Trapani: Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (23)

Udienza del 11 gennaio 2012 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, in territorio di Valderice la sera del 26 settembre 1988 ed in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

In apertura d’udienza il pm Francesco Del Bene deposita i verbali di Wilma de Federicis del 3 aprile 1995 e 11 ottobre 1996, visto che il teste risede all’estero, le parti hanno concordato di acquisire i relativi verbali di interrogatorio.

Il pm Del Bene da quindi notizia che il pentito Rosario Spatola citato come teste nell’udienza odierna risulta essere già deceduto come comunicato solo qualche attimo prima dell’avvio dell’udienza dal servizio centrale operativo.
Pertanto vengono acquisiti due verbali di dichiarazioni rese da Spatola sul delitto Rostagno.

Durante l’udienza verrà esaminato il teste: Vincenzo Calcara (1956 – collaboratore di giustizia) di Castelvetrano, teste assistito.

Vincenzo Calcara risponde alle domande del pm Del Bene dopo avere ripetuto la formula di rito.

“Sono stato combinato [in cosa nostra] il 4 ottobre 1979 dalla famiglia di Castelvetrano, capo assoluto della famiglia era Francesco Messina Denaro”
Ero un semplice soldato però ero un soldato molto riservato la maggior parte degli uomini della famiglia non mi conoscevano, pochissimi uomini d’onore mi conoscevano, svolgevo mansioni abbastanza delicate, come per esempio lavoravo all’aeroporto di Linate di Milano dentro la dogana, ho fatto delle cose molto particolari”.

A volerlo mantenere riservato era stato il capo assoluto del mandamento Francesco Messina Denaro.

Richiesto di indicare i nomi degli altri uomini d’onore della famiglia di Castelvetrano che ha conosciuto nel 1979, ma anche successivamente, Calcara fa i nomi di: Lucchese Michele, uno che frequentava a Paderno Dugnano, e che era imprenditore e politico, Peppe Clemente, Giuseppe Marotta l’avvocato Totò Messina, Francesco Luppino uomini d’onore di Campobello di Mazara.
A seguito di domanda del pm, Calcara illustra quindi la geografia mafiosa della provincia di Trapani.
Calcara dice di avere fatto parte di cosa nostra fino al pentimento davanti al dottor Paolo Borsellino cioè fino al novembre 1991.

Il pm del Bene passa quindi a fare domande sul periodo 1988-1989.

In questo periodo per il mandamento di Castelvetrano chi era il capo ?
“Francesco Messina Denaro”

Capo della famiglia di Trapani nel 1988 chi era ?
“Non lo so, non ricordo, forse Minore, sicuramente non mi è stato detto chi era il capo di Trapani.

Ha commesso dei reati per conto di cosa nostra ?
“Si, trafico internazionale di droga, estorsioni, concorso in omicidio, ci sono delle sentenze in cui sono stato condannato per questo”.

Lei ha detto di avere commesso un omicidio
“Si, Sono stato condannato come esecutore materiale del delitto di Francesco Tilotta omicidio avvenuto nel gennaio del 1977 prima della mia affiliazione”.

Il pm Del Bene chiede se doveva uccidere uomini delle istituzioni dello Stato.

“Si, sono stato incaricato di uccidere il dottor Paolo Borsellino nel mese di settembre 1991 quando io ero latitante”
L’incarico gli era stato conferito da Francesco Messina Denaro, ma arrestato il 5 novembre del 1991 non ha potuto più uccidere Borsellino.
A Borsellino confessò questo incarico e gli disse che era stato condannato a morte e che Francesco Messina Denaro aveva organizzato due piani per ucciderlo il prtimo con un fucile di precisione, il secondo con un’auto bomba, dichiarazioni che ha fatto in diversi processi.
A Borsellino confessò tutto compreso un trasporto di miliardi a un tale notaio Albano di Borgetto.
Ricostruisce quindi la testimonianza al processo per il delitto Lipari.

Ha mai conosciuto Mariano Agate ?
“Si, era il capo della famiglia di Mazara del Vallo”
Non aveva frequentazione perchè abitava a Milano. Una sera ha avuto un incontro con il sindaco di Castelvetrano Tonino Vaccarino e assieme sono andati a Mazara a incontrare Agate, pochissimo tempo prima della morte del sindaco Vito Lipari.

Lei, Vincenzo Virga lo ha mai conosciuto?
“Non mi ricordo”

Cosa nostra operava nel settore degli stupefacenti ?
“Come no, cosa nostra e ciò che va oltre cosa nostra mi ha fatto entrare a lavorare dentro la dogana dell’aeroporto Linate – Milano. Dove io ero munito di un tesserino” che gli permetteva di muoversi, “ho fatto entrare quintali e quintali di morfina base”, un traffico gestito per conto della famiglia di Castelvetrano.

Le risulta se cosa nostra sopratutto trapanese avesse rapporti con la massoneria ?
“Si”. Anche uomini di onore erano massoni, intendendo con la massoneria deviata.
Lucchese Michele era uomo d’onore e massone, lui avrebbe insegnato delle cose massoniche al Calcara e lo stava preparando per essere affilito alla massoneria, Lucchese era anche la persona che lo ha fatto assumere all’aeroporto ed era il pupillo di Francesco Messina Denaro. Il Lucchese gli ha insegnato riti e regole della massoneria e questo avviene nel 1980-81 e fino all’inizio del 1982
Il Calcara riferisce che essendo sorvegliato speciale con una condanna a 15 anni in appello, risiedeva a Paderno Dugnano e contemporaneamente lavorava dentro l’aeroporto di Linate per conto della mafia di Castelvetrano.

Alla fine degli anni 80′ tra 88 e l’89 esistevano ancora questi rapporti ?
“Come no”, i rapporti tra Cosa nostra e massoneria sono sempre esistiti certamente c’erano nel periodo 1988-89, senza la massoneria non si fa niente, “nelle cose importantissime si deve venire a patti con la massoneria” sottolineando il Calcara di riferirsi a una qualche “massoneria deviata”.

Il pm pone ora domande maggiormente pertinenti all’omicidio Rostagno

Il Calcara riferisce che quando uccisero Rostagno era detenuto a Favignana, era in cella con Lazzarino, Francesco Luppino della famiglia di Campobello di Mazara, Lo Bocchiaro Giuseppe e apprese dell’omicidio dalla televisione.
La presenza di Rostagno dava veramente molto fastidio” si diceva parlando con Lazzarino e con Luppino Francesco, con Lo Bocchiaro, ma sopratutto con Luppino.
Rostagno non dava fastidio solo a Cosa nostra ma anche a ciò che va oltre Cosa nostra“, a collegamenti e personaggi fuori Cosa nostra, li ha capito che doveva morire perchè stava facendo molti danni.
“Il primo danno consisteva nel fatto che lui ogni giorno era in tv a parlare contro uomini di cosa nostra“.
Ma il danno maggiore era che era una sorta di detective che scopriva delle cose che facevano molto male, accusava persone, indicava le ingiustizie apertamente era contro Cosa nostra e la cosa era imperdonabile, andava molto sul profondo, “era pericoloso in poche parole si doveva far stare zitto“.
Prima i suoi compagni di cella dicevano “e quanto può durare questo ?
Dopo quando lo hanno ucciso il commento è stato un “finalmente ce lo siamo levati davanti alle scatole” o qualcosa del genere.
Luppino e Lazzarino furono contenti della sua morte.

Luppino mi disse che “questo è molto pericoloso, comunque dove vuole andare” e poi che “la botta si stava preparando ed era questione di poco tempo” parlando di Rostagno prima del suo assassinio.

L’omicidio di Rostagno fu quindi organizzato da chi ?
“Da cosa nostra”, però desidera precisare che “Rostagno non danneggia solo cosa nostra ma danneggia personaggi molto importanti collegati con cosa nostra”

Ha mai conosciuto un uomo d’onore di nome Vaccarino ?
“Era l’ex sindaco di Castelvetrano” è stato condannato per traffico di droga, “era il pupillo di Francesco Messina Denaro”, “è stato lui che mi ha mandato a lavorare all’aeroporto di Linate”.

Con Vaccarino ebbe mai a commentare il delitto Rostagno ?
“Si, se non ricordo male si”, nel periodo della latitanza

Ricorda cosa le disse Vaccarino ?
Vaccarino mi disse che li fratuzzi nostri lo avevano eliminato perchè dava fastidio a molteplici interessi che ruotavano nella nostra provincia”, per fratuzzi nostri intendeva ovviamente appartenenti di cosa nostra, ma lui intendeva in modo particolare la massoneria, i fratelli, fratelli massoni.
In precedenza a verbale aveva detto che fratuzzi erano da intendersi gli alleati della famiglia di Castelvetrano, e precisamente alle famiglie di Trapani e Mazara del Vallo.
Calcara non smentisce l’affermazione verbalizzata, ma insiste con il dire che i “fratuzzi” erano uomini della mafia quanto della massoneria in una cointeressenza.
Vaccarino ufficialmente era un massone.

Il pm Del Bene chiede chi fosse l’avv. Totò Messina.
“Mafioso di Campobello di Mazara in stretti rapporti con Francesco Luppino” il Messina era un massone ed è stato imputato per il sequestro Corleo, era in carcere con lui nel carcere di Trapani, in quel periodo ci fu anche il suicidio in carcere di Vesco.
In carcere il programma di Rostagno lo sentivano tutti e i commenti erano delle vere e proprie parolacce.

Rostagno ricorda Calcara parlava anche di massoneria e di persone che non doveva toccare
Calcaro riferisce che a Favignana è stato detenuto dopo essere stato estradato dalla Germania a marzo-aprile del 1986, e vi sono stato fino a luglio 1990.

Perchè ha iniziato la collaborazione ?
Calcara riferisce di avere avuto un grande travaglio interiore e che ha capito di essere stato usato ingannato ha pensato che l’unica persona che lo poteva salvare era Paolo Borsellino ha pensato “io salvo lui e lui salva me”.

E’ stato condannato e le è stata riconosciuta l’attenuante della collaborazione ?
“Si, come no, ho avuto uno sconto di pena”, “tutto ciò che ho detto allora sulla uccisione di Paolo Borsellino è stato confermato da Giuffrè, Brusca”, “nel 1992 io ero il solo a parlarne” del piano di morte per il dott. Borsellino e che a volerlo morto era Francesco Messina Denaro.

E’ il turno dell’avvocato Lanfranca

L’avvvocato Lanfranca chiede di sapere, quando il teste ha parlato di personaggi a cui Rostagno dava molto fastidio a chi si riferisse.
Calcara risponde: “Alla massoneria e a uomini delle istituzioni deviati”.

L’avv. Lanfranca chiede al teste se sa chi è Licio Gelli e se ha notizia se sia mai venuto in Sicilia.
Il teste risponde di sapere chi sia Licio Gelli, “un massone” per il resto non sa.

L’avv. Crescimanno torna a chiedere dei nomi.
Calcara risponde che nomi e cognomi non ne sa, però sa benissimo che Rostagno dava fastidio, ricorda che c’erano uomini delle istituzioni.
Ad esempio un uomo delle istituzioni era un maresciallo dei carabinieri che da sorvegliato speciale lo proteggeva un tale maresciallo Giorgio Donato.
Calcara conferma poi un verbale di interrogatorio del 1992 nel quale affermava che: “Rostagno i fastidi maggiori li dava ai politici di Mazara del Vallo e di Trapani”.

La parola passa alla difesa.

Avvocato Vezzadini difensore di Virga.

Quanto tempo è stato all’aeroporto di Linate ?
“Un anno, un anno e mezzo.Tutto il 1981 ci sono stato”

Dopo di cosa si è occupato ?
“Dopo sono stato in carcere in Germania dall’1981 ai primi dell’82′”.
“Estradato, dal luglio 1982 al luglio del 1990 sono stato in carcere in Italia, dal luglio 90 fino a 5 novembre 91 giorno in cui sono stato arrestato, ero latitante”.
L’incarico di uccidere il giudice Borsellino lo ricevette nel settembre del 1991 durante la latitanza.
“Luppino l’ho conosciuto negli anni antecedenti quando assieme a Luppino ho fatto una rapina alla cantina sociale di Castelvetrano”.
Con Luppino sono stati assieme a Favignana nel periodo in cui Rostagno faceva le sue trasmissioni, Luppino è stato quello che gli comunicò che ero stato “posato” e in seguito lui stesso gli disse che non era più “posato”.
Calcara afferma di essere stato sotto programma di protezione dal 92 al 98 poi è uscito fuori volontariamente dal programma di protezione, ma non ha mai interrotto la collaborazione con la giustizia. Ha pagato tutto, ha scontato tutto ed oggi è un libero cittadino.

Ha parlato mai dell’attentato al Papa?
“Ho fatto delle dichiarazioni al dott Priore, al dott Marini a Roma, è tutto collegato a quel viaggio dei dieci miliardi”
Il pm Del Bene si oppone ad ulteriori domande non attinenti al processo.
Il presidente sostiene che nel controesame evidentemente si vuole valutare l’attendibilità del dichiarante, tuttavia l’avvocato Vezzadini dovrebbe cercare di contenere un po’ il percorso tematico.
L’avv. Vezzadini conferma che la domanda è posta per valutare l’attendibilità del teste e chiede da chi è stato deciso l’attentato al Papa.
Calcara invita la difesa a leggere la sentenza del presidente Almerighi, sostenendo che lì dentro c’è scritto tutto, ha fatto delle dichiarazioni e le conferma.

Il presidente chiede a Calcara di riassumere in breve le dichiarazioni rese in quel processo.
Calcara si limita a rinviare a quanto contenuto nelle dichiarazioni rese al dottor Marini e al dottor Priore, confermando le dichiarazioni rese allora.

L’avv. Vezzadini torna a chiedere al teste se sa da chi era stato deliberato l’attentato al Papa.

Interviene quindi l’avvocato Crescimanno, il quale fa rilevare che non risultando agli atti che il Calcara ha fatto dichiarazioni circa l’attentato al Papa, bisognerà prima chiedergli se lo sa e quindi se ne sa il nome.

Il Presidente concorda.

A questo punto l’avvocato Vezzadini riformula la domanda: “Lei sa da chi è stato deliberato l’attentato al Papa ?”
“Non l’ho mai detto, c’erano interessi che vanno oltre Cosa nostra, interessi che vanno oltre cosa nostra, mi voglio fermare qua, perchè ogni volta che ho parlato di queste cose sono stato sempre, questo lo dico bello chiaramente, e ho fatto queste dichiarazioni, interessi che vanno oltre cosa nostra”

Che cosa vuol dire che era stato deliberato da cosa nostra ?
“No sto dicendo che c’erano interessi che vanno oltre cosa nostra” e conclude con: “ma questo è il processo per l’attentato al Papa o per il delitto Rostagno ?”.

E’ il turno dell’avvocato Vito Galluffo difensore di Vito Mazzara.

L’avvocato Galluffo chiede perchè lui è uomo d’onore “riservato” e se c’è una ragione specifica.
Fu una decisione di Francesco Messina Denaro, Vaccarino, il cosidetto “Svetonio” è stato assolto dall’associazione mafiosa proprio perchè era un uomo riservato.

Lei è stato mai condannato per mafia ?
“Si, nel processo Alagna+30″

Quando ha saputo che capo di cosa nostra per la provincia di Trapani era Francesco Messina Denaro e da chi ?
Il 4 ottobre del 1979 io vengo a conoscenza che Francesco Messina Denaro è il capo della famiglia di Castelvetrano”

Come ne viene a conoscenza
“Il giorno in cui sono stato combinato”

Chi c’era presente ?
“Peppe Clemente, Furnari, Santangelo, Francesco Messina Denaro, Marotta” circa 7 o 8 persone.

L’avvocato chiede quando divenne riservato.
“In quella occasione”

Questi uomini d’onore di cui lei ha parlato sa di dove sono e a quale famiglia appartengono ?
“Tutti della famiglia di Castelvetrano”

Sa di quanti mandamenti è composta cosa nostra in provincia di Trapani ?
Calcara non ricorda, sostiene che era un ragazzo quando è stato fatto uomo d’onore, e che è andato subito a lavorare a Milano, le sue conoscenze erano limitate.

Lei è stato latitante e nel periodo in cui è stato latitante ha mai scritto lettere dove diceva che era stato affiliato nel 1991 ?
Calcara dice di non avere mai scritto lettere durante la sua latitanza.

L’avv. Galluffo ricorda una lettera scritta da lui e che lui spedì in Sicilia e letta in aula a Bologna nel processo Alagna+30 nel 2004.
Calcara conferma, ma contesta il legame lettera-latitanza, avendo scritto la lettera da detenuto, e sostiene trattarsi di una lettera scritta all’allora suo difensore avvocato Pantaleo. Calcara ricorda che all’avvocato chiedeva cosa potere escogitare per essere estradato dalla Germania (paese in cui era detenuto per rapina e sequestro di persona) e risparmiare gli anni di carcere in Germania in considerazione della condanna a 12 anni che gli era stata inflitta in Italia.
Era una idea, non era altro, si cercava un marchingegno per “fregare” la giustizia tedesca ed italiana per avere l’estradizione, a quei tempi non pensava minimamente di collaborare, la volontà di collaborare nacque nel 1991 quando fu arrestato durante la latitzanza.

Ma in questa lettera faceva anche riferimento a intenzioni per rendere dichiaraziooni false in ordine all’omicidio Lipari ?
Calcara ripete che era un marchingegno, non era altro e che quella lerttera è stata scritta quando ancora aveva memntalità da uomo d’onore, per suscitare l’interesse dell’Italia ad estradarlo.

A proposito dell’attentato al Papa, ha mai fatto il nome di Totò Riina ?
“A lei ci risulta a me no”.

Al giudice Priore o ad altri magistrati italiani lei ha dichiarato mai che il mandante dell’attentato al Papa è stato Totò Riina ?
“Avrò parlato di Totò Riina comunque in questo momento io non ricordo tutte le parole, le dichiarazioni che ho fatto, non me le posso ricordare dopo 25 anni”, “ho ricordato che Agca era stato a Palermo addestrato da uomini di Cosa nostra”, “non ricordo se ho detto che Riina era il mandante”.

Ha parlato mai di cadaveri o di qualcuno morto legato all’omicidio del Papa e seppellito chissà dove rispondendo a magistrati italiani ?

L’interrogatorio di Calcara viene sospeso per un contraddittorio tra il pm Paci e l’avv. Vito Galluffo in relazione all’ammissibilità di ulteriori domande sull’attentato al Papa visto che non vi sono connessioni tra questi fatti, e il delitto Rostagno.

La Corte ammette le domande ma invita la difesa a non allargare il tema delle domande in modo eccessivo.

L’avv. Galluffo chiede se ha mai parlato di un cadavere nascosto.
Ne ho parlato al dottor Priore e al dottor Marini”

Di chi era il cadavere ?
“Il cadavere era legato all’attentato al Papa, il morto era un amico di Antonov che era insieme ad Alì Agca”

Ed è stato trovato il cadavere ?
“Il cadavere non è stato trovato perchè quandfo io faccio queste dichiarazioni (in un primo tempo le avevo fatte in segreto al dottor Borsellino) e dopo la morte del dottor Borsellino le faccio al dottor Priore, non ricordo se è il 94-93, non ricordo, il dottor Priore ordina, sono io a dire al dottor Priore portatemi sul posto li a Calderara, a Paderno Dugnano e vi dico dove è sepolto questo cadavere, ecco il cadavere fu seppellito a circa un chilometro dalla casa dove abitavo.”

E’ stato trovato questo cadavere, si o no ?
“Siamo arrivati li, ed era tutto un altro posto, in poche parole tutto il terreno, perchè io ho detto era un campo che allora ci seminavano granturco, quando arriviamo li sul posto era irriconoscibile perchè c’erano montagne e montagne di terra, tutto lavorato con le ruspe, il campo piano di granturco non esisteva più, ho visto delle montagne di terra. Il dottor Priore prende le informazioni e sapete bene cosa risulta ? Nel mese di marzo del 1992 esattamente proprio in quel periodo in cui lo avevo detto al dottor Borsellino, pochi mesi dopo io aver collaborato, quel posto dopo tre mesi lo hanno messo sottosopra, è sparito il cadavere”. Calcara riferisce che ci sono le testimonianze della gente del posto circa la data di tali lavori, avvenuti tre mesi dopo l’inizio della sua collaborazione e che evidentemente le infiltrazioni erano dappertutto e sapendo che lui era al corrente dell’esistenza di questo cadavere cosa nostra lo avrebbe fatto sparire.

Prosegue l’avv. Vito Galluffo chiedendo se è massone
“No, però il Lucchese voleva che io lo diventassi”

Ha incontrato mai Spatola durante i processi ?
“Che io ricordi no”

Ha avuto fatte mai proposte da Spatola per riferire delle cose non vere durante i processi ?
“In questo momentoi non ricordo, ma se qualcuno mi ha fatto qualche proposta io l’ho subito denunciato”

E ha denunciato mai Spatola ?
“Mi sto ricordando di un episodio, che io ho subito denunciato, che ho detto al magistrato, un episodio che non ricordo bene, son passati tanti e tanti anni “
“Si vc’è stato un episodio che ho parlato, ho visto Spastola… ma l’ho visto così di volata di pochi minuti”.

Ricorda dove è stato, è stato per caso a Milano ?
“Non ricordo la città”.

Ricorda se durante qualche processo in cui dovevate rendere dichiarazioni vi siete incontrati, vi siete parlati nonostante le scorte ?
“Ricordo che abbiamo parlato qualche minuto, che ci siamo incontrati”

Vi siete scambiati numeri di telefono ?
“Si, non ricordo l’anno, ma sono tanti e tanti anni fa”

Vi siete scambiati notizie, numeri di telefono o altro, ricorda cosa avete fatto ?
“Si mi sto ricordanco che mi aveva lasciato un numero di telefono che poi io ho buttato non mi interessava”.

E lo scopo9 per sentirvi quale era, perchè dovevate sentirvi per telefono con Spatola, per fare cosa ?
“Non ricordo, non ricordo”

Per come ha dichiarato lei era per caso per “fare doppio gioco” ?
“Si è vero voleva fare così è vero, l’ho denunciato io”.

Ma lei è mafioso? Era mafioso?
“Ero un uomo di Cosa nostra”.

Lei ha fatto parte ufficialmente di Cosa Nostra?
“Io ero un soldato di Cosa Nostra e appartenevo a Cosa Nostra e ubbidivo a Cosa Nostra, ciecamente”.

Gallluffo chiede se lui è stato sentito a Caltanissetta presso la Corte d’Assise di Caltanissetta.
“Si dove sono stato smentito, l’unica sentenza dove sono stato smentito”

E si trattava dell’omicidio Ciaccio Montalto ?
“Non ricordo, non ricordo”

Ricorda l’anno quale fu grosso modo, per caso fu il 1997 quando venne sentito ?
“Si che me lo ricordo la sentenza di primo grado però poi c’è stata una sentenza di secondo grado, e poi di terzo grado, lei ce le ha le sentenze di secondo e terszo grado?”. Quella sentenza dove sono stato smentito è stata smontata da altre due sentenze”.

L’avv. Salvatore Galluffo prende la parola.

Chiede al Calcara il suo il ruolo dentro Cosa Nostra?
“Ero nun soldato”.

E quanti eravate?
“Eravamo migliaia, migliaia, ma non nella famiglia di Castelvetrano, ma in cosa nostra in generale”

Riesame del pm Del Bene che chiede a proposito dell’incontro con Spatolacosa avvenne dopo l’episodio
“Subito, subito l’ho denunciato al dottor Condorelli se non ricordo male della Procura della Repubblica di Caltanissetta”.

Le domande della corte.

Il presidente Pellino chiede se ha commesso un solo omicidio e come lo ha commesso.
“Si, ho sparato, sono passati 35 anni, io ho ucciso, però la storia è molto lunga sono stato condannato per l’omicidio di Francesco Tilotta ma io per quell’omicidio mi sono sempre proclamato innocente, ho commesso un altro omicidio, ma non è attinente a questo processo credo”.

E questo altro omicidio come lo ha commesso, con che arma ?
“Non ne desidero parlare”

Lei è cacciatore ?
“Mi piaceva andare a caccia”.

Ha mai posseduto un fucile da caccia ?
“Ricordo di averne avuti tanti fucili, ma illegalmente”

Il presidente chiede se a Favignana c’era una sala di socialità dentro al carcere per i detenuti e a che ora i detenuti erano ammessi”.
“Si, non lo ricordo bene, non ricordo l’orario, c’era che ci incontravamo da una sezione all’altra, con Luppino ci incontravamo essendo che lui faceva lo scrivano poteva girare tutte le sezioni, poi ci incontravamo la domenica a messa. Si a Favignana c’era una stanza dove ci incontravamo e in quella stanza c’erano dei libri, non ricordo bene, si si c’era una televisione, la memoria è di venticinque anni fa”.

Nel 91 quando lei è stato arrestato lei era latitante, in relazione a che cosa era latitante ?
“Una condanna passata in giudicato”

L’avvocato Ingrassia, difensore di Virga, chiede sul possesso di fucili da caccia in maniera illegale e se ha mai posseduto un fucile di precisione.
“Si un winchester calibro 22 a 16 colpi”,

L’avvocato chiede come funzionava era semiautomatico o a ripetizione.
“Sparava uno dietro l’altro…..pam pam pam”.

Ma lei ha esperienza di fucili di precisione è esperto ?
“Abbastanza”.

Ma lei avrebbe dovuto uccidere Borsellino con un fucilile di precisione calibro 22?
“No no non c’entra niente con il fucile che poi mi davano in dotazione quello è tutta un’altra cosa, il piano si stava prepasrando, nel momento giusto io sarei entrato in possesso del fucile che cosa nostra mi dava”.

Quindi un fucile che lei non conosceva e che non aveva mai utilizzato
“Non so che fucile mi davano, so che doveva essere di precisione, ma non posso affermare che sia uguale a quello che avevo io”

Sa da che distanza doveva avvenire l’attentato al giudice Borsellino ?
“Si stava organizzando il piano, una distanza per uccidere tranquillamente”.

A domanda dell’avvocato Salvatore Galluffo sulla fornitura delle armi per i delitti Calcara risponde dicendo che venivano detenute dalla famiglia e venivano fornite a chi doveva sparare al momento in cui dovevono essere usate.

Finisce l’interrogatorio del teste Calcara.

L’avv. Galluffo chiede la produzione di sentenza, divenuta irrevocabile, contro Agate, Messina, Asaro Mariano, Riina, relativo all’omicidio di Giangiacomo Ciaccio Montalto, sentenza che trattando la posizione di Calcara rilevava sussistere varie ragioni per ritenere false le dichiarazioni di Calcara.
Calcara ma anche Spatola sarebbero stati ritenuti testi falsi ed inattendibili non essendo appartenuti mai a cosa nostra.
La Corte di Assise decide l’acquisizione della sentenzza.
Il pm Del Bene osserva che la sentenza che verrà acquisita è una sentenza di primo grado e che la sentenza irrevocabile è invece l’ultima sentenza.
L’avvocato ritiene che l’interesse a produrre le altre sentenze, se del caso, sia dell’accusa.

L’udienza è chiusa. Prossima udienza il 25 gennaio, verranno sentiti i collaboratori di giustizia Marino Mannoia in videoconferenza e in aula Francesco Di Carlo entrambi testi assistiti.

La precedente udienza del 21/12/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale

About these ads

Un pensiero su “Trapani: Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (23)

  1. Trapani: Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (24) | Diarioelettorale Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...