Ritratto di Trapani e provincia

Prendendo spunto da una vicenda di cronaca e dai suoi risvolti giudiziari, Rino Giacalone tratteggia i caratteri di Trapani e della trapanesità.
Una città ed una provincia che non vuole e non deve vedere, ma anche una città che non vuole e non deve sentire, ne che, tantomeno, ha voglia di parlare.
Insomma Trapani è la patria d’adozione delle tre mitiche scimmiette del: “io non vedo, io non sento, io non parlo !“.

Storia di una città che non deve vedere
1 febbraio 2012
By Rino Giacalone

La storia da un punto di vista giornalistico non merita che le classiche trenta righe in cronaca. Non è la prima volta che accade. E non sarà l’ultima. C’è una anziana che con la testa non ci sta più tanto bene, è accudita da una badante, c’è un patrimonio non indifferente e un marito che avanti con gli anni pensa al riscatto e finisce con l’invaghirsi, o viene indotto a invaghirsi, di quella badante. Disponibilità però da ricambiare, la donna fa in modo che le proprietà dell’anziana non restino sue e che possano passare dalla sua parte così da farla finita con la vita di stenti condotta. Per fare tutto questo però c’è bisogno delle carte, dei documenti legali, degli atti redatti davanti ad un notaio che certifichi come l’anziana proprietaria di una serie di beni li ceda a terzi avendone piena consapevolezza. L’anziana è incapace, ma alla fine succede che il notaio non la ritiene tale e così vengono registrati i relativi rogiti. Poi succede che qualcuno denuncia tutto, la Polizia, in questo caso interviene, e la magistratura ferma tutti e tutto, qualcuno finisce arrestato, qualcun altro viene sospeso, come rispettivamente è successo alla badante e al notaio.

Storie di tutti i giorni…si può dire come diceva una canzone di tanti anni addietro del cantautore Riccardo Fogli (credo fosse lui)…ma per Trapani che è il luogo dove è successo questo spesso accade che il pubblico ufficiale, l’amministratore, il politico, il cittadino decida in nome di un “quieto vivere” di chiudere gli occhi e far finta di nulla, talvolta questo accade anche in cambio di una “mazzetta” ma spesso perché il sistema applicato prevede il cosidetto “vivi e lascia vivere” senza nemmeno chiedere in cambio un favore.

La storia di questi giorni è questa, ve la si racconta così come l’ha accertata la squadra mobile di Trapani diretta dal vice questore Giovanni Leuci. Tutto è partito dalla denuncia di alcune persone che avevano visto in un sol colpo dilapidato il patrimonio di una loro anziana congiunta notoriamente oramai incapace di qualsiasi volontà. I poliziotti rassegnarono le risultanze delle relativi indagini alla Procura, pm Trinchillo e Macchiusi, e per Maria Bevilacqua, 36 anni, pregiudicata trapanese, di professione “badante” scattò l’arresto per circonvenzione di incapace. La donna arrestata tra aprile e settembre del 2011 era riuscita ad ottenere dall’anziana la cessione di alcuni beni: praticamente all’anziana venivano fatte sottoscrivere procure a vendere in favore del marito (un avvocato in pensione) e attraverso altre persone i titoli di proprietà arrivavano nelle mani della Bevilacqua che rivendeva guadagnandoci. Annotano i poliziotti della Mobile nel loro rapporto: “….i beni venivano alienati a terzi a prezzi nettamente inferiori al valore di mercato e, in una circostanza, acquistati dalla stessa Bevilacqua, che dopo poco tempo alienava quanto acquistato ad un prezzo maggiorato, lucrando la differenza”. Le cose ad un certo punto si erano fatte così “pacifiche” nella loro conduzione che sebbene l’anziana non avesse nulla da spendere, puntualmente il suo conto corrente della vittima veniva “svuotato” e la Bevilacqua provvedeva a comprarsi beni per la propria casa, automobili, cominciando così a cambiare stili e modi di vita (6 immobili, 1 appartamento, 4 locali adibiti ad attività commerciali ed artigianali e 1 garage; 2 conti correnti Bancari e postali; una Porshe; una Citroen Xsara; oggetti aurei del valore di circa 10.000 Euro).

Ovviamente era impossibile che tutto questo venisse fatto in assenza di autorevoli complicità e queste alla fine sono saltate fuori. Il notaio per avere fatto scrivere a quell’anziana procure che mai avrebbe potuto sottoscrivere per la propria incapacità che il pubblico ufficiale si è guardato bene dal considerare, è stato adesso sospeso per due mesi. Non è un personaggio qualsiasi della città, è uno dei più famosi, Gino Attilio Di Vita, 60 anni, indagato per falso ideologico. Cosa avrebbe fatto il notaio?. “A luglio – si legge nell’ordinanza della magistratura – il notaio si era recato presso l’abitazione di una persona anziana, assolutamente incapace di intendere e di volere per un grave decadimento cognitivo per processo degenerativo del sistema nervoso centrale, attestando falsamente che la stessa dichiarava di nominare suo procuratore speciale il proprio marito su due procure speciali per atto pubblico e relative ad atti di alienazioni immobiliari successivamente stipulati”. Il notaio Di Vita ha fatto così sottoscrivere “due procure speciali per atto pubblico a vendere” da lui stesso redatte. La violazione commessa? “Avrebbe avuto l’obbligo di indagare la volontà delle parti e di verificare se le stesse fossero nel pieno delle loro facoltà mentali”. Gli accertamenti medici disposti dalla magistratura hanno dato come risultato la circostanza che “all’epoca dei fatti l’anziana signora non era in grado di capire alcunché, né, tantomeno, di poter esprimere dei pareri o prendere decisioni riguardo la gestione del proprio patrimonio immobiliare”.

Insomma il notaio ha chiuso gli occhi invece di aprirli, riteneva di fare un favore al marito della donna, ma favori in questo mestiere non se ne possono fare.

Chiudere gli occhi fa parte della tradizione trapanese, magari si vede la pagliuzza negli occhi degli altri e non si vede la trave che c’è nei propri; può capitare che si passi davanti a palazzine in costruzione e ci si complimenta con l’amico di sempre per le proprietà realizzate e che però sulla carta appartengono ad un altro imprenditore, e non si perde tempo a chiedersi come mai l’amico, tale Michele Mazzara, di professione agricoltore, 15 mila euro di guadagno l’anno, ma proprietario di beni per 25 milioni di euro, abbia bisogno di un prestanome, ma forse la risposta il tizio (nel caso specifico l’ex onorevole Giuseppe Maurici) la si conosce e così si evita di porre la domanda; a Trapani accade che un famoso parlamentare regionale, tale Bartolo Pellegrino (assolto da concorso esterno in associazione mafiosa, prescritto per il reato di corruzione) prende un giorno posizione contro le case in cooperativa costruite in terreni privi di destinazione d’uso edificabile e però facendo su e giù da Palermo e percorrendo sempre la stessa strada non si accorge che nel frattempo proprio a ridosso della strada percorsa, dove una volta c’erano bagli e campagne, proprio laddove secondo lui mai si doveva costruire, si stanno costruendo quattro bei palazzoni, che, guarda caso, è la potente mafia trapanese a fare costruire ; a Trapani accade che un ex deputato regionale, tale Giuseppe Giammarinaro, “puparo” di Salemi, la città del sindaco Vittorio Sgarbi, oramai così definita e sottratta per sempre alla sua storia di prima capitale d’Italia, poteva tranquillamente permettersi di spostare un primario da un ospedale all’altro, un medico da un reparto all’altro, solo perché per un paio di anni, tanto tempo addietro, fece il presidente di una Usl, nessun titolo e nessuna competenza eppure stazionava puntualmente davanti l’entrata principale della Asl trapanese dove riceveva tutti, e nessuno, politici, burocrati, si scandalizzava di questo, tranne poi cascare dalle nuvole quando all’on. Giammarinaro sono stati sequestrati beni per milioni e milioni di euro. Trapani è questa: Trapani è la città che caduto un capo mafia aspetta che se ne faccia uno nuovo, dove il “reggente” nominato da Matteo Messina Denaro si presenta alla città cenando a base di aragoste e champagne nel locale più in e nella serata più affollata così perché chi deve intendere sappia intendere, in questo caso gli occhi degli altri servono a guardare e capire, e a Trapani si guarda e si capiscono certe cose. Scriveva Primo Levi, se “capire è impossibile, conoscere è meglio”, a Trapani dal più semplice dei casi, il notaio che fa firmare le procure all’incapace, al più complicato, gli affari e le imprese della mafia, spesso è facile capire e per questo si preferisce alla fine non conoscere e che cerca di fare conoscere come stanno le cose passa per untore o peggio ancora per “portavoce”.

da Malitalia.it

il neretto è di Diarioelettorale