Perchè dalle europee il M5s uscirà come primo partito italiano

Come è noto a fine maggio saremo chiamati alle urne per il rinnovo del Parlamento europeo.
Noi italiani saremo chiamati ad eleggere 73 parlamentari europei su un totale di 754.
Quella che si appresta a terminare (la VII 2009-2014) è stata una delle peggiori legislature europee, per peso e rilievo delle decisioni prese, una legislatura in cui prevalente oltre misura è stato il peso dei governi nazionali e in esso delle nazioni più forti, ciò in esatta antitesi a quello che dovrebbe essere lo spirito europeo.
Le sofferenze indotte dalle misure di rigore imposte dai paesi forti, in vasti strati della popolazione dei paesi più deboli, il fatto che la crisi non è affatto alle spalle e che la disoccupazione non solo non diminuisce, ma anzi, appare sempre più evidente che viene accettata come stato endemico dai governanti europei, che si limitano a tenere sotto controllo la rabbia e l’insoddisfazione sociale, ha alimentato e continua ad alimentare un forte e crescente spirito antieuropeo ed anti Euro, visto quest’ultimo da molti (a torto o a ragione) come causa sintetica di tutti i mali.
Il M5s in Italia, il Front National di Marine Le Pen in Francia e Syriza di Alexis Tsipras in Grecia sono le formazioni che meglio sono riuscite nei rispettivi paesi a incanalare la rabbia e l’insoddisfazione verso la politica delle oligarchie europee, con buone possibilità, ciascuna di queste formazioni, di trovarsi ad occupare la posizione di primo partito alle prossime elezioni europee nel proprio paese.
La competizione elettorale europea permette anche ad elettori moderati ma insodisfatti dello stato delle cose “di provarci” non dovendo, più di tanto, temere particolari immediati disastri conseguenti all’affermazione di formazioni estreme.
Tutte e tre le formazioni partono già da affermazioni elettorali precedenti talmente forti da potere generare con facilità l’effetto “bandwagon” o del “salire sul carro del vincitore”.
Dato da non trascurare affatto è che tutte e tre le formazioni hanno leadership facilmente riconoscibili e carismatiche.

Ieri cinque febbraio su La Repubblica è stato pubblicato un sondaggio effettuato da IPR Marketing dal 25 gennaio al 3 febbraio su un campione di 2.000 cittadini residenti in Italia, sulle INTENZIONI DI VOTO ALLE EUROPEE  e che vede: PD 27,6% M5s 25,4% FI 24,3% NCD 5,6% LN 5,0% limitandoci alle formazioni che superano la soglia del quattro per cento.

IPR-europa

 

Il PD come si vede già da questa prima rilevazione, parte parecchio più basso che nella analoga rilevazione per eventuali elezioni politiche svolta dal medesimo istituto per la trasmissione Piazza Pulita del 3 febbraio e nella quale viene dato al 31,5%, il M5s al 22% e FI al 21,5%

Dalle europee, a meno di improbabili e difficili cambiamenti di rotta del PD (che ha comunque spazi strettissimi di manovra), il M5s uscirà come primo partito.
La divisione politica oggi non è la classica divisione tra destra e sinistra ma, semplificando molto, tra favorevoli all’Europa e avversari dell’Europa, tra pro Euro e anti Euro, tra o Noi o Loro.
Tale radicalizzazione fa si che idealmente l’elettorato si divida in due grandi aggregati.
Gli anti Euro sono tutto bacino elettorale del M5s, un bacino elettorale conteso però da FI e LN.
Il M5s nei confronti di queste formazioni può giocare però la carta della maggior credibilità in virtù della virulenza delle proprie battaglie e della non contaminazione, da precedenti gestioni del potere, del suo personale politico.
Per giocarsi la partita il M5s ha bisogno ora di quotidiana visibilità ed ecco perchè da qui alle elezioni europee il M5s sarà protagonista di una escalation di atteggiamenti e posizioni politiche al limite della violenza fisica con delegittimazione continua di ogni avversario, a sottolineare che fuori dal M5s c’è solo il nulla e/o solo avversari in mala fede, e che “quelli” agendo in modo estremo nei confronti dei cittadini europei, richiedono per essere combattuti politici in grado di assumere conseguentemente posizioni estreme.

