Dicono che… e allora “E Semu Ccà” !

Si, dicono qui che pochi giorni fa (9 c.m.), sono state rinviate le operazioni di gara relative all’appalto per i lavori di riqualificazione della Villa Comunale Regina Margherita. Considerato che di questi lavori si era già detto qui il tre settembre 2013 per sottolineare, con garbo, un certo stile da faccia di bronzo nella comunicazione, sottolineatura ribadita, sempre con il medesimo garbo, anche qui, ora stanchi di sottolineare, ci si limita a un sicilianissimo “E Semu Ccà” per la voce e l’interpretazione del validissimo cantautore siciliano Francesco Giunta.

Floresta… Davide Floresta… questo nome non mi è nuovo !

Qualcuno ricorderà Dafne, Dafne Floresta una dei tanti assessori scelti dal sindaco Marzio Bresciani per amministrare la città di Castellammare del Golfo e della quale (di lei, ma anche della sua famiglia) parlammo qui all’atto della sua nomina e di nuovo quando all’improvviso, dopo una esperienza non proprio memorabile si accomiatò dalla città del Golfo.

In seguito la cronaca (nera o grigia ?) ci portò a rioccuparci della sua famiglia nella persona del genitore ed oggi ancora la cronaca ci porta di nuovo ad occuparci di un altro membro della famiglia, il fratello Davide.

Insomma, non c’è che dire il sindaco Marzio Bresciani aveva scelto proprio un assessore di buona famiglia !

Mazzette per gli elicotteri antincendio indagato un dirigente della Regione

Perquisita dalla Finanza la casa di Francesco Sgueglia, direttore del Servizio antincendi boschivi del Corpo forestale. Sotto inchiesta anche tre imprenditori, fra i quali il figlio dell’ex deputato Floresta

di SALVO PALAZZOLO

MERCOLEDÌ scorso, di buon mattino, i finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Palermo hanno bussato alla porta di casa di Francesco Sgueglia, il direttore del Servizio antincendi boschivi del Corpo forestale della Regione siciliana. Avevano in mano un decreto di perquisizione firmato dalla Procura di Perugia. Nello stesso momento, altri finanzieri aprivano la porta dell’ufficio di Sgueglia, al comando del Corpo forestale, in via del Duca, a Palermo. Così Sgueglia ha scoperto di essere indagato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione.

Risultano sotto inchiesta anche tre imprenditori: Davide Floresta, di Catania; Luciano Villani, di Castelletto di Branduzzo, Pavia; e Claudio Scopece, di Roma.
La Procura di Perugia sospetta gravi irregolarità nella gestione di una gara d’appalto della Regione siciliana, quella per l’assegnazione del servizio aereo antincendio.

Nell’aprile 2011 il comando del Corpo forestale ha ingaggiato un raggruppamento temporaneo di imprese per avere a disposizione una squadra di elicotteri. Adesso, i pm di Perugia ritengono di avere la prova che per l’aggiudicazione dell’appalto e per la gestione del servizio, sarebbero state pagate laute mazzette a Sgueglia.

COME NASCE L’INDAGINE. I magistrati di Perugia si sono imbattuti quasi per caso in questa storia siciliana. Stavano indagando su alcune società che avrebbero brigato per ottenere gli appalti milionari dell’Enav, l’ente nazionale di assistenza al volo. Seguendo le tracce di alcuni imprenditori, i magistrati umbri sono arrivati a Palermo.

I contorni dell’indagine restano segreti. Non resta che analizzare la lista degli imprenditori indagati e anche loro perquisiti, la settimana scorsa. L’unico siciliano è Davide Floresta, amministratore delegato della ditta “Be-on”, una società ultraspecializzata con sede a Catania che offre servizi informatici a diversi illustri clienti: dall’Università degli studi all’Autorità portuale di Catania, alla società “Sicilia eservizi”. Anche la “Heliwest srl”, che si è aggiudicata il servizio di elicotteri anticendio della Regione Sicilia, ha affidato alcuni compiti alla “Be-on”.

Davide Floresta è figlio di Ilario, componente del consiglio di amministrazione dell’Enav ed ex parlamentare di Forza Italia, di recente coinvolto nell’inchiesta della Procura di Roma sulle mazzette che ruotavano attorno agli appalti Enav. Ilario Floresta è accusato di aver intascato 250 mila euro da un imprenditore, che poi ha deciso di denunciare tutto. Dalle indagini è emerso pure il suo tentativo di imporre ad alcune aziende i subappalti gestiti dal figlio.

