Bankomat ancora su Riondino per Dagospia

L’antefatto sta qui, e il pezzo pietoso ed assolutorio (sul piano morale), previo doppio salto mortale con avvitamento a proposito di furbizia ed ingenuità, di Michele Serra in difesa di Davide Riondino, è questo:

ELOGIO DI UN TRUFFATO (SNOB)

Elogio di un truffato.

Il truffato è il mio vecchio, caro amico David Riondino, ottimo poeta satirico (suggerisco “Rombi e milonghe”, Feltrinelli), attore, conduttore radiofonico, dicitore di vaglia come i fiorentini migliori.
È di quelli che hanno perso il loro gruzzolo affidandolo al Gatto e alla Volpe dei Parioli.
Ha rilasciato un´intervista (a Capponi del Corriere) che mi ha fatto inumidire gli occhi per quanto era serena, intelligente e pulita.

Dice, in sostanza: sì, mi hanno turlupinato. Sono stato grullo. Ma siccome non ho mai creduto di valere per quello che ho, me ne sono fatto una ragione. Rido di me stesso e guardo avanti. Ho denunciato i miei truffatori, ma li ringrazio perché per una decina d´anni mi hanno fatto credere di essere un benestante.

In un Paese che invidia i furbi, e deride gli ingenui, faccio un applauso solitario a David. No, non è un merito perdere quattrini, specie se se ne hanno pochi. Ma è un merito inestimabile sorridere alla sfortuna, allargare le braccia e dire: scusate tanto, ma tra le mie poche virtù la furbizia manca. Poi mi ricordo mio padre: «Guarda che gli onesti, alla lunga, vincono sempre». Purtroppo non è vero. Ma è vero che, anche quando perdono, perdono meglio.

Michele Serra per La Repubblica

E queste invece sono le condivise considerazioni di Bankomat:

CERTA SINISTRA FINANZIARIA ED IL MADOFF DEI PARIOLI, COME MICHELE SERRA DIFENDE RIONDINO E DI FATTO DISPREZZA LE PERSONE NORMALI CHE NON CI SAREBBERO MAI CASCATE

La sinistra non cambia mai, anche quando Berlusconi diventa giorno dopo giorno indifendibile per le sue pagliacciate, a volerle definire così… basterebbe poco, una spinta di buon senso, magari affrontarlo sui grandi temi sociali e di governo, mandarlo a casa da adulti alle prime elezioni disponibili, magari con qualche calcetto negli stinchi alle amministrative e difendendo nei referendum l’acqua pubblica.

No, per carità, continuiamo a farci del male, direbbe uno che si intende molto di sinistra, ma non certo di popolo o di governo, come il Moretti Nanni.
Prima le stupidaggini sulla patrimoniale per la casa degli italiani, poi la non linea di politica estera e il “dipietrismo” idiota, un po’ tutto i giorni ma a targhe alterne, tanto per sembrare antiberlusconiani. E il Cavaliere ringrazia.

La sinistra in questo Paese è sempre stata strana, perché partiva come tutte le sinistre dalle grandi idee proletarie e poi naufragava nell’elitario salotto continuo che man mano sostituiva Lotta Continua. Li abbiamo visti rispettare le istituzioni borghesi e condannare il comunismo quando, da decenni, ogni massaia italiana con la quinta elementare ci era già arrivata da sola, ma pazienza.

Per chi come Bankomat e qualche altro nutrito milione di italiani da sempre è un moderato italiano normale, con troppo buon senso per esser mai stato comunista e fascista, i sinistri culturali italiani sono patetici proprio nei dettagli finto culturali delle loro elucubrazioni: un Michele Serra che spreca inchiostro domenicale della Repubblica per difendere David Riondino che difende se stesso da sospetti e accuse di cialtronismo finanziario per essersi affidato al Madoff dei Parioli, ecco la sinistra con la quale Berlusconi camperà mill’anni.

Tutto il popolo e la piccola borghesia che da sempre non vota a sinistra, ma anche quelli che liberamente lo fanno, sanno che i risparmi non sono investimenti e che li si affidano a banche o istituzioni simili come il risparmio postale. Chi investe fidandosi di gente strana e conosciuta in ambienti di pseudo-vip, gente che promette rendimenti importanti ad onta di ogni buon senso, non è solo grullo, non è un elegantone distaccato dal vil denaro, costui banalmente è solo uno con delle tare culturali. Il che non me lo rende affatto simpatico, al contrario me lo rende culturalmente meno sexy.

Invece i Riondino ostentano noncuranza per il denaro, anzi se ne vantano con autocritiche finte e snob, dandosi con baldanza chic dei “grulli” e proclamandosi felici e liberi per la imprevista povertà del giorno dopo, tanto per darsi in realtà un tono. E ovviamente trovano pure uno che su un quotidiano nazionale li difende spacciandoci il tutto per intelletto e cultura. In realtà la sinistra dei nostri limousine liberal non ha i piedi per terra, nel migliore dei casi, ed anzichè considerare questo un difetto culturale e politico lo spaccia per vanto culturale.

Capite perché in questa Italia da anni il cavalier Berlusconi qualcuno lo ha scambiato per uno statista e per un liberale?

Bankomat per Dagospia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...