Tra Castellammare del Golfo e le Egadi, l’abisso !

Google Maps mi dice che in linea d’aria solo 47 chilometri separano la ex Tonnara di Favignana dalla ex Tonnara di Scopello.
Entrambe già di proprietà dei Florio ed entrambe universalmente note e tra le meglio conservate in Sicilia, a dispetto di tante cose che le accomunano e di una così minima distanza fisica, non può non rilevarsi che la distanza culturale che sta tra le rispettive comunità locali, le loro associazioni rappresentative, e le loro istituzioni politiche, risulta di fatto enorme.

Se per la Tonnara di Scopello, vengono immaginate e messe in atto le cose che vi ho descritto qui per la Tonnara di Favignana invece gli amministratori locali stipulano ed approvano convenzioni che puntano alla valorizzazione del bene culturale con riguardo al rispetto e conservazione del bene stesso.

Un abisso !

Approvata la convenzione Soprintendenza e Comune per la fruizione dell’Ex Stabilimento Florio

Il sindaco delle Egadi, Giuseppe Pagoto, esprime soddisfazione per l’approvazione in Consiglio Comunale all’unanimità della convenzione fra la Soprintendenza BB.CC.AA. di Trapani e la stessa Amministrazione Comunale, finalizzata all’ampliamento della fruizione dell’ex Stabilimento Florio di Favignana. La nuova convenzione, che definisce anche strategie e obiettivi comuni di valorizzazione e sviluppo culturale del bene, e avrà una durata di quattro anni, prevede la gestione di alcuni servizi da parte del Comune, tra i quali la bigliettazione, la pulizia, la vigilanza e la manutenzione ordinaria, ed è volta al potenziamento di tutte le attività culturali e museali della struttura.

L’ingresso all’ex Stabilimento Florio è consentito pagando un biglietto di entrata di 6 o 3 euro (restano le esenzioni per i minori di 18 anni, i bambini e per i portatori di handicap, e resta per tutti indistintamente l’ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese). Il 90 per cento delle entrate frutto della bigliettazione andrà al Comune. L’Ex Stabilimento è uno dei musei siciliani più commentati su TripAdvisor e plurirecensito. Il personale che vi presta servizio è costituito quasi totalmente da giovani favignanesi che in questi anni hanno maturato una notevole esperienza nell’accoglienza e nelle visite guidate all’interno della struttura, effettuate in diverse lingue europee. La stipula della convenzione si è realizzata secondo le previsioni del codice culturale (articolo 112) per la gestione integrata di servizi di fruizione e valorizzazione, ed è stata rinnovata in parte anche nei contenuti: c’è la possibilità, ad esempio, che l’ex Stabilimento diventi una sede per matrimoni civili grazie all’impegno e all’attenzione da parte della Soprintendenza ai Beni Culturali di Trapani guidata dalla Dottoressa Paola Misuraca.

Comunicato stampa del Comune di Favignana del 27 maggio 2015″

E l’abisso rimane !

Per la cronaca questo è lo stato dell’arte del dibattito (registrabile oggi) a Castellammare del Golfo:

““Assicurare la fruizione pubblica della tonnara e garantire la tutela del monumento. Nessun contrasto”

Lo affermano il sindaco ed il presidente del consiglio comunale sull’accesso alla tonnara di Scopello

«Non esiste alcun contrasto sulle modalità di fruizione della tonnara di Scopello. Le nostre posizioni sono convergenti. Nessuna contrapposizione». Lo sottolineano il sindaco Nicolò Coppola ed il presidente del consiglio comunale Domenico Bucca, in riferimento alla vicenda dell’accesso alla tonnara di Scopello. «Nella riunione del 30 aprile svoltasi in Soprintendenza, in assoluto accordo, abbiamo ribadito la necessità di assicurare la fruizione pubblica della tonnara e dello specchio acqueo antistante- fanno presente il sindaco Nicolò Coppola ed il presidente del consiglio comunale Domenico Bucca-. Nella stessa riunione, inoltre, è emersa l’assoluta necessità di garantire al tempo stesso la tutela del monumento “tonnara”. Significa fruire della tonnara e contemporaneamente garantire la cura e conservazione di quello che è un nostro bene storico sicuramente da difendere e proteggere».

