A Bologna si incomincia male

Merola: “Favoriamo le coppie sposate”

Il primo cittadino va in direzione opposta rispetto alla mossa del governatore Vasco Errani che aveva aperto alla parità per le coppie di fatto per le graduatorie pubbliche. “Se ci assumiamo impegni maggiori verso gli altri credo che sia necessario distinguere”. Il centrodestra: “Deve fare così”. L’Udc parla di “svolta storica”. Il Cassero: “Grave passo indietro”. Grillini (Idv): “Dissento dal doppio binario per chi ha un pezzo di carta e chi non ce l’ha”. Dopo le polemiche la precisazione del sindaco: “Usciamo da un lungo periodo in cui ha prevalso l’idea e la pratica della libertà dai legami. Ma non intendo rivedere le regole comunali o i punteggi”

Controcorrente, almeno rispetto a quello che ha sempre perseguito Vasco Errani, la sostanziale parità di diritti fra coppie sposate e coppie di fatto. Virginio Merola dai microfoni di ETv, ricorda invece che “siamo persone libere ma nella vita dobbiamo saper mettere insieme anche la responsabilità con la libertà”, e dunque per le graduatorie comunali andranno “più punti alle famiglie sposate”.

“Se ci assumiamo impegni maggiori verso gli altri credo che sia necessario distinguere”, precisa il primo cittadino. Merola, come riporta l’agenzia Dire, ribadisce anche di essere favorevole ai matrimoni gay e disposto a considerare coppie sposate anche quelle dello stesso sesso, purchè però venga fatta una legge nazionale. “Se verranno da me coppie gay per chiedermi di sposarle? non avrà molto senso, perchè non c’è una legge nazionale. Io sono per rispettare le leggi nazionali”.

Cosa sono i Dico. A gennaio 2011 arriva l’assoluzione della Consulta sui “Dico all’emiliana”. La Corte costituzionale aveva infatti rigettato il ricorso del governo contro la finanziaria della Regione Emilia Romagna, che garantisce pari accesso ai servizi a coppie sposate e di fatto. Una norma approvata dal governatore Vasco Errani nella coda del suo precedente mandato, prima della rielezione del marzo 2010, che fu per molte settimane al centro di polemiche, tra la bocciatura del cardinale Carlo Caffarra (“Dio vi giudicherà”) e le critiche del centrodestra.

Il centrodestra: “Deve essere così”. Appoggia in pieno la posizione del sindaco il suo sfidante alle elezioni, l’attuale capogruppo del Carroccio in Consiglio comunale Manes Bernardini. “Lui deve dare più punti alle coppie sposate, questo è ovvio. Il riconoscimento va dato alla famiglia fondata sul matrimonio, così come viene indicato nella costituzione. Adesso però io vorrei che introducesse anche un bonus basato sulla residenza per l’assegnazione delle case che vada a premiare chi risiede a Bologna da più tempo”.

Un plauso arriva anche dall’Udc: “Sarebbe una svolta storica e positiva”, commenta Maria Cristina Marri, coordinatrice provinciale del partito di Casini. Il vicepresidente dei deputati Udc Gianluca Galletti si spinge anche oltre: “”Noi abbiamo sempre sostenuto la necessità di tutelare in modo più concreto la famiglia fondata sul matrimonio, e questa ci sembra una decisione che va verso questa direzione. Non resta che attendere i fatti”, scrive in una nota, definendo le dichiarazioni di Merola “un’assunzione netta di reponsabilità” da parte del sindaco. “Una qualità sempre più rara in politica”.

