La presidenza dell’ANCI a Giacomo Scala sindaco di Alcamo

Il nuovo presidente regionale dell’Associazione dei comuni siciliani e’ da ieri 23 luglio Giacomo Scala, sindaco a fine mandato di Alcamo, espressione dell’area Innovazioni del Pd (gli ex margheritini di Papania e Genovese), e prossimo deputato regionale del Pd.
L’esponente del Partito democratico conquista la carica che da oltre un decennio era appannaggio del centrodestra, ed in particolare negli ultimi anni del pessimo sindaco di Palermo Diego Cammarata.
Scala, e’ stato eletto per acclamazione, a conclusione della decima assemblea congressuale dell’Anci Sicilia, svoltasi a Palermo.
L’asse Terzo polo-Pd è riuscito a catalizzare un vasto consenso, ben oltre gli steccati degli schieramenti.
L’elezione del nuovo presidente e’ avvenuta dopo la nomina dei 65 membri del consiglio regionale. Nello Di Pasquale, sindaco di Ragusa, e’ stato invece nominato vicepresidente vicario.
Il Giornale di Sicilia, che evidentemente non ama questa maggioranza, con un pezzo di Giacinto Pipitone, si attarda oggi in una analisi tesa a sottolineare lo sfaldamento in casa Pd quale conseguenza di alcuni spostamenti di uomini dallo stesso Pd all’Api il microscopico partito di Rutelli, facendo passare in secondo piano i significati politici che possono leggersi dietro l’elezione di Scala.
Al di là delle dichiarazioni di circostanza, l’elezione di Scala infatti, segna il consolidarsi di un asse quello tra Terzo polo e Pd che sembra destinato a segnare la politica isolana nei prossimi anni e che già da settembre potrebbe dare luogo ad un rimpasto della giunta Lombardo con l’inserimento di politici del Pd e dell’Udc.
Di fatto il processo di perdita di centralità politica del Pdl che in Sicilia aveva già segnato un punto con l’elezione di Raffaele Lombardo alla presidenza della regione sembra destinato a continuare nella prossima tornata amministrativa del 2012.
Non è privo di fondamento quanto dichiarato nei giorni scorso da Raffaele Lombardo alla convention del Terzo polo: “Qualcuno si chiede se il Terzo polo potra’ avere ruolo importante, se ci sono le condizioni perche’ questo avvenga. Noi la risposta gia’ ce l’abbiamo… il terzo polo governa una regione che, con tutto il rispetto non e’ il Trentino o la Val D’Aosta, ma e’ una grande regione italiana, la Sicilia con i suoi cinque milioni di abitanti, con un gruppo di 30 parlamentari che e’ il piu’ grande del consiglio regionale“.
Quanto invece al suo auspicio “Che si possa chiudere al piu’ presto presto una ventennale parentesi che ci lascia degrado economico e morale e grande crisi“, ci sfugge chi identifichi lo stesso Raffaele Lombardo nella veste di protagonisti della parentesiche ci lascia degrado economico e morale e grande crisi” e per quale oscura ragione ritenga di doverne essere identificato non come corresponsabile, ma come oppositore.
Il solito vecchio, caro, trasformismo isolano.

Sicilia: i sindaci consegnano le fasce tricolori ai Prefetti ed una lettera per Silvio Berlusconi

Una nutrita rappresentanza di sindaci nelle diverse province dell’isola, ha consegnato questa mattina ai prefetti, le fasce tricolori, simbolicamente e in segno di protesta.
Ricevuti dai prefetti, nel corso degli incontri è stata ribadita dai sindaci la drammatica situazione dei precari che lavorano negli Enti locali, molti dei quali in sit-in davanti alle Prefetture.

L’azione congiunta dei sindaci di oggi è il risultato dell’assemblea organizzata dall’AnciSicilia la scorsa settimana a Palermo.
In quella occasione i primi cittadini dell’Isola decisero di organizzare questa ulteriore azione di protesta per mantenere alta l’attenzione sui problemi legati alla manovra finanziaria e che stanno mettendo in ginocchio molte amministrazioni locali.

