A Castellammare vogliamo essere secondi ad Udine ?

Leggo su La Repubblica che il Comune di Udine, pioniere in Italia, ha deciso di mettere il web 2.0 a servizio dei cittadini e che i risultati sono eccellenti.
“ePart” si chiama il servizio, che significa “electronic partecipation”, e che consiste nella possibilità per i cittadini non solo di segnalare i problemi, ma di seguirne l’iter che porta alla loro soluzione.

La segnalazione del disservizio parte sul web ed arriva in tempo reale all’attenzione dell’ufficio competente, viene valutata e approvata e nel giro di pochi giorni una squadra interviene sul campo e risolve il problema. Il tutto, dal giorno della segnalazione, fino al momento della soluzione, viene segnalato sul sito.

“L’idea viene dal mondo anglosassone, ma è un’azienda del Sud, la Posytron Engineering di Reggio Calabria, ad averla sviluppata in Italia. Come spiega il Ceo, l’ingegner Alberto Muritano: “La nostra idea è quella della e. partecipation, di trovare cioè un modo per consentire ai cittadini di partecipare attivamente alla vita del comune. Tutti possono intervenire e segnalare delle criticità: una buca sulla strada, un lampione rotto, le strisce pedonali sbiadite, il frigorifero abbandonato per strada; e contemporaneamente tutti possono controllare l’efficienza della pubblica amministrazione perché sul sito si può vedere quanto tempo passa tra la segnalazione e la presa in carico”. Il sistema ePart consiste in un software che viene venduto in abbonamento e il prezzo è in funzione del numero di abitanti della città che ne fa richiesta: tremila euro per 10 mila persone; ventimila per 100 mila abitanti; sessantamila per un sistema che deve servire 400 mila cittadini.

A Udine quasi la metà delle segnalazioni riguarda la manutenzione delle strade; quasi il 12 per cento la segnaletica; l’11 i rifiuti, fino a scendere allo 0,7 di fastidi legati al rumore. “La gestione tradizionale – racconta Antonio Scaramuzzi, da dieci dirigente dei servizi informativi e telematici del comune di Udine, dunque spettatore del “prima” e del “dopo” – era spesso lenta e inefficiente. Adesso siamo tutti sulla pubblica piazza e tutti dobbiamo essere più responsabili e trasparenti, siamo insomma “obbligati” a prenderci cura della città, pena il calo della fiducia”. Con grande, pare, soddisfazione. Come racconta la cittadina-collaborativa Margherita Timeus: “Per me è stata una grande ed entusiasmante scoperta. Su un campo di tennis del Comune c’era la rete rotta e il paletto arrugginito [solo questo ?: nota di stupore di Diarioelettorale]; sono andata sul sito del Comune ed è stato come fare un videogioco. Vai con la freccia sulla mappa, spieghi cosa non va, se vuoi mandi anche la foto. In un paio di giorni la rete era riparata e io, cittadina, mi sono sentita importante“.”

Ad Udine i cittadini sono soddisfatti, e si sentono importanti. Ad Udine dirigenti ed amministratori si preoccupano del calo di fiducia.

E a Castellammare?

A Castellammare non sembra proprio che la pubblica amministrazione si sia tuffata nel web 2.0 ma forse neppure nel web 1.0 e forse neppure nell’idea stessa di pubblica amministrazione quale servizio.

Tuttavia noi, zoticoni del web, ci ostiniamo a segnalare, con i mezzi di cui disponiamo, ciò che riteniamo dovrebbe urgentemente essere attenzionato dalla pubblica amministrazione, non mancando qui di ricordare le precedenti segnalazioni a quanti tra loro in passato fossero stati distratti e che già ci eravamo premurati di segnalare qui , qui e qui per richiamare solo le ultime.

Repubblica di Castellammare del Golfo

Repubblica di Castellammare del Golfo

Accade in Sicilia

Accade in Sicilia

Castellammare del Golfo ... 15 giugno 2011

Non c'è problema !

Castellammare del Golfo 15 giugno 2011

Non c'è problema !

Castellammare del Golfo - 15 giugno 2011

Non c'è problema !