Il Cassero: “Grave passo indietro”. Non si fa attendere la dura replica della comunità omosessuale di Bologna. In una nota il centro culturale Cassero giudica la distinzione fra coppie sposate e non “in palese contraddizione con il più banale dei principi di uguaglianza: se il matrimonio è una condizione discriminatoria in Italia – in aperto contrasto con il Trattato di Lisbona- prenderla a parametro del welfare vuol dire cavalcare quella discriminazione e rendersene coautori assieme a questo indegno Parlamento“. La direzione indicata da Merola quindi “è un grave passo indietro rispetto alle norme approvate dalla Regione Emilia Romagna e vagliate anche dalla Corte Costituzionale. Infine, invitiamo il sindaco ad aprire gli occhi e a rendersi conto che il matrimonio in Italia non è precluso solo agli omosessuali, ma anche a chi per possibilità economiche rimanda il “grande giorno”: i precari, ad esempio, quel “peggio dell’Italia” che la politica continua a offendere“. Dello stesso tono il messaggio che manda al sindaco il capogruppo di Sel Cathy La Torre: il Comune dovrebeb andare “nella direzione della regione sull’equiparazione tra coppie sposate e coppie di fatto. Ricordiamoci che ci sono delle coppie che non si possono sposare perché non ne hanno il permesso. Non si può produrre diseguaglianza“.

Idv: “Divide il centrosinistra”. “Non è più tempo per le gaffe”, tuona l’Idv Silvana Mura, ricordando gli scivoloni di Merola sul Bologna in campagna elettorale. “Dovrebbe chiarire il senso delle sue parole in merito alle graduatorie comunali e diradare le nubi su quello che sembra a tutti gli effetti un nulla osta alle diseguaglianze“. Il consigliere regionale Franco Grillini: “Tutte le famiglie hanno gli stessi diritti. Dissento dal doppio binario per chi ha un pezzo di carta e chi non ce l’ha. Merola divide inutilmente il centrosinistra”. Rifondazione attacca: “Nella stessa giornata in cui all’Onu si vota una risoluzione che dice l’ovvio se vogliamo, e cioè che tutti gli individui devono avere pari diritti indipendentemente dal loro orientamento, stupisce che a bologna si senta la necessità di ribadire invece una differenza”.

La nota di Merola dopo le polemiche. Le parole di Virginio Merola suscitano il plauso del centrodestra e dure critiche dal centrosinistra. Raffaele Donini, segretario cittadino del Pd, ricorda però che il sindaco “ha confermato le cose che diceva in campagna elettorale”. Ma Merola tiene a precisare in una nota il suo pensiero. “Ritengo importante lavorare per costruire legami di libertà e di solidarietà tra le persone. Usciamo – è l’auspicio – da un lungo periodo nel quale ha prevalso l’idea e la pratica della libertà dai legami e dell’esaltazione dell’interesse individuale contrapposto all’interesse generale. Per questo ritengo importante sostenere le persone che scelgono legami di libertà, di responsabilità tra loro e verso la comunità. Il matrimonio implica un grado di responsabilità diverso rispetto ad altre scelte di convivenza. E credo che questo vada riconosciuto.

Ma questo, precisa Merola, “non significa negare diritti alle unioni di fatto o mettere in discussione i “Dico” proposti dalla Regione, né negare che per l’accesso alla graduatoria alla casa o ad altri servizi occorra discriminare chi non si sposa; ma è giusto o no prevedere qualcosa in più per chi si impegna in un legame maggiore? Non chiedo di rivedere le regole comunali o i punteggi, chiedo solo di provare di nuovo a chiamare le cose con il loro nome perché la politica sia utile ai cittadini per costruire legami di libertà e di responsabilità fra le persone”.

da La Repubblica

Annunci

Trapani, una volta tanto all’avanguardia

Comunque la pensiate sulla omosessualità e sulle unioni tra persone dello stesso stesso, che vi faccia piacere o meno, tuttavia quanto accaduto a Trapani credo segni un punto a favore della comunità religiosa trapanese e non solo.

Riporto da “La Repubblica” edizione Palermo l’articolo di Laura Spanò sulla celebrazione nel tempio Valdese di Trapani delle nozze tra due donne tedesche.