A tal proposito il sindaco Nicolò Coppola fa presente che «a breve l’amministrazione comunale, nel caso in cui i proprietari dovessero concedere la disponibilità, formulerà le richieste per un accordo definitivo per la fruizione della tonnara».

Sulla questione dell’accesso al mare e della fruizione della tonnara di Scopello, il presidente del consiglio comunale Domenico Bucca precisa che «le dichiarazioni riportate nell’articolo pubblicato il 4 maggio sul Giornale di Sicilia, sono state raccolte il 26 aprile e facevano espressamente riferimento alla polemica con Legambiente Sicilia, non certamente con l’amministrazione comunale. Non c’è dubbio, però, che la delicatezza del sito impongono una attenta valutazione da parte di tutti».

Portavoce del Sindaco: Annalisa Ferrante

Annunci

Ampunitiiiiii !!!

L’espressione è di origine romanesca, ma qui il termine, anche ed indifferentemente nella versione più asettica di “impunito“, viene definito dal dizionario online “Sabatini Coletti” come aggettivo “Che non ha avuto la debita punizione: delitto i.” e come singolare maschile “Sfrontato,sfacciato: faccia da i.”.

Il caso è quello dei pontili e del lido autorizzati ai piedi del Castello di Castellammare del Golfo , di cui si dice nel comunicato del Comune di Castellammare del Golfo:

Dietrofront del demanio per le concessioni nell’area portuale.

L’assessorato regionale non revocherà quelle già rilasciate.

Il sindaco: “Non possiamo consentire questo sfregio ambientale. Promuoverò ogni altra azione prevista dalla legge”

«Non possiamo consentire lo sfregio ambientale nella zona di cala marina e cala petrolo. E’ un fatto allarmante. Chiederemo un’audizione alla commissione regionale Ambiente, rimarcando l’opportunità della sospensione del rilascio di concessioni demaniali. Promuoverò ogni altra azione prevista dalla legge a tutela del patrimonio paesaggistico. Ho ribadito formalmente la richiesta di ritiro della concessione rilasciata. Su quelle in itinere l’amministrazione esprime la propria ferma volontà, manifestata anche con atti deliberativi della giunta e del consiglio comunale, di sospendere il rilascio di concessioni demaniali su specchio acqueo e terraferma, che creano problemi ai lavori portuali in corso ed a tutela del paesaggio attorno al castello». Lo afferma il sindaco Nicolò Coppola dopo la conferenza di servizi riguardante le concessioni demaniali nel tratto di costa che va dal castello fino a cala petrolo.

Nella precedente conferenza di servizi convocata dal sindaco perché venisse sospeso il rilascio di nuove concessioni demaniali, capitaneria di porto, soprintendenza, genio civile e demanio, avevano ritenuto legittime le richieste dell’amministrazione, concordando sull’opportunità della sospensione del rilascio di concessioni demaniali. In particolare il demanio regionale si era impegnato a verificare “la possibilità di sospendere i procedimenti non ancora conclusi”. Ieri, invece, il responsabile dell’Arta Demanio, Salvatore Di Martino, ha sottolineato che in un particolare caso (pontile sotto castello) “con dispiacere, l’ufficio ritiene non procedibile la richiesta di revoca della concessione rilasciata”. Per le istruttorie in corso, invece, è stata richiesta, entro il 12 maggio, “formale relazione all’amministrazione, sulle ragioni che contrasterebbero con il rilascio delle relative concessioni”. La Regione sembra decisa ad andare avanti: “se le argomentazioni prodotte non saranno ritenute esaustive, l’ufficio procederà all’iter istruttorio, previa comunicazione”. Il presidente del consiglio comunale, Domenico Bucca sta già convocando un consiglio straordinario urgente “a tutela dell’immagine di Castellammare. Non si può svendere e sfregiare l’immagine della città per 3.800 “denari” – ha affermato il presidente del consiglio comunale -. Il demanio non tiene in considerazione il parere negativo della soprintendenza e la mancanza del parere della soprintendenza del mare. Una vera contraddizione: perché per l’approvazione del progetto di messa in sicurezza del porto, il Comune ha dovuto osservare una precisa prescrizione della soprintendenza, cioè la realizzazione del molo soffolto, mentre in questa occasione il demanio ritiene di non dovere tenere conto del parere negativo della soprintendenza, espresso a tutela del paesaggio”.

