Oriental Jobs

“Compattatori di passeggeri”

Annunci

27 gennaio 1945, giorno della liberazione di Auschwitz

Oggi è il “Giorno della Memoria”, ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno quale giornata di commemorazione delle vittime del nazismo, dell’Olocausto e in onore di quanti a rischio delle proprie vite hanno protetto i perseguitati. La data ricorda la liberazione, da parte delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa, del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta appunto il 27 gennaio 1945.

In questo giorno il “coso” in rappresentanza dell’Italia immemore e vile ha pronunciato queste terribili parole:

Update

Trovo assai appropriato il commento di Nichi Vendola alle superiori dichiarazioni del “coso”:

Berlusconi è un falsario, sia quando parla del presente sia quando parla del passato. Berlusconi è un falsario, quando dimentica cosa è stata la privazione delle libertà fondamentali, la censura sulla libera stampa, le violenze squadriste e di regime, che cosa è stato l’esilio, il carcere, la tortura, la morte per la parte migliore dell’Italia di allora. Berlusconi è un falsario, quando finge di non sapere che il Tribunale Speciale del fascismo condannò a 27mila anni di carcere migliaia di menti libere, le persone più belle del nostro Paese. Berlusconi è un falsario, quando finge di non sapere che già nei primi mesi del 1921 i fascisti riuscirono a distruggere 17 fra sedi di giornale e tipografie, diedero alle fiamme 59 Case del Popolo e 119 Camere del Lavoro e 117 cooperative, 83 Leghe contadine, 141 sezioni del Psi e del Pci, oltre 100 circoli culturali e biblioteche.

Oggi l’Italia deve chiedere ai falsari di tacere, almeno per un giorno

Nichi Vendola

I Sindaci graditi

L’annuale classifica di gradimento dei sindaci de “Il Sole 24Ore” vede in testa Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, al suo secondo successo in solitaria, dopo quello ottenuto cinque anni fa quando tre salernitani su quattro risposero un «sì» convinto all’ipotesi di rivotarlo in caso di elezioni.

Al secondo posto Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, nonostante i problemi gravissimi che attaraversano la città, e al terzo Marco Zambuto sindaco di Agrigento, che sale sul terzo scalino del podio nazionale con un rotondo 70%, non troppo sotto al 74,7% mietuto nelle urne, quando fu rieletto.

Qui una ampia intervista de “La Zanzara Radio24” del 13 novembre 2012 al sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, su: Monti, Grillo, i “pollai”, Teo Teocoli presidente del Consiglio, il generale Petraeus, la lista arancione e la povera gente.