Due modi per dire: “Vade retro Satana !”

Seriamente.
Qui lo dicono i Mokoma banda “metal”, in un concerto dal vivo ad Helsinki/Nosturi nel 2006.
E’ strano come pur essendo trascorsi quattro anni da quel concerto non solo la Finlandia sia ancora lì, con i suoi soli 5 milioni di abitanti, ma per giunta le performance socio-economiche del paese continuino ad essere migliori di quelle realizzate in questi anni ad Alcamo, nella provincia di Trapani, in Sicilia ed anche in’Italia.

Per ridere.
Qui lo dice padre McFeely in modo un tantinello “esagerato” nella scena finale dell’esorcismo della ragazza posseduta dal demonio di “Scary movie 2”, secondo film parodia della ben nota serie. Attenzione per stomaci forti !

Annunci

One thought on “Due modi per dire: “Vade retro Satana !”

  1. Cristiani per servire
    http://digilander.libero.it/cristianiperservire
    e-mail previtefelice@libero.it
    Il Presidente
    L’handicap mentale” in Italia necessita di una riforma! Un ennesimo vano ricordo al Presidente Berlusconi ?

    Uno squallido episodio di violenza carnale su una minorata mentale, una madre che uccide il proprio nascituro, un padre che sopprime la propria famiglia, ecco in breve analisi i “fattacci” che avvengono quasi giornalmente nella nostra Italia da parte di persone psichicamente instabili, la cui malattia, anche in casa, diventa incurabile a causa di carenza di valide strutture atte alla prevenzione cura ed eventuale reinserimento sociale. La malattia mentale, dunque, è diventata il calvario per i familiari “schiacciati” dal peso di una grossa croce, la quale dato il suo volume, non riescono più a sopportare.

    Intanto i mass media mettono in risalto il “nefasto episodio”, quasi ad esaltare la “notizia” per arricchire il carnet dello share, visto che l’audience e lo scoop scandalistico, oggi, restano i parametri di valutazione di avvenimenti riguardanti la società civile.

    Gli episodi in cui sono protagoniste persone con problemi psichici, sono segni evidenti ed indiscutibili di un disagio interno di tipo patologico che va riconosciuto, capito, curato con interventi ad alta protezione sanitaria e legislativa, “revisione” che in Europa avviene ogni 3/4 anni, a differenza dell’Italia “ferma” da ben 32 anni !

    Un vero e proprio scandalo in Italia la mancata risoluzione di questo grave ed urgente disagio sociale.

    Ci meraviglia sempre più l’interesse della stampa nell’evidenziare gli “effetti” dell’avvenimento, senza soffermarsi ad approfondire, mettere in evidenza e “denunciare” le “cause” che possono determinare questi episodi, invece di ignorare una realtà così molto evidente.

    Quello che sconcerta sempre più è la poca attenzione ed il disinteresse delle Istituzioni che riconfermano, in negativo, quei provvedimenti legislativi adottati oltre 32 anni or sono che hanno “scaricato” le responsabilità sulle opere caritative cattoliche, sugli ospedali psichiatrici privati, su quelli giudiziari, sugli “ospiti” delle carceri, sulle spalle delle famiglie, quest’ultime, ripeto, non in grado di tenere in casa malati di questo “genere.”

    E si fanno Commissioni Parlamentari di Inchiesta sulla Sanità e recentemente sugli Ospedali Psichiatrici Giudiziari ( ma ancora scandalosamente “aperti”), dove è stato Presidente il Senatore Ignazio Marino e sugli “Sugli errori della Sanità” di cui è ancora Presidente l’Onorevole Leo Luca Orlando.

    Ma con quali risultati ? Da entrambi aspettiamo da tempo una cortese risposta! Per il momento siamo fortemente delusi ed indignati per l’incoerenza dell’agire da parte di questi rappresentanti del popolo. !

    Restano, inoltre, scandalosamente ancora “aperti” gli Ospedali.Psichiatrici Privati, la cui funzione è stata agevolata dalla legge 180; così come non sono verificate le condizioni nelle sovraffollate carceri dove insistono detenuti con forme di malattie mentali e tutto questo in contrasto con la legge 180, con il Piano Sanitario Nazionale 2003-2005, con i dettami della Costituzione Italiana e, soprattutto, con l’etica civile.

    E’ necessaria una nuova legislazione, una legge-quadro che garantisca e tuteli i diritti di tutti i membri della comunità sociale affinché venga rispettato “ogni diritto inviolabile dell’uomo” che richiede “l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà ” come recita la Costituzione. ( art.2° Costituzione ).

    E’ auspicabile che la politica, il Governo ed in prima persona il Presidente Berlusconi, prima delle probabili elezioni politiche anticipate, realizzino omogeneità d’intenti mirati ad una riforma di quella legge che tanto danno ha apportato, perché il malato psichico anche in momenti drammatici diventa nocivo per sé, per gli altri e turbi la sicurezza dei cittadini.

    Riteniamo, Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, che deve essere più approfondita la capacità di interpretazione e di ascolto delle necessità e della priorità che questa patologia porta in seno alla società, per ottenere risposte confacenti dalle Istituzioni e dalla politica che per la verità a tutt’oggi, non hanno saputo o voluto dedicarsi con umiltà e sensibilità ai problemi connessi a questo “popolo di sofferenti”, forse, perché distratti dalle contrapposizioni interne nonché dalle continue litigiosità!

    Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, il popolo cattolico e quello della sofferenza guarda ed attende!

    Previte
    http://digilander.libero.it/cristianiperservire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...