LA GARA PER GLI ELICOTTERI. Il 19 aprile 2011, il comando del Corpo forestale aggiudica il “servizio aereo per la prevenzione, ricognizione ed estinzione
degli incendi boschivi ed altri interventi tecnici connessi con l’attività del corpo forestale della Regione siciliana, per il triennio 2011-2013”. La base d’asta è di 11 milioni e 88 mila euro. Non c’è grande concorrenza. Arriva una sola offerta all’Area 3 “Sicurezza e logistica” del comando Corpo forestale, quella di un raggruppamento temporaneo di imprese formato da quattro società e guidato dalla “Heliwest” con sede in provincia di Asti, il cui amministratore è Luciano Villani, anche lui fra i quattro indagati dell’ultima indagine della Guardia di finanza.

Il raggruppamento offre un ribasso dello 0,84 per cento, che corrisponde a 93 mila di euro. E l’appalto viene aggiudicato senza problemi. I magistrati di Perugia hanno già esaminato alcuni documenti e hanno verificato che Sgueglia è “responsabile unico del procedimento” per la gestione del servizio anticendio aereo.

LE PERQUISIZIONI. I militari del nucleo di polizia tributaria di Palermo stanno adesso inviando alla Procura di Perugia i computer sequestrati nelle abitazioni e negli uffici degli indagati. L’inchiesta resta al momento ancorata saldamente a Perugia: la vicenda siciliana sarebbe infatti solo un capitolo di un’indagine molto più ampia sui fondi neri costituiti da alcune società per pagare mazzette a funzionari pubblici corrotti.

Da Asti a Palermo, gli appalti iperspecializzati – nel settore informatico o in quello aeronautico o della sicurezza – sono ormai diventati un business a tantissimi zeri. Il sospetto dei magistrati perugini è che alcuni imprenditori spregiudicati abbiano costituito una vera e propria regia unica della corruzione, per aggiudicarsi e spartirsi più velocemente gli appalti banditi da enti pubblici sparsi per l’Italia.

Anche per le mazzette ci sarebbe una gestione unica: i soldi arriverebbero da un unico canale. Per questa ragione, la settimana scorsa, le perquisizioni sono scattate pure nelle sedi di alcune società che non fanno capo agli indagati.”

da La Repubblica

Porto di Castellammare: qualcosa si muove

No non si intende parlare di movimenti dovuti alla eventuale precarietà delle opere lasciate incomplete, a seguito del sequestro del maggio scorso, e non completate nemmeno dopo il dissequestro parziale del luglio, quanto del fatto che sul portale dell’Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità , pochi giorni fa, il 18 ottobre, è stata data notizia del Bando di Gara per pubblico incant,o riguardante lo stralcio di completamento del porto di Castellammare del Golfo, così denominato “Appalto integrato per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di prolungamento della diga foranea dalla progressiva 490,00 m. alla progressiva 800,00 m., realizzazione del molo sottoflutto soffolto e delle opere interne d’accosto e di arredo portuale”.

L’opera è finanziata con Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale delle Infrastrutture della Mobilità e dei Trasporti n.2935/S5.01 del 19/12/2008 con fondi relativi alle risorse liberate della misura 6.03 del P.O.R. Sicilia 2000/2006.

La Gara (pubblico incanto) sarà espletata dall’Ufficio Regionale per l’Espletamento delle Gare di Appalto (U.R.E.G.A.) e per essa dal Servizio Provinciale di Trapani che ha sede nel capoluogo in Viale Regina Elena.

L’importo complessivo dell’appalto con corrispettivo a corpo ed a misura, compresi gli oneri per la sicurezza, per le spese di progettazione esecutiva e per il coordinamento della sicurezza nella fase di progettazione è di € 12.553.217,92 di cui a corpo € 686.000,00 ed a misura € 11.867.217,92.

L’importo totale dei lavori soggetti a ribasso è di € 11.898.959,82.

In particolare con questo appalto dovrebbero essere realizzati: Opere Marittime per € 6.315.957,00, Impianti Elettrici per euro 2.534.406,42, Strade ed opere complementari per € 1.764.276,50, Edifici civili per € 881.075,00, Opere di bonifica per € 644.700,00, Acquedotti-Gasdotti-Oleodotti per € 296.803,00.

Novanta (per la progettazione) più 547 i giorni previsti per l’esecuzione delle opere.

