L’eredità

E’ consultabile presso la segreteria comunale per 20 giorni consecutivi la Variante di Piano relativa alle zone territoriali omogenee A1, A2 e A3, commissionata dalla Commissione Straordinaria.

La Variante è stata già adottata dalla Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale ed è quindi nella fase di deposito (20 giorni consecutivi, compresi i sabati e le domeniche nelle quali dovrà rimanere in “libera visione al pubblico”) e presentazione di opposizioni (da parte di cittadini con immobili interessati dalle previsioni di piano) ed osservazioni (da parte di cittadini non direttamente interessati e/o associazioni) nei successivi 10 giorni.

La Variante di piano delle zone A o del Centro storico, commissionata dai commissari straordinari fa riferimento esplicito alla circolare 3/2000 dell’Assessporato del Territorio e dell’Ambiente, la quale al punto 3.6 equipara tali varianti generali per i centri storici a veri e propri piani particolareggiati con previsioni quindi di intervento diretto, purchè “redatte sulla base di una conoscenza approfondita della storia urbana, della formazione e delle trasformazioni del patrimonio edilizio storico e degli spazi inedificati, su analisi e valutazioni di tipo socio economico, sulla verifica degli aspetti funzionali (accessibilità, mobilità, dotazione di attrezzature e servizi) della città storica, sulla riutilizzazione e rifunzionalizzazione del patrimonio edilizio storico sia in termini residenziali che in riferimento ad altre attività e funzioni compatibili”.

Il nuovo Consiglio Comunale potrà esprimersi sulla Variante Generale delle zone “A” solo relativamente alle osservazione ed opposizioni, essendo stato il piano già adottato dal consiglio comunale nella persona della commissione straordinaria.

L’approvazione di tale variante da parte del CRU, una volta esauriti tutti gli adempimenti intermedi, equivarrà quindi alla approvazione, relativamente alle zone “A” del Piano Particolareggiato.

2 thoughts on “L’eredità

  1. Ma può una circolare cambiare la legge? Io so che non è possibile…. Non ho ancora avuto modo nè di leggere la circolare dell’Ass. T.A. nè di prendere visione della variante al PRG (conto di farlo al più presto) ma, da discreto conoscitore del territorio e del tessuto urbano, spero che la variante sia stata redatta, come recita la circolare “sulla base di una conoscenza approfondita della storia urbana, della formazione e delle trasformazioni del patrimonio edilizio storico e degli spazi inedificati, su analisi e valutazioni di tipo socio economico, sulla verifica degli aspetti funzionali (accessibilità, mobilità, dotazione di attrezzature e servizi) della città storica, sulla riutilizzazione e rifunzionalizzazione del patrimonio edilizio storico sia in termini residenziali che in riferimento ad altre attività e funzioni compatibili”.
    BOH…sarà.!
    Io temo, e spero di essere smentito, che se lo spirito di tale variante è quello di aprire alle ristrutturazioni selvagge e/o alle sopraelevazioni, piuttosto che al recupero, dico temo, che sarà molto difficile superare lo scoglio del C.R.U.
    Come sempre finisco con il dire che mi auguro di essere smentito!!!

  2. Repetita iuvant, ma non sempre « Diarioelettorale Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...