Annunci

Sondaggi elettorali 2010, l’ultimo di GPG e l’IPR di Repubblica

In entrambi i casi i sondaggi hanno previsto ipotesi di scenario

Quello che segue è l’IPR pubblicato il 21 dicembre 2010 su La Repubblica il quale ha ipotizzato due diverse collocazioni del Pd

Ipotesi n°1 – PD con un nuovo Ulivo

PDL 29%
LEGA NORD 12%
LA DESTRA 1,5%
Totale centro-destra 42,5%

FLI 4,5%
UDC 6,5%
API 2%
MPA 0,5%
Totale centro 13,5%

PD 25,5%
IDV 5%
SEL 6,5%
RAD 1%
PSI 0,5%
VERDI 1%
Totale Centro-sinistra 39,5%

FDS 1,5%
M5S 2%

Altri 1%

Ipotesi n°2 – PD con il terzo Polo

PDL 29,5%
LEGA NORD 12%
LA DESTRA 1,5%
Totale cdx 43%

FLI 4%
UDC 6%
API 2%
MPA 0,5%
PD 26,5%
Totale pd+terzo polo 39%

IDV 5%
SEL 7,5%
RAD 1%
PSI 0,5%
VERDI 1%
FDS 1% Totale Sx 16%

M5S 1,5%

Altri 0,5%

 

Sondaggio realizzato da GPG e pubblicato il 21 dicembre 2010 su Scenari Politici

INTENZIONI DI VOTO

– partito: percentuale (variazione) [nord – zone rosse – centrosud]

– LA DESTRA – FIAMMA TRIC.: 1,5% (INV) [1,1% – 1,3% – 2,1%]
– LEGA NORD: 12,7% (-0,1%) [25,8% – 10,5% – 0,8%]
– POPOLO DELLA LIBERTA’: 26,3% (+0,3%) [23,7% – 21,7% – 30,8%]
– ALTRI CDX (UDEUR, NPSI, ADC, UV, PSdA, Pens., Romani, Miccichè etc): 1,2% (-0,3%) [0,0% – 0,0% – 2,9%]
– FUTURO E LIBERTA’ PER L’ITALIA: 5,8% (-0,2%) [4,1% – 4,8% – 7,8%]
– MPA / NOI SUD: 1,2% (INV) [0,0% – 0,0% – 3,0%]
– UNIONE DI CENTRO: 5,6% (+0,1%) [4,1% – 4,5% – 7,5%]
– ALLEANZA PER L’ITALIA: 1,4% (-0,1%) [1,2% – 0,7% – 2,0%]
– PARTITO DEMOCRATICO: 22,3% (-1,0%) [20,1% – 34,0% – 19,4%]
– RADICALI: 0,8% (INV) [1,0% – 1,0% – 0,6%]
– ITALIA DEI VALORI: 5,5% (-0,5%) [4,9% – 4,8% – 6,4%]
– SOCIALISTI: 0,9% (-0,1%) [0,6% – 0,8% – 1,2%]
– VERDI: 0,7% (INV) [0,8% – 0,6% – 0,6%]
– SIN. ECO. LIB.: 7,6% (+1,2%) [5,5% – 7,3% – 9,8%]
– FEDERAZIONE DELLE SINISTRE (RC, PDCI): 2,1% (+0,1%) [1,5% – 3,1% – 2,3%]
– MOV. 5 STELLE: 2,9% (INV) [3,1% – 4,5% – 2,0%]
– ALTRI: 1,5% (+0,4%) [2,6% – 0,5% – 0,9%]

– affluenza: 76% (+1%) [77% – 79% – 73%]

SCENARI
– partito o coalizione: percentuale [camera – senato]

Scenario 2 – Grande Centro e Grillo solo

– CDX (LD, LN, PDL): 41,7% (INV) [345 – 131]
– CENTRO (UDC, FEL, MPA, API): 14,0% (-0,2%) [72 – 38]
– CSX (PD, Rad, IDV, Soc., Ver., SEL, FDS): 39,9% (-0,1%) [209 – 143]
– MOV. 5 STELLE: 2,9% (INV) [0 – 0]
– ALTRI: 1,5% (+0,4%) [4 – 3]

Il commento: Confermiamo questo scenario come il più probabile. CDX in vantaggio di circa due punti. CSX avanti, di oltre dieci unità, al Senato; la maggioranza è comunque lontana. Chi vince alla Camera, tra CDX e CSX, dovrà poi accordarsi col Centro.