Durante l’incontro in prefettura a Palermo, cui hanno preso parte, tra gli altri, anche i sindaci dei comuni di Corleone, Termini Imerese, Vicari, Petralia Sottana, Prizzi, Lascari e Chiusa Sclafani, Giuseppe Siviglia, anche in qualita’ di sindaco di San Giuseppe Jato, ha ribadito: “La manovra finanziaria, oltre ad operare un pesantissimo taglio dei trasferimenti ai comuni, inasprisce il sistema sanzionatorio per chi viola il patto di stabilita’, costringendoci a sbattere la porta in faccia ai precari che, da oltre vent’anni, lavorano nella pubblica amministrazione. Non solo tra questi c’e’ gente che ha sempre lavorato con grande impegno e professionalita’, ma molti di loro sono stati le colonne di servizi importanti come l’anagrafe o la polizia municipale. Non rinnovare il contratto a queste persone significa non essere in grado di offrire alle citta’ i servizi essenziali“.
Gli amministratori siciliani, in attesa di risposte precise e in attesa che il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, fissi una data per incontrarli, stanno anche preparando una manifestazione di protesta nella capitale.

Questa mattina ai prefetti è stata anche consegnata la lettera aperta indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi.

LETTERA APERTA
Al Presidente del Consiglio dei Ministri,
On. Cav. Silvio Berlusconi

I Sindaci e i Presidenti delle Province della Regione siciliana,

consapevoli che per affrontare e superare l’attuale situazione economica tutte le amministrazioni dello Stato e delle Regioni e gli Enti Locali sono chiamati a concorrere in modo equo e sopportabile;

nel ribadire che i Comuni e le Province dell’Isola non beneficiano delle entrate finanziarie proprie delle Amministrazioni con sede nelle aree più sviluppate del Paese e che, allo stesso tempo, non dispongono delle risorse necessarie a contribuire alla crescita economica dei loro territori;

nel ritenere che in una realtà sociale quale quella del Mezzogiorno, storicamente caratterizzata da una condizione di scarso sviluppo economico e di forte disoccupazione e ulteriormente segnata dalle conseguenze dell’attuale crisi economica, le scelte della manovra finanziaria approvata dal Governo possono produrre effetti particolarmente gravi per i cittadini;

nell’evidenziare segnatamente che in tale difficile contesto, a causa dei ristretti vincoli del Patto di Stabilità interno, gran parte del personale degli Enti Locali della Regione Siciliana si troverà, nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, senza lavoro e i Comuni e le Province siciliane non potranno utilizzare il suddetto personale divenuto indispensabile per la gestione degli Enti ai quali ormai da molti anni assicurano servizi vitali;

nel condividere integralmente le richieste e le azioni di protesta dell’Anci e dell’Upi in ordine alle misure introdotte con il decreto n. 78 del 2010;

considerando che da oggi inizia una mobilitazione permanente che porterà, tra l’altro, alla manifestazione indetta per il giorno 28 giugno davanti alle nove Prefetture

chiedono alla S.V. On.le

che vengano apportate modifiche alle regole del Patto di stabilità interno tali da consentire una sterilizzazione delle somme impiegate dai Comuni e dalle Province in misure di stabilizzazione del personale precario e prevedere precise deroghe al rigido sistema sanzionatorio;

che venga profondamente rivista la misura della partecipazione degli Enti locali al risanamento dei conti pubblici prevista dalla manovra approvata dal Governo, che allo stato potrebbe determinare la mancata erogazione di servizi essenziali ai cittadini;

che venga fissato un incontro urgente – entro il 30 giugno – al fine di rappresentarLe la specifica realtà regionale in ordine alle misure di stabilizzazione dei lavoratori precari, la drammatica situazione in cui versano i Comuni siciliani e il grave stato di disagio degli Amministratori, anche con la simbolica consegna della fascia tricolore.