Bomba o non bomba noi arriveremo a Roma malgrado voi !

Come nella celebre canzone di Antonello Venditti gli allevatori del Movimento pastori sardi (Mps), si son detti”noi arriveremo a Roma malgrado voi” e se qualcuno pensava di fermarli sequestrandogli i pullman loro hanno pensato bene di proseguire in treno per portare nella capitale la loro protesta:

LA PROTESTA – Civitavecchia, il blitz di 200 pastori sardi. Vogliono manifestare a Roma
Tafferugli con le forze dell’ordine: Sequestrati cinque pullman, ma i manifestanti proseguono in treno per spiegare i motivi della loro protesta e le richieste del Movimento per il settore agropastorale.

ROMA – Bloccato a Civitavecchia il blitz di oltre duecento pastori sardi che intendevano raggiungere Roma, probabilmente intenzionati a bloccare l’autostrada del Sole all’altezza dello svincolo Bufalotta, a nord della capitale, dopo essere sbarcati martedì mattina dal traghetto proveniente da Olbia. Per evitare i controlli di Polizia l’iniziativa non era stata preavvisata dagli organizzatori che avevano invece organizzato il trasferimento dal Porto di Civitavecchia a Roma con cinque pullman. Ad attendere gli allevatori del Movimento pastori sardi (Mps) nello scalo laziale c’erano Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza che hanno bloccato e sequestrato i pullman. Ci sono stati anche momenti di tensione e tafferugli.

GLI SCONTRI – Gli scontri si sono verificati in seguito al blocco dei pullman che i manifestanti hanno tentato di forzare. Nella circostanza due manifestanti sono stati denunciati in stato di libertà per resistenza a Pubblico Ufficiale, mentre tutti per manifestazione non autorizzata.

IN TRENO – Ma la marcia del Movimento pastori sardi non si è fermata e nonostante il blocco dei pullman a Civitavecchia, da parte delle forze dell’ordine, gli allevatori hanno deciso di raggiungere Roma in treno. Attualmente, controllati a vista da Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza, attendono sulla banchina l’arrivo del treno che li dovrebbe portare alla stazione Termini. Mentre ancora sconosciuto è l’obiettivo della loro manifestazione nella capitale dove i pastori vorrebbero tenere una conferenza stampa per spiegare i motivi della loro protesta e le richieste del Movimento per il settore agropastorale.

SEQUESTRATI I PULLMAN – «Un nostro pastore – ha raccontato Felice Floris, leader del movimento – è stato bloccato e poi rilasciato. Ci hanno sequestrato i pullman per raggiungere la capitale. Forse temendo che volessimo fare chissà che cosa. Ma noi avevamo solo intenzione di indire una conferenza stampa per fare diventare nazionale il problema dei pastori sardi». Dopo numerose manifestazioni in Sardegna con blocchi di strade, aeroporti e scali marittimi i pastori hanno deciso raggiungere la capitale e fra le ipotesi anche quella di manifestare davanti al Ministero delle Politiche agricole per chiedere interventi urgenti e concreti per il settore agropastorale.”

Redazione online
28 dicembre 2010

da Corriere.it

Diarioelettorale naturalmente non può che esprimere tutta la sua solidarietà ai pastori sardi, autentica avanguardia di vero meridionalismo, ed ammirazione, non formale,  per la loro tenacia.

Annunci

One thought on “Bomba o non bomba noi arriveremo a Roma malgrado voi !

  1. Di Pietro a Maroni: “perchè la polizia per i pastori sardi e i soldi pubblici per gli allevatori leghisti ?” « Diarioelettorale Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...