S’ode a destra uno squillo di tromba sempre a destra risponde uno squillo

Miope e maldestra la gestione del centrodestra in Sicilia” .
Dichiarazione del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al Cipe e vice coordinatore di Fi, Onorevole Gianfranco Micciché, il quale ha anche aggiunto: “Giulia Adamo e la provincia di Trapani possono fare sicuro affidamento sull’impegno del governo nazionale e sul mio in particolare, tramite il Cipe, per realizzare il progetto di crescita economica del trapanese“.

Vedere vanificato dall’incompetenza tecnica dell’assessore La Via un raro esempio di lavoro comune tra forze politiche di schieramenti diversi rende ancora più amaro questo momento. Questa prova d’incapacità tecnica mi preoccupa quando penso alle necessità inderogabili del nostro territorio. Abbiamo bisogno di risposte concrete e non possiamo permetterci che l’insipienza di qualcuno pesi sulle tasche e sul futuro dei nostri cittadini“.
Dichiarazione dell’Onorevole Giulia Adamo deputato all’ARS dell PDL e già Presidente della Provincia di Trapani per Centro-destra, a proposito dei fondi per i danni da peronospera non più disponibili perche non utilizzati in tempo utile.

Raffaele Lombardo dixit

Mi dicono che ieri sera dopo aver partecipato a Castellammare del Golfo alla manifestazione elettorale di presentazione del candidato Sindaco Nino Mistretta il Presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo, da Trapani avrebbe riaperto la questione Giulia Adamo dichiarando: “L’assenza di una donna nel governo regionale è un limite che presto dovrò colmare“. E alla domanda di un cronista “La donna che entrerà in giunta si chiama Giulia?” ha replicato: “Vedete la risposta la sapete già“.

Google il diavolo ? (3)

Avviso ai maturandi.

Per comprendere appieno Pirandello e far bella figura all’esame di maturità scorrere le pagine dei risultati della ricerca per la chiave “Marzio Bresciani” e soffermarsi in particolare su queste pagine.

http://www.narcomafie.it/articoli_2007/art2_5_2007.htm

http://www.articolo21.info/editoriale.php?id=2958

http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=224

indispensabile non farsi mancare questa pagina, annotando con cura ed attenzione i nomi dei soci fondatori

http://www.alcamoantiracket.it/associazione.htm

Google il diavolo ? (2)

Incuriosito del risultato della ricerca di cui vi ho detto nel post precedente, ho continuato ad interrogare Google, e se per gli aspiranti sindaci Nino Mistretta dell’MPA-UDC e Salvo Bologna del PD il “diavolaccio” non dà risultati significativi, cercandoCamillo Navarra” il candidato di Rifondazione Comunista, ci scodella questo risultato.
Inutile dirvi che Camillo Navarra i bookmaker non lo danno vincente … e nemmeno piazzato.

Google il diavolo ?

Scoprire che su Google per la ricercaMarzio Bresciani“, il candidato più accreditato per la vittoria finale nella corsa per l’elezione a sindaco di Castellammare del Golfo (i cui organi amministrativi due anni prima sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose) vede al primo posto questa pagina ti dà il senso di una realtà irredimibile.

ps. – ho riportato lo snapshot della ricerca, nella speranza che dopo questo post i risultati della ricerca cambino.

Se il buongiorno si vede dal mattino

Ho appena finito di assistere su Tele Occidente alla trasmissione in studio “L’Agorà” dedicata al confronto (alla presenza tra gli altri dei giornalisti castellammaresi Annalisa Ferrante e Roberto Spina), tra i candidati a Sindaco del Comune di Castellammare del Golfo.

Assente non giustificabile, il candidato che và per la maggiore Ingegnere Marzio Bresciani, il confronto assai civile, ha visto esprimere i diversi punti di vista dei candidati sulle problematiche più rilevanti ed urgenti per la comunità castellammarese.

A fine trasmissione ho tirato le somme e stilato la mia personalissima classifica, voi se ritenete, ignoratela pure e stilatene altre.

Al quarto posto l’ingegnere Bresciani, in quanto chi si candida alla guida della città (a maggior ragione se non è castellammarese) in questo periodo detto di “campagna elettorale” non può accampare ragioni prioritarie rispetto a quelle del confronto civile e della prospettazione delle proprie idee.

Al terzo posto metterei il candidato del PD Salvo Bologna, armato di tante buone intenzioni, ma apparso più che altro “il giovane” del gruppo, nel senso positivo che correntemente si tende ad attribuire al termine, ma che nel contempo ne connota la estraneità rispetto al contesto.  Mi chiedo spesso quando smetteremo in Italia di chiamare con l’appellativo di “giovane” chiunque a qualsiasi età possa vantare assenza di storia politica, inesperienza ed assenza di qualsiasi cultura amministrativa.

Al secondo posto il candidato di Rifondazione Comunista Camillo Navarra, per avere dimostrato di conoscere, seppure da cittadino (nel senso più nobile del termine), più che da politico, le problematiche del territorio e le relative possibili soluzioni. Tuttavia su alcune (depuratore e metano), non ha affrontato e risolto le contraddizioni, cosa che ha il dovere di fare chi si candida a Sindaco e non tutto al più a capo dell’opposizione.

Al primo posto ho visto il dottor Antonino Mistretta, che ha fatto prevalere la sua esperienza politica precedente (di consigliere comunale prima, assessore e consigliere provinciale poi) per potere mostrare conoscenza dell’iter da seguire per affrontare alcuni problemi urgenti e alcune idee guida per lo sviluppo (condivisibili o meno, quale quella della cittadella dello sport) che tuttavia tentano di aprire la città al futuro, oltre il contingente.

Ed ora dite la vostra.

Provincia: cambia tutto ? (4)

Giulia Adamo dixit: “…Io unica donna eletta in Sicilia nel Pdl avevo dato la mia disponibilità precedentemente a ricandidarmi, in alternativa a un posto in giunta a presidente della Provincia di Trapani. Poi ho appresso dai giornali che era stato scelto dal centrodestra Mimmo Turano dell’Udc. La cui candidatura è stata decisa in un bar o in un salotto a Catania. Si tratta di una persona che ha perso le elezioni un mese fa e che il partito a cui appartiene, non fa parte del governo nazionale. A questo punto dobbiamo chiederci se la provincia di Trapani sia una sorta di scendiletto per assecondare interessi altrui …

da Telesud