Portavoce del Sindaco: Annalisa Ferrante

L’unica cosa che ancora resta da stabilire è chi è (o chi sono) gli “impuniti” (e per quanto tempo continueranno ad esserlo) tra funzionari regionali e amministratori e funzionari locali.

Castellammare del Golfo nella Blacklist dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia

Un nota ANSA diramata nella mattinata di oggi 2 luglio ci informa che anche Castellammare del Golfo come già Trapani, Castelvetrano, Erice, Modica, Canicattì ma anche in precedenza aggiungo io, la Presidenza della Regione Siciliana, è entrata ufficialmente nella Blacklist del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.
Questa la nota:

(ANSA) – PALERMO, 2 AGO – Il Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti, in una nota, «esprime grande preoccupazione per la diffusa tendenza, che sembra essere
divenuta prassi per molte amministrazioni comunali siciliane, di dotarsi di uffici stampa curati a titolo gratuito, per spirito di servizio o, peggio, gestiti da personale non iscritto all’Albo, talvolta con astrusi propositi di comunicazione diretta (e di parte) e, comunque, in contrasto con una legge che spiega chiaramente chi sono gli unici demandati ad assolvere queste funzioni».
«Le esperienze registrate alla Regione Siciliana in materia di ufficio stampa, – prosegue – le diverse ma comunque preoccupanti condizioni emerse nei Comuni di Trapani, Castelvetrano, Erice, Modica, Canicattì e Castellammare del Golfo, dove sindaci e amministratori in generale hanno deciso di gestire la materia con regole proprie, lasciano perplessi per la loro inopportunità».
«Per questo motivo il Consiglio – conclude la nota – ha deciso di battere tutte le strade utili al fine di garantire il rispetto della legge 150/2000 e di restituire dignità a una categoria che è da troppo tempo nel mirino e i cui appartenenti devono comunque ricordare che i compensi di lavoro sono dovuti e
non possono essere considerati alla stregua di opzionali concessioni».
(ANSA).

SR-COM
02-AGO-13 10:48 NNN

A conferma della esistenza reale di una visione “fai da te” in materia di comunicazione si allega il recente comunicato della Presidenza del Consiglio Comunale che da conto dei lavori del consiglio del 30 luglio scorso:

Inizio attività del Consiglio Comunale. -Informazioni e chiarimenti sul Consiglio Comunale del 30-Luglio-2013.

Con l’inizio dell’attività del Consiglio Comunale, la Presidenza del Consiglio Comunale intende inaugurare un rapporto di comunicazione diretta con la cittadinanza, teso ad informare in maniera chiara i cittadini sull’attività svolta. Tale pratica muove dall’esigenza di promuovere una maggiore partecipazione all’attività amministrativa ed un rapporto chiaro e trasparente tra il Consiglio e la comunità castellammarese.
Al termine di ogni Consiglio Comunale, la Presidenza del Consiglio diramerà un comunicato in cui verranno illustrate in breve sintesi le delibere trattate e, laddove necessario, fornire chiarimenti, senza entrare nel merito delle scelte, in ossequio al principio di imparzialità che deve caratterizzare l’attività della Presidenza.

