Norme in materia di rappresentanza e doppia preferenza di genere

Così come trascritto nel resoconto stenografico della seduta di giovedì 4 aprile 2013 dell’ARS il testo e la :

Votazione finale per scrutinio nominale del disegno di legge “Norme in materia di rappresentanza e doppia preferenza di genere. Modifiche di norme in materia di soglia di sbarramento per l’elezione dei consigli comunali e di rimborsi dei permessi retribuiti degli amministratori locali” nn. 5-55-66-67 bis/A

«Articolo 1.
Norme in materia di rappresentanza e doppia preferenza di genere
1. Alla legge regionale 15 settembre 1997, n. 35 e successive modifiche ed integrazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
a) l’articolo 1 bis è sostituito dal seguente:
Art. 1 bis – Composizione delle liste per l’elezione dei consigli comunali. 1. Nelle liste di candidati per l’elezione del consiglio comunale nessun genere può essere rappresentato in misura superiore a due terzi dei componenti della stessa lista, con arrotondamento all’unità superiore in caso di cifra decimale pari o superiore a 0,5, ed all’unità inferiore in caso di cifra decimale inferiore a 0,5.’.
b) all’articolo 2, dopo il comma 3, è aggiunto il seguente: 

3 bis. Il voto alla lista è espresso, ai sensi del comma 3, tracciando un segno sul contrassegno della lista prescelta. Ciascun elettore può esprimere inoltre sino ad un massimo di due voti di preferenza per candidati della lista da lui votata, scrivendone il nome ed il cognome o solo quest’ultimo sulle apposite righe poste a fianco del contrassegno. Nel caso di espressione di due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile della stessa lista, pena la nullità della seconda preferenza.’;

c) il comma 2 dell’articolo 2 ter è sostituito dal seguente:
2. Il voto alla lista è espresso, ai sensi del comma 3 dell’articolo 2 bis, tracciando un segno sul contrassegno della lista prescelta. Ciascun elettore può esprimere inoltrre sino ad un massimo di due voti di preferenza per candidati della lista da lui votata, scrivendone il nome e il cognome o solo quest’ultimo sulle apposite righe poste a fianco del contrassegno. Nel caso di espressione di due
preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile della stessa lista, pena la nullità della seconda preferenza.’;
d) il comma 2 dell’articolo 4 è sostituito dal seguente:
2. Il voto alla lista è espresso, ai sensi del comma 3 dell’articolo 3, tracciando un segno sul contrassegno della lista prescelta. Ciascun elettore può esprimere inoltre sino ad un massimo di due voti di preferenza per candidati della lista da lui votata, scrivendone il nome ed il cognome o solo quest’ultimo sulle apposite righe poste a fianco del contrassegno. Nel caso di espressione di due
preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile della stessa lista, pena la nullità della seconda preferenza.’.
2. Al comma 1 dell’articolo 18 del Testo unico delle leggi per l’elezione dei consigli comunali nella Regione siciliana, approvato con decreto presidenziale 20 agosto 1960, n. 3, e successive modifiche ed integrazioni, dopo la lettera e) è aggiunta la seguente:

e bis) verifica il rispetto delle disposizioni del comma l dell’articolo 1 bis della legge regionale 15 settembre 1997 n. 35 e successive modifiche e integrazioni, e, in caso di inosservanza, assegna ai presentatori della lista un termine di ventiquattro ore per la regolarizzazione della stessa. Trascorso
inutilmente tale termine, riduce la lista cancellando i nomi dei candidati appartenenti al genere più rappresentato, procedendo dall’ultimo della lista, in modo da assicurare il rispetto del citato comma 1 dell’articolo 1 bis della legge regionale n. 35/1997. Qualora la lista, in esito alla cancellazione delle
candidature eccedenti, contenga un numero di candidati inferiore a quello minimo prescritto, ricusa la lista.’.
3. All’articolo 38 del Testo unico delle leggi per l’elezione dei consigli comunali nella Regione siciliana, approvato con decreto presidenziale 20 agosto 1960, n. 3, e successive modifiche ed integrazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
a) il comma 3 è sostituito dal seguente:
3. L’elettore può manifestare sino ad un massimo di due preferenze esclusivamente per i candidati della lista da lui votata. Nel caso di espressione di due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile della stessa lista, pena la nullità della seconda preferenza.’;
b) il comma 4 è soppresso;
c) il comma 8 è sostituito dal seguente:
8. Qualora vengano espressi più di due voti di preferenza per candidati di una medesima lista, si intende votata la sola lista, ferme restando le altre cause di nullità dei voti previste dalla legge.»

