapanese.

Anche con Giuseppe Burgarella una antica frequentazione giovanile da parte di Nino Marino.
Burgarella era l’editore di Rtc, ma non sottovaluta la funzione che ebbe Caterina Ingrasciotta la moglie, era lei l’editrice di Rtc materialmente.
Puccio esercitava un peso e con la moglie aveva una buona interlocuzione, con Rostagno Bulgarella non aveva un ruolo censorio.
Secondo Marino, Bulgarella commise un errore di sottovalutazione, aveva ottimi rapporti con Claudio Martelli e con Ludovico Corrao e tramite Caterina Ingrasciotta pure con Giovanni Falcone, Bulgarella non aveva precisa contezza della mafia e della mafiosità.

Nel 90′ in Consiglio comunale vengono eletti al consiglio comunale di Trapani soggetti particolari tra i quali, Franco Orlando, arrestato, in Consiglio provinciale il consuocero di Messina Denaro, nelle liste del Psi a Castelvetrano viene eletto e nominato assessore uno dei generi di Messina Denaro.

Cambia la morfologia dei gruppi politici e dei gruppi criminali.

Continue erano le denuncie di Rostagno usando la cultura e l’arma del giornalismo sulle cose che non andavano nella città e sul perchè su queste cose c’era l’interesse della mafia, per esempio, l’invasione della monnezza della città.
Lui ebbe rapporti con altri due uomini politici di limpida cristallinità e di schieramenti diversi, con Michele Rallo e con un socialista Vincenzo Genna, più volte sindaco di Marsala, che fu il tramite che mise in contatto Rostagno con Paolo Borsellino.
Rostagno delle cose di mafia trapanese ne parlava con una certa cognizione essendo stato in precedenza in Sicilia, e a Palermo, da dirigente di Lotta Continua.

Secondo l’avv. Marino era forte l’interesse di Rostagno per Marsala, accenna allo scandalo che restò non chiarito del cosidetto Ente Teatro del Mediterraneo, Marino accenna ad un incontro tra Rostagno e Borsellino, fu sicuramente poco prima dell’estate del 1988 promosso da Vincenzo Genna, non conosco però i contenuti dell’incontro.
La provincia di Trapani era esposta e sospettata di essere luogo di sbarchi con una forte presenza navale in grado di camuffare determinati movimenti di armi e droga. In particolare Marino mostrò a Rostagno un articolo di Federico Rampini pubblicato su Rinascita, nel quale si ricostruiva l’intreccio tra servizi e traffici di armi e droga ed il coinvolgimento della mafia.
Rostagno all’epoca associava punti di contatto poi risultati provati tra Iside 2, Mazara del Vallo, traffico d’armi, porto.

Alla Provincia Regionale di Trapani Rostagno, aveva buoni rapporti con due presidenti democristiani: Gioacchino Aldo Ruggeri e Mario Barbara.
Relativamente alla provincia in quanto ente, Rostagno si occupò di una indagine di mafia su Mariano Agate che coinvolse un consigliere provinciale del Pri di Mazara, Girolamo Pipitone (poi prosciolto) il quale si dimise per intervento del presidente Ruggeri.

Cardella e il senatore Pizzo non si potevano vedere. Cardella era nel cerchio ristretto degli amici di Bettino Craxi.

Fin qui le risposte di Marino ai Pm e alle parti civili.

Tocca ora alla difesa.

L’avvocato Vezzadini chiede delle minacce che Rostagno avrebbe ricevuto da tale Barbera di Paceco intorno alla primavera 88′.
Probabilmente mi accennò anche a qualche telefonata di minaccia
La domanda successiva riguarda il faldone di documenti consegnati oggi alla Corte e che lui aveva avuto consegnati da Chicca Roveri per sapere se fosse stata consegnata copia anche ai carabinieri.

