Salemi batte New York uno a zero

“Con la chiusura ed il trasferimento a Salemi in Sicilia della videoteca Kim’s Video, gli abitanti dell’East Village di New York possono dire “Addio” ad un’altra istituzione del quartiere.”.

alg_kims_video

Questo è quanto si afferma in un articolo di Lauren Johnston del “Daily News” dal titolo “East Village icon Kim’s Video heads to … Sicily“, che annuncia la chiusura dello storico locale di noleggio (oltre 55.000 titoli disponibili) e vendita di video, in St. Marks Place, considerato un’icona dell’ East Village, al pari dei già persi CBGB, 2nd Avenue Deli e Tower Records.

Il 31 dicembre scorso infatti è stato l’ultimo giorno utile per noleggiare da “Kim’s Video”, dopo di che con il nuovo anno i video saranno donati alla città di Salemi.

Per il proprietario Yongman Kim, perdere la sua raccolta di video segna la fine di un’epoca.
Kim cita la “cosiddetta rivoluzione di Internet”, come una delle cause di morte della sua attività.

Kim, ai primi di settembre, si era dichiarato disposto a donare la sua collezione di film gratuitamente, a condizione che il nuovo proprietario mantenesse la videoteca intatta e disponesse di 3000 metri quadrati per ospitare le migliaia di film.

A Kim è arrivata una offerta dal Sindaco di Salemi Vittorio Sgarbi, dice il “Daily News” un ‘ex ospite di talk show televisivi’, descritto dal quotidiano britannico, ‘The Independent’ come ‘una delle più estrose ed anticonformiste figure dell’Italia contemporanea’, impegnato a rivitalizzare la sua piccola città.

Il messaggio inviato da Sgarbi a Kim, dice che la città siciliana è disposta a lanciare il “Neverending Festival”, una non-stop di proiezioni pubbliche dei films della Kim’s Video.

Robert Goldkind, un residente dell’East Village dichiara al daily News: “Sono indignato perché nessuno nella città di New York tra tutte le istituzioni che potrebbero accogliere la raccolta si è dichiarato disponibile” ed ha proseguito, “E ‘solo grazie a Kim’s Video che mia figlia di 9 anni ha potuto vedere sessanta o settanta anni di cultura cinematografica prima dell’avvento di Blockbuster”.

“Sono andato da Kim’s quando ho voluto qualcosa di oscuro, difficile da trovare. Avevano tutto”, ha detto Geremia Moss, il blogger di “Vanishing New York”.

Tutto l’articolo lo trovate qui

5 thoughts on “Salemi batte New York uno a zero

  1. Ti assicuro che da parte mia non vi è alcuna intenzione di innescare una sterile polemica con te: ci sarebbe poco gusto ed equivarrebbe, peraltro, a sparare sulla croce rossa, alla luce anche degli scarsi commenti che il blog registra(non per colpa tua, in verità, ma a causa dello scarso livello di partecipazione e autoscienza da parte di questa strana fauna umana abiativa di queste nostre lande, più o meno amene paesisticamente.
    La prova più eclatante di quanto dico è appunto l’elezione di Sgarbi a sindaco di Salemi.
    Altro che mancanza di trasparenza negli atti amministrativi!

    Le nostre divergenze stanno proprio qui.
    Tu contribuisci a diffondere positivamente i ballons d’assai sgarbiani (come blogger e non come “giornalista” di parte, tu dici) mentre io invece li considero una vera e propria jattura, che servono solo ed esclusivamente ai suoi personali scopi e che nulla hanno a che vedere con gli interessi di una comunità!

    Citi giornali e siti webb stranieri ma ti guardi bene dal darne una panoramica completa.
    Esempi? Eccone alcuni:

    L’Independent, dopo avere parlato della case ad un euro conlude dicendo:
    “A local Sicilian politician, a pillar of the old Christian Democratic establishment – and tainted, his enemies say, by links to the Mafia – was looking for a figure to mend a rift in the party. With his charisma, Sgarbi was the man to do it.
    Does his patronage by veteran Christian Democrats – old allies of Giulio Andreotti – mean that Sgarbi will be hamstrung in anything he tries to do by the shadow of the Mafia? And how long will it take before he gets into one of the noisy rows that have always proved his undoing?”

    Sul blog http://www.dailymail.co.uk una certa
    – Michelle, Sicily, 02/9/2008 17:03
    così commenta nel post:

    “I live about 20km from Salemi ( che sia Castellammare?, dico io), nice town but as far as overlooking the med ….. erm maybe from the highest point in the town but its still a long way off. Only get a house here though as a holiday home, don’t get any ideas about la dolce vita. Unemployment is high, jobs are available only for those who know somebody etc, corruption is the norm and its cold in winter”.

