Io sono fango, tutto è fango, niente è fango

Nella frase del titolo penso si riassuma, IMHO, la considerazione di se, ed il pensiero guida che orienta azioni politiche e professionali di Giuliano Ferrara, il che non toglie possa essere, per chi lo conosce, persona estremamente intelligente ed amabile.

Oggetto degli attacchi degli ultimi giorni del giornale da lui diretto, Il Foglio , è finito il terzo tra i candidati alla segreteria del Pd, quell’Ignazio Marino la cui candidatura si distingue dalle altre due per la forte caratterizzazione laica che ben pochi spazi lascerebbe, ove vincesse (cosa assai improbabile, a parere dello scrivente, allo stato attuale delle cose ), ad inciuci e aggregazioni a soli fini di potere tra “ex qualcosa” e cattolici, questi ultimi intesi nel senso di rappresentanti più o meno legittimi delle gerarchie vaticane.

La trasmissione “Speciale giustizia” di Scandurra e Bordin per Radio Radicale contestualizza, riportando la vicende nell’ambito della sanità siciliana di quell’epoca, ciò che Il Foglio ambientava in un “iperuranio” ideale nel quale il Professore Ignazio Marino veniva fatto apparire come un maldestro “mariulo” sorpreso come il gatto con il sorcio in bocca nella fattispecie un rimborso spese di 8.000 euro in danno dell’UPMC di Pittsburg.

Questo il link