Vivere pericolosamente

Il Passo Lowari inizia nella città pakistana di Dir e si snoda attraverso le regioni tribali al confine con l’Afghanistan.

La “Via dell’Inferno”, come è nota tra i locali, è lunga 240 km e costituisce l’unica via di approvvigionamento per i piccoli villaggi nella valle del Chitral nel nord-ovest del Pakistan.

Si tratta di una strada dove anche il minimo errore può essere fatale.

I cmions sono gli unici mezzi di trasporto in questa regione montagnosa.

Autisti, meccanici e assistenti di tutte le età lavorano ogni giorno tra la polvere e l’inquinamento.

La Via dell’Inferno

Il ventitreenne Kamara è un imprenditore di successo che possiede due camion.
Uno è carico di due tonnellate di zucchero destinati ad un villaggio nella valle di Chitral. Il camion è guidato da uno dei migliori autisti di Kamara, Dawoud.

Dawoud è pagato 60 dollari al mese e lavora con il suo fratello minore.
“Sono una squadra molto buona, molto coraggiosa”, spiega Kamara, introducendo il fratello di Dawoud, Kalid.

60 dollari è il salario medio pakistano. Ma dal momento che pochi piloti ad accettare i rischi del Passo Lowari per quei soldi, Kamara offre un bonus di 90 dollari un incentivo che i più giovani trovano irresistibile.

La “Road Hell” si snoda attraverso montagne e panorami mozzafiato per centinaia di chilometri, e pochissimi autisti riescono a raggiungere la loro destinazione in un solo giorno.

Dawoud, che guida già da 10 anni, prevede di rendere il viaggio il più possibile rapido, nonostante il pericolo, per approfittare dei bonus.
Così guida non-stop per ore.

“Ho un rapporto molto stretto con il mio camion. E ‘come casa mia. Mangio qui e dormo qui, trascorro più tempo qui che a casa”, spiega.

Il camion non ha età, con il contachilometri bloccato in modo permanente a 776,000 km. Dawoud e Khalid hanno decorato il camion a modo loro – con le fotografie del defunto primo ministro pakistano Benazir Bhutto che formano un collage accanto a quelli delle giovani star dei film indiani.

“Non c’è futuro”

Il pericolo vero emerge non appena il veicolo raggiunge i 2.000 metri di altezza, nel tratto montagnoso.
La neve che si scioglie forma torrenti che attraversano la strada, creando buche e frane.
Ogni viaggio usura e danneggia i pneumatici ulteriormente.

Il Passo Lowari pone una serie di problemi.

Quattro anni fa, di fronte a un numero crescente di feriti, il governo pakistano ha finanziato la costruzione di un tunnel attraverso le montagne.

“Guardate questo tunnel. Tra poco saremo in grado di attraversare la montagna, il tunnel farà le nostre vite ei nostri posti di lavoro molto meno complicati”, spiega Dawoud.

“Ma per ora, dobbiamo ancora attraversare il passo, che è 3.100 metri di altezza, e non si sa mai prima se ce la faremo o no”.

Dawoud dice che ciò che guadagna è appena sufficiente a sfamare la sua famiglia di tre figli, sua moglie e la madre.

“Non c’è futuro. Noi lavoriamo, questo è tutto. Questo lavoro non ha futuro”, dice. “Il guadagno appena sufficiente a sfamare la mia famiglia, così quando sarò in grado di permettermi un camion ?”

Suo fratello Khalid è più ottimista: “Io, ho intenzione di risparmiare fino a 45.000 dollari e mi comprerò un camion Sarà ricco di decorazioni Appena ho i soldi che sto comprando…

Le montagne si sgretolano

Qui è dove la neve di sciogliendosi provoca valanghe e frane.
Qui si sale 1000 metri ad una altezza di 3 km nel giro di un’ora – una sfida anche per gli autisti più esperti.

A 2800 metri la mancanza di ossigeno provoca sonnolenza e la concentrazione diventa un lavoro – il più piccolo movimento richiede uno sforzo notevole e restare svegli è una sfida da vincere.

“Qui siamo in cima. Fa molto freddo qui. Guarda laggiù … questo è quello che chiamano il posto dell 45 curve. La discesa è semplicemente orribile. Molto pericolosa, perché si ha bisogno dei freni tutto quel tempo, ed i freni si surriscaldano”, spiega Dawoud.

“Inoltre, è stretta e nelle curve non c’è abbastanza spazio per due camion.
Quindi, è fondamentale concentrarsi e non staccare mai le mani dal volante.”

Affrontare le curve diventa una battaglia fisica – l’obiettivo è quello di andare semplicemente in discesa, senza mai fermarsi e pregare che non ci sia un camion che venga in senso contrario.

Dawoud deve la sua vita al perfetto controllo del suo camion. Ma lui non ha alcun controllo sulla natura ed è alla mercé delle valanghe improvvise che spazzano via ogni cosa dal loro cammino.

Una curva finale e fratelli sono finalmente nella valle di Chitral, dove la strada è asfaltata e protetta dalle colline.

Ma c’è una brutta notizia a pochi chilometri più in basso nella valle, una parte della montagna è scivolato sulla strada, rendendo impossibile procedere oltre.

“Guarda, la montagna si sta ancora sgretolando. La strada è completamente bloccata … quel piccolo trattore lavora tutto il giorno per ripristinare un qualche percorso attraverso di essa. E “l’unico nella valle”, esclama Dawoud.

I fratelli riprendono il loro viaggio approfittando di una temporanea apertura attraverso i detriti, anche se la montagna continua a crollare.

Dawoud e Khalid finalmente sono a Chitral, quasi quattro giorni e 240 km. più tardi.
Si affrettano a scaricare il loro carico rapidamente e a tornare sulla strada per fare più viaggi possibili durante il mese.

Il tunnel della morte

Chitral è la più grande città della valle, e praticamente funziona come un gigantesco magazzino per i rifornimenti di base che vengono poi venduti agli altri villaggi che punteggiano la montagna lungo la frontiera con l’Afghanistan.

Un villaggio remoto è Parsan, a circa 35 km da Chitral.

Arroccato a quasi 3.000 metri di altezza, Parsan è piccolo e completamente isolato. L’unico modo per raggiungere il villaggio è attraverso un passaggio di 10 chilometri che attraversa la montagna ed è stato creato circa 12 anni fa.

La gente del posto chiama questo tracciato “Il tunnel della morte”. Il tetto è instabile e la caduta di massi è un pericolo costante.

Hadji possiede una Jeep per i trasporti fino a Parsan da Chitral, dove i 1.500 abitanti sopravvivono di caccia, agricoltura e allevamento del bestiame.
Carica una tonnellata di merci e passeggeri per il pericoloso viaggio che inizia con l’attraversamento di un fiume su un antico ponte in legno.

“Si tratta di un vecchio ponte. E ‘stato riparato molte volte, ma è ancora molto fragile. Non mi piace attraversarlo”, Hadji dice. “Ascolta il rumore che fa. Nessuno si ferma mai su di esso … hanno troppa paura”.

La sua Jeep passa senza incidenti, ma il sollievo è di breve durata. Il fiume è gonfio all’uscita del tunnel, rendendo impossibile il passaggio.

“Ora abbiamo un grande problema. La corrente è troppo forte per attraversare ora. Non credo che possiamo farlo oggi”, informa i propri passeggeri.

Come le acque cominciano lentamente a ritirarsi, i passeggeri che sono nella Jeep di Hadji si rianimano. Alcuni di loro aiutano posando pietre nel letto del fiume permettendo al veicolo di attraversare facilmente.

Infine, dopo le 10 ore che ha richiesto il coprire un viaggio pericoloso ma di soli 35 km, Hadji raggiunge Parsan ancora sorridendo per aver truffato la morte, ancora una volta.

Libera traduzione da aljazeera.com

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...