Trapani, prime nozze gay in chiesa

La cerimonia nel tempio dei valdesi. Benedetta l’unione tra due donne tedesche. Matrimonio inedito in Italia per una confessione cristiana. Duecento ospiti al rito

TRAPANI – Una chiesa cristiana ha benedetto a Trapani le prime “nozze” gay tra due lesbiche in Italia. Una benedizione giunta sulla scorta del principio, etico e religioso, che “Dio vuole l’amore, non lo giudica”. Così lo scorso sette aprile l’unione di due donne è stata benedetta, nel tempio Valdese di Trapani, da Alessandro Esposito, pastore della Chiesa valdese di Trapani e Marsala, che ha concelebrato il rito insieme ad altri due pastori, entrambe donne, delle chiese luterana e mennonita. La notizia è rimasta nel massimo riserbo per un paio di mesi, ma poi ha cominciato a trapelare, fino a diventare di dominio pubblico nella comunità protestante trapanese. Le spose, di nazionalità tedesca, sono giunte a Trapani in pullman con un nutrito seguito di amici e parenti. C. H. e B. K. (la coppia ha reso note solo le iniziali) hanno fatto ingresso lungo la navata della piccola Chiesa, sobriamente addobbata con fiori bianchi e rossi.

Concelebrazione in italiano e tedesco, e a tratti anche in inglese, con i presenti attenti a intonare gli inni i cui testi sono stati videoproiettati in entrambe le lingue sullo schermo dietro al pulpito. Un ecumenismo linguistico che ha riflettuto pienamente quello religioso e, più laicamente, quello spirito di apertura e accoglienza che le spose desideravano percepire intorno a loro in questo importante momento della loro vita. Niente veli, né richiami stilistici legati al classico “matrimonio”: tailleur di seta grigio scuro per una, abito nero elegante a fiori rossi per l’altra. Accanto a loro, un trio formato da flauto, violino e violoncello, composto da amiche delle spose, che ha punteggiato la celebrazione di interventi musicali. Gli ospiti, circa duecento, variamente ed elegantemente abbigliati per l’occasione; una grande occasione, come è normale che sia tra due persone che si apprestano a pronunciare l’impegno di vivere insieme per tutta la vita.

L’unione tra le due donne aveva già avuto la sua validazione in Germania attraverso la stipula di una “unione civile”: la Germania infatti garantisce molti diritti alle coppie omosessuali, come quello di potersi registrare in Comune come “coppia” e quello all’eredità del partner. La benedizione è stata accolta gioiosamente dalla comunità di Trapani, nell’ambito della quale il pastore Esposito è impegnato in un’esperienza con il gruppo “Arcobaleno”, nel quale uomini e donne si confrontano sui temi dell’omoaffettività. “Un concetto – spiega lo stesso pastore Esposito – ben più ampio ed appropriato di omosessualità e che abbiamo sintetizzato con l’espressione “Dio vuole l’amore, non lo giudica””.

Cambiare “status”

Dana Hanna, il signore del video che traffica con i telefonini, ha pensato di aggiornare lo status su Twitter e su FaceBook (da single a sposato) durante suo matrimonio all’altare, complice il celebrante, e suggerendo alla sposa di fare altrettanto .

La sposa Tracy manifesta un po di sorpresa ma quando gli invitati si mettono a ridere sta al gioco.

Il video l’ha messo lui stesso in rete con queste parole:

“I have a lot of family scattered around the country and we all use Facebook a lot to keep in touch. So when Tracy and I were engaged, most of my family found out via Facebook because we updated our statuses.

I surprised not only my guests, but also Tracy by pulling out my phone and posting on Facebook and Twitter from the altar during out wedding. This was just done to be funny – we really don’t Facebook THAT often :).

I had her phone ready in my pocket, so when she asked for it I could hand it to her. No one knew about this except the minister, and myself.

Here is the twitter post:

http://twitter.com/TheSoftwareJedi/status/5925126890

via Techcrunch

Monsignor Domenico Mogavero vs. Antonio D’Alì

Il Fatto Quotidiano“, è ritornato ad occuparsi ieri 28/11/2009 con un articolo di Sandra Amurri del senatore Antonio D’Alì, delle sue relazioni pericolose e del suo rapporto con la chiesa.
L’articolo ha per titolo “Il senatore D’Alì? Davanti a certi documenti resto sgomento” e per sottotitolo “Mons. Mogavero, Vescovo di Mazzara del Vallo: I nostri valori non coincidono con quelli dei boss“.
Nella circostanza, lo spunto per l’articolo infatti è un’intervista a Monsignor Domenico Mogavero, Vescovo di Mazara del Vallo, già sottosegretario della Cei, e presidente del consiglio Cei per gli Affari giuridici.

