Italia, per la serie “il più sano c’ha la rogna”

Questo è un altro degli infettati ed infettanti.
Uno che è parte di coloro che ritengono di poter dire a decine di milioni di italiani, che “hanno vissuto al di sopra delle loro posibilità“, che anche lui sta facendo dei sacrifici, e che contemporaneamente continua a non tener conto di quanto guadagnano all’estero i suoi colleghi con pari funzione, e di quanto lui stia vivendo “al di sopra delle nostre possibilità“.

Visco: al governatore un compenso di 681 mila euro

31 Maggio 2012 – 15:24

(ASCA) – Roma, 31 mag – Un compenso di 681 mila euro. A questo ammontano gli emolumenti del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, cosi’ come si evince dal Bilancio della Banca reso noto in occasione dell’Assemblea annuale che si e’ svolta oggi a Palazzo Koch. Visco, che e’ stato nominato lo scorso 24 ottobre, ed ha sostituito Mario Draghi dal primo novembre 2011, percepisce in realta’ un compenso annuale di 757.714 euro, somma decurtata del 10% a seguito delle norme sul blocco e taglio degli stipendi del pubblico impiego varate nell’estate 2010, che lo riduce cosi’ a 681mila euro. Al direttore generale Fabrizio Saccomanni vanno invece 593.303 euro, ridotti dalla stessa normativa a 533 mila euro circa. Per ciascuno dei vice direttori generali il compenso e’ di 441.057 euro (che anche in questo caso vanno decurtati del 10%). Gli emolumenti complessivi dei tredici consiglieri superiori sono invece pari a 371.020 euro, mentre al collegio sindacale vanno 137.430 euro.”.

Annunci

E finalmente pagheremo l’Ente Risi

Vi sembrerà incredibile, ma in questo paese in cui in tanti, (troppi) non pagano, è accaduto ed accade che ci si preoccupi da parte dello Stato di pagare debiti derivanti dalla gestione dell’ammasso obbligatorio dei prodotti agricoli negli anni 1948/49 oltrechè 1954/55 e 1961/62 da parte dell’Ente Risi per un totale di 33.692.020 euro alla Banca D’Italia, detentrice dei titoli, e di 661.798 all’Ente Risi stesso.
La norma è contenuta nella bozza di manovra economica del ministro Tremonti e che si ritiene andrà presto in Consiglio dei Ministri per l’approvazione.

E’ legittimo chiedersi quando provvederemo al pagamento dei danni a Cartagine, e alla conseguente richiesta di rivalsa su quel guerrafondaio di Marco Porcio Catone ed i suoi fichi ?

dalla bozza di manovra economica

dalla bozza di manovra economica

Diarioelettorale e il Pil

Che ci crediate o meno mi piacerebbe che invece di indicare l’andamento mensile delle “page view” di questo blog, il grafico che vi mostro, indicasse l’andamento del Pil italiano.

Quello infatti si stima che nel 2009 (ottimisti o pessimisti che siate) subirà una caduta di circa il 5 %.

Non lo dico io, ma il Governatore della Banca d’Italia Mari Draghi.

diarioelettorale-giugno-stat