Risultato della votazione
PRESIDENTE. Proclamo l’esito della votazione per scrutinio nominale:
Presenti e votanti . . . . . . . . . . 72
Maggioranza . . . . . . . . . . . . . . 37
Favorevoli . . . . . . . . . . . . . . . . 52
Contrari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Astenuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

del senso e degli effetti di tali modifiche legislative si è scritto qui

Regionali Sicilia 2012: tu chiamala se vuoi “simulazione”

Il CISE (Centro Italiano Studi Elettorali) della LUISS ha provato negli ultimi tempi a simulare quel che accadrà in termini di possibilità di governo in Sicilia dopo il 28 ottobre.

Il metodo utilizzato per la simulazione sta qui.

Così dopo la prima e la seconda simulazione, ad una settimana circa dal voto, e dopo l’ingresso nella campagna elettorale siciliana del fattore Grillo, il CISE è approdato a questa terza simulazione.

In tale scenario le liste di Rosario Crocetta sarebbero quelle che, nonostante Grillo, otterrebbero il primo posto con 31 seggi, seguite da quelle di Nello Musumeci con 21.
Grillo con il 15% dei voti porterebbe 16 seggi per il Movimento 5 Stelle.
La lista Grillo danneggerebbe soprattutto Grande Sud che, con una diminuzione percentuale di solo 0,8 punti percentuali rispetto alla precedente simulazione dello stesso Istituto perderebbe però 5 seggi. Tutte le altre liste sarebbero danneggiate, ma in misura minore: il Pd, la Lista Musumeci e l’Mpa perderebbero due seggi, il Pdl e l’Udc uno a testa.
Si tratta di una simulazione, assai verosimile, che mostra come le elezioni regionali del 28 ottobre si concluderanno con l’elezione di un Presidente privo di maggioranza nel Parlamento Regionale.

Tale ipotesi è ulteriormente rafforzata dall’ingresso in campo del fattore Grillo e finisce per rendere sempre più probabile il ricorso ad una qualche forma di grande coalizione.

Qui le tabelle:

In Sicilia un governo di persone perbene

Il Pd dell’Ars resta con Lombardo
lettera di sostegno da 20 deputati

Il gruppo del Partito democratico dell’Assemblea regionale fa quadrato intorno al governatore. La maggioranza dei deputati ha firmato e diffuso un documento di fiducia a Palazzo d’Orleans. E Lupo attacca i suoi colleghi che da Roma si oppongono

Venti dei 27 parlamentari del gruppo del Partito democratico all’Assemblea regionale hanno firmato un documento che conferma il loro sostegno al governo di Raffaele Lombardo. I parlamentari ritengono “inaccettabile che una vicenda giudiziaria rispetto alla quale la stessa Procura di Catania ha ritenuto di non dovere adottare provvedimenti nei confronti del presidente Lombardo, venga strumentalizzata per mettere in discussione il pronunciamento della stragrande maggioranza del Pd siciliano e del gruppo parlamentare all’Ars sul sostegno ad un governo formato da persone perbene, impegnato ad affrontare le emergenze sociali ed a combattere le illegalità, a cominciare dai settori più delicati come acqua, rifiuti, sanità ed energia“.

da La Repubblica

Pd se ci sei batti un colpo

… noi in Giunta col Pd non possiamo stare e, di converso, presumo sia così anche per loro. Non avrei comunque vergogna ad accettare un Governo di minoranza, composto da Mpa e Pdl – Sicilia, con l’appoggio esterno del Pd.

Mi sbaglio o questa affermazione di Gianfranco Miccichè (leader del Pdl- Sicilia) meriterebbe da parte della inesistente direzione del Pd una risposta quantomeno piccata ?

Perchè il senso della frase, ed il messaggio diretto ai suoi, di tutta evidenza, è il seguente: normalmente si dovrebbe provare vergogna ad avere a che fare con il Pd, ma fidatevi io sono talmente capace che non c’è motivo di provare vergogna. Certo non a confondersi con “quelli”, ma averne l’appoggio esterno, è tutto guadagno.