L’avvocato Ingrassia la prende molto alla lontana a partire dalla posizione di Rostagno intorno alle droghe, di Telescirocco e di Peppe Bologna, di missili a Comiso per continuare con la fonte delle visite di Licio Gelli a Trapani.
La pista di Gladio e dei servizi segreti deviati interessa il difensore di Virga, le domande poste portano a parlare di una presenza di Gladio a Santa Ninfa e di un possibile referente della struttura nell’allora comandante della stazione dei carabinieri Guazzelli, ucciso anni dopo ad Agrigento.
A Trapani in Via Virgilio, Pantelleria, Santa Ninfa ed altri due erano sedi di Scorpio struttura segreta interna alla struttura segreta Gladio.

Rispondendo all’avvocato Salvatore Galluffo, Nino Marino riferisce di avere appreso da Francesco Cardella che lo stesso Cardella viaggiando in aereo da Milano verso Trapani, la sera delll’omicidio Rostagno, l’onorevole Pellegrino, che viaggiava con lui, gli avrebbe detto che a suo parere quel delitto era cosa di servizi segreti.

E’ il turno del teste Aldo Ricci.

Aldo Ricci fiorentino pubblicista e scrittore liberal era amico di Francesco Cardella e Mauro Rostagno che aveva conosciuto già dal 1966 a Sociologia a Trento e che diresse Rtc per un mese dopo l’omicidio di Mauro Rostagno
Non ebbe conoscenza diretta di un litigio tra i due, ma lo apprese dopo l’omicidio e gli vennero fatte delle ipotesi assai diverse.

Ricci ha poi confermato nella sostanza se non nella forma il verbale del 1993.
Tra vuoti di memoria e difficoltà a mettere a posto le date infine Ricci ha dichiarato che: “Se continuano a rompermi i coglioni io dirò chi ha ammazzato Calabresi” (ucciso il 17 maggio 1972 a Milano), sarebbe una frase dettagli da Mauro Rostagno a Milano nel 1978, affermazione detta dieci anni prima della comunicazione giudiziaria, in un momento in cui Rostagno era, deriso per la gestione del locale Macondo, mi disse che se lo continuavano a deridere (dall’ambiente degli ex gruppuscoli dell’estrema sinistra) avrebbe raccontato quello che sapeva sul delitto Calabresi.
L’ostracismo in quel periodo nei confronti di Rostagno a Milano era palpabile.
Ricci ha riferito che Rostagno (vestito di arancione) venne a Firenze, forse nel 1977, in una intervista registrata su nastro e di cui dovrebbero esistere i nastri nel suo archivio e di cui alcuni stralci vennero pubblicati ne “I giovani non sono piante”, gli disse che non intendeva fare più politica, che aveva rotto ogni rapporto con gli ex compagni di Lotta Continua in particolare aveva rapporti tesi con Giorgio Pietrostefani.
In seguitò accettò l’offerta di Francesco Cardella rappresentante in Italia del movimento arancione e poi si recò a Puna.

Il giornalista Sergio Di Cori lo conobbe leggendo un pezzo di D’Avanzo su La Repubblica e ci trova nel pezzo l’agente Pampillonia che lo avrebbe portato dal Procuratore della Repubblica per fare dichiarazioni che sarebbero state secretate, una storia stranissima, a cui La Repubblica dopo pochi giorni si sottrasse.

Io lo avvicinai, per sapere i retroscena di cui lui avrebbe potuto essere a conoscenza, ma non si cavò un ragno dal buco.
Dopo di che il Di Cori si attaccò a lui e raccontò di essere un collaboratore dell’FBI, ma già al secondo incontro capii che era un mitomane pur se intelligente e spiritoso.
In seguito il Di Cori si mise con l’ex moglie di Aldo Ricci portandola sul lastrico.
La credibilità di Di Cori per Aldo Ricci è pari a zero.

Tra le persone vicine politicamente a Mauro Rostagno vi era sicuramente Marco Boato, non vi era Curcio con il quale vi era amicizia.

