Bernardo Mattarella: caro don Luigi

I separatisti continuano. Parecchi, dopo il trapasso dei poteri alla sovranità italiana, hanno fatto macchina indietro, come Guarino Amella. Altri giocano all’equivoco. Alcuni ancora insistono. L’effetto sulle masse è piuttosto scarso. E’ comunque un movimento che occorre seguire e vigilare continuamente, anche per l’elemento poco buono da cui è circondato, la mafia riportata dai feudatari separatisti all’onore della ribalta politica.
Il movimento è puramente reazionario e ha fatto presa sui più retrivi proprietari, che sperano di sottrarsi col distacco ad una politica sociale ardita.” Bernardo Mattarella – Palermo 24 maggio 1944

Annunci

La Sicilia, Palermo e la DC descritte da Sergio Mattarella

nel corso dell’udienza dell’undici luglio 1996 del processo a Giulio Andreotti.
La registrazione audio, della durata di circa due ore, è preceduta da una introduzione del giornalista Sergio Scandurra di Radio Radicale.

Vai all’audio !

Sergio Mattarella

grazie a Radio Radicale