Dopo aver visto “Nino” al CICI Film Festival

Se la verità rende liberi, può darsi libertà se si rinuncia all’esercizio della ricerca della verità ?
Se la risposta a tale interrogativo è negativa, in senso cristiano ( Conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi – Giovanni 8:32) ma anche laico e civile (La verità è sempre rivoluzionaria – Antonio Gramsci) la rinuncia alla ricerca della verità finisce per essere accettazione dello status quo e rinuncia della libertà.
La verità può non essere conosciuta o conoscibile, può essere ingannevole, parziale, contraddittoria, sgradevole, ma la sua ricerca dà senso compiuto al vivere.
E’ pur vero che “Nel paese della bugia, la verità è una malattia” per come avrebbe detto Gianni Rodari, ma che senso ha quella affermazione finalela verità è stata inventata dagli uomini per fottere altri uomini, la verità non esistese non di invito alla conservazione, alla accettazione di quella sotto-cultura mafiosa che la narrazione precedente, con chiarezza, denuncia quale causa della alienazione di Nino ?

CICI Film Festival: Diego Monfredini fa il bis

E’ Diego Monfredini, giovane ma già affermato filmaker piacentino, il vincitore della terza edizione del CICI Film Festival di Castellammare del Golfo con il corto in bianco e nero “Malatedda“, un vero e proprio film nello spazio di un corto che descrive una storia vera di “follia” nell’Italia ante Legge Basaglia.
Nel 2011, Diego Monfredini aveva vinto già la prima edizione del CICI Film Festival con “La casa dei trenta rumori”.

Al secondo posto Giulia Savorelli con “Nino”, al terzo Diane Pol-Lajaima con “Troppo dentro il west” ed infine premio speciale della giuria per “Lo zio e il mare” di Michele Milesi.

CICI Film Festival lavori in corso, prestare la massima attenzione

 

Saranno storie di follia, storie tra inclusione ed esclusione, quelle che saranno raccontate dai corti in gara per la terza edizione del CICI Film Festival in programma il 14 e 15 settembre 2013 nella Piazza Castello di Castellammare del Golfo.

Nei due giorni previsti per la manifestazione ci sarà anche spazio per la musica di qualità:

Sabato 14
The blue Jive
Dancehall Machine (Marcolizzo BR1 e dy Delta by Shakalab)

Domenica 15
Mimì Sterrantino e gli accusati
Swingrower

CICI Film Festival

AAA – Castellammare del Golfo – Cercasi attori, tecnici ed assistenti per produzione cortometraggi

Il “CICI FILM FESTIVAL” per la realizzazione della terza edizione cerca personale ed attori

Si aprono ufficialmente lunedì 9 Settembre con la presentazione dei registi partecipanti i lavori della terza edizione del CICI FILM FESTIVAL.
A Castellamamre del Golfo, al teatro Apollo di corso Bernardo Mattarella alle ore 21,00 tutti coloro che sono disposti a mettersi in gioco come attori, tecnici ecc. avranno l’occasione di proporsi, per andare a formare i vari staff che affiancheranno i giovani filmaker.

Grande varietà di provenienza tra i registi selezionati quest’anno. Nutrita la rappresentativa siciliana con Maria Stefania Bonomo proveniente da Enna, Nicolò Cappello da Palermo e Dario Diliberti da Alcamo.
Due felici ritorni: Diego Monfredini da Piacenza vincitore nella prima edizione con “La casa dei trenta rumori”, e Michele Milesi di Cortona (Ar) che la scorsa edizione ha curato la fotografia di “Carmela” di Orsa Cousin.
L’Emilia Romagna oltre che da Monfredini sarà rappresentata anche da Ilaria Vecchi proveniente da Modena, la Lombardia da Gianluca Fedele proveniente da Voghera e Giulia Savorelli da Milano, la Calabria da Salvatore Insana da Cittanova.
Infine il CICI FILM FESTIVAL registra per il primo anno la partecipazione di una regista internazionale. Si tratta della regista franco-spagnola Diane Pol-Lajaima.

Le fasi finali del concorso si svolgeranno il 14 e il 15 Settembre, a piazza Castello, dove verranno proiettati i corti realizzati durante la settimana, e dove sarà decretato il vincitore, a sceglierlo sarà una giuria d’eccezione formata da registi, attori, produttori, giornalisti e critici i cui nomi saranno resi noti nei prossimi giorni.
Nelle due giornate della manifestazione oltre alle proiezioni ed alle premiazioni sono previste: conferenze, presentazioni, degustazioni e concerti.