In primo luogo preciso che il Consiglio Comunale è stato convocato con le procedure d’urgenza per deliberare l’adesione del nostro Comune al “Patto dei Sindaci”, strumento di programmazione e finanziamento per progetti finalizzati al risparmio ed alla riqualificazione energetica, il cui termine ultimo era fissato, pena l’esclusione, per il 30 Luglio 2013; in sede di conferenza di capigruppo è stato deciso, all’unanimità dei presenti, di sottoporre all’esame del Consiglio Comunale anche la delibera che prevede l’aumento delle rate per il pagamento della nuova imposta “TARES” (sostitutiva della TARSU) da due (previste per legge) a tre, con le seguenti scadenze:
” 1° Acconto: 31-07-2013
” 2° Acconto: 30-09-2013
” Saldo: 30-11-2013

Sia la Delibera riguardante la “Adesione al Patto dei Sindaci”, che la Delibera riguardante il “Tributo comunale sui rifiuti e servizi TARES: determinazione del numero delle rate e relative scadenze” sono state approvate con il voto unanime dei 19 Consiglieri presenti in aula.

La concomitanza del pagamento della rata di saldo per l’anno 2012 con la rata di acconto per l’anno 2013 non scaturisce da scelte imputabili alle Amministrazioni Comunali che si sono avvicendate, bensì da una precisa norma di Legge a cui il Comune deve scrupolosamente attenersi (Art. 14 D.L. 201/2011); pertanto il Consiglio Comunale ha votato un atto deliberativo che aumenta il numero della rate di pagamento da 2 a 3, con le scadenze sopra riportate.
In ordine alle paventate sanzioni nel caso di mancato pagamento inviterò personalmente l’Amministrazione e gli Uffici Comunali competenti a diramare adeguato comunicato che, in ossequio al Codice del Contribuente, prevede l’inapplicabilità della sanzione per i versamenti effettuati entro il 31-08-2013.

Si comunica infine che è nelle intenzioni di questo Ufficio di Presidenza promuovere, nel medio periodo, una serie di incontri su temi di grande interesse per tutti i cittadini.

Castellammare del Golfo 1-Agosto-2013

Il Presidente del Consiglio Comunale
Domenico BUCCA

Castellammare del Golfo : convocato il consiglio Comunale

E’ stato convocato per il giorno 30 luglio 2013 alle ore 13,00 in seduta straordinaria d’urgenza il Consiglio Comunale di Castellammare del Golfo.
Due soli i punti all’ordine del giorno
1 – Proposta di deliberazione di Consiglio Comunale n.51 del 13/05/2013 avente per oggetto: “Approvazione adesione al Patto dei Sindaci”.
2 – Proposta di deliberazione di Consiglio Comunale n.53 del 01/07/2013 avente ad oggetto: “Tributo comunale sui rifiuti e servizi TARES: determinazione del numero delle rate e relative scadenze”.

Cittadini di Castellammare, cessato allarme, le ZTL non sono state abolite !

Aveva suscitato perplessità ed allarme nei giorni scorsi, in quanti a Castellammare sono più sensibili alle problematiche ambientali, la rimozione della segnaletica relativa alle ZTL nel Centro storico cittadino.
Sorpresi dall’improvvisa scomparsa della segnaletica non ci si è accorti della pubblicazione all’Albo pretorio del Comune di una nuova Ordinanza la n.° 20 del 10/07/2013 a firma del Responsabile del Settore V, nonchè Comandante della Polizia Municipale, Dott. Giorgio Collura, avente ad oggetto “Istituzione Zone a Traffico Limitato: Quartiere Madrice, Quartiere Chiusa e Area Pedonale nella Via Fiume e Via Bolzano e parziale modifica dell’Ordinanza Dirigenziale n. 16 del 24/06/2013“.

