Giuri di dire la verità, tutta la verità …

Tra le tante radio in circolazione, una delle più meritevoli di apprezzamento per la quantità e qualità dell’informazione che fornisce, in aggiunta e separatamente dalla informazione di partito, è Radio Radicale.

Da quando poi i contenuti audio-video e testuali sono fruibili via internet, una visita quotidiana al sito non si può evitare e con un minimo di ricerca si reperiscono contenuti particolarmente stimolanti.

Lo “Speciale Giustizia” a cura di Sergio Scandurra è uno dei più interessanti, e forse anche per la sicilianità dell’autore, si occupa di frequente delle vicende giudiziarie siciliane.

Vi ripropongo dalla puntata di “Speciale Giustiziadello scorso 3 ottobre, la seconda parte relativa ad un pezzo dell’udienza che ha avuto luogo lunedì 29 settembre al Tribunale di Palermo nell’ambito del processo che si sta celebrando sull’affare mancato del Centro Commerciale di Villabate, nato dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Francesco Campanella, già Presidente del Consiglio Comunale, e già consulente del Sindaco di Villabate.

Diversi i motivi di interesse dell’udienza, i quali vengono illustrati preliminarmente da Roberto Scandurra, tra questi il fatto che i legali dei difensori di questo processo su mafia e centro commerciale hanno chiesto invano la testimonianza del leader dei PD Walter Veltroni, il quale non si è presentato ed ha prodotto un fax ed ora rischia l’accompagnamento coatto in tribunale.

La deposizione dell’ex Pubblico Ministero di Palermo Massimo Russo oggi assessore regionale alla sanità chiamato dai legali degli imputati a deporre sulla sua conoscenza personale di Francesco Campanella, .

La deposizione del professore di Statistica economica, della Facoltà di Economia dell’Università di Palermo e già deputato per soli due anni del collegio di Bagheria Cesare Piacentino e del quale Campanella ha riferito che Salvatore Cardinale, nel 1996, quando era coordinatore del Ccd, avrebbe convinto Pierferdinando Casini a escluderlo dalla lista in quanto sgradito ai mafiosi.

Interessante poi questa udienza per la conoscenza, di come in ambito locale, in un comune precedentemente sciolto per mafia, gli interessi politico-mafiosi tentassero di coprire, per il tramite dell’organizzazione di eventi legati alla antimafia, (Progetto Legalità dell’ANM e un Osservatorio sulla legalità), e alla crescita della legalità, le loro reali intenzioni.

Qui il Link al file audio

*** Richiede Real Player

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...