Le offerte dovranno essere presentate entro le ore 13.00 del 30 novembre 2010 e la prima seduta pubblica di gara è prevista per le ore 9,30 del 2 dicembre 2010.

Interessante notare, visti i precedenti, che il punto 16 del bando di gara fa esplicito richiamo alle “MISURE SPECIALI IN RISPETTO DELL’ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SICUREZZA E LEGALITA’ PER LO SVILUPPO DELLA REGIONE SICILIANA – CARLO ALBERTO DALLA CHIESA E CODICE ANTIMAFIA ED ANTICORRUZIONE e pertanto varranno, specificatamente ed in aggiunta a quanto già stabilito nel bando e nel disciplinare di gara, anche, tra le altre, le seguenti disposizioni:

1) La stazione appaltante si riserva di acquisire, sia preventivamente alla stipulazione dell’appalto, sia preventivamente all’autorizzazione dei sub-contratti di qualsiasi importo, le informazioni del Prefetto ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. n. 252/98. Qualora il Prefetto attesti, ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. n. 252/98, che nei soggetti interessati emergono elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa, la stazione appaltante procede all’esclusione del soggetto risultato aggiudicatario ovvero al divieto del sub-contratto.
2) Oltre ai casi in cui ope legis è previsto lo scioglimento del contratto d’appalto, la stazione appaltante recederà, in qualsiasi tempo, dal contratto; revocherà la concessione o l’autorizzazione al sub-contratto, cottimo, nolo o fornitura al verificarsi dei presupposti stabiliti dall’art. 11, comma 3, del D.P.R. 3 Giugno 1998, n. 252.“.

Castellammare del Golfo – Rifiuti Solidi Urbani si cambia

E’ in pubblicazione il Bando di Gara per l’affidamento del “Servizio di gestione, raccolta e trasporto rifiuti solidi ed assimilati – raccolta differenziata” da parte del Comune di Castellammare del Golfo.

La relativa gara avrà luogo il 23 settembre e riguarderà l’affidamento del servizio per otto mesi a partire dall’ottobre 2008. Costo previsto del servizio che viene mandato in gara Euro 993.275,64 a cui si aggiungono gli ulteriori costi previsti come somme a disposizione dell’amministrazione di Euro 289.828,06 per voci quali il conferimento a discarica dei rifiuti, IVA ecc. per un costo complessivo previsto per l’amministrazione Euro 1.283.104,00, che se proiettato in maniera grossolana nell’arco dei dodici mesi fa un costo annuo del Servizio Rifiuti Solidi Urbani di Euro 1.924.656, cifra assai vicina ai due milioni di euro e con un costo per abitante che si aggira intorno ai 120 euro.

E’ un costo alto, medio, basso ?

E’ da dire che nel servizio che andrà in gara sono compresi anche servizi accessori quali: la derattizzazione e la disinfestazione, la pulizia delle spiagge, la pulizia dei tombini, la decespugliatura, il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti e pericolosi, la pulizia delle aree cimiteriali e di mercato, tutti servizi che nelle analisi comparative il più delle volte sono esclusi.

Particolarmente significativo l’avvio del servizio di raccolta differenziata, il quale prevede il porta a porta per la raccolta della carta, dei cartoni, del vetro delle lattine e della plastica presso le attività commerciali, e la raccolta stradale per plastica, carta e vetro/lattine conferiti negli appositri contenitori.

Relativamente alla raccolta differenziata, siamo nei fatti ad un ripartire da zero, ad un reset anche sul piano dell’acquisizione della conoscenza, del come e del perchè del fallimento delle precedenti esperienze.
Sono da attendersi di conseguenza, di fronte agli inevitabili problemi che si manifesteranno nei mesi a venire, le solite lagnanze, vuoi sulla inefficienza dell’amministrazione, della ditta, dell’ufficio tecnico, dei vigili urbani ed infine sulla inciviltà dei cittadini castellammaresi così diversi da tutti gli altri.

Nel frattempo non si ha notizia della creazione di eventuali isole ecologiche, della individuazione delle aree per la loro localizzazione, della loro regolamentazione e modalità di accesso ne di programmazione delle azioni di comunicazione ed incentivazione.

Poichè il servizio di raccolta rifiuti non verrà eseguito la domenica ed i festivi si attende la pubblicizzazione di una apposita ordinanza che, sarebbe stata già emanata, o sarebbe da emanare, e con la quale si fa divieto di depositare rifiuti all’esterno delle abitazioni e nei cassonetti la domenica e nelle ore successive alla raccolta del sabato.

