Passato remoto

“Alla prima votazione il consiglio eleggeva sindaco il consigliere [Nicola] Coppola che, dopo avere ringraziato il consiglio, rinviava la seduta al 28/6/88 per le dichiarazioni programmatiche. Il sindaco esordiva dicendo:‘La giunta che mi appresto a presiedere, nasce in un momento significativo della vita politica del paese nel momento, cioè, in cui inizia una legislatura alla quale tutti guardano con grande fiducia. Non può questo inizio non risentire del momento particolarmente pesante della vita del paese in cui le tensioni sociali, la disoccupazione, la ricerca affannosa di soluzioni miracolistiche ci hanno fatto perdere di vista l’impegno per la valorizzazione delle nostre potenzialità‘. Il sindaco continuava dicendo che bisognava recuperare il rapporto fra i cittadini e le istituzioni e ritrovare il gusto della politica. Si soffermava poi su alcuni punti specifici del suo programma e concludeva dicendo che non avrebbe parlato di metanizzazione, di strumento urbanistico e di rete fognante perchè questi problemi li considerava risolti.”

nb. grassetto e corsivo di Diarioelettorale
Testo tratto da: Storie Minime di Mario Barbara – Arti Grafiche Campo – Alcamo 2003

Castellammare: le forze in campo (2)

Lista del Partito Democratico e candidato sindaco Dottor Salvo Bologna.

La lista del PD è riconducibile a quell’aggregato di liste (ben quattro)che alle amministrative del 2002 erano schierate a sostegno del candidato sindaco dottor Mario Barbara.
Nel 2002 tali liste (tre piuttosto omogenee ed una assai meno)ottennero 2.598 voti. Il candidato sindaco Dottor Mario Barbara, colpito dal “fuoco amico” dell’altro candidato del medesimo schieramento di centro-sinistra Prof. Piero Rotolo, si fermò a 2.183 voti, sufficienti tuttavia a fargli disputare il turno di ballottagio nella “mission impossible” di battere il candidato di centro-destra Dott. Giuseppe Ancona.
Le liste, che schieravano 71 candidati contro i 17 di oggi, portarono in consiglio quattro consiglieri oggi non ricandidati e segnalati per lo più a sostegno di candidati delle liste di centro-destra.

Il dato delle politiche del 13 aprile, 2.143 (PD+IdV) è quello che forse esprime meglio la forza attuale di quest’area, da confrontare eventualmente con il dato espresso alle regionali in favore di Anna Finocchiaro (2.392), ma a cui, in questo caso, vanno sottratti i voti dell’estrema sinistra.

E’ immaginabile una conferma del dato politico nel voto amministrativo ?

Nessun fattore razionale gioca a favore di questa ipotesi. I voti delle politiche per essere confermati richiedono che tutti e 17 i candidati esprimano una forza che vada oltre le 100 preferenze. Nella realtà  è da ritenere: che non più di quattro o cinque siano i candidati che possono ragionevolmente sperare di ottenere oltre 100 voti, che la forza complessiva della lista si attesterà di poco oltre i mille voti, e che da quanto andrà oltre i mille voti dipenderà se il PD porterà in consiglio due o tre consiglieri. Sulla lista nella migliore delle ipotesi la perdita sul 2002 sarà di circa mille voti, nella peggiore si avvicinerà ai mille e cinquecento.

Il candidato sindaco, il “giovane” psicologo Salvo Bologna, allo stato delle cose, non sembra riuscire ad aggiungere valore alla campagna elettorale del PD. Non è identificato positivamente dall’elettorato per nessuna caratteristica politica, manageriale, di idee che vada oltre quella delle “buone intenzioni” del giovane “bravo ragazzo“.
Sul candidato sindaco è da ritenere che lo spostamento di voti verso il centro-destra non sarà inferiore ai mille voti rispetto alle elezioni del 2002.

In conclusione complessivamente oltre mille e cinquecento voti, precedentemente espressi a favore dei candidati sindaci di centro sinistra, in questa tornata elettorale si riverseranno sui candidati di centro destra e in consiglio comunale la pattuglia di centro sinistra in precedenza costituita da cinque consiglieri si ridurrà a due o tre.

Risultato ottenuto facendo tutto da soli senza che gli avversari abbiano ancora mosso un dito e con l’arbitro per niente ostile.