Scenario 3 – CLN con Vendola fuori e Di Pietro dentro

– CDX (LD, LN, PDL): 42,4% (-0,6%) [345 – 126]
– CLN (PD, IDV, UDC, FEL, MPA, API, Soc.): 39,3% (-2,7%) [197 – 145]
– SX (SEL, M5S, Rad, IDV, Ver.): 16,8% (+2,8%) [84 – 41]
– ALTRI: 1,6% (+0,5%) [4 – 3]

Il commento: CDX avanti di due punti. CLN perde molto a SX. In caso di vittoria alla Camera del CDX probabile accordo successivo con parti di CLN, in caso di vittoria del CLN accordi necessari con alcune forse di SX.

Dove va il Pd: al centro

e precisamente dentro il Terzo Polo o Polo della Nazione, il quale in tal modo diventa più propriamente “polo” estendendo l’associazione, anche ai dalemiani e agli ex della sinistra democristiana del Pd.

E si badi bene, non aggregandosi in quanto associazione di fuoriusciti, conclamati alternatisi e progressivi dalla corte di Arcore, quanto come associazione che traendo ispirazione dal CLN si mette assieme per salvare l’Italia, da una prossima eventuale catastrofe economica, intendendo applicare una rigorosa politica di centro-destra e usando l’antiberlusconismo come collante elettorale per conseguire l’obiettivo.

Ora se fare dell’antiberlusconismo è facile, perchè è evidente che il soggetto si presta, con i comportamenti disinvolti suoi e dei suoi sodali, più difficile è spiegare ai propri elettori che un gruppo dirigente prigioniero del proprio passato di ex, dopo avere condotto la sinistra italiana in un vicolo cieco e fatto il deserto intorno a se, in termini di promozione reale e non di facciata del ricambio politico, come ultima ratio ritiene non esistere, in una fase oggettivamente difficile del capitalismo continentale, e italiano in particolare, ogni e qualsiasi spazio di manovra per la sinistra italiana. ed in quanto tale affetti da “sindrome di insostituibilità” si ricandida a dirigere il Paese, ma questa volta dal “centro”.

La necessità di giocare sull’ambiguità e di impedire l’identificazione dei veri scopi della manovra politica, faranno si che non si arrivi a tale soluzione già nella direzione del 23 dicembre, nella quale invece si lasceranno porte aperte sul piano delle alleanze ed indeterminatezza della linea politica e si sposterà l’attenzione, per come si è già fatto, su falsi problemi quali la legge elettorale, le primarie se farle, non farle e come farle, e/o i “pericolosissimi segni di autoritarismo”.

Non mancherà certo a tale impostazione il supporto della grande stampa nazionale Il Corriere, La Repubblica e La Stampa e dei rispettivi gruppi finanziari ed industriali che ne hanno la proprietà e che dalle politiche da “destra seria” sperano di essere i maggiormente beneficiati, come sempre del resto, quando in questo paese in cui l’ipocrisia la fa da padrona, si mettono in moto logiche che fanno perno su “emergenza”, “rigore”, “serietà”, “sacrifici”, “merito” ecc.

Piccolo esempio di quanto detto prima è la publicazione del sondaggio IPR Marketing su La Repubblica la sintesi del quale sarebbe, per come si legge nel titolo, “Il Pd guadagna col Terzo Polo“.
In effetti se poi si va oltre il titolo già nei sottotitoli, si scopre che “Alle elezioni il Nuovo Ulivo arriverebbe al 39,5% contro il 42,5 del Centrodestra. Mentre l’alleanza Democratici e Centro sarebbe al 39% contro il 43 dell’attuale maggioranza”, il che significa che nel primo caso lo scarto con il centrodestra sarebbe di 3 punti percentuali e nel nel secondo di 4.
Poi se si va a guardare il profilo degli indecisi, si vede che 24 su 100 alle elezioni del 2008 avevano votato per un partito di centrosinistra. Li convincerebbe un terzo polo siffatto ad andare alle urne ?
A conforto ed a sostegno degli amanti dell’apparato del Pd il sondaggio di La Republica riporta però che “Il Pd otterrebbe, secondo la rilevazione, meno voti se si presentasse in una coalizione di centrosinistra: il 25,5% contro il 26,5”.
Con il che “La Repubblica” il suo contributo quotidiano alla demolizione di qualsiasi prospettiva utile alla costruzione di una sinistra che non si riconosca nel “partito de La Repubblica” lo ha dato anche oggi, ed il bravo Ezio Mauro si è guadagnato la pagnotta anche oggi.

