La rete è democrazia

Ripensare questi due anni di commissariamento per infiltrazioni mafiose del comune di Castellammare del Golfo, forse, può essere utile per sgombrare il campo da alcuni miti e pregiudizi.

In principio fu il prefetto Vito Mattera, l’uomo venuto dal continente, il castigamatti salutato dalle speranze di tanti (forse troppi) castellammaresi in cerca del “redde rationem“.
Il prefetto Mattera era un duro, ma già noto in rete come quello della telefonata tra “Vituccio e Peppino“:

Ci fu un precedente illustre di intercettazione di un questore a Napoli. Fu quello di Vito Mattera, nella famosa telefonata “Vituccio e Peppino, dai nomi con cui gli interlocutori si chiamavano, Vituccio per il questore e Peppino per Giuseppe Calise, mitico capocronista de Il Mattino, il maggior quotidiano della città. Si parlava di cose non eticamente trasparenti, ma erano in un certo qual senso mirate alla difesa della città, dell’onorabilità del sindaco dell’epoca, Nello Polese, che stava per essere arrestato e poi totalmente prosciolto da qualsiasi forma di accusa. Tempo sette giorni dal Ministero giunse il trasferimento per il questore Mattera: al ministero dove, superati gli scogli interni, ha terminato la carriera con la qualifica di Prefetto. Erano i tempi di Tangentopoli, erano i tempi dove si “dovevano” dare segnali forti.

testo tratto da qui.

Il “prefetto di ferro” incappò poi a Castellammare in una banale storia di rimborsi e nel luglio del 2007 si dimise sostituito dal Prefetto Antonella De Miro, originaria di Agrigento di cui sulla rete già all’atto dell’insediamento niente si riscontrava di negativo, e che prossima alla conclusione del suo mandato lascia atti positivi di attività amministrativa ancorchè utili per il ritorno all’amministrazione ordinaria.

Conclusione. La rete ha ed è memoria, la realtà è spesso ambigua, nascere  lontano da Castellammare non è garanzia di buona e sana amministrazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...