Rostagno non era un bacchettone come altri personaggi di Lotta Continua, come per esempio Marco Boato.
Rostagno aveva un modo di comportarsi e di vestirsi che non andava bene a quelli di Lotta Continua, mi pare che metteva un ombretto sugli occhi, portava braccialetti, andava vestito in modo vistoso.
Quelli di Lotta Continua non potevano essere dalla sua parte, perché i comportamenti erano diversi, Rostagno gli disse: “Per punizione Pietrostefani mi ha mandato in Sicilia, dove sono stato benissimo“.

Rostagno seguì la filosofia del santone indiano.

A proposito di Francesco Cardella, (un tipo geniale) con cui ci si vedeva in Via Plinio a Milano, nei quali aveva a disposizione due piani, una delle sue idee era di “vendere Dio attraverso pillole arancioni da distribuire in edicola in dispense settimanali“, in favore della Foundation del santone indiano, una sorta di multinazionale religiosa con sedi in diversi paesi.
Il responsabile e massima autorità morale e spirituale della Foundation in Italia era Cardella che veniva riconosciuto come tale anche da Rostagno.
Duro e sprezzante però il giudizio di Ricci su Francesco Cardella, definito gangster e pornografo in quanto aveva le rotative ad Opera, a Milano, in cui si stampava pornografia e aveva una spregiudicatezza assoluta.
Rostagno versava alla comunità il modesto stipendio che percepiva Rtc, a fronte di un Cardella che era un miliardiario con aereo, auto di lusso barche e traffici forse poco leciti, senza contare il Cammisa come guardia del corpo, un assaggiatore di droga della mafia.

Su Puccio Bulgarella, “una persona molto simpatica, con lui parlai del delitto Rostagno, io arrivai uno o due giorni dopo il funerale, non volli venire prima perché avrei incontrato Martelli, Boato, quelli di Lotta Continua, arrivai apposta due giorni dopo il funerale”, “Cardella mi portò a Rtc”, “dopo avere conosciuto Caterina Ingrasciotta che era la moglie e Bulgarella, andammo tutti in barca” e durante questa giornata Bulgarella mi disse che io mi dovevo togliere dalla testa che questo era un delitto mafioso, per delle caratteristiche balistiche, e la stranezza di una testimone che esce dalla macchina senza riportare una macchia, e che se fosse stata la mafia lui sarebbe venuto a saperlo, Bulgarella ripeteva questa cosa in modo categorico, ossessivo, per un mese mi disse questo.

Questo fino a quando all’arrivo di Martelli, loro (Burgarella, Cardella, la Roveri, Ricci viene escluso) si riuniscono a Lenzi, dopo un’ora viene fuori Bulgarella e mi dice che Martelli gli ha promesso un miliardo di pubblicità, abbiamo parlato del delitto, “non è stata la mafia con la ‘m’ maiuscola”, ma “una mafia, una mafietta, con la ‘m’ minuscola, qualche balordo“, io a quel punto me ne andai tre quattro giorni prima della scadenza del contratto.

La prossima udienza è fissata al 28 settembre, prima udienza dopo la sospensione estiva, in programma l’audizione dei testi: Rostagno Carla, l’Avvocato Lucio Ambrosino e Wilma De Federicis.

La precedente udienza del 13/07/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale

Vodpod videos no longer available.

La Lega e le palle made in China

Fatti in Cina i gadget con marchio Milano

Magliette, cappellini, addobbi per l’albero di Natale: tutti prodotti in estremo Oriente

Il brand Milano è made in China. T-shirt, felpe, cappellini. Perfino le palle per addobbare gli alberi di Natale. Con il logo del Comune ma con marchi di fabbrica sparsi tra Bangladesh, Cambogia e, appunto, Cina. Il made in Italy si salva in parte grazie al panettone. Ma neanche il simbolo di Milano può vantare origine lombarde. È prodotto in Veneto, a Vicenza per la precisione. La scoperta del brand Milano «globalizzato» si deve al consigliere pd Pierfrancesco Maran. «Viene da pensare che la tradizione tessile lombarda non sia in grado di produrre nemmeno una felpa, tra l’altro venduta alla bellezza di 40 euro». «Siamo sicuri – chiede provocatoriamente Maran – che sia un buon modo di promuovere la nostra città vendere ai turisti prodotti realizzati nel sud-est asiatico sbandierandoli per prodotti milanesi?». La richiesta è perentoria: Morelli si dimetta, «di assessore come lui c’è più bisogno in Cambogia che a Milano».