Resta il fatto che come dice sul suo blog Pippo Civati “Sono tutti d’accordo. Anche quelli che litigano da sempre [ndr.leggi D’Alema e Veltroni]. Si va con Casini e gli si fa fare il premier. Di Fini si parla meno, per ragioni (ovvie) che non credo di dover spiegare.“.

E’ tutto vero, e sta per succedere come del resto è successo nel 2008 (non un secolo fa) anche questo:

Sondaggi politico elettorali, gli ultimi quattro di dicembre

Sondaggio pubblicato da Omnibus – La7 il 12 dicembre e realizzato da Coesis Research.

POPOLO DELLA LIBERTA’ 29,5%
PARTITO DEMOCRATICO 27%
LEGA NORD 10%
UNIONE DI CENTRO 6,5%
ITALIA DEI VALORI 6%
SINISTRA, ECOLOGIA E LIBERTA’ 5,5%
FUTURO E LIBERTA’ PER L’ITALIA 4,5%
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA 2,5%
MOVIMENTO 5 STELLE 2%
LA DESTRA 1,5%
ALLEANZA PER L’ITALIA 1%
MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE 0,5%

Totale cdx 41% (-0,5%)
Totale centro 12,5% (+0,5%)
Totale Csx 38,5% (-0,5%)

rilevamento 10/12/2010

 

Sondaggio pubblicato da IN ONDA – La7 l’11 dicembre e realizzato da CFI.

POPOLO DELLA LIBERTA’: 32,5%
PARTITO DEMOCRATICO: 30%
FUTURO E LIBERTA’ PER L’ITALIA: 10,1%
LEGA NORD: 8,7%
ITALIA DEI VALORI: 6,3%
SINISTRA, ECOLOGIA E LIBERTA’: 4,5%
UNIONE DI CENTRO: 3,3%
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA: 2,4%
MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE: 0,6%
MOVIMENTO 5 STELLE: 0,4%
ALLEANZA PER L’ITALIA: 0,2%

Totale cdx 41,2% (-2,2%)
Totale centro 14,2% (-2,6%)
Totale Csx 40,8% (+5,2%)

rilevamento 09/12/2010

 

Sondaggio ISPO, pubblicato sul Corriere della Sera, dell’11 dicembre.

POPOLO DELLA LIBERTA’: 27,6% (+1,1%)
PARTITO DEMOCRATICO: 25,0% (+0,8%)
LEGA NORD: 12,0% (+0,2%)
FUTURO E LIBERTA’ PER L’ITALIA: 6,9% (-1,2%)
SINISTRA, ECOLOGIA E LIBERTA’: 6,4% (-0,3%)
ITALIA DEI VALORI: 6,3% (-0,1%)
UNIONE DI CENTRO: 5,3% (-0,5%)
MOVIMENTO 5 STELLE: 2,2% (+0,1%)
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA: 1,9% (+0,2%)
LA DESTRA: 1,4% (INV)
ALTRI: 5,1% (-0,3%)

Totale cdx 41% (+1,3%)
Totale centro 12,2% (-1,7%)
Totale Csx 37,6% (+0,4%)

rilevamento 07/12/2010

 

Sondaggio IPR pubblicato da L’ULTIMA PAROLA di RAI2 del 10 dicembre

POPOLO DELLA LIBERTA’: 29,0%
PARTITO DEMOCRATICO: 26,0%
LEGA NORD: 12,0%
UNIONE DI CENTRO: 7,5%
SINISTRA, ECOLOGIA E LIBERTA’: 6,0%
FUTURO E LIBERTA’ PER L’ITALIA: 5,5%
ITALIA DEI VALORI: 4,5%
ALLEANZA PER L’ITALIA: 2,0%
MOVIMENTO 5 STELLE: 1,5%
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA: 1,5%
LA DESTRA: 1,5%
RADICALI: 1,0%
VERDI: 1,0%
MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE: 0,5%
ALTRI: 0,5%

Totale cdx 42,5% (INV)
Totale centro 15,5% (INV)
Totale Csx 38,5% (+1%)

rilevamento 08/12/2010