Castellammare news dal porto delle nebbie

Ieri un incontro con gli operai ed i rappresentanti sindacali, venerdì 3 giugno, un tavolo tecnico convocato nel pomeriggio al Comune: il sindaco Marzio Bresciani chiede un’immediata ripresa dei lavori di messa in sicurezza del porto di Castellammare.

Il Coveco, consorzio veneto che si è aggiudicato i lavori, ha comunicato al sindaco che la ripresa dei lavori sarebbe avvenuta il 23 maggio, ma il cantiere rimane fermo. Stamattina il sindaco Marzio Bresciani, con il vicesindaco ed assessore ai Lavori Pubblici, Carlo Navarra, ha incontrato al porto i 40 operai che lavoravano nel cantiere, il segretario generale della Fillea-Cigl Franco Tarantino ed il segretario provinciale Enzo Palmeri. «Già da tempo ci era stata annunciata la ripresa dei lavori da parte della consorziata società cooperativa At.la.n.te, “proseguendo le lavorazioni ad oggi eseguibili, stante il perdurare del sequestro parziale del cantiere”. Ma così non è stato. Ho continuato a monitorare e seguire la vicenda con ripetuti incontri -spiega il sindaco Marzio Bresciani- ma le notizie che arrivano dalla Regione non sono affatto rassicuranti. Sembra che ci sia la volontà, da parte della Regione, di revocare il contratto alla ditta appaltante, fatto che non farebbe altro che comprometterebbe la ripresa dei lavori. Ricordo, infatti, che i lavori sono stati appaltati all’unica ditta che ha partecipato al bando di gara. Chiediamo a gran voce, e continueremo a farlo con tutti i mezzi e modi a nostra disposizione, che i lavori riprendano immediatamente, al fine di non compromettere irrimediabilmente l’economia di Castellammare ma anche delle zone limitrofe». «Denunciamo una situazione anomala ed inaccettabile – dice il rappresentante trapanese della Fillea-Cigl, Enzo Palmeri, presente stamattina all’incontro- in provincia di Trapani sono già venuti a mancare tremila posti di lavoro nel settore delle costruzioni. E’ impensabile, come nel caso di Castellammare, dove 80 persone, compreso l’indotto, potrebbero lavorare nel cantiere per il porto, che invece si voglia tenere bloccata l’economia.

Per il cantiere c’è il finanziamento, c’è la possibilità di riprendere i lavori, ma tutto rimane fermo. Per ora, fatto già gravissimo, ci troviamo davanti a quaranta operai disoccupati, ma non vorremmo assolutamente che la revoca del contratto alla ditta appaltante da parte della Regione, cosa di cui abbiamo avuto sentore, faccia del porto di Castellammare l’ennesima incompiuta trapanese».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...