L’assessore leghista però non si scompone: «Sono le leggi di mercato a dire che solo se ti affidi a una grande impresa di distribuzione i tuoi prodotti finiscono in tutto il mondo. Ed è quello che abbiamo fatto. Ci siamo affidati a una società esterna nel rispetto di tre principi fondamentali. La promozione dell’immagine della nostra città, l’alta qualità delle merci, e la loro distribuzione nei circuiti commerciali internazionali». La difesa dell’assessore lumbard si conclude con una stoccata all’ex premier del centrosinistra: «Esistono precise normative comunitarie sul libero mercato varate quando a capo della Commissione europea c’era Prodi. Anzi, in un certo senso possiamo dire di essere vittime di Romano Prodi».

Anche Letizia Moratti «difende» il brand «mondializzato». «Viviamo in un mondo globale – commenta il sindaco in difesa del suo assessore – e ci sono già tante aziende milanesi e lombarde che hanno prodotto e producono i nostri prodotti. Questa credo sia una risposta di attenzione alle nostre imprese in un’ottica globale. Naturalmente possiamo intensificare la possibilità di dare lavoro alle nostre imprese, sempre in un ottica di mercato libero». Matteo Salvini, capogruppo del Carroccio, è però meno conciliante: «Ringraziamo il Pd per l’attenzione alle nostre iniziative. La loro segnalazione non va ignorata. Si tratta ora di richiamare la società licenziataria e di imporre che i gadget siano prodotti in Lombardia».

Andrea Senesi

12 gennaio 2011

da Corriere.it

Sull’attentato a Maurizio Belpietro una parola è poco e due son troppe

Questa è una nota di cronaca da “La Repubblica” dell’aprile 1995:

“Alle 9 del mattino del 14 aprile piove, e A. M., come ogni giorno, raggiunge su una Croma blindata con autista l’abitazione del magistrato, un portone che affaccia in una via stretta, per raggiungere il quale si percorrono a piedi 20 metri limitati da una cancellata che protegge il giardino di una scuola materna comunale.

Racconta A. M. a “Repubblica”: «Percorro da solo il vialetto, citofono al dottor D’Ambrosio e gli dico che siamo arrivati. Quindi, vedo un tizio con l’impermeabile nel cortile dell’asilo. Prima penso: “Ecco un altro fesso come me che sta qui a prendere l’acqua”. Poi mi dico, ma se l’asilo è chiuso per le vacanze di Pasqua, che ci sta a fare? Allora ho impugnato la pistola e mi sono detto: “Adesso vado a vedere chi è questo”. A quel punto, ho visto quell’uomo che si chinava per raccogliere un fucile. Non so quale tipo di fucile, ma certamente un fucile. Forse un sovrapposto, forse una carabina.

Gli ho gridato qualcosa del tipo “fermo polizia”. Lui si è messo a correre. Ha girato l’angolo dell’asilo e io a quel punto ho preso il giro largo per evitare che mi sparasse nella pancia. È la prima cosa che ci insegnano al corso. Se uno svolta, non metterci subito dietro la faccia, perché lì ci può essere una pistola che ti aspetta. Invece, quando è rientrato nel mio campo visivo era già oltre un cancello e stava saltando su una moto su cui lo attendeva un complice».”

