Giusy Asaro presidente del Consiglio Comunale di Salemi

E’ la commercialista Giusy Asaro, (34 anni), la nuova presidente del Consiglio Comunale di Salemi. La Asaro è una delle tre donne che compongono la maggioranza consiliare ed è stata eletta con 15 voti su 20 nel corso della seduta durante la quale ha giurato il neo sindaco Vittorio Sgarbi. Vicepresidente, con 16 voti su 20, è stato eletto l’avvocato Francesco Salvo, (33 anni).

Accade a Trapani

Tonino, Nicola e Giulia

Amara sorpresa per l’Adamo

Sarebbe andata pressappoco così. E’ questo il racconto che gira a Palazzo Riccio di Morana. Erano circa le 13,30 di ieri. Il presidente Turano è riunito con il senatore Antonio D’Alì e l’on.Nicola Cristaldi. Si parla della nuova Giunta. Ma nella stanza attigua c’è Giulia Adamo. Anche lei convocata per parlare di assessori ed assessorati. Passa il tempo e l’Adamo comincia a spazientirsi. Quello è stato il suo Palazzo. Forse continua a considerarsi a casa sua ed anche un po’ di anticamera finisce per essere “indigesta”. Da una reazione all’Adamo. Scatto repentino e porta aperta per confrontarsi con il presidente Turano. Ma nella stanza c’erano anche gli altri due. Turano avrebbe provato a fare chiarezza. D’Alì e Cristaldi erano lì perchè delegati dal PDL a trattare con il presidente. Amara sorpresa per l’Adamo che avrebbe esclamato: “Ed io che ci faccio qui? Vado via”. Ma la sua decisione sarebbe stata anticipata dagli altri due che avrebbero deciso di lasciare il Palazzo prima dell’Adamo. Il rompete le righe generale avrebbe lasciato il presidente solo – nella stanza presidenziale – a riflettere sulla nuova Giunta.

Grazie a Trapaniok.it

Accade a Salemi

… cene, aperitivi, digestivi, meeting pre e post elettorali diventano occasioni per conoscersi sempre meglio. Fino al presunto spasimo della farmacista che si sarebbe invaghita, seppur separata e risposata. Insidiata però da altre concorrenti, stando al gossip sulla casalinga fulminata, sull’avvocatessa in carriera, sulla restauratrice affabile, sull’architetta che gli proporrebbe progetti, fino alla ben messa moglie del medico, incurante del consorte, quando nella villa di Fontana Bianca, fra cento ospiti impegnati in assaggini, vini, formaggi e leccornie, stava per scivolare un po’ troppo vicino alla meta. Stoppata, tra fiaccole ormai tremanti, da un’altra signora sfacciata che avrebbe offerto al sindaco mattatore compagnia per la notte. Top secret sul resto e su piccanti missive che gli impiegati trovano al municipio firmate con l’impronta del rossetto.

Felice Cavallaro
per il Corriere della Sera