La Lega e le palle made in China

Fatti in Cina i gadget con marchio Milano

Magliette, cappellini, addobbi per l’albero di Natale: tutti prodotti in estremo Oriente

Il brand Milano è made in China. T-shirt, felpe, cappellini. Perfino le palle per addobbare gli alberi di Natale. Con il logo del Comune ma con marchi di fabbrica sparsi tra Bangladesh, Cambogia e, appunto, Cina. Il made in Italy si salva in parte grazie al panettone. Ma neanche il simbolo di Milano può vantare origine lombarde. È prodotto in Veneto, a Vicenza per la precisione. La scoperta del brand Milano «globalizzato» si deve al consigliere pd Pierfrancesco Maran. «Viene da pensare che la tradizione tessile lombarda non sia in grado di produrre nemmeno una felpa, tra l’altro venduta alla bellezza di 40 euro». «Siamo sicuri – chiede provocatoriamente Maran – che sia un buon modo di promuovere la nostra città vendere ai turisti prodotti realizzati nel sud-est asiatico sbandierandoli per prodotti milanesi?». La richiesta è perentoria: Morelli si dimetta, «di assessore come lui c’è più bisogno in Cambogia che a Milano».

L’assessore leghista però non si scompone: «Sono le leggi di mercato a dire che solo se ti affidi a una grande impresa di distribuzione i tuoi prodotti finiscono in tutto il mondo. Ed è quello che abbiamo fatto. Ci siamo affidati a una società esterna nel rispetto di tre principi fondamentali. La promozione dell’immagine della nostra città, l’alta qualità delle merci, e la loro distribuzione nei circuiti commerciali internazionali». La difesa dell’assessore lumbard si conclude con una stoccata all’ex premier del centrosinistra: «Esistono precise normative comunitarie sul libero mercato varate quando a capo della Commissione europea c’era Prodi. Anzi, in un certo senso possiamo dire di essere vittime di Romano Prodi».

Anche Letizia Moratti «difende» il brand «mondializzato». «Viviamo in un mondo globale – commenta il sindaco in difesa del suo assessore – e ci sono già tante aziende milanesi e lombarde che hanno prodotto e producono i nostri prodotti. Questa credo sia una risposta di attenzione alle nostre imprese in un’ottica globale. Naturalmente possiamo intensificare la possibilità di dare lavoro alle nostre imprese, sempre in un ottica di mercato libero». Matteo Salvini, capogruppo del Carroccio, è però meno conciliante: «Ringraziamo il Pd per l’attenzione alle nostre iniziative. La loro segnalazione non va ignorata. Si tratta ora di richiamare la società licenziataria e di imporre che i gadget siano prodotti in Lombardia».

Andrea Senesi

12 gennaio 2011

da Corriere.it