E se finirà così avrà avuto ragione lui.

Alla regione Sicilia è il momento dei boy scout

Con la remissione delle deleghe da parte dell’assesore Armao ed il conseguente venir meno delle ragioni che giustificavano la mozione di sfiducia del Pd, Raffaele Lombardo ha disinnescato la prima mina che si frapponeva alla realizzazione di una nuova maggioranza di governo, diversa sia da quella con cui ha vinto le elezioni, che da quella velleitaria appena andata in crisi nel voto sul Dpef.

Lo stesso Lombardo ha dichiarato: “Con il voto che ha bocciato il Dpef si è verificata una dissoluzione della maggioranza“.

Ora Lombardo intende ripartire con chi ci sta, “con chi ci crede“.

Tra i gruppi presenti in assemblea, in aggiunta ai gruppi della maggioranza appena dissoltasi, solo il Pd potrebbe rispondere all’appello. Ed il Pd ha già fatto sapere che si può fare, ma il governatore deve fare ancora un passo e dopo una riunione cui hanno partecipato il capogruppo Antonello Cracolici, il segretario regionale Giuseppe Lupo e Filippo Penati, coordinatore della segreteria politica di Pierluigi Bersani ha stilato un documento nel quale tra le altre cose è detto: “Sancire il fallimento della maggioranza è condizione essenziale per verificare la possibilità di aprire una stagione di riforme” ed ancora, “Il Pd è pronto a fare la sua parte per realizzare le riforme necessarie a cambiare la Sicilia e aprire una nuova fase di svolta“.

Insomma cosa fatta è !

Perchè i tre ‘Lupetti’ allo “Estote parati !” conseguente all’incontro di qualche settimana fa del ‘Vecchio Lupo’ Massimo D’Alema con il governatore Raffaele Lombardo con una sola voce, in coro e senza esitazioni hanno risposto: “Siamo pronti !

*** – da Wikipedia – Estote parati, locuzione in latino per “siate pronti” o “siate preparati”.
Ha radici evangeliche, in particolare nel Vangelo secondo Matteo (Et vos estote parati quia qua nescitis hora, Filius hominis venturus est; Perciò anche voi state pronti, perché nell’ora che non immaginate, il Figlio dell’uomo verrà. Matteo 24,44) e secondo Luca (Et vos estote parati, quia qua hora non putatis, Filius hominis venit; Voi siate preparati, perché nell’ora che non supponete, il Figlio dell’uomo viene. Luca 12,40).

Estote parati è la traduzione latina del motto degli scout e delle guide. Il senso della frase è rintracciabile sia nel significato proposto dal fondatore del movimento Scout Robert Baden-Powell (“… siate pronti, in spirito e corpo, per compiere il vostro dovere”), sia in quello attribuito dalle associazioni cattoliche al messaggio evangelico. Le associazioni scout cattoliche usano solitamente questa forma, le altre associazioni tendono a preferirne la traduzione nella lingua locale.

La branca Lupetti è parte dello scautismo, ed è formata da bambini e bambine tra gli 8 e i 12 anni che si riuniscono in unità chiamate branchi. Il lupettismo è un metodo educativo che ha lo scopo di aiutare a crescere il/la bambino/a seguendo i principi dell’impegno e della solidarietà con un metodo originale ed adatto alla sua età.

All’ARS è il giorno della mozione di censura del Pd

Ma si dice anche che, all’Assemblea Regionale Siciliana, oggi sarà possibile vedere una ‘edizione plurale’ e meno nota di “Accattone” di Pier Paolo Pasolini dal titolo probabile di “Accattoni” con la Sicilia al posto di Maddalena.

Infatti persistendo le ben note e scarsamente sanabili divisioni della ex maggioranza il governatore dell’isola Raffaele Lombardo avrebbe messo in campo tutte le risorse, possibili ed immaginabili, per sfamare, avvicinandosi il Santo Natale, quanti più “poveri deputati” possibili.

Parenti, parenti dei parenti, amici e clientes dei “poveri deputati” stanno già fremendo nella speranza che in questi tempi di magra si aprano finalmente anche per loro le porte per una qualche più o meno stabile sistemazione.