A. M. verrà promosso per aver sventato l’attentato al giudice D’Ambrosio da agente semplice ad agente scelto.

da “La Repubblica

Aggressione e Belpietro, D’Ambrosio: “Il suo caposcorta «salvò» anche me”

L’ex procuratore e oggi senatore del Pd: “Una storia che si ripete”

MILANO

«Alessandro? Lo conoscevo bene, certo era anche il mio caposcorta e mi sono stupito quando ho letto che ha sventato un agguato al direttore di Libero, visto che nel 1995 fu protagonista di un episodio analogo, un presunto attentato contro di me che lui sventò. Insomma mi son detto due volte la stessa storia, e la storia si ripete». A notare le “analogie” con i due episodi, che hanno avuto il medesimo protagonista è Gerardo D’Ambrosio, senatore del Pd, ed ex procuratore di Milano.

Alessandro N., il poliziotto che due notti fa ha sparato per tre volte contro il presunto aggressore di Maurizio Belpietro, poi scappato dal palazzo di via Monte di Pietà a Milano, è stato per molti anni la “tutela” dell’ex capo del pool di Mani Pulite. E anche con D’Ambrosio («un poliziotto scrupoloso, un professionista attento», spiega l’ex magistrato), l’agente si rese protagonista di un intervento clamoroso, anche allora unico testimone e protagonista di un agguato che si stava per consumare nei confronti del magistrato. «Era un mattino piovosissimo di aprile, il 14 aprile del 1995 – ricorda il senatore D’Ambrosio – Ero a casa e aspettavo come solito l’auto per andare in ufficio, in procura a Milano. Ricordo che Alessandro citofonò e mi disse “Procuratore non scenda resti su a casa”: mi affacciai alla finestra del mio appartamento. Il mio palazzo affaccia su un pezzo di strada che dà su una asilo e vidi soltanto un uomo che parlava con una donna all’interno dell’asilo. Non vidi assolutamente nulla, non mi accorsi di nulla».

«Poi, una volta in strada Alessandro, bagnato fradicio e in stato di alterazione, mi spiegò che aveva inseguito una persona proprio dentro l’asilo – prosegue il racconto di D’Ambrosio -, un uomo armato di fucile che poi aveva saltato un muro ed era scappato su una moto guidata da un complice. Ma io non mi accorsi di nulla. So che l’indagine non approdò poi a nulla, credo che il fascicolo fu aperto dal collega Pomarici (lo stesso magistrato che ha il fascicolo sul presunto attentato a Belpietro, ndr) e se non sbaglio successivamente la vicenda finì a Brescia». «Quello che mi ha stupito – spiega D’Ambrosio – oltre alla coincidenza delle due vicende, è il fatto che Alessandro abbia sparato tre colpi di pistola e a meno che non abbia fatto fuoco a scopo intimidatorio, un professionista, con una calibro nove parabellum difficilmente non colpisce il bersaglio da quella distanza. Comunque aspettiamo l’esito delle indagini».

Nell’indagine sull’attentato a D’Ambrosio, ci finì poi anche quella persona che lo stesso magistrato vide dalla finestra della sua abitazione parlare con una donna nell’asilo. Una ipotesi investigativa e giornalistica lo descrisse come un complice che era sul luogo per distrarre eventuali testimoni. «Quella persona che avevo visto – racconta l’ex capo del pool di Mani pulite – mi avvicinò successivamente al supermercato, abitava nella mia zona. Era un signore distinto, gentile che con ironia lieve mi disse: “Permette che mi presenti dottor D’Ambrosio? Io sono la persona che secondo qualcuno avrebbe dovuto partecipare al suo omicidio…“».

da “La Stampa

Viste per voi: le sculture di Angiola Tremonti

E’ stata inaugurata lo scorso 16 dicembre alla Galleria d’Arte Moderna di Milano la suggestiva mostra delle opere di Angiola Tremonti, pittrice, scultrice e designer, sorella del ministro dell’Economia. La mostra “Angiola Tremonti – Sculture 2000-2010“, sara’ aperta fino al 15 di ottobre alla Gam di via Palestro, nel centro di Milano.

