Barack Obama vs John McCain: qui si vola alto

Poteva “diarioelettorale” non occuparsi, almeno un pò, delle elezioni americane in programma nell’Election Day del 4 novembre prossimo ?

No che non poteva e così è qui per fornirvi il link accedendo al quale potrete ascoltare, vedere e leggere (in inglese, senza intermediari) il primo dei tre dibattiti previsti,  svoltosi ad Oxford nello Stato del Missisipi ieri 26 settembre.
Potrete così sentire i toni e gli accenti dei protagonisti, farvi una idea di quanto possa essere importante e cosa significhi il confronto elettorale in una democrazia matura.

Vi è chi ha notato che McCain ha evitato di guardare l’avversario, e chi ha notato l’esitazione nel pronunciare il nome di Ahmadinejad, o lo scivolone sul nome del nuovo presidente pakistano Asif Ali Zardari, o ancora che entrambi i candidati hanno ripetutamente glissato sul piano anticrisi da 700 miliardi di dollari.

Il titolo del pezzo di Alessandra Stanley sul “The New Yorks Times”, “Beyond Ideology, a Collision of Generations” – Più che di ideologie un contrasto di generazioniriassume forse meglio di ogni altro limiti e prospettive dello scontro in atto in questa campagna per il rinnovo della presiudenza USA.

Annunci

2 thoughts on “Barack Obama vs John McCain: qui si vola alto

  1. Camillo, hai fatto bene a citare il pezzo di Alessandra Stanley: arguto e preciso, ha colto quella che è in effetti la vera discriminante di questo scorcio di campagna elettorale Usa. Lei è una delle più brave tra le giornaliste americane, ed è stata responsabile dell’ufficio di Roma del Nyt.

  2. ma per favore! Gli USA sono una democrazia “matura”? ci vuole coraggio a dire una cosa del genere! Peccato, con questo articolo mi sei caduto dal cuore… In Italia non stiamo benissimo, è vero, ma preferisco mille volte essere nato qui e non negli USA: lo stato che esporta la democrazia con le bombe, dove non sei libero di dire la parola comunista senza essere indagato, dove non esiste sanità pubblica e l’istruzione è soltanto per quelli che se la possono permettere o che eccellono in qualche sport. e la politica non è da meno: esistono soltanto 2 pseudo-partiti che sono 2 fotocopie sbiadite. No grazie, preferisco la nostra Italia che deve cercare di imitare vere democrazie come i paesi scandivani, la Francia o la Spagna, non certo gli USA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...