Il tutto, dice Raffaele Lombardo, perchè non si torni alle urne, perchè la parola crisi non sia pronunciata e perchè non si arrivi ad un cambio di maggioranza trasparente il quale non sarebbe privo di conseguenze sui rapporti tra governo regionale e governo nazionale.

Noi qui, affezionati alla tradizione e conservatori, preferiamo vedere e discutere ancora di “Accattone“, primo film del 1961 di Pier Paolo Pasolini.

*** Accattone di Pier Paolo Pasolini – La trama – Un sottoproletario romano, Accattone, vive sfruttando Maddalena, una prostituta strappata ad un napoletano in carcere. L’uomo evita la vendetta degli amici del carcerato, incolpando Maddalena di tutto ed abbandonandola nelle mani dei guappi. Rimasto senza soldi, Accattone cerca di tornare da sua moglie, che però lo respinge, poi incontra Stella, una ragazza che lui cerca di convincere a prostituirsi. Colpito dal rifiuto di Stella, cerca di guadagnarsi da vivere onestamente, ma sarà tutto inutile

E’ la Sicilia irredimibile, o l’Assemblea Regionale Siciliana ?

Ci si chiede di fronte a certe notizie per quale ragione il concetto espresso ne “Il Gattopardo” da Tomasi di Lampedusa e ripreso successivamente da Sciascia circa l’irredimibilità della Sicilia debba trovare continue conferme, anche oggi nel 2008, e da quanti si propongono per il cambiamento, a dispetto di quanti, e ce ne sono, si ostinano ad alimentare e a correr dietro ogni pur flebile speranza di un cambiamento possibile. 

Una norma, proposta dal capogruppo del PD all’Assemblea Regionale Siciliana Antonello Cracolici e fatta propria dai colleghi di maggioranza e minoranza della Prima Commissione dell’ARS, reintroduce la possibilità per gli elettori siciliani in occasione delle elezioni comunali di esprimere, “fino a tre preferenze, di cui almeno una di genere, pena la nullità delle preferenze successive alla prima“.

In altre parole nelle competizioni elettorali comunali, se la norma diventerà legge, tornerà il sistema della preferenza multipla, già abolito anni fà da un referendum popolare in quanto ritenuto, tanto più in Sicilia, sistema atto al controllo del voto, e ad imporre quanti erano espressi dalle burocrazie dei partiti, e dalle consorterie mafiose.

A far notare la cosa è la parlamentare regionale marsalese Giulia Adamo che afferma:

E’ sorprendente vedere come una grande forza politica che si dice democratica faccia della reintroduzione della preferenza multipla per le elezioni comunali un proprio, anzi il proprio cavallo di battaglia.
E’ ancor più sorprendente che lo faccia, proponendo un sistema di voto tanto farraginoso da rendere quasi scontato l’annullamento delle preferenze successive alla prima e che lo faccia camuffando il tutto dietro il paravento del voto a tutela delle donne.
” ;

e continua:

Credo opportuno ricordare ai colleghi del PD che storicamente l’uso di “terzine” e “quartine” è stato in Sicilia il sistema migliore per il controllo del voto, per la tutela di coloro che erano espressi dalle burocrazie dai partiti (quando non da altri e peggiori consessi) e per la limitazione della libertà di scelta degli elettori.”;

ed infine:

Volendo dare per scontata la buona fede di chi ha proposto la norma non possiamo che sperare che siano loro stessi a comprenderne l’intrinseca pericolosità, ricredendosi e ritirando la proposta.”

Sicilia: dell’ assenza di un giudice a Berlino, ovvero di elezioni mafia e legalità

Prima notizia.

Non è stato accolto il ricorso della Sinistra Arcobaleno sulla validità delle elezioni regionali 2008 per “vizi di forma” dal Tribunale Amministrativo Regionale.

Motivazione deboluccia, ma si sa anche i magistrati del TAR sono uomini e nella prospettiva più che concreta di provocare, con la loro decisione conseguente all’accoglimento del ricorso, un terremoto politico per via giudiziaria, meglio rinviare il tutto ed allungare I tempi della decisione, che si sa il tempo porta consiglio.  

Il ricorso mirava da un lato ad invalidare le intere elezioni regionali, dall’altro all’esclusione delle liste Pdl e Lombardo Presidente in Provincia di Trapani.