CICI FILM FESTIVAL 2013787095_o

Al CICI Film Festival di Castellammare vince Diego Monfredini giovane film-maker piacentino

Ha messo d’accordo critica e pubblico, l’opera vincitrice del secondo CICI Film festivalLa casa dei trenta rumori“, corto di Diego Monfredini, film-maker di Piacenza.
Il corto alle immagini solari di “un caldo oltre il caldo” e di un “blu oltre il blu” aggiunge una intensa recitazione in lingua siciliana in una sorta di spirale temporale dei sentimenti.
Il sottotitolo d’obbligo che accompagna i titoli di testa è “La casa di li trenta scrusci“, ed il corto è interamente sottotitolato in italiano.
E’ il corto che anche io avrei voluto realizzare” ha detto il presidente della giuria, il regista Enzo G. Castellari.

Secondo classificato “Happiness is sharing” di Giacomo Costa, terzo classificato “A riva” di Francesco Russo.

Quelli che … IL PLAS 2011 – Il CICI Film Festival

Non so se gli organizzatori se lo aspettassero o piuttosto semplicemente se lo augurassero, ma è indubitabile che la parte cinematografica di questo PLAS 2011, e che va sotto il nome di CICI Film Festival, concorso di “corti” riservato a giovani film-maker, è stato già dalla prima serata un successo di quelli memorabili.

Come già accaduto a luglio in occasione del Summer Jazz Festival 2011, Piazza Castello era gremita in ogni ordine di posti, sia in piedi che a sedere, in una sorta di plastica dimostrazione che la nostra realtà socio-culturale va ben oltre ciò che viene rappresentato, e proiettato all’esterno, dalla straripante e tronfia presenza di coloro che si sono identificati e si identificano attraverso spiriti antiunitari, rosari, messe, integralismi non scevri da intolleranze da branco, predicozzi e paternalismi vari.

Otto sono stati i giovani film-maker che hanno risposto all’appello da tutta Italia e di cui abbiamo visionato le opere nella prima serata.
Personalissime e diversificate le interpretazioni del tema proposto dagli organizzatori, “Le Parole”.

Nel corso della serata la giuria del concorso, composta da Enzo G. Castellari, Filiphe Giangreco, Laura Aprati, Eruardo Rumolo e Stefania Girolami ha interloquito con gli autori, alla ricerca delle motivazioni e delle ragioni delle loro scelte espressive.

La cerimoia della premiazione è prevista questa sera (10 settembre 2011) a partire dalle ore 22,00.

Fiat PLAS !

Sia il PLAS, il PLAS 2011, il quinto della serie da quando un gruppo di colti e volenterosi giovani si propose di dar vita a Castellammare del Golfo ad una rassegna culturale (si culturale, ma non noiosa), attenta alle avanguardie che si muovono nel campo delle arti, tra rinnovamento e tradizione, in questa nostra Sicilia.

Una rassegna plurale sia in quanto a pubblico di riferimento che a rappresentazione delle arti.

Così nel tempo, nei quattro anni precedenti, intorno alla metà di settembre, a Castellammare del Golfo abbiamo visto all’opera il maestro Mimmo Cuticchio ed i suoi paladini dell’Opera dei Pupi, ma anche le rappresentazioni della Compagnia dell’Ordine Sparso, ma abbiamo ascoltato Nonò Salomone e Alfio Antico, ed anche Frankie Hi-Nrg e Umberto Porcaro, abbiamo assistito alle performance di Daria Siligato ed Elena Rosa, ma anche alle esibizioni della Compagnia Joculares, abbiamo discusso di “Art brut tra valorizzazione e riconoscimento”, ma anche di libri con Pino e Federico Ligotti, Beatrice Monroy ed Enzo di Pasquale.

La quinta edizione, al via da oggi nove settembre, e che si concluderà domani 10 settembre fa perno sul cinema grazie all’incorporamento nel PLAS del CICI Film Festival, 2° Premio GI.A.C.S..
Nella serata del nove a partire dalle ore 21,30, saranno proiettati i corti realizzati nei giorni scorsi, sul tema “le parole”, per le vie e le piazze castellammaresi con attori del luogo.
I film-maker partecipanti al concorso sono: Giacomo Costa, Federico Mauro, Gionatan Cascio, Gabriele Mocera, Riccardo Cavani, Diego Monfredini, Riccardo Cannella, Vincenzo Bambina, Francesco Russo e Joshua Wallen.
La giuria del concorso è composta da Enzo G. Castellari, Filiphe Giangreco, Laura Aprati, Eruardo Rumolo e Stefania Girolami.
La premiazione è prevista la sera del dieci alle ore 22,00 in Piazza Castello.

