Castellammare del Golfo, Consiglio Comunale: l’antimafia non abita qui !

Leggo su “La Sicilia” di ieri (6 settembre 2012) a pagina 32:

Castellammare

Una commissione speciale
per vigilare sui lavori al porto

Castellammare. Si sono insediate le due commissioni speciali costituite nelle ultime sedute consiliari Lavori del porto e Revisione dello Statuto e Regolamento Consiglio Comunale”. Della prima ne fanno parte Domenico Bucca (Pdl), Lorena Di Gregorio (Udc), Salvatore Galante (Pd), Girolamo Genna (Misto), Antonio Mercadante (Fli), Maurizio Paradiso (Castellammare Democratica Unita), Simone Scaraglino (Generazione Castellammare) e sono stati eletti rispettivamente presidente e vice Lorena Di Gregorio e Domenico Bucca mentre Antonio Mercadante è stato nominato portavoce.
Della commissione speciale per la revisione dello Statuto e regolamento consiliare ne fanno parte Daniela Blunda (Udc), Paola Ciaravino (Pdl), Sebastiano Cusenza (Fli), Piero Colomba (Generazione Castellammare), Santo Mattarella (Castellammare Democratica Unita), Giuseppe Norfo (Misto), Giovanni Portuesi (Pd) e sono stati eletti rispettivamente presidente e vice Sebastiano Cusenza e Giovanni Portuesi. Quest’ultima avrà il compito entro la fine dell’anno di adeguare statuto e regolamento consiliare alle nuove norme varate dagli organi legislativi nazionali e regionali in modo da dare al consiglio che si insedierà il prossimo anno, strumenti di riferimento aggiornati.
La commissione speciale “lavori del porto” avrà il compito di tenere sempre viva l’attenzione sui lavori che si sono fermati dopo il sequestro del 2010 e porre in essere tutte quelle iniziative utili alla ripresa. Al riguardo per giovedì mattina è già stato predisposto un incontro all’assessorato regionale Opere Marittime con il responsabile del procedimento ing. Pirrone.

Annunci

Favia il fuori onda che dice la verità sul movimento di Grillo

Nel video de La 7, a partire dal minuto 1,02 la verità del consigliere regionale dell’Emilia Romagna Favia in un fuori onda registrato subito dopo un’intervista dello scorso mese di maggio.
Favia uno dei più alti rappresentanti del movimento Cinque Stelle rivela quello che la maggioranza degli italiani sa e che solo chi non vuole vedere non vede, che il padre – padrone del movimento è Casaleggio,  che le carte sono truccate e che la democrazia della rete è solo una trovata propagandistica.