In questo secondo caso si sarebbe avuto un terremoto politico di non poco conto e ben 5 parlamentari della sinistra sarebbero potuti entrare all’Ars, al posto di altrettanti parlamentari del centrodestra.

Così non è stato, il ricorso non è stato accolto, e pertanto i ricorrenti aspettano le motivazioni per vedere di ricorrere ulteriormente al secondo grado di giustizia amministrativa davanti al CGA.

Ma su cosa si basava il ricorso ?

Su una serie di irregolarità amministrative e legali che sarebbero state commesse per presentare le liste.

La legge prevede che devono essere raccolte delle firme in modalità ben precise, su una lista di candidati che deve rimanere quella … e invece come fu e come non fu la lista del Pdl e quella del Presidente Lombardo all’ultimo momento in Provincia di Trapani furono stravolte per i dispetti reciproci e le “imboscate” tra il senatore D’Alì e l’onorevole Adamo. Le liste furono stravolte la mattina stessa della presentazione e l’ex ministro Enza Bono Parrino candidata nella lista PDL, all’ultimo momento fu inserita nella lista del Presidente.

Escludendo anche soltanto la lista del Pdl in provincia di Trapani, la Sinistra Arcobaleno sarebbe oltre il 5%, e porterebbe alla Regione 5 deputati di sinistra, tra cui Rita Borsellino.

Seconda notizia.

Gaspare Corso, 43 anni, Silvana Lo Franco, 32 anni, Vito Potenzano, 58 anni e Francesco Paolo Teresi, 58 anni, sono stati arrestati dalla polizia con l’accusa di brogli elettorali, commessi in occasione delle scorse elezioni amministrative palermitane del maggio 2007.

Corso era candidato (non eletto) al Consiglio comunale con la lista di centrodestra “Azzurri per Palermo”.

Nel marzo scorso, vennero fermati due presidenti di seggi elettorali, sempre per le stesse amministrative. I due presidente sarebbero stati responsabili della falsificazione di schede a favore degli arrestati di oggi.

L’indagine della polizia era partita il 14 maggio 2007, in seguito ad alcuni episodi registrati in due sezioni elettorali. Nelle sezioni 19 e 460 erano state falsificate 450 schede, con contraffazione della parte relativa al voto di preferenza.

Terza notizia.

Nel corso dell’udienza del processo ‘Mafia e Appalti 2′, in corso di svolgimento a Trapani in questi giorni e che vede tra gli imputati il presunto capomafia di Trapani, Francesco Pace e l’ex assessore regionale al Territorio, Bartolo Pellegrino, fondatore del movimento Nuova Sicilia, è emerso che il deputato regionale siciliano del Mpa, Paolo Ruggirello, nel 2001, quand’era candidato al consiglio comunale di Erice con Nuova Sicilia, sarebbe stato sostenuto dalla mafia, che alle stesse elezioni avrebbe sostenuto anche la candidata dello stesso partito al consiglio comunale di Trapani, Francesca Simonte, cognata di Filippo Coppola “u prufissuri”, ritenuto dagli inquirenti personaggio di spicco della mafia di Paceco.

A rivelare lo scenario è stato il sostituto commissario della questura di Trapani, Leonardo De Martino, teste dell’accusa.

Nessuno dei due candidati, tuttavia, fu eletto.

Il teste ha poi riferito che alle regionali del 2006, Bice Ruggirello – sorella di Paolo, e ex membro del CdA della Banca industriale di Trapani – candidata all’Ars per il Ccd avrebbe chiesto un sostegno elettorale a Giuseppe Messina, commercialista del boss trapanese Vincenzo Virga, condannato per mafia.

Anche la Ruggirello non fu eletta.

Considerazione finale.

Non sarà il caso di riflettere sul fatto che in Sicilia più che i brogli e la mafia ad inquinare la vita politica isolana è l’assenza di una giustizia amministrativa certa ed efficiente ?

Regione Siciliana PDL -2

Dopo Giulia Adamo, anche Francesco Musotto eletto alle recenti regionali del 15 e 16 aprile lascia il Pdl per aderire al gruppo misto.
Musotto in questo caso ha rilevato “mancanza di ledership e di linea politica” (*).

(*)trad. “non mi hanno dato la presidenza dell’ARS