Sgarbi, le dimissioni erano solo uno scherzo

Sembra che le dimissioni annunciate con le rituali grida e i consueti strepiti da parte del sindaco di Salemi si siano rivelate una farsa.

Sgarbi, dimissioni farsa

di Umberto Lucentini

Aveva dichiarato di voler lasciare il posto di primo cittadino a Salemi perché gli avevano tolto una scorta. Invece si è solo “autosospeso”, un istituto giuridico che non esiste. Lo rivela il capogruppo Pd del comune siciliano(28 gennaio 2011)«Vittorio Sgarbi scrive all’Espresso di essersi dimesso da sindaco di Salemi perché gli è stata tolta la scorta? A noi non risulta». Domenico Venuti, 31 anni, capogruppo del Pd in consiglio comunale del comune siciliano, aggiunge un nuovo tassello sulle tragicomiche vicende politiche del noto critico d’arte. Per la cronaca: Sgarbi aveva annunciato – con un piccato fax inviato alla redazione del nostro settimanale – di essersi dimesso da sindaco di Salemi dopo che gli era stata tolta la scorta, a seguito di una nostra inchiesta. Ma le cose, sembra, non stanno proprio così.

Consigliere Venuti, ci spieghi…
«Sgarbi ha inviato un fax al Comune di Salemi con la propria firma autenticata da un notaio in cui comunica che si autosospende da sindaco e delega le sue funzioni alla giunta e al vicesindaco. Ma l’auto-sospensione da sindaco è un istituto giuridico che non esiste. E poi, Sgarbi cosa fa: auto-comunica al Comune, di cui è massimo rappresentante, questa scelta? Non è previsto che si dichiari di non svolgere una funzione per cui si è stati eletti. Se si dimette lo si deve comunicare al Prefetto di Trapani».

Quindi Sgarbi è ancora sindaco di Salemi?
«Al momento sì. Ho chiesto agli uffici del Comune di inviare le carte al Prefetto ed all’Assessorato Regionale agli Enti Locali perché facciano le loro valutazioni».

E se si dimettesse veramente?
«Sarebbe un fatto deplorevole che Sgarbi, con il sistema dell’annuncio delle dimissioni, invitasse impropriamente le istituzioni a tornare indietro sulla decisione della revoca della scorta. E’ un inusuale stimolo che, secondo me, significa mancare di rispetto al Prefetto e al Comune di Salemi che non può essere “usato” per motivi diversi da quelli strettamente legati all’attività amministrativa».

Ma Sgarbi corre un reale pericolo a causa della revoca della scorta?
«Non posso essere io a fare questa valutazione. Ho rispettato la decisione degli organismi competenti che hanno attribuito a Sgarbi la scorta e devo rispettare anche la scelta di farla cessare, che immagino motivata». E dal punto di vista politico: che giudizio dà di Sgarbi-sindaco?
«A parte i continui colpi di scena mediatici che hanno dato notorietà a Salemi, e questo è fuori discussione, dico che in due anni e mezzo la giunta da lui guidata non ha realizzato un’azione incisiva né dal punto di vista dell’attività ordinaria né per la realizzazione di progetti a lungo respiro».

Esempi?
«Non c’è stata una programmazione amministrativa ed economica, infatti è stato sforato il patto di stabilità, e questo crea problemi al Comune… La giunta Sgarbi non ha rinegoziato il piano dei costi relativi allo smaltimento dei rifiuti tanto che la tassa comunale è diventata esorbitante. Ci sono zone della città a rischio cedimento idro-geologico per le quali le precedenti giunte avevano predisposto dei piani di risanamento che non hanno avuto seguito. Mesi fa un alloggio popolare è stato sgomberato su iniziativa dei vigili del fuoco perché pericolante…».

Se Sgarbi lasciasse veramente la carica di sindaco, per Salemi sarebbe un danno?
«Io rispetto la sua elezione, lo ha voluto la gente di Salemi, ci mancherebbe. Il problema è che le frequenti assenze di Sgarbi hanno di fatto lasciato la città nelle mani di Pino Giammarinaro, “allenatore manager” di parecchi consiglieri, di almeno tre componenti della giunta e di svariati funzionari: un discusso personaggio politico che, problemi giudiziari a parte, usa metodi politici che si ispirano al clientelismo e non alla programmazione e allo sviluppo».

Il contrasto all’eolico è uno dei cavalli di battaglia di Sgarbi, perchè teme infiltrazioni mafiose.
«E’ giusto che si indaghi se la mafia vuole infiltrarsi nell’eolico come in tutte le altre attività in cui ci sono interessi economici. Ma l’eolico in sé e per sé non va fermato. E, a proposito di mafia, un’ultima notizia…».

Quale, Venuti?
«Segnalo che la giunta Sgarbi non ha presentato il piano di utilizzo necessario per l’assegnazione di beni confiscati ai boss, che qui a Salemi restano inutilizzati».

da L’Espresso