A proposito delle relazioni “pericolose” del senatore del Pdl D’Alì e del suo rapporto con la Chiesa Monsignor Mogavero dice:

“Lo conosco. Non ho letto l’articolo, lo farò attentamente, ma di fronte a documenti, a elementi probanti resto sgomento. Gli esprimerò il mio disappunto” E aggiunge: “Essere contro la mafia non significa che gli altri debbono essere contro la mafia. Nessuno può dire di non sapere chi sono certe persone. Un politico è un uomo pubblico che non può limitarsi ad affermazioni di solo valore teorico. Le sue parole chiedono l’avallo della concretezza nella coerenza. Non ci si sporca certamente nell’attraversare la strada con un mafioso ma condividere la strada con i mafiosi vuol dire essere compagni di viaggio per mantenersi a galla e questo non è ammissibile”. Se ricevessi un regalo, o un biglietto d’auguri da un mafioso ? “Lo rimanderei indietro e lo direi. L’ambiguità è una posizione di comodo per restare rintanato senza correre rischi. Ci vuole massimo rigore, la mafia sfrutta chi sta al potere, indirizza per avere accesso al potere.”
E al vescovo di Trapani consiglia di “parlare con il senatore D’Alì affinché chiarisca augurandosi che lo faccia “soprattutto perché il senatore D’Alì si sente un uomo di Chiesa visto che pur di ricevere per la seconda volta il sacramento del matrimonio, come racconta la sua ex moglie, ha chiesto l’annullamento. Il senatore frequenta i nostri ambienti, le nostre chiese. Ma bisogna vedere cosa si intende per essere un uomo di chiesa. La verità è una, non è bifronte. E’ la pratica dei valori che ci qualifica non la loro pronuncia
“.

Scherzi da suore

Ma da quelle parti lì non si era sostenitori della famiglia ?

Maestra si sposa e perde il lavoro – Lo viene a sapere dai genitori

Si sposa, la scuola dove lavora la licenzia. Succede nella scuola paritaria dell’infanzia “Sant’Anna” di Grosseto, dove Federica Gentili si è ritrovata di fatto “licenziata” causa matrimonio. La vicenda ha del grottesco, e l’insegnante interessata è letteralmente caduta dalle nuvole quando ha saputo la notizia: non lavorerà più in quella scuola, dal momento che ha deciso di sposarsi.

La vicenda viene raccontata sul quotidiano “La Nazione”. Secondo il resoconto del giornale, la suora coordinatrice della scuola, dopo aver saputo delle nozze, ha comunicato la sua decisione ai genitori dei bambini: “Con molto rammarico” ha scritto in una lettera indirizzata alle famiglie “devo annunciarvi che la maestra Federica Gentili non insegnerà più nella nostra scuola perchè si sposa”. L’insegnante era ignara di tutto e pronta a riprendere servizio dopo il suo matrimonio. Mai avrebbe creduto che la decisione di sposarsi le costasse… il posto di lavoro. Tanto più che la notizia della decisione della scuola l’avrebbe appresa non dai suoi responsabili ma da uno dei genitori dei suoi bambini.

“Non riesco a capacitarmi” ha detto, ancora incredula, a “La Nazione”. “Mai uno screzio con la responsabile, con i colleghi, con i genitori. Amo il mio lavoro e voglio continuarlo. Adoro i bambini e non mi rassegno a perdere il mio posto. Se ce ne fosse stata la necessità, sarei pronta a rinunciare al viaggio di nozze pur di non lasciare la classe. Proprio non riesco a capire”. Dall’istituto replicano che ormai la decisione è stata presa e che da settembre la maestra Federica sarà sostituita.

Intanto all’insegnante non mancano le dimostrazioni di affetto e solidarietà. Dall’istituto fanno sapere che la coordinatrice tornerà a settembre. La maestra ha comunque chiesto e ottenuto un colloquio con il vescovo di Grosseto, Franco Agostinelli, a cui ha raccontato il caso e spiegato le sue ragioni. In città non si esclude che un intervento del capo della Curia grossetana possa far tornare le suore sulla loro decisione e chiudere un caso che ha già suscitato clamore in città e che rischia di diventare una vicenda nazionale. ”

da TGCOM