Tale Ordinanza dispone che:

Ravvisata la necessità e l’urgenza di istituire le Z.T.L. con effetto immediato e fino al 15/09/2013, tutti i giorni, dalle ore 20,00 alle ore 02,00 nelle zone: Quartiere Madrice e Quartiere Chiusa e Area Pedonale nelle strade Via Fiume e Via Bolzano con effetto immediato fino al 15/09/2013 tutti i giorni dalle ore 00,00 alle ore 24,00;
Visti gli art. 5 comma 3, 7 comma 1 del Decreto Legislativo 30/04/92 n. 285 riguardante le norme sulla disciplina della circolazione stradale e successive modificazioni ed integrazioni, nonché le norme del regolamento d’esecuzione del predetto Decreto Legislativo approvato con D.P.R. 16/12/1992 n. 495;
ORDINA

Per le motivazioni sopra esposte;

La modifica parziale dell’Ordinanza Dirigenziale n. 16 del 24/06/2013 del punto n. 01 come segue:
” C.so Garibaldi tratto compreso tra la Via Purgatorio e il C.so B. Mattarella, tutti i giorni, con effetto immediato fino al 30/09/2013 dalle ore 20,00 alle ore 02,00;
Di istituire le Z.T.L., con effetto immediato fino al 15/09/2013, dalle ore 20,00 alle ore 02,00 nelle seguenti Zone:
– Quartiere Madrice (Via Puccini, T. Buffa, Sarcona, Costamante, A. Militelli, Carollo, Arciprete, Arco Florio, P.zza Madrice, Galatioto, Madrice, Re Federico, Salvato, P.zza Castello, Via Delle Mura);
– Quartiere Chiusa (Via Pioppi, Bizet, Rossini, Marcantonio, Mannina, Marinaro, Discesa Badia, Discesa Marina, D.L. Sturzo, Nobile, Gioia, Navarra, Mascagni, Cerda, Renda);
Di istituire Area Pedonale con effetto immediato fino al 15/09/2013 tutti i giorni dalle ore 00,00 alle ore 24,00 nelle seguenti strade:
– Via Fiume;
– Via Bolzano;
Il rilascio dei permessi, il transito, e la sosta dei veicoli vengono disciplinate come da “Allegato A” approvato con Delibera di G.C. n. 190 del 04/06/2013;
Ogni precedente ordinanza contraria a quella contenuta nel presente provvedimento deve ritenersi nulla;
Di stabilire che nelle Z.T.L. possono circolare:
a) mezzi di soccorso (ambulanze, Vigili del Fuoco, ecc.) e veicoli degli organi di Polizia;
b) veicoli per la raccolta di rifiuti solidi urbani;
c) taxi e autoveicoli da noleggio con conducente per operazioni di servizio;
d) veicoli di Enti Pubblici ed Istituti di assistenti adibiti al trasporto di persone diversamente abili muniti di scritte o stemmi che li rendano individuabili;
e) veicoli di servizio di persone diversamente abili con apposito contrassegno rilasciato dal Comune di residenza, purchè l’area non sia interessata da manifestazioni pubbliche che rendono impossibile il transito;
f) veicoli per il carico e scarico merci alle attività commerciali, così come regolamentate nel disciplinare “(Allegato A)” approvato con delibera n. 190 del 04/06/2013;
g) i medici in visita domiciliare previa esibizione sul cruscotto della indicazione “medico in visita domiciliare;
h) ai complessi ricettivi ed alberghieri a ai gestori di attività commerciali all’interno delle Z.T.L. esclusivamente per le operazioni di carico e scarico bagagli e/o persona.
Tutti i veicoli muniti di permesso così come regolamentati nel disciplinare “(Allegato A)” approvato con delibera n. 190 del 04/06/2013 potranno circolare solo a velocità particolarmente moderata e adottando ogni cautela per la sicurezza dei pedoni.
Tutte le Forze di Polizia di cui all’art. 12 del C.d.S. dovranno far rispettare le norme del vigente C.d.S.
L’ufficio del traffico è incaricato di apporre la prescritta segnaletica;
L’ufficio messi di dare adeguata pubblicità al provvedimento mediante la sua pubblicazione all’albo Pretorio comunale;
Il presente provvedimento sarà notificato per la esecuzione e per quanto di rispettiva competenza a:
1. Dirigente del Commissariato di P.S. di Castellammare del Golfo;
2. Al Comandante la Stazione dei Carabinieri di Castellammare del Golfo;
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e fare osservare la presente ordinanza che diverrà esecutiva con l’apposizione della relativa segnaletica;
Per le trasgressioni trovano applicazioni le sanzioni previste da C.D.S..
Avverso la presente ordinanza, che revoca ogni altra ordinanza in contrasto con la presente, chiunque vi abbia interesse potrà proporre ricorso entro 60 giorni dalla pubblicazione al Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia, sezione di Palermo;
Entro 60 gg. dalla pubblicazione della presente Ordinanza può essere proposto ricorso al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti relativamente alla apposizione della segnaletica stradale, ai sensi dell’art. 37 comma 3 del D.Lgs n. 285 del 30 aprile 1992“.

