Giulia Adamo ancora una volta fuori ?

Le indiscrezioni delle ultime ore dicono che non ci sarebbe Giulia Adamo tra i nomi designati da Raffaele Lombardo per il completamento della Giunta Regionale di governo.

Questa sera infatti a Roma dovrebbe esserci l’incontro tra il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, e il governatore siciliano Raffaele Lombardo per sbrogliare la ‘matassa’ Sicilia.

Il presidente della Regione, subito dopo l’incontro coi sindacati sulla vertenza Fiat di Termini Imerese, prima di partire per Roma ha annunciato che ha gia’ in tasca i nomi dei tre assessori che completano la sua squadra, e che in serata saranno annunciati.

I nomi che circolano sono quelli di Nino Strano area An, Nino Beninati fedelissimo di Angelino Alfano e Salvo Pogliese, area AN.

Annunci

Obama come Superman … nel cartone animato

Da JibJab una bella trovata pere farsi tanta pubblicità, il cartoon con il presidente USA Barack Obama nelle vesti del super eroe, che salva gli Stati Uniti ed il mondo.

Il presidente Barack Obama, richiesto dagli autori, non si è sottratto ad interpretare se stesso in una breve scena del cartoon.

Mazara del Vallo è Nicola Cristaldi il nuovo sindaco

Con il 68,21 % contro il 31,79 % della sfidante Vinnuccia Di Giovanni, Nicola Cristaldi è il nuovo sindaco di Mazara del Vallo.

Gli aventi diritto al voto erano 42.148 di questi si sono recati alle urne per il ballottaggio 26.130 pari al 62,00 %.

Mazara del Vallo, ballottaggio per l’elezione del Sindaco (1)

Non sono ancora disponibili i dati di affluenza alla chiusura dei seggi alle ore 15,00 del 22 giugno, ma sono stati diffusi i dati relativi alla consultazione referendaria che non dovrebbero discostarsi molto da quelli per i ballottaggi.

1° quesito 61,73 %
2° quesito 61,71 %
3° quesito 61,95 %

Da Salemi all’Aquila passando per Firenze

Un duro atto di accusa è stato lanciato da Vittorio Sgarbi, Sindaco della Città di Salemi, sulle anomalie dei finanziamenti erogati per i danni del terremoto nel Belice del 1968.

“Un centro storico importante, sottratto alla tutela dello Stato e della Regione, è stato gravemente compromesso dalla ricostruzione interamente finanziata dallo Stato attraverso le cosiddette commissioni comunali ‘ex articolo 5’ che valutano i progetti e deliberano i contributi. Sto procedendo all’accertamento delle demolizioni, anche recenti, di edifici intatti nel centro storico, in alcun modo colpiti dal terremoto e distrutti per ottenere finanziamenti per ricostruzioni con materiali impropri e con l’alibi della messa in sicurezza per il terremoto. E’ risultato che il terremoto ha prodotto infinitamente meno danni di quanti ne abbia procurato la ricostruzione. Vero e proprio terremoto con effetti a strascico, sciame sismico, dopo 40 anni. Ho accertato che nel pieno centro storico sono stati abbattuti edifici integri, l’ultimo in via Amendola, in nessun modo interessati da lesioni del terremoto del 1968. Ho perciò deciso di sospendere tutti i finanziamenti attribuiti dalla commissione ‘ex articolo 5’, erogati in modo fraudolento con la complicità di tecnici che hanno fornito perizie giurate totalmente estranee allo stato di fatto, attribuendo agli edifici condizioni di pericolo inesistenti. Ravviso nella complicità tra tecnici, politici e imprenditori a danno dello Stato una vera e propria associazione a delinquere che ha sostanzialmente attivato percorsi mafiosi allo stesso modo di quanto è avvenuto per i parchi eolici di cui sembra che solo la Sicilia abbia straordinaria necessità. Le consuetudini mafiose sono proprio nella consapevole attività di inganno alle istituzioni sfruttandone le normative a fini di lucro personale. La documentazione che ho raccolto nel centro storico è assolutamente inequivocabile, a partire dall’abbattimento, sospeso in extremis, di uno degli edifici monumentali di maggiore interesse della città, emblematicamente alle spalle del Comando dei vigili urbani e di fronte l’ufficio tecnico del Comune. Naturalmente i finanziamenti verranno liberati per chiunque vorrà partecipare alla opportuna impresa di ripristinare, restaurare, riparare gli edifici storici. Per questo ho già incontrato l’imprenditore Andrea Vecchio concordando, come atto generoso di liberalità civica, il recupero di un edificio di proprietà del Comune da destinare ad iniziative di educazione civica. Ho sperato nell’estinzione della mafia, almeno rispetto ai suoi referenti istituzionali, ma sono costretto a riconoscerne l’evidenza nell’azione criminale e distruttiva contro le città e il paesaggio, beni primari della Sicilia e della sua civiltà, culturale e agricola“.

Vittorio Sgarbi fornirà la documentazione in una conferenza stampa in occasione della presentazione dei risultati della ricostruzione a Salemi in un convegno che si terà a L’Aquila il 23 giugno prossimo con l’obiettivo di scongiurare analoghi rischi nella ricostruzione dell’Abruzzo.

E a proposito d’Abbruzzo, si apprende che il Comune di Salemi parteciperà ad una raccolta di fondi da destinare al restauro della Torre Medicea di Santo Stefano di Sessanio, in provincia dell’Aquila.

La torre, distrutta dal terremoto dello scorso aprile, fu fatta costruire dalla famiglia dei Medici che ne ebbe il dominio fra il 1579 e il 1743, periodo nel quale raggiunse il massimo splendore con il fiorente commercio della lana che lì veniva prodotta per poi essere lavorata in Toscana ed esportata in tutta Europa.

L’appuntamento è per mercoledì 24 giugno alle 18.30 a Villa Bardini, dalla cui nota terrazza si domina la città di Firenze.

L’iniziativa è nata da un’idea di Umberto Montano, noto ristoratore fiorentino, presidente dell’Associazione «Salemi e Pepemi» e patron del “Ristorante Terrazza Bardini”, il patrocinio della Provincia regionale di Firenze, del Comune di Salemi e il supporto della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, Maggio Musicale Fiorentino, Pitti Immagine, Starhotels e Lungarno Alberghi.

Nel corso della serata, oltre ai tradizionali “Fochi” di San Giovanni, il programma prevede degustazioni, musica, installazioni video e fotografiche con ospiti d’eccellenza.

Alle 22,45 i cameristi del Maggio Musicale Fiorentino diretti dal primo violino Domenico Pierini offriranno in esclusiva l’anteprima del programma che, in luglio, li vedrà protagonisti di un concerto nel nuovo teatro nazionale di Pechino.

La Città di Salemi sarà presente con l’associazione “Salemi e Pepemi”, il sodalizio di produttori locali, voluto da Umberto Montano, Oliviero Toscani e Vittorio Sgarbi, per promuovere le eccellenze dell’enogastronomia locale.

A Firenze saranno così presenti i produttori salemitani Gaetano Palermo, Pietro Caradonna, Alessandro Scavone, Vito Merendino, Caseificio Cucchiara e Mario Favuzza.

Alla serata saranno presenti Oliviero Toscani e Vittorio Sgarbi.

Era il 1975 ed eravamo giovani

Dice perzichello che ha realizzato il video e l’ha messo in rete: “La cattiva strada” è la prima traccia di “Volume VIII”, di Fabrizio de Andrè, uscito nel 1975. Il brano è stato scritto a quattro mani con Francesco De Gregori come altri quattro dell’album: “Oceano”, “Giugno ’73”, “Dolce Luna” e “Canzone per l’estate”. A completare il vinile “Nancy” (di Leonard Cohen), “Le storie di ieri” (del solo De Gregori) e “Amico fragile” (di Fabrizio De Andrè).

Salemi capitale d’Italia prima di Roma, prima di Roma dedicherà una via della città agli studenti di Teheran

Nel mentre a Teheran si è in attesa del discorso dell’ayatollah Ali Khamenei che ha deciso di rompere il silenzio e di rivolgere un discorso alla nazione, il primo dopo le contestate elezioni presidenziali del 12 giugno scorso, parte dal sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi, e dall’Assessore alla Creatività Oliviero Toscani, su iniziativa dell’UGEI (Unione Giovani Ebrei Italiani), la proposta di dedicare una via della città agli studenti iraniani.

La città di Salemi non rimane indifferente alla violenta repressione in atto a Teheran e lancia un appello di adesione per l’iniziativa a tutti i sindaci italiani.

“Come sindaco di Salemi rispondo per primo all’appello dell’amico Daniele Nahum. Non solo sorgerà qui ‘Via studenti di Teheran’, ma invito a Salemi il candidato Moussavi” ha detto il sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi.

L’appello è partito da Daniele Nahum, presidente dell’ Unione Giovani Ebrei Italiani: ” Chiediamo a tutti i Sindaci d’Italia che dedichino una via agli studenti iraniani. Estenderemo il nostro appello fatto al Sindaco di Roma Gianni Alemanno, ancora non raccolto, di dedicare una via della Capitale al 9 luglio 1999 data che ricorda la più grande manifestazione degli studenti iraniani contro il regime, a tutti i Sindaci d’Italia.

Sappiamo che oltre un anno fa Gianni Alemanno aveva promesso di dedicare una via agli studenti iraniani; ovviamente queste parole sono cadute nel vuoto,come tante altre parole già dette dal primo cittadino di Roma. Salemi è stata capitale d’Italia prima di Roma, e prima di Roma dedicherà una via della città agli studenti di Teheran, oggi più che mai perseguitati dal dittatore Ahmadinejad.”.