Cristaldi che figuraccia !

NEL TRAPANESE
Gaffe sulla lapide di Nassirya: nell’elenco dei caduti ci sono anche i sopravvissuti
Mazara del Vallo, scivolone del Comune: sul pannello segnalati anche i carabinieri che rimasero solo feriti

La lapide e i nomi dei 3 carabinieri (sottolineati in rosso) che invece sono sopravvissuti

La lapide e i nomi dei 3 carabinieri (sottolineati in rosso) che invece sono sopravvissuti

TRAPANI – I militari sono vivi e vegeti eppure compaiono nella «lista» dei caduti. Succede a Mazara del Vallo, nel trapanese: il Comune ha inaugurato una lapide in ricordo delle vittime di Nassirya in Iraq. Ma nell’elenco dei carabinieri defunti ha commesso l’errore di inserire anche coloro che furono gravemente feriti ma poi, fortunatamente, sopravvissuti. Si tratta del maresciallo Riccardo Saccotelli, il brigadiere Cosimo Visconti e l’appuntato Antonio Altavilla. Era il 12 novembre 2003: due automezzi imbottiti di esplosivo fecero saltare in aria la base Maestrale in Iraq ammazzando 19 carabinieri.

A otto anni di distanza l’amministrazione di Mazara ha inteso ricordarli, commettendo però una gaffe di non poco conto, annoverando nel monumento commemorativo anche i vivi tra i morti. Il pannello è stato sistemato dal sindaco Cristaldi nello spazio della villa Garibaldi nei pressi del piazzale Giovan Battista Quinci ora intitolato,appunto, «Largo Vittime di Nassiriya».

Redazione online
07 settembre 2011

da Corriere.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...