L’esposizione, prodotta da Palazzo Reale e Galleria d’Arte Moderna, è curata da Luca Beatrice e presenta il ricco excursus creativo dell’artista milanese, il lavoro scultoreo dell’ultimo decennio dell’artista, un corpus realizzato con l’utilizzo di diversi materiali, quali: bronzo, acciaio e resina.

Angiola Tremonti predilige la scultura per esprimere un universo magico abitato da figure fiabesche: corpi femminili trasformati in alberi, conigli rappresentati con sembianze umane, e ancora, marmotte animate da una mano pensierosa.

Alle opere in bronzo e acciaio di grandi dimensioni collocate nel giardino e nel cortile della Villa Reale, si aggiungono le sculture in bronzo di medie dimensioni e in resina illuminata, allestite negli spazi espositivi interni.

Il giornalista e fotografo Domenico Asaro l’ha visitata per noi e ne ha tratto queste belle immagini.

foto Domenico Asaro

foto Domenico Asaro

foto Domenico Asaro

foto Domenico Asaro

foto Domenico Asaro

foto Domenico Asaro

Quanto amore nel Partito dell’Amore

IL PREMIER INTERVIENE SULL’AGGRESSIONE. E IL MINISTRO:«NULLA DI POLITICO»

Rissa tra i dirigenti del Pdl – Berlusconi invita alla calma
La Russa: «È sottobosco». Podestà: «Si tratta di nervosismi pre-elettorali»

MILANO – «Sarà stata «mezza sberla», come minimizza il ministro Ignazio La Russa. Ma ne è stato informato anche il premier Silvio Berlusconi che, stando a quelli che poi lo hanno sentito, non sarebbe stato contento dell’episodio. Il match avvenuto in viale Monza, che ha avuto per protagonisti il consigliere provinciale Gianni Stornaiuolo e il responsabile dell’organizzazione Doriano Riparbelli, ha lasciato imbarazzi e strascichi polemici. Riparbelli, l’aggredito, continua a tenere la bocca cucita. L’altra sera, però, è andato ad Arcore insieme al fidato consigliere del premier, Giancarlo Serafini, per riferire su quanto accaduto. Berlusconi avrebbe raccomandato di non dare risalto alla vicenda: anche perché, come lui stesso ha ammesso sfogandosi durante il pranzo di domenica per i 90 anni di Don Verzè, già al partito non hanno fatto buona pubblicità le vicende legate agli arresti di alcuni amministratori locali e il pasticcio sulle liste. Figuriamoci le risse.

Il ministro Ignazio La Russa, presente l’altra sera nella sede del Pdl di viale Monza anche se in una stanza diversa da quella trasformatasi in un ring, getta secchiate d’acqua sul fuoco: «Non c’è nulla di politico in quella vicenda, sono cose personali fra di loro». In realtà, stando alle ricostruzioni, l’alterco sarebbe stato scatenato da un rimprovero mosso proprio da La Russa sull’organizzazione di gazebo elettorali e della manifestazione del 25 marzo prossimo. «Assolutamente no — insiste il ministro — anche perché mi sono informato e mi risulta che i due si siano già chiariti e abbiano fatto pace. Sono questioni di sottobosco che non mi interessano e che non minano assolutamente l’unità del partito». Su questo, La Russa è categorico: «Lavoriamo in totale armonia con il coordinatore Guido Podestà e l’alleanza con il presidente Formigoni è saldissima». Anche Podestà, dal canto suo, sceglie la linea del basso profilo pur ammettendo che «all’interno di un partito ci possono essere momenti di tensione, soprattutto quando scatta il naturale nervosismo pre-elettorale». A chi però legge questo episodio come l’ennesima prova del fatto che la fusione fra An e Fi in Lombardia non sia ancora perfettamente riuscita e che ci sia qualche protagonismo di troppo da tenere a bada, Podestà replica seccamente: «Il processo di integrazione va avanti e quanto accaduto l’altra sera è già stato dimenticato».

Elisabetta Soglio 17 marzo 2010

da Corriere.it