    Come vedi, la realtà e ben più variegata di quanto si possa immaginare.
    E poi, devi sapere che le tue preferenze politiche sono lapalissianamente evidenti a tutti.
    Che però, anche se opposte alle mie, non mi creano problemi.
    By

  2. Caro Normanno,

    come avrai capito, non a caso, nella precedente replica ad un tuo commento ho parlato di “provocazione”, rispondendo con delle considerazioni che traevano spunto in particolare da vicende politico-amministrative del Comune di Castellammare del Golfo, ritenendo, forse sbagliando, che a quel contesto ti riferissi.

    Partendo dalla fine del tuo commento posso dirti serenamente che non sò il tuo orientamento politico, ma che sopratutto la cosa non mi importa nè poco nè tanto.

    Su questo blog tu, come qualsiasi altro, sei ciò che sostieni e come lo sostieni.

    Quanto alle mie “preferenze politiche”, e alla loro comprensione da parte tua, non posso che compiacermi della tua capacità di lettura delle pagine “Chi e cosa è Diarioelettorale” e “Il Partito dell’attesa”. Nel caso in cui invece ritieni di avere dedotto altre etichette politiche tali da fare corrispondere la realtà a tuoi eventuali pregiudizi, liberissimo di farlo.

    Personalmente reputo che una delle prime regole dell’approccio verso l’altro sia quello di accettarne la diversità e le differenze, non trincerarsi dietro il pregiudizio, e per tentare per quanto possibile di conservare un minimo di salute mentale, non rappresentarsi, se non in modo consapevole, delle realtà alterate e/o false con cui confrontarsi.

    Ciò detto entriamo nel merito del tuo commento.

    Mi definisco un “osservatore attento” dell’esperienza di Vittorio Sgarbi Sindaco di Salemi sin dall’inizio, non certo per la qualità e caratteristiche degli “sponsor” dell’operazione, quanto piuttosto per le opportunità di crescita culturale che centinaia di giovani di Salemi, e non solo, (ritenevo e ritengo tuttora), avrebbero avuto venendo in contatto con personaggi dalla diversa e altrimenti qualificata formazione culturale ed umana, in una sorta di “brain storm” collettivo che ritengo valga mille e mille volte, sul piano dell’esperienza, le considerazioni svolte da te e dai blogger citati, i quali, viceversa, non mi sembra aggiungano contenuti, ne siano stati protagonisti di azioni ed iniziative in grado di modificare anche solo una virgola della realtà di Salemi e dintorni.

    Avendo lavorato per anni in un comune del Belice, e ritenendo di conoscere almeno un pò le problematiche legate alla ricostruzione post terremoto, ho ritenuto doveroso sottolineare subito la carica innovativa della proposta “Case a 1 euro” rispetto alle passate iniziative, non mancando di sottolineare tuttavia, in uno dei post più letti del blog, quanto di indeterminato ed illusorio ci sia ancora nell’iniziativa, pur a distanza di parecchi mesi dal suo avvio.

    Prendo per ennesima provocazione (ma anche l’ultima che sono disposto ad accettare) il non tanto velato accenno a presunte volute non citazioni del ruolo di Giammarinaro, della mafia e quant’altro nelle vicende salemitane.

    E’ evidente che o sei un frequentatore non assiduo ed attento del blog o “extrema ratio” sei in malafede.

    Una veloce ricerca con le parole chiave più pertinenti infatti ti avrebbe restituito più post nei quali si citano opinioni critiche e link ad articoli niente affatto benevoli nei confronti di Vittorio Sgarbi, sui componenti della sua giunta e sul ruolo presunto o reale di Giammarinaro.

    Restano fermi comunque per te e per altri i seguenti principi: che questo blog non è e non vuole essere esaustivo dell’argomento, non è tenuto, nè vuole, dare conto di tutto e a tutti, affronta gli argomenti per come sa e vuole il sottoscritto, e che chi commenta deve avere la buona educazione di attenersi al post e rispettare il padrone di casa.

    Che tu non esprima un parere sull’operazione che potrebbe portare a Salemi a disposizione e per la crescita del territorio un patrimonio culturale costituito dai 55.000 films della Kim’s Video dovrei considerarlo ovvio ?

  3. Provincia di Trapani tre notizie buone e una cattiva « Diarioelettorale Weblog

  4. Sono un SALEMITANO vecchiotto Mi permetto di portare un esile contributo alle serile polemica mi sembra fatta da chi ha la pancia piena(come sempre) sulla pelle di chi è stato straziato dai cani della politica, il cittadino semplice.
    Alcune domande a “Normanno”
    1) a chi dovevano dare il voto i Salemitani e perchè?
    2) è possibile che “Lei” così pieno di cultura non ha capito la “pulizia culturale ed economica ” di Sgarbi.
    Salemi non è un paese mafioso! Salemi non è il paese dei Salvo. Salemi è fatto da brave persone che, anche sotto mille sacrifici, vuole vivere.
    Salemi non ha bisogno di Sindaci impiegati o di piccoli “Duce” o di portaborse. Salemi aveva bisogno di persone che sappiano vedere oltre il loro naso.
    Grazie dell’ospitalita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...