Live performances sono previste in Piazza Re Federico, sia il nove che il dieci, in particolare il nove si potrà assistere alla performance di Cecilia Viganò alle 22,00 ed alle 23,00 a quella di Andrea Amico. Il dieci invece si esibiranno Dara Siligato alle 22,00 e Alessandro Librio alle 23,00.

Per il teatro il dieci nella scalinata di Porta Marina, si potrà assistere alla rappresentazione de “I giganti della montagna” di Luigi Pirandello, per la regia di Claudio Pirandello e la sera precedente alla rappresentazione di “teatro libero” di Misadra e Nino Ciaravino.

Una conferenza la sera del nove in apertura della rassegna, in piazza Castello alle ore 18,30 su “Lavoro in Sicilia, lo sviluppo professionale cinematografico dei giovani” a cura di Stefania Girolami e un’altra la sera del dieci, tenuta dal regista Enzo G. Castellari, su “Il cinema ieri e oggi”.

Due le presentazioni, la prima il nove del documentario di Play-maker Produzioni, “L’oro della munnizza”, sui cenciaioli di Palermo, e l’altra la sera del dieci del libroFellini e Manara” di Laura Maggiore.

Non mancheranno le video installazioni a cura del gruppo Oblivious e Zep Studio, ed i mini stage con Misadra e “Jakie and his loaders”.

Per la musica infine, sono quattro i gruppi che si esibiranno nel main stage di Piazza Madrice a partire dalle 23,30. “San Papier” e “Lassatiliabballare” la sera del nove e “The Second Grace” e “Radici nel Cemento” la sera del dieci.

Il CICI Film Festival da lunedì 5 settembre a Castellammare del Golfo

10 giovani registi, 10 cortometraggi in gara, 5 giorni di tempo

Lunedì 5 settembre prende il via il “CICI film festival”, 10 filmaker arriveranno a Castellammare e dovranno girare un cortometraggio ciascuno su un tema che sarà rivelato solo all’ultimo minuto.

Per lunedì alle 21 al teatro Apollo, è previsto un incontro tra i registi e tutti coloro che aiuteranno questi giovani a realizzare le loro prosuzioni: attori, attrici, scenografi, tecnici, e appassionati sono invitati a partecipare.

Il “CICI film festival” è parte del progetto Gi.a.c.s. finanziato nell’ambito dell’ Accordo di Programma Quadro (APQ) Giovani protagonisti di sé e del territorio (Azioni 1,2 e 4), e sostenuto da Regione Sicilia – Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro – e Ministero della Gioventù, e gestito da Arcidonna associazione Cici e Comune di Salemi.

Le proiezioni e la premiazione del festival si terranno all’interno della manifestazione artistico culturale PLAS, il 9 e il 10 Settembre in piazza Castello, a giudicarli e a sancire il vincitore del secondo premio Gi.a.c.s. sarà una giuria tecnica di grande valore, formata da: Enzo G. Castellari, presidente di giuria, considerato uno dei migliori registi italiani di film d’azione, Philippe Giangreco autore e sceneggiatore francese, Eduardo Rumolo produttore, socio fondatore della Rossellini Film, e Laura Aprati giornalista autrice televisiva e cinematografica, e produttrice didocumentari tra cui Malitalia – storie di mafiosi eroi e cacciatori, e Stefania Girolami regista di Agrodolce.

Plas quest’anno, grazie alla collaborazione con l’associazione CICI sarà incentrato sul cinema, infatti oltre ai concerti, che avranno come momento clou le “Radici nel Cemento”, ma anche”Lassatiliabballari”, “the second grace”, “Jakie and His loaders”, Misadra, Nino Ciaravino, e altri ancora in fase di definizione, ospiterà delle performance che uniscono musica cinema e danza, come “Improvvisazioni per segno e corpo” di Cecilia Viganò e Dara Siligato, “Oltre le nuvole di marmo tour” di Andrea Amico, “Pudore” di Dara Siligato, From soup to nuts” di Alessandro Librio, e istallazioni video di Zep studio e Oblivius.

Venerdì 9 è previsto un incontro sullo sviluppo professionale dei giovani siciliani nel campo cinematografico, con Stefania Girolami.
Sabato 10 una conferenza sul cinema di ieri e di oggi con Enzo G.Castellari, di cui sarà proiettato “Quel Maledetto Treno Blindato”.

Inizia dunque una settimana all’insegna del cinema, durante la quale le strade di Castellammare saranno prese d’assalto dalle macchine da presa dei giovani registi in gara.
La settimana si concluderà con le lunghe notti del PLAS organizzato da Zep studio e proloco in collaborazione con l’associazione CICI, e patrocinato dal Comune di Castellammare Del Golfo e da altre istituzioni.