Nel frattempo apprendiamo anche che è stato ri-convocato il Consiglio Comunale per il giorno 22 luglio 2013 alle ore 18,30 in seduta di prosecuzione con il seguente ordine del giorno:

1) – Elezione del Presidente del Consiglio Comunale
2) – Elezione del Vice Presidente del Consiglio Comunale
3) – Presentazione della Giunta e delle linee programmatiche del Sindaco
4) – Elezione della Commissione Elettorale

Castellammare del Golfo: ufficializzati i risultati delle amministrative e convocato il Consiglio Comunale

Sono stati ufficializzati infine i risultati delle Elezioni Aministrative dello scorso 9 e 10 giugno a Castellammare del Golfo.

Confermata la vittoria di Nicola Coppola e l’assegnazione del premio di maggioranza per la sua coalizione.
Il riconteggio delle schede ha permesso di ridurre a sei su quindici le liste rimaste sotto la soglia del cinque per cento e la lista CastellammareSI ha avuto assegnato il suo consigliere nella persona di Giacomo Asaro a scapito dello MPA che non ottiene il secondo consigliere e conferma quindi il solo Giuseppe Norfo.

Questo quindi il nuovo Consiglio Comunale

I venti eletti al Consiglio Comunale

Maggioranza

Di Gregorio Lorena (uscente)
Di Bartolo Giacomo
Foderà Franco

Canzoneri Gaspare
Ancona Laura
Paradiso Maurizio (uscente)

Blunda Daniela (uscente)
Bucca Domenico (uscente)
Cruciata Giuseppe Maria (uscente)

Maltese Mariano
Motisi Ivano (uscente)
Coppola Camillo

Minoranza

Palmeri Angelo
Fausto Giuseppe
Cassarà Rosalba

Cruciata Stefano
Labita Vitalba

Norfo Giuseppe (uscente)

Lo Nano Anna

Giacomo Asaro

Frattanto è stato convocato il Consiglio Comunale per il giorno 15 luglio 2013 alle ore 18,30 con il seguente:

ORDINE DEL GIORNO

1. Giuramento dei Consiglieri proclamati eletti ed insediamento del Consiglio Comunale;
2. Esame ai sensi della L.R. 24/06/1986, n. 31 e della L.R. 21/09/1990 delle condizioni di eleggibilità e ai sensi dell’art. 58 del D.L.gs 267/00 delle condizioni
di candidabilità per la convalida degli eletti;
3. Esame eventuali situazioni di incompatibilità ai sensi della L.R. 24/06/86 n. 31 con inizio delle procedure disciplinate dall’art. 14 L.R. 24.06.1986, n. 31;
4. Elezioni del Presidente del Consiglio Comunale;
5. Elezioni del Vice Presidente del Consiglio Comunale;
6. Giuramento del Sindaco;
7. Presentazione della Giunta e linee programmatiche del Sindaco;
8. Elezione della Commissione Elettorale.
La mancanza del numero legale comporta la sospensione di un’ora della seduta in corso;
qualora alla ripresa dei lavori non si raggiunga o venga meno il numero legale, la seduta verrà
rinviata al giorno successivo in seconda convocazione senza ulteriore avviso.