Belice la raccolta differenziata al 20,99%

La società Belice Ambiente SpA – ATO TP2, ha reso noti i dati aggiornati a fine luglio 2008: nell’Ambito Territoriale Ottimale Tp2 il dato relativo alla Raccolta differenziata complessivo degli undici paesi è del 20,99%.

A fornire I migliori risultati sono i quattro paesi del Belice, dove la società ha avviato il progetto della Raccolta Differenziata “porta a porta”.

Al vertice c’è Salaparuta col 66,72% di raccolta differenziata sul totale, seguita da Gibellina 64,36, Poggioreale 63,55 e Santa Ninfa 54,31.
E’ un ottimo risultato quello raggiunto, soprattutto con la collaborazione dei cittadini – dice Rosario Drago, sindaco di Salaparuta – che ha avuto anche riflessi sul decoro urbano. L’avere eliminato i cassonetti stradali ha dato un’immagine diversa del paese.  Piccoli sforzi danno grandi risultati”.

Migliora anche la raccolta differenziata a Petrosino 16,69%, dove l’isola ecologica inaugurata mesi addietro ha già fatto registrare 3.000 utenti.  “Il paese ha risposto bene – dice il sindaco di Petrosino, Biagio Valenti – i cittadini hanno così capito che il rifiuto è una risorsa, avviando pratiche virtuose di differenziata.  E’ innegabile dire che il nostro obiettivo è quello di raddoppiare questo dato nel giro di pochi mesi”.
Sono risultati soddisfacenti ottenuti grazie anche al centro di raccolta aperto, ma è necessario fare di più – è il commento del vicesindaco di Salemi, Nino Scalisi – con la società presto metteremo a punto l’avvio della raccolta differenziata “porta a porta”.

Annunci

A Salemi intanto

Oggi mercoledì 27 agosto

Esperti di enologia, docenti universitari, imprenditori, produttori e comunicatori faranno il punto sullo stato dell’agricoltura e viticoltura italiana, con uno sguardo più approfondito sul “Caso Sicilia” e su quello che in molti hanno definito il “rinascimento vitivinicolo siciliano”, oggi alle ore 16,00 nell’Auditorium dell’ex Chiesa di San Giovanni a Salemi.

L’iniziativa è promossa dall’assessorato all’Ambiente e alla Creatività guidato da Oliviero Toscani e dall’assessorato alla Cultura e all’Agricoltura retto da Peter Glidewell.

Tra i relatori: Attilio Scienza, docente di viticoltura all’Università di Milano; Paolo Parisi, toscano, allevatore e «opinion leader» nel campo dell’agricoltura biologica e naturale; Battista Belvisi,esperto di vinificazione naturale in anfora a Pantelleria; Arianna Occhipinti, viticoltrice bio-dinamica e produttrice di olio; Teo Musso, il più noto mastro birraio italiano.

Il simposio è parte di un progetto di valorizzazione e promozione dell’agricoltura isolana inaugurato nelle scorse settimane con una rassegna eno-gastronomica promossa dall’assessorato alla Cultura in collaborazione con Slow Food.
Rientra in questo progetto la partecipazione della Città di Salemi alla prossima edizione del «Salone del Gusto» in programma a Torino dal 23 al 26 ottobre 2008 e in occasione del quale protagonisti saranno il «Pane di San Giuseppe» e le donne che ne tramandano l’antica arte della lavorazione.

E domani giovedì 28 agosto.

Il “Caso Tortora” sarà protagonista del terzo appuntamento degli incontri letterari promossi dall’assessorato alla Cultura diretto da Peter Glidewell, giovedì 28 agosto alle ore 21,00 nell’atrio del castello arabo-normanno.

Oltre allo scrittore, Vittorio Pezzuto, autore del libro “Sputi e applausi – la doppia vita di Enzo Tortora” ci saranno il sindaco Vittorio Sgarbi, l’assessore Peter Glidewell e l’assessore provinciale al Turismo e alla Cultura Maria Giovanna Maglie.

Per la prima volta una biografia completa e sorprendente racconta le “due vite” di Enzo Tortora: da conduttore estremamente noto a vittima dell’ingiustizia.

L’autore, Vittorio Pezzuto, nato a Genova nel 1966, è giornalista professionista. Ha collaborato con Radio Radicale e scritto per Il Foglio, Il Riformista, Il Secolo XIX, Vanity Fair, Smoking e Ideazione.com. Iscritto al Partito radicale dal 1983, ha ricoperto incarichi istituzionali e politici. Già segretario nazionale della Lista Pannella.

Enzo Tortora

Con l’arresto del 17 giugno 1983, gli italiani scoprono attoniti che l’uomo che ogni venerdì sera è ospite fisso delle loro case con la trasmissione dei record “Portobello” altro non sarebbe che un camorrista e uno spacciatore di droga. L’istantanea che lo ritrae con le manette ai polsi fra due carabinieri riesce così a deturpare la sua immagine pubblica, cancellando in un colpo solo la carriera nitida e coerente di un uomo che non ha mai barattato la propria coscienza.
Scaraventato in carcere, Tortora scoprirà suo malgrado che esiste un’altra Italia, molto più vera e dolente di quella che lui stesso credeva di conoscere. E ben presto la lunga detenzione e un processo kafkiano trasformeranno il suo dramma personale nel simbolo vivente della ingiustizia.
Eletto deputato europeo e presidente del Partito radicale, combatterà vanamente fino all’ultimo dei suoi giorni per i diritti dei detenuti e per il riconoscimento della responsabilità dei giudici.

Salemi: sarà vero ?

POL – Vittorio Sgarbi ora pensa di fare il sindaco di Venezia

Roma, 25 ago (Velino) – È stato appena eletto sindaco della siciliana Salemi, ma Vittorio Sgarbi non si vuole certo fermare. Adesso sta pensando alla sua prossima possibilità: correre per diventare il primo cittadino di Venezia.

Il critico d’arte pensa da tempo alla Serenissima: lui è nato a Ro Ferrarese, e Venezia ha sempre rappresentato il centro culturale d’eccellenza, l’approdo ideale per un amante del patrimonio artistico. Ora Sgarbi si trova proprio a Venezia, per commentare il restauro del film “Ladri di biciclette”, uno degli eventi del prossimo Festival internazionale del cinema. E grazie a Cesare Campa, già parlamentare di Forza Italia, ora consigliere comunale e leader dei commercianti, che ha lanciato il nome dell’ex sottosegretario ai beni culturali come possibile nome per il centrodestra alle prossime elezioni amministrative, adesso Sgarbi ci crede in questa scommessa.

Salemi intanto rimane al centro delle sue attività. Nella cittadina siciliana gli arrivi dei turisti non si contano più: le compravendite di immobili sono immediatamente cresciute, con Sgarbi sindaco. Giungono improvvisamente, specie dalla Lombardia, visitatori inaspettati che cercano una casa, una villa, un edificio abbandonato da ristrutturare. Salemi si è risvegliata dopo un lungo periodo di torpore, e nei negozi sono tornati i clienti: “forestieri”, ma tutti muniti di contanti e carte di credito. Tra i commercianti c’è ottimismo, Sgarbi ha rappresentato una ventata di novità per tutta la zona, e anche Rosario Crocetta (politicamente agli antipodi rispetto al critico d’arte) è diventato suo amico per condividere le battaglie contro le pale eoliche.

Ora la sfida veneziana. Stavolta Sgarbi non vuole lasciarsela scappare: mettere la fascia di primo cittadino di Venezia è un suo vecchio sogno. E finalmente, da amministratore, potrebbe “influenzare” quella Biennale che non lo ha mai amato.

Il Velino