Attenti al virus

E’ una storia lunga e parte da lontano.

A metà degli anni 70′ c’era ancora la Cassa per il Mezzogiorno, qualcuno lì in alto decise di utilizzare un pò di miliardi nella costruzione di depuratori per alcuni centri rivieraschi.
L’idea, anche se la modalità di realizzazione delle opere e la modalità della spesa furono clientelari, tuttavia non era peregrina e per certi versi anzi all’avanguardia dati i tempi (parliamo di più di trentanni fa).
Scartate le localizzazioni proposte per la foce del Fiume Freddo, e di Vallone del Lupo in evidente contrasto con interessi immobiliari ben rappresentati nell’amministrazione locale fu proposta ed accettata la localizzazione in contrada Cerri.
Pochi, pochissimi giovani fecero allora nel silenzio generale e generalizzato della politica e della società civile di allora un minimo di contro-informazione per avvisare dei pericoli, peraltro facilmente intuibili, che sarebbero derivati da tale localizzazione.

Furono, fummo, facili profeti.

L’emanazione frequente di cattivi odori ed il loro propagarsi al centro abitato non appena avviato, unito a non risolti problemi relativi alla gestione del funzionamento e della manutenzione, fecero si che il depuratore fosse presto bypassato e che i liquami non trattati tramite condotta sottomarina fossero sversati oltre la diga foranea.

Una soluzione provvisoria.

In Italia, si dice, niente è più duraturo del provvisorio e oggi il depuratore abbandonato per oltre  trenta anni è solo un fantasma ma il sito continua ad essere appellato “depuratore di contrada Cerri“.

Il virus

L’ appellativo ha permesso il maturare e farsi strada del virus, il virus del suo ripristino nel medesimo luogo, incastonato oggi ad interrompere la continuità tra la città e il porto a vocazione turistica, in prossimità di strutture ricettive nel frattempo sorte nei paraggi tra i quali due albergi (il Cala Marina e il Cerri Hotel)  e di numerosi esercizi commerciali.

Follia ?

Tutto ciò potrà sembrare folle, ma come accaduto negli anni 70′ ancora oggi il virus non trova oppositori convinti ma politici incastrati tra la necessità inderogabile della realizzazione di un depuratore per la cittadina e una localizzazione forzata da scelte ormai inattuali e che non può per nessuna ragione essere considerata non discutibile.

Già nel 2004  il sindaco Ancona persa la battaglia per la delocalizzazione, annunciava l’inizio dei lavori entro il 2005 e la loro ultimazione per la fine del 2006, opponendo ai dubbi dei pochi che si opponevano e si oppongono improbabili fantascientifiche nuove soluzioni tecniche.
Per fortuna di tutti i lavori non vennero avviati nel 2005.

Ma il virus tuttavia continuava a fare la sua strada e i soldi disponibili passarono da 1.800.000 euro a 4.700.000 euro comprensivi del rifacimento della condotta sottomarina.

I lavori, andati già in gara, per problemi legati alla stassa gara non sono stati avviati e nel novembre del 2007 furono oggetto di un appello del consigliere provinciale Nino Mistretta oggi candidato sindaco al Presidente della Provincia, Sen. Antonio d’Alì, “affinché possa essere eliminato ogni ostacolo che ancora si frappone all’entrata in funzione del depuratore di Castellammare del Golfo“.

Questo ci dà modo di esporre le posizioni dei candidati sindaci i quali in tre casi su quattro, (Nino Mistretta, Marzio Bresciani e Salvo Bologna) sono convinti che il male minore sia di partire dall’attuale localizzazione non opponendosi alla sua realizzazione in contrada Cerri, ma anzi accelerandone la realizzazione.
Unico a porre il problema della localizzazione prioritariamente è il candidato di Rifondazione Comunista Camillo Navarra.

L’ingegnere Marzio Bresciani non lascia, ma anzi raddopia e alla realizzazione qui ed ora del depuratore in contrada Cerri (ben consapevole della illogicità della collocazione del “cesso” in salotto), aggiunge la progettazione e creazione di un nuovo depuratore in sostituzione dell’esistente.

Mi chiedo dove troverà mai di questi tempi il non politico sindaco Bresciani chi gli finanzia non uno ma due depuratori nell’arco di una sindacatura.

Vuoi vedere che anche qui ci sarà chi farà ricorso alla mitica “cordata di imprenditori italiani” ?