Processo per l’omicidio di Mauro Rostagno (9)

Udienza del 4 maggio 2011 del processo per l’uccisione del sociologo e giornalista Mauro Rostagno avvenuta nel piccolo borgo di Lenzi, fra Custonaci e Valderice la sera del 26 settembre 1988, in corso di svolgimento davanti alla Corte d’Assise di Trapani.

Alla sbarra il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara, per l’accusa, rispettivamente, mandante e killer dell’omicidio che sarebbe stato deciso per punire Rostagno per la sua attività giornalistica condotta attraverso l’emittente Rtc ‘Radio Tele Cine’.

Durante l’udienza viene esaminata la teste: Monica Serra.

Con l’esame di Monica Serra il processo finalmente entra nel vivo, dopo avere affrontato nelle precedenti udienze, solo elementi di contorno, che risulteranno più o meno utili in seguito, ma che da soli rispetto alla determinazione della colpevolezza degli imputati valgono assai poco.
Monica Serra è l’unica testimone oculare nota del delitto, in quanto il 26 settembre del 1988 sedeva accanto al Mauro Rostagno sulla Duna che verrà crivellata di colpi.
In passato Monica Serra ha sostenuto di non avere visto i sicari.
Una versione che non convinse l’allora procuratore di Trapani Gianfranco Garofalo.
Secondo il Procuratore Garofalo, la giovane non si trovava in auto nel momento in cui erano stati esplosi i colpi d’arma da fuoco, sostenendo che se fosse stata accanto a Mauro Rostagno gli schizzi di sangue avrebbero dovuto macchiare i suoi vestiti ed invece quando arrivò presso la comunità Saman i suoi abiti sarebbero stati abbastanza puliti.
Monica Serra fu quindi arrestata ed accusata di favoreggiamento, ma in seguito è stata prosciolta da ogni accusa, rimessa in libertà e la sua posizione archiviata.

Prossima udienza prevista il 11 maggio 2011 alle ore 9,30.

La precedente udienza del 20/04/2